Lenticchie rosse decorticate, buon legume da trekking?

Ciao a tutti!

Vorrei provare in uscita a portarmi dei legumi secchi, ma dovendo escludere per motivi logistici quelli che richiedono ammollo e/o che richiedono una lunga cottura...mi sembra che (a meno di utilizzare farine di legumi) rimangono utilizzabili solo le lenticchie rosse decorticate:

202266


...che non richiedono ammollo e si cuociono in 10 minuti.

Hanno circa 300 Kcal/etto, più del 20% di proteine (che in escursione, nel pasto serale, al nostro organismo fanno di sicuro piacere!), tanti carboidrati e pochissimi grassi.

Qualcuno conosce qualche buona ricetta facile da fare anche in uscita? Il top è tenere anche l'acqua di cottura, che così non si spreca proprio nulla!

Oggi ho mangiato un piatto di lenticchie con delle spezie per "Chili con carne" ed erano proprio buone.. devo fare qualche prova per trovare il giusto mix per ottenere un buon piatto usando solo ingredienti secchi...a cui magari aggiungere solo un qualche buon affettato spadellato al momento a cubetti, che tanto nel mio zaino almeno del salame c'è sempre!

Il top sarebbe di riuscire a partire con un sacchettino con lenticchie, spezie e qualche verduretta secca tutto premiscelato a casa, mettere nella gavetta con dell'acqua, far bollire il necessario ed avere un piatto pronto:

202267


(va bene anche senza terracotta e prezzemolo, eh! :D )

...Ogni consiglio è apprezzato!
 
Ultima modifica:
Io l'ho provato come pasto serale, con poca acqua che alla fine non ho scolato naturalmente e quando era quasi pronto ho aggiunto un uovo mescolando ben bene (sulla gavetta in alluminio si è comunque attaccato lo stesso)
L'aspetto non era un granché ma si è rivelata un'ottima cenetta. Il problema è portarsi l'uovo senza romperlo :biggrin:
 
le lenticchie rosse sono la base di un'ottima zuppetta. Se lo trovi puoi aggiungere del timo selvatico. Puoi metterci dentro delle fettine di pancetta o salame, in cottura, per un piatto bello rustico. Inoltre ti torna buono per finire i pezzi di pane secco. Io a casa aggiungo anche una patata e una carota fatti a dadini. La mia è una ricetta da casa, ocio, non l'ho mai fatto in campo.
 
le lenticchie possono essere anche non decorticate, non hanno bisogno di ammollo per essere cucinate e secondo me sono più buone.

e poi portano soldi :woot:
 
Io sarei più per la "crema di lenticchie", che faccio abbastanza ultimamente.
E' una cosa molto facile da farsi .. si lessano le lenticchie per 25 minuti/30 minuti in acqua con varie altre verdure (cipolle/patate a piccoli pezzi, sedano, prezzemolo, un filo d'olio).
Meglio mettere le verdure prima e le lenticchie dopo (queste ultime infatti si cuociono rapidamente).
Poi si macina con il passaverdura (io lo preferisco rispetto al frullatore ad immersione) e si ottiene la zuppa, aggiungendo l'acqua di cottura per renderla acquosa quanto si vuole.
Variante: successivamente, con la zuppa più acquosa, si può aggiungere della pasta (ditalini rigati o pappardelle) e far cuocere ancora la zuppa con la pasta per altri 10 minuti (e così viene una specie di "pasta e fagioli", però con le lenticchie).
 
Ottima così Andrea! Ma credo che l'amico Paiolo chiedesse per qualcosa da cucinare al volo in bivacco
--- Aggiornamento ---

@kima non è vero! sono più di 40 anni che mangio lenticchie a capodanno e pure durante l'anno e niente, non funziona, sono sempre spiantato ahahah
 
Il dilemma è sempre quello: in escursione vogliamo cucina gourmet o veloce?

A volte nelle nostre uscite si sono affrontate cotture di ore, forni imu (un forno scavato nel terreno e scaldato con pietre roventi), zuppe cotte su torce svedesi e via discorrendo.
Se questo è il cuore dell'attività, ossia divertirsi e sperimentare, va bene tutto ed inutile preoccuparsi di cibi e strategie per limitare i tempi di cottura.

Se si predilige l'aspetto del cammino, scalata ecc., è chiaro che è più pratico portarsi cibi altamente calorici e concentrati (tipo parmigiano, salumi, cioccolata, barrette energetiche ecc.) che comportino poco o nullo impegno di cottura.
 
Se si predilige l'aspetto del cammino, scalata ecc., è chiaro che è più pratico portarsi cibi altamente calorici e concentrati (tipo parmigiano, salumi, cioccolata, barrette energetiche ecc.) che comportino poco o nullo impegno di cottura.
sto usando delle barrette di frutta compressa a freddo che sono la fine del mondo!
 
Il dilemma è sempre quello: in escursione vogliamo cucina gourmet o veloce?

A volte nelle nostre uscite si sono affrontate cotture di ore, forni imu (un forno