Recensione L'Anti-coltello

Con i coltelli indiani e pakistani si può cadere bene o male. Può capitare il damasco in 1095 e 15N20, come quelli europei e uno in ghisa e stagno, semplicemente estetico.
A questo andrebbe aggiunta la speranza che chi ha realizzato il coltello sappia fare un trattamento termico decente, cosa purtroppo non garantita e capace di rovinare completamente anche un damasco creato bene.
Questi sono i frangenti in cui un minimo di conoscenze tecniche e teoriche, da affiancare alle esperienze empiriche sul campo, potrebbero tornare utili.

Con tutta la buona fede è abbastanza difficile immaginare che, dato il prezzo, vi siano in ballo acciai e trattamenti particolarmente buoni. Indipendentemente dalla provenienza geografica forgiare una billetta di damasco è un lavoro lungo e faticoso e il monte ore si paga. In linea con il prezzo della manodopera, ma si paga.

Con il Viper Orion hai la garanzia che sia in acciaio e abbia subito un trattamento termico acconcio.
 
Ho provato a cercare il coltello oggetto del thread su internet ma non lo ho trovato.
Ho trovato però un sacco di coltelli simili senza marca, di brand famosi e rispettati e di artigiani più o meno quotati.
I paesi di provenienza sono Cina, USA, Germania ecc.
I prezzi vanno dalla metà di quanto a speso "WildLife", a circa 200 volte tanto.

Ci sono centinaia di coltelli simili, il simil- damasco e il vero damasco a volte si distnguono a volte no. Alcuni in foto sembrano delle cinesate, poi scopri che sono coltelli artigianali tedeschi da 5000€ fotografati malissimo.

"WildLife" non ha dato indicazioni sulla provenienza.
Non si può escludere che sia una lama in un onesto acciaio al carbonio, con trattamenti termici sensati, cui poi hanno fatto una finitura simil damasco per ragioni estetiche.

In tal caso sarebbe superiore ad un Sica130 Solognac di Decatlon più o meno in tutto e a molti Mora nel batoning.

Però il coltello di WildLife a me non piace.
Il coltello d'outdoor che desidero è diverso. Probabilmente non in commercio,
tipo un KA-BAR BK9 ma spesso 8mm...
 
Premesso che non voglio entrare nella discussione riguardo al coltello in questione, non mi interessa e non ne ho le competenze.

Spezzo una lancia a favore di @WildLife, pur non condividendo molte delle sue idee, gli si può dire tutto, soprattutto che scrive post troppo lunghi :biggrin:, tranne che non sia coerente e trasparente, e che non sia disponibile a mettere in gioco le proprie competenze sul campo.

Detto questo, trovatevi insieme e fate una bella recensione congiunta del coltello in questione tirando fuori tutti i pregi e difetti dell’oggetto del contendere.

È inutile continuare la discussione, le posizioni sono chiare e inconciliabili, e nuovi post non cambieranno l’opinione dell’uno o dell’altro.

Peace and love :wub:
 
WildLife" non ha dato indicazioni sulla provenienza.
Non si può escludere che sia una lama in un onesto acciaio al carbonio, con trattamenti termici sensati, cui poi hanno fatto una finitura simil damasco per ragioni estetiche.
Vero, ma ha dato un altra indicazione non da poco, il prezzo. 35euro. Ci può stare? Sarei curioso a questo punto di saperne di più da Wild life dove ha acquistato questo prodotto
 
Prossimamente scoprirò la verità, ahah
Non faccio "test" estremi, ma semplicemente lo uso per quello che mi serve durante certe uscite,... ma comunque, se si deve rompere, si romperà, ahah

Quindi se é un Damasco scadente, si sfoglierà, si apre e tanti cari saluti.

Se non é un Damasco é un altro tipo di acciaio, semplicemente disegnato, e quindi si comporterà come tanti altri coltelli semplici. La robustezza di base c'é, l'ho usato e non si é ne rotto, ne piegato, ne altro,... Poi con l'utilizzo intensivo, costante, si vedrà,... un pò come per tutto.
 
Per verificare se è acciaio damasco o un acciaio trattato esternamente per ottenere un effetto damascato dipende da come è stato ottenuto.

Se si tratta di un sottile strato, stile serigrafia, dovresti asportare "meccanicamente" uno strato superficiale e poi acidificare nuovamente la zona e vedere se ricompare la trama, se ricompare è quasi sicuramente un acciaio damasco, ma non chiedermi di quale qualità, se non ricompare non è sicuramente un acciaio damasco "integrale".

Il problema è che fare un esperimento del genere su una lama può voler dire rovinarla, togliere 5/10 di mm vuol dire poi rifare il filo e appianarla, per cui, se proprio vuoi toglierti la soddisfazione mi permetto di consigliarti di smontare le guancette e farlo li'.

Detto questo c'è acciaio damasco e acciaio damasco, un acciaio damasco ottenuto manualmente non può costare quella cifra (salvo volerlo regalare), un acciaio damasco industriale, per cui ottenuto con processi industriali, ci può stare.

Personalmente mi lascia un pò perplesso il colore bianco della trama e il fatto che dove c'è il bisello la trama sia assente come è assente nella parte di acciaio nella parte bassa fra le due guancette, ma questo può non vuol dire nulla.

Ciao :si:, Gianluca
 
Ultima modifica:
Grazie mille, se devo rovinare completamente la lama lascio tranquillamente perdere.
Come scrivevo nella premessa, non l'ho preso per la convinzione che fosse un Damasco vero,
mi piaceva, Damasco o no,... pure se solo disegno ;) Per il resto non cambierò mai il mio modo di procedere, ovvero,... valuto la solidità tenendo qualcosa in mano e utilizzandolo. Non ho mai giudicato una persona dalle apparenze o un libro dalla copertina.

Fermo restando sulle perplessità che condivido, che ho esposto, proprio ed esclusivamente sulla questione Damasco. Infatti é per quello che parlavo del Viper Orion, perché se voglio un prodotto garantito Damasco, ne prendo uno,... non sono scemo ;) Anche se in realtà volevo il Fallkniven in Damasco,... ma non l'ho trovo sui siti che uso solitamente e non mi fido di altri, soprattutto dai due 3 giorni soliti, non mi và di attendere chissà quanto,...


GRAZIE MILLE ;)
 
Damasco o no ché importa? Importante per il forum è di prendere sempre due coltelli, uno per il test e un'altro sempre per il test dopo che il primo si rompe. Bisogna rispettare la tradizione del forum. Dai @WildLife rompe il coltello è guarda nella sezione per vedere quanti strati ha il tuo damasco. Scherzo ovviamente! Buone feste a tutti! :si:;):biggrin::biggrin::biggrin::biggrin:
 
Questa è stata una delle discussioni più moderate del forum, continuano a sparire messaggi. Comunque sia non volevo entrare nella discussione per non creare polemica, però mi sembra doveroso mettere in guardia gli utenti, soprattutto i meno esperti, dai coltelli pakistani o similari, venduti in rete a prezzi apparentemente bassi. Sono coltelli di bassa qualità. Sono fatti in acciaio sconosciuto, senza nessuna garanzia ne sui materiali, ne sulla costruzione, ne sui trattamenti termici. Non ci sono nemmeno certezze sulla provenienza, nessuna garanzia sul prodotto, nessun brand, dietro potrebbero esserci anche storie di sfruttamento dei lavoratori, lavoro in nero, minorile ecc. Tutti i perni, le viti, i punzoni usati sono di scarsa qualità e spesso hanno simboli, tipo stella o similari, che ne aiutano il riconoscimento. Prodotti del genere sono spesso venduti a cifre assurde sui noti siti di vendita. Alcune aste hanno superato le cento euro. Molti di questi coltelli per fortuna sono finiti in vetrina, perchè i pochi utilizzati si sono spezzati, piegati, chippati ecc. basta guardare le foto che girano. Ci sono addirittura codoli saldati all'interno di finti full tang. Ovviamente nell'estrema variabilità del prodotto che si riceve e dei prezzi, che oscillano anche di 100 euro, per lo stesso coltello, può essere che capiti un coltello con un acciaio decente. Però la realtà dei fatti è che l'acquirente non è tutelato ne sulla qualità, ne sul prezzo (rischia anche di pagare una cifra spropositata). Se per voi vale la pena di rischiare ok, io preferisco brand reali, che non sfruttano nessuno, che pagano le tasse, che offrono almeno due anni di garanzia sul prodotto e che hanno un controllo di qualità serio sui prodotti venduti. L'affidabilità del prodotto per me è importante. Anche se capisco la curiosità di comprare e provare qualcosa di nuovo.

Quanto al coltello in questione, del topic, ho solo due riflessioni da fare. La prima è sul damasco, damasco non vuol dire nulla, è come scrivere acciaio inox. Bisognerebbe sapere da cosa è composto, sempre che sia vero damasco. Per capirlo bisognerebbe passarlo con la lima in un punto e riacidarlo poi, questo è il test più semplice. Le analisi più complesse, sono per professionisti e necessitano di un laboratorio in grado di fare una seria analisi metallurgica e non credo ne valga la pena. Ma anche fosse vero damasco questo comunque non implica una certezza sulla composizione e sui trattamenti termici.

La seconda riflessione è sul titolo e sul contenuto del topic. "L'anti-coltello" mi sembra un titolo volutamente provocante, (questa è una mia impressione ovviamente) come fosse una provocazione lanciata al forum, le polemiche seguite non mi hanno stupito, non poteva essere altrimenti con un titolo del genere. Quanto al contenuto ci sono tutte le foto del coltello nuovo, tutto molto dettagliato e preciso, un bel lavoro. Ma dove sono le foto del coltello in uso? dov'è il test che ne dimostrerebbe la bontà? Cosa intendi per utilizzo in natura? hai scritto mille parole sulla tua filosofia, (rispettabilissima per carità), ma non ci sono i fatti. Mi fido delle tue impressioni e della tua parola, ma un topic che parte con l'anti-coltello, deve portare dei fatti provati e dei confronti con altri coltelli sulle prestazioni, tenuta del filo ecc.. almeno un confronto con un mora companion... un baho, qualcosa di semplice per dare a chi legge la possibilità di capire davvero dove si colloca questo coltello. Altrimenti è solo una provocazione, soprattutto visto che si tratta di un argomento un pò scottante, soprattutto per i neofiti. Non ti sto assolutamente dicendo come devi fare la recensione, che giustamente fai come più ti aggrada, non sto nemmeno dicendo che devi fare chissà quale test o mettere determinate foto e non voglio fare polemica, sto solo facendo una riflessione basata sui fatti e sulla mia esperienza.
 
L'anti coltello non era una provocazione, ma un modo per far capire subito che non intendevo proporre un oggetto facendolo passare come chissà cosa, appunto perché c'erano molte lacune sul tipo di metallo, ecc... Cose non indispensabile per l'utilizzo di un attrezzo del genere. Ma la volontà di polemizzare e fare i "guru" su specifiche, ecc... é più forte che limitarsi a ciò che viene indicato e proposto. Le foto dell'uso non le ho messe, come spesso non faccio nei video, perché non cambierebbe nulla, se si vuole essere razionali. Se poi si seguono le mode e le apparenze per giudicare, allora sono d'accordo. Posso fare foto e video che lo fanno passare come un super metallo, quando in realtà non lo é,... simulando anche il taglio di questo e di quello, basta studiare fotografia e video. Posso anche prendere il miglior coltello consigliato quì o altrove, e farlo passare da schifo.

L'unica maniera per valutare una cosa, se si cerca l'affidabilità e farla in prima persona o presenziare in prima persona, insomma,... in diretta reale. Dove non esistono dubbi e furbizie, le quali mi pare di capire funzionano molto bene sul web, se solo per queste differenze si attribuisce attendibilità o meno a qualcosa.

Bastava che scrivevo "Super coltello in Damasco", pagato XXXX euro, facevo belle foto e video sull'utilizzo, scrivevo che era fatto in questo e in quello e tutti erano contenti,... Ma invece, l'onestà e la trasparenza,... voilà. Ok, lo sò,... ci sono i guru di turno che da una foto capiscono tutto,... ma questo é l'emblema della falsità e dell'essere ingenui a crederci.

Inoltre, come ha fatto notare qualcuno, non ho supportato nessuna qualità particolare, se non l'uso in natura e scusami, ma non faccio test esaltati incoerenti con le attività,... tagliare legna é tagliare legna, non serve chissà cosa. Tagliare cibo é tagliare cibo, non serve chissà cosa. Tagliare corde, tessuti, erbe, ecc... idem. Non é che c'é da inventarsele per fare scena, video e minuti di video,...
Infatti uno dei problemi che riscontro spesso parlando con la gente é che nessuno fà mai la distinzione di chì si interessa esclusivamente all'uso sul campo, chì a quello scientifico dei materiali o chì ad entrambi. Io specifico sempre e chì legge l'ha letto, che a me interessa solo la funzionalità, il poter usare un attrezzo per fare quel che mi serve, ovvero legna per il fuoco, tagliare cibo, cordini,...
Tutto il resto riguarda altro,...

Ma se é così importante, non ho problemi a fare video in cui lo bastono, lo batto, ecc... a me non cambia nulla. Io lo reputo un coltello normalissimo con cui mi sono trovato bene a fare quelle cose, non ho promosso altre caratteristiche, quelle sono tutte conclusioni di chì ha letto e tenuto conto solo di quello che voleva, per portare avanti accuse nei miei confronti, giudicare e ritenersi lui guru e chì diversamente, come me, ignorante. Ma pazienza,... le parole hanno il valore che hanno.
Infatti chì non si comporta così, fin da subito ha letto tutte le premesse e la trasparenza con cui ho condiviso. Magicamente chì voleva capire, ha capito.

Come la questione del Damasco,... che si tira sempre in ballo, ma perché ha quell'aspetto non significa nulla,... infatti non sono io che ne faccio un'affare di stato, avevo scritto infatti che era poi da vedere se lo era o no, ma poco importava, perché comunque era utilizzabile ed é per quello che reputo qualcosa fruibile o meno. Non essendo il primo pirla, anche se tutti gli altri sono sempre migliori, sò giudicare se quello che stò usando é comunque qualcosa di solido oppure no. Poi per il resto, tutto può cedere. Ma io non ho mai parlato di "Damasco" in assoluto, ecc... anzi, ho fatto altri riferimenti ben chiari e differenti.

Però il tuo scritto é d'esempio, nel senso sollevi dubbi, sei scettico, non ti fidi, ecc... OK, normalissimo sul WEB, per tutto e con tutto. Ma facendolo con rispetto, che poi sia solo di facciata non importa, l'importante é essere educati e pacati. Come hai fatto tu e anche altri. Indicami cosa dovrei mostrare, nello specifico. Perché a questo punto qualsiasi cosa verrebbe messa in dubbio, perché stò sulle balle io, perché stà sulle balle il coltello, la provenienza, il costo, ecc... Basta dirmelo e non ho problemi a farlo,... purché abbia una certa coerenza con le attività in natura. A me non frega nulla se si rompe, come dicevo, non sono io quello che ha portato la discussione su questioni false e mai dette. Non ho alcun motivo per nascondere eventuali difetti.

Ma se dovesse soddisfare tutte le richieste, cosa cambierebbe?
Resta sempre nella sua fascia di coltelli, resta sempre un coltello che di Damasco ha solo e probabilmente il disegno.
Resta sempre un coltello che proviene da Nepal o Turchia, visto che il Pakistan é stato detto da altri e poi come sempre qualcuno ha deciso che era di lì anche quello che ho proposto io.

Mentre se si rompesse?? Ho visto attrezzi costosissimi e blasonati, ritenuti di super qualità, rompersi.

Infatti mi piacerebbe sapere una cosa, se dovessi comprare un coltello che mi consigliate, soprattutto quelli che hanno fatto certi discorsi da guru, e si dovessero rompere? Diventereste così critici, puntigliosi su tutto,... sminuendo poi il produttore, artigiano, ecc... oppure sarebbe la solita storiella del giustificare sempre e comunque, perché é qualcuno, qualcosa di proprio gusto??

Se affianco questa "porcata" ad una lama per voi pregiata,... e a parità di trattamento e lavori, entrambi arrivano alla fine, producendo quel che devono produrre, quale giustificazione si usa per mettere sul piedistallo uno, e nel fosso l'altro?

Perché anche se non l'ho mai scritto ho sempre fatto questo genere di prove, non prove, ma semplicemente uso tutto quello che compro. Quindi noto che con attrezzi diametralmente opposti su costi, materiali blasonati o meno,... spesso... faccio le stesse cose.

NB: non faccio come nei programmi TV, tipo Fuoco di spade,... non devo forare armature, tranciare 5 canne di Bambu, picchiare come un pazzo su chiodi, tagliare in un colpo pelli, smezzare un Maiale,... ho vissuto e sono cresciuto in un'economia di sussistenza, quindi a stretto contatto con certe attività, per vivere, allevamento, macellazione, agricoltura, caccia, pesca, selvicoltura, ecc.... ma non ho mai dovuto fare nulla di tutto ciò,... Anzi, mai conosciuto persone della stessa tipologia che nel magazzino avessero chissà quali tipo di materiali e acciaio, ma sempre attrezzi, coltelli compresi, umilissimi,...
 
Ultima modifica:
Guarda io non ho nessun interesse nello screditare te o il coltello in questione, non è mai stata la mia intenzione. Non voglio neanche vedere video o cose complesse, ho parlato solo di qualche foto in utilizzo e di qualche confronto con coltelli semplici e comuni. Tutto qua, visto che il topic è particolare e il mio unico interesse è salvaguardare i neofiti i non esperti che leggono questo topic dallo spendere i loro soldi in coltelli del genere, in quanto non affidabili, nella provenienza, nei materiali e nelle prestazioni. Ci tengo a sottolinearlo. Anche se il tuo fosse prestante, robusto, affidabile e tutto, questo non vuol dire che coltelli della stessa categoria sono ottimi acquisti e sono consigliabili a tutti. Anzi mi sento in generale di sconsigliati, soprattutto come primo acquisto, soprattutto se si ha l'intenzione di usarli. Tutto qua, mi basta che passi questo messaggio.

Hai fatto bene infatti a parlare dei difetti e a porti delle domande, dal fodero al Damasco. Personalmente credo che qualche foto dell'utilizzo del coltello in questione sia utile in una discussione del genere. Far risaltare un coltello mediocre, come dici o far passare per una schifezza un buon coltello è malafede. Sono comportamenti faziosi che non credo siano da prendere in considerazione. Per me tu, come chiunque altro posti un test sul forum, lo fa per spirito di condivisione, per passione. Non con secondi fini o cattive intenzioni. Si dà la presunzione di innocenza, non di colpevolezza. Ho parlato del Damasco perché per me è un punto importante nel valutare il coltello. Chi vende un finto Damasco facendolo passare per reale non si comporta correttamente. Quanto alle tue parole: "L'anti-coltello per i puristi delle specifiche tecniche, per i ricercatori di prestazioni, materiali e lavorazioni ricercate. ATTENZIONE: potrebbe farvi male il cuore." Mi hanno dato l'impressione di voler essere un po' provocatorie, ma magari ho frainteso io.

Ad esempio se volessi andare sul tecnico la frase sul Damasco non mi torna. Perché la descrizione parla di Damasco al carbonio, quasi come se si volesse intendere che sia carbonioso. Poi si parla di damasco al cobalto, che mi ricorda i damaschi in inox vg10 o similari che usano per diversi coltelli da cucina giapponesi. Questi damaschi inox hanno appunto una percentuale di cobalto importante di circa 1,5%. Un damasco non può essere contemporaneamente entrambe le cose. Inoltre i 512 strati con 5 pieghe non mi tornano da un punto di vista matematico. Se fossero partiti da 2 soli acciai servono, secondo la potenza del 2,4,8,16,32,64,128,256,512 praticamente 8 pieghe per arrivare a 512. Se ne usassesero 4 a pacchetto sono 7 pieghe. Se proprio fossero 8, ma già è strano, sono troppi strati di partenza da saldare, sarebbero 6 pieghe. Per farne solo 5 ed arrivare a 512, dovrebbero partire da 16 strati, mi sembrano tanti per un coltello così piccolo e per gli spessori in gioco. Insomma ho parlato del damasco perché solleva non pochi dubbi.
 
Quindi c'é la vanità, presunzione, discriminazione, nel dire che i produttori di quei paesi, di certi artigiani, sono a priori scandenti? Quando in realtà sono i tipici paesi in cui persone umili, fabbriche umili avrebbero molto da insegnare a quelli delle nostre latitudini,... anche se restando su attrezzi semplici e umili.

Ma questo é un problema insormontabile, se c'é questa vanità, questo razzismo,... che non ha a che fare realmente con la tutela dei neofiti, manco fossimo chissà chì per promuoverci "maestri di vita" per gli altri,... ma su ideologie di un certo tipo, potrei dire e mostrare qualsiasi cosa, che non cambierebbe nulla.

Quindi discorsi che purtroppo non arrivano a nulla, perché il presupposto é sempre quello,... si giustifica il tutto in base alle proprie convinzioni,... se si decide che quei paesi producono cose scadenti, sarà così sempre e comunque e soprattutto... si troverà sempre la scusa "... é un caso, vuol dire che é andata bene, ecc...".

Quindi inutile qualsiasi tipo di confronto,... parlo del discuterne.
--- Aggiornamento ---

In ogni caso l'ho preso per usarlo, non per metterlo lì a prendere polvere. Quindi sicuramente farò qualche uscita in cui lo si vedrà all'opera, consapevole che questo non cambierà nulla, ma solo per curiosità. Perché é chiaro che qualsiasi sia l'esito, la funzionalità, a priori per molti resta scadente e inaffidabile perché Nepalese o Turco. A me non fà differenza, come dicevo ho vissuto secondo certi metodi con attrezzi, che a questo punto, farebbero andare su tutte le furie tutti,... ma con cui hanno vissuto generazioni e valli intere.


Damasco é quasi sicuro che non é, come scrivevo fin dall'inizio, ma pazienza, non é quello l'importante.
Nei vari commenti mi é stato detto di essere un'ignorante, incapace,... perché ho preso questo coltello, quindi paragonabile ad un neofita, principiante, se sono stato in grado di avere quei dubbi, quella consapevolezza fin dall'inizio,... vuol dire che é a prova di pivello, che tutti ci possono arrivare, Quindi nessuna falsa speranza, nessuna ingenuità.
 
Ultima modifica:
Quindi c'é la vanità, presunzione, discriminazione, nel dire che i produttori di quei paesi, di certi artigiani, sono a priori scandenti? Quando in realtà sono i tipici paesi in cui persone umili, fabbriche umili avrebbero molto da insegnare a quelli delle nostre latitudini,... anche se restando su attrezzi semplici e umili.

Ma questo é un problema insormontabile, se c'é questa vanità, questo razzismo,... che non ha a che fare realmente con la tutela dei neofiti, manco fossimo chissà chì per promuoverci "maestri di vita" per gli altri,... ma su ideologie di un certo tipo, potrei dire e mostrare qualsiasi cosa, che non cambierebbe nulla.

Quindi discorsi che purtroppo non arrivano a nulla, perché il presupposto é sempre quello,... si giustifica il tutto in base alle proprie convinzioni,... se si decide che quei paesi producono cose scadenti, sarà così sempre e comunque e soprattutto... si troverà sempre la scusa "... é un caso, vuol dire che é andata bene, ecc...".

Quindi inutile qualsiasi tipo di confronto,... parlo del discuterne.
Si però calma un attimo, si parla di una categoria di prodotti, del damasco, del topic in questione, in maniera seria ed educata. Ho appena scritto che si dà la presunzione di innocenza, non di colpevolezza. Le mie intenzioni, le mie parole, qua sono cristalline. Se si va sul personale, se mi scrivi che sono modi di facciata, che sono razzista, se si parla di vanità, "maestro di vita" e convinzioni assolute per me la discussione finisce qui. Il rispetto è una strada a doppio senso.
 
Si però calma un attimo, si parla di una categoria di prodotti, del damasco, del topic in questione, in maniera seria ed educata. Ho appena scritto che si dà la presunzione di innocenza, non di colpevolezza. Le mie intenzioni, le mie parole, qua sono cristalline. Se si va sul personale, se mi scrivi che sono modi di facciata, che sono razzista, se si parla di vanità, "maestro di vita" e convinzioni assolute per me la discussione finisce qui. Il rispetto è una strada a doppio senso.
Non sono insulti, ma se a priori dico che in quei luoghi le cose sono scadenti, io non saprò spiegarmi in altre maniere, con definizioni corrette, ma per me é discriminazione e razzismo. Non é un'offesa personale, ma é quello che appare se dico che un paese produce cose scadenti, che sia Damasco o altro poco importa. Se é riferito al paese, altrimenti ci si riferisce all'azienda, all'artigiano nello specifico, non al luogo in generale. Ripeto, non é mancanza di rispetto, insulti, ecc...

Anche io sono cristallino, onesto e rispettoso,... ma se l'impressione, il mio modo di interpretare concetti del genere mi porta a quello,... vuol dire che quello che mi é arrivato é quello. Come quando scrivo qualcosa io e gli altri la prendono diversamente da quello che intendevo.

Se vedo documentari, sento gente parlarne o vedo tanti Italiani che buttano rifiuti ovunque,... é giusto che io dica "gli Italiani buttano tutto in giro, sono sporcaccioni", oppure é più corretto dire "alcuni, molti, certi Italiani lo fanno, ma non tutti. Non é solo così" (ovvio che é un esempio, di merdx dove abito c'é né forse di più ed é peggio, quindi é reciproco il discorso)

Mi sono spiegato meglio? Non sono offese, ma concetti che trovo scorretti e che vedo in quelle maniere.

Per la questione "vanità" ci si giustifica che si vogliono tutelare gli altri, quindi dando degli incoscienti a chì a proposto una cosa, anche quì... si presume vanità, giustamente. Perché sono discorsi che potrebbero essere reciproci e basati sulle proprie esperienze, conoscenze,... Non unidirezionali. Invece si pone il tutto come se uno ha ragione, fà bene,... e l'altro male, pericoloso. Quindi giustamente la domanda é "chì ci si crede di essere, rispetto agli altri?". Non é mancanza di rispetto ne offese, ma questione di atteggiamenti.

"Si dà la presunzione di innocenza, non di colpevolezza", questo si presume voglia dire che prima di tutto nessuno si sente superiore ad un altro, sminuendo e smentendo qualcuno, soprattutto che non si parla con assolutismi e dire di fare attenzione perché qualcuno a proposto qualcosa proveniente da un determinato paese, che equivale a dire tutto ciò che ho scritto sopra. Potrebbe starci "occhio che ha proposto qualcosa preso da quell'azienda che spesso fà cose scadenti,....", ecc...


Però, per una lama condivisa, che piaccia oppure no,... si sono spese già fin troppe parole, Troppo tempo, almeno per me,... dietro ad uno schermo. Quando farò delle uscite lo userò, farò foto e video,... perché adoro farlo, semplice.
Tutto quì,... senza alcuna pretesa, aspettativa, ecc...

Ciao,... rispondo solo e proprio per rispetto,... mi pare brutto non dare risposte. Ma onestamente non ci tengo molto, dò importanza ad altre cose, non a dei coltelli, a delle condivisioni di questo tipo per farle diventare affari di stato.
Quando la vita non é solo complicazioni ed esaltazioni, ma spesso basterebbe umiltà e semplicità, anche nelle cose.
Com'é stato per generazioni, generazioni e generazioni,... che facevano e usavano molto di più, con molto meno.

Ma ce la farò, ahahah

Saluti e tante belle cose a chiunque,... di sicuro non ho risentimenti con nessuno per delle visioni differenti e per scontri virtuali.
 
Ultima modifica:
Disse l'uomo moderno convinto che agli albori della forgiatura, della lavorazione del metallo, quella realmente di qualità che sopportava molto più che giocare nel bosco a tagliare legna, o nella vetrinetta per fare scena,... c'erano dietro certificazioni, controlli automatici, elettronici, materiali super ricercati e lavorati. Guarda un pò l'arroganza di criticare e sminuire pure le origini, di grande qualità, di certi settori,... dove di fatto era tutto basato sull'esperienza e l'abilità dell'artigiano,... senza tante mille-mila strumentazioni. WOW, che coraggio sminuire tutto ciò. Non stai più criticando o sminuendo me,... ma ma una serie di cose che a priori non possono essere giudicate male, per la storia, per i dati di fatto, eccc... Assurdo!!!

Alla faccia di quello che accusava me di andare lateralmente, su altre cose, ahah
Per fortuna a tutti quelli che fanno questi giochetti ipocriti, come ti dicevo, ho sempre detto una cosa,... non per vanità, ma perché sono una persona onesta e trasparente, al contrario di quello che pensano quelli come te. Arroganti convinti che solo loro sanno tutto, ecc... Una cosa dico sempre "...sono quì, sempre disponibile per fare uscite in natura. Pago tutto io e senza alcun problema a fare tutto quello che ho scritto, raccontato. Questo però significa che chì fà il gradasso dandomi del "bugiardo", "falso", dovrà fare altrettanto,... altrimenti é criticare ciò che per primi non si sà fare, non si vuole fare. Quindi,.. io la coscienza ce l'ho apposto, non mi nascondo e non mi tiro indietro. Poi ognuno é libero di pensare che gli altri non siano in grado di fare nulla, perché la vedono diversamente. Non facciamo il discorsetto da paracxli "non devo dimostrare nulla a nessuno, men che meno a te", perché é ovvio,... ma é solo una questione di onestà e coerenza con ciò che si predica con tanto assolutismo, per le accuse fatte a qualcuno. Facile farle, ma nascondersi dietro a frasi fatte.

Non sei l'unico e non sarai l'ultimo a pensare che tutto quello che scrivo é per ignoranza, incapacità e che non ho fatto nulla di tutto quanto o scritto, ci mancherebbe, non devo convincere nessuno. Siamo su un forum e come tale nessuno può avere la certezza di nulla, per quello negli anni ho cercato di concretizzare delle attività, il bello é fare, non parlare. Per fortuna sono più umile di te, nonostante le risposte nervose, non ti giudico in maniera assoluta, perché potrei farlo solo avendoti di fronte, vedendoti all'opera su cose di cui parli. Semplice,...


Per il discorso della lama,... io avevo indicato tutte le perplessità che hai tirato fuori tu successivamente, ma tu abilmente hai fatto deviare la discussione come se io le avessi tralasciate, nascoste e facendo pensare questo a tutti gli altri. Già il titolo é tutto tranne che fuorviante, anzi,... Anche perché io da "pirla", ti sono venuto dietro. Scemo sì, scemo scemo no,... mi rendo conto quali sono gli utenti che ce l'hanno già con me perché non accettato discorsi, attività, approcci differenti dai loro,... e poi la rigirano finché non ci casco con risposte che riconosco essere dirette, per poi farmi passare a me in torto assoluto.

Tra l'altro l'azienda é iscritta al registro di commercio, anche per la vendita di armi, quindi sempre restando che tutto può essere,... non é qualcosa di comprato ad una bancherella, ma da qualcuno sottoposto a controlli, autorizzazioni e secondo certi parametri. Ah, già, ma anche loro non sanno nulla, fanno le cose alla Carlona,... devo chiedere al governo di contattare te per avere qualcuno di competente,... Che però stà ore ed ore su un forum. Come me neh, ma almeno io non vado a dire agli altri che non hanno fatto nulla, non sanno nulla, sono inferiori ed incapaci, ecc...


PUOI ANCHE NON RISPONDERE,... ORA CHIEDO DI ELIMINARE LA DISCUSSIONE, PERCHÈ COSÌ NON HA SENSO. IL SOLITO ARROGANTELLO SAPIENTONE DIETRO AD UNO SCHERMO, CHE STRAPARLA PER DIMOSTRARE QUALCOSA, PER CERCARE ATTENZIONI. ANCHE A DIRE DI NO, AHAH MA VISTO CHE SBOTTARE A PAROLE NON SERVE A NULLA,... MEGLIO ELIMINARE E STOP. ORA SARAI SUPER FIERO, QUEI TRAGUARDI CHE TI FANNO SENTIRE UN GURU, COMPETENTE. PREDICARE TANTO, ACCUSARE SENZA CONCRETIZZARE E POI VIENE ELIMINATA UNA DISCUSSIONE? WOW, CHE SUCCESSONE. HAI SALVATO LA VITA A TANTE PERSONE,... SAI ALMENO COSA VUOL DIRE SALVARE UNA VITA DA PERICOLI CONCRETI E REALI? MAH.

NB: sei comunque invitato a fare un'uscita di quelle che faccio io, con tutte le attività che mi competono, dalla A alla Z, le stesse che sei andato a prendere in causa accusandomi che sono tutte bugie, balle, finzioni. Invitato però a farle a tua volta, altrimenti che accuse sono, da bambini? Non devi spendere soldi, ti rimborso tutto il viaggio e ti dò anche una gratifica per il tempo dedicato. Senza nascondersi, come dicevo dietro alle frasettine, dici di essere migliore, di aver fatto chissà cosa,... quindi non dovrebbe esserci alcun problema a far conoscere nella realtà la tua superiorità,... poi sai come godresti e quante attenzioni avrai se poi potrai dimostrare che io non sò nulla, non sò fare nulla? Sarai ancor più un guru assoluto e guai a chì la vede diversamente. AH, ma il rischio é anche contrario, tu che fai la figuraccia del leone da tastiera che straparla, accusa di cose che non fà,... e la rigira per non farle. Tipico. Non dare nemmeno risposte,... ho già previsto la risposta negativa seguita da mille-mila scuse, giustificazioni, frasette. Tra l'altro dicevi che se volevi avresti creato qualcosa di "EXTREME" e bla-bla,... quindi non dovrebbe essere minimamente un problema, nulla, ne trasferta, ne tempistiche, ... se non sono i soliti "inglesismi" per fare scena "super extreme wilderness man,...", ah Inoltre essendo tanto bravo, competente, ricco di esperienze e di vita,... non dovrebbe preoccuparti ne il tempo, ne il denaro,... perché dovresti averne entrambi un bel pò, gestiti solo da te,... altrimenti dove stà tutta questa superiorità assoluta rispetto agli altri, per accusarli di non sapere nulla, di essere tutte chiacchiere?? Di essere ragazzotti? Spero tu non sia un'altro di quelli che vivono ancora con la mammina a 50 anni, che dipendono da lei,... e allora se la prendono con il mondo.

Comunque l'ignoranza é di altri, forse quelli come te con la mente ottusa sulle proprie cose. Una barra da armatura per l'edilizia non rispecchia nulla dei parametri commerciali del mondo dei coltelli "blasonati" che tanto continui a raccontare per farti riconoscere come "bravo", ma sono robuste quanto bastano per essere usate anche come coltelli. Per fare un esempio,... inutile che continui a dire che per fare recensioni bisogna conoscere l'argomento,... perché dipende cosa reputi importante, tu sembra reputi importante conoscere la teoria, le specifiche tecniche,... io reputo molto più importante le esperienze e la conoscenza pratica. Quindi reciprocamente possiamo ritenere che l'altro non conosce l'argomento,... Anzi, per parlare di qualcosa posso anche non avere l'etichettina e la scatoletta sotto mano, ma basta poterlo usare e vedere nella concretezza come si comporta, quello é conoscere qualcosa nell'atto pratico,... Sarai tu che devi astenerti al massimo, o seguire le tue idee senza rompere a quelle degli altri credendoti chissà chì. Che poi tanti discorsi, tante "minacce",... ma cosa?? Alcune frasi non vanno scritte, vanno dimostrate,... se vuoi ti mando il mio indirizzo, così il "eviterebbe tanti guai", "ti dò la possibilità", ecc... ma cosa vuoi? Chì ti credi di essere? Il tipico comportamento online dei frustrati che nella vita a 40 e passa anni non hanno raggiunto nulla e faticano ad andare avanti, allora si sfogano attaccando tutti e auto-convincendosi con quello che scrivono, bene e convincente per molti, di essere di successo, dei guru, ahahah Tipico al 99,9%. Poi mai non uno con cui riesci ad incontrarti,... sempre nascosti dietro a frasi e battute.


TANTI CARI SALUTI PADRONE DELLA TERRA, DEL FUOCO, DEL VENTO, DELL'ACQUA E DI TUTTO IL RESTO.

Abbi pazienza, non ho il potere di eliminare,... bisogna aspettare che entri qualcuno che sia in grado di farlo.
Nel frattempo hai modo di creare un coltello San Mai di alta qualità e proporlo,... chì lo sà fare non impiega molte ore,...
Dopo averlo provato realmente, perché una cosa può essere fatta con il miglior materiale,... ma essere difettoso comunque, cosa che viene fuori dopo l'uso. Se si rompe non importa di cos'é fatto e se l'hai fatto tu o chissà chì,... ma che non valeva na mazza e s'é rotto.

Anche se sò che la risposta si baserà sulle frasettine fatte, sul predicare tanti bei concetti e parole "ma allora non capisci, cerco di spiegartelo,...", "vai sempre fuori tema e bla-bla" (da che pulpito), "non si capisce nulla, continui con gli AHAH, questo e quello",... Il tutto in cerca di attenzioni e per scatenare risposte, ahahah su un forum, tra l'altro.

In ogni caso giudicare alcune risposte incoerenti con la discussione, ecc... é sintomo di menti ottuse e arroganti.
Tutto quello che viene scritto con la tua arroganza e superiorità non può più essere limitato al discorso del coltello, perché tu fai riferimento a mille-mila altre cose, accuse,... le quali per sostenerle devono avere al seguito delle condizioni di vita di un certo tipo. Facile predicare bene, ma razzolare male,... e quando viene fuori, ri-girarla ancora.
IMG_20210102_085458.jpg
IMG_20210102_085430.jpg
IMG_20210102_085640.jpg

--- Aggiornamento ---

Mi sa che sono anticoltelli, le lame le ho oliate io, comunque il "Bowie" me lo hanno regalato i colleghi e farà sempre e solo il fermacarte, il rui con manico in osso di cammello è bellissimo, piace a tutti la mozzetta è un tagliacarte perfetto.
 

Allegati

Riguardo al fatto che coltelli blasonati si possano rompere...: 1993, compro in una coltelleria di Milano il Buck "Survival Knive" https://images.app.goo.gl/inMNCjqb38QZcF4R8 costo intorno alle 400 mila lire ...non so se qualcuno lo ricorda...quello tutto opaco, con il manico cavo e la possibilità di avvitare sulla guardia due spuntoni per trasformarlo in una sorta di ancorotto...beh, lo tengo per un pò poi mi rendo conto della totale inutilità (per me ) dell'oggetto e lo regalo ad un amico con un passato in un corpo d'elìte dell'Esercito Italiano...passa qualche giorno e l'amico mi telefona: " Scusami sai, ma...il Buck si è rotto!" :argh: Confessa di aver tentato di lanciarlo contro un tronco (cosa espressamente vietata dal fabbricante) :la lama si è spezzata di netto all'altezza del primo intaglio della sega dorsale (per intenderci quella indicata come idonea al taglio di carlinghe d'aereo) lo fotografo (ahimè...non trovo più le foto..ovviamente scattate su pellicola e stampate) e mi rivolgo al negoziante, che declina ogni responsabilità, scrivo all'importatore che nemmeno mi risponde...alla fine tramite DHL spedisco il coltello rotto in due, a El Cajon (85.000 lire di spedizione) e dopo un paio di settimane ricevo indietro il coltello, con un laconico biglietto "Abbiamo riparato il coltello, riteniamo fosse quello che ci si aspettava da noi", nessun addebito (nemmeno doganale) non una parola di spiegazione nè di scuse.
Tutto qui. :)
 
Ultima modifica:
Hanno sostituito la lama (che era fissata al manico con una colata di resina) con una nuova. Il coltello è tornato all'amico cui l'avevo regalato ma con cui non ho più contatti da diversi anni.
 
Hanno sostituito la lama (che era fissata al manico con una colata di resina) con una nuova. Il coltello è tornato all'amico cui l'avevo regalato ma con cui non ho più contatti da diversi anni.
Se non altro si sono comportati da azienda seria, menomale che all'epoca avevo preso il ka bar, poi mi hanno regalato un Aitor jungle king..............
 
Sulla serietà di Buck... non ci piove; mi sarebbe piaciuto sapere il perchè della frattura, che presumo dovuta ad un trattamento termico mal riuscito oppure ad una cricca formatasi durante la realizzazione dei denti della sega... :(
 

Discussioni simili



Alto Basso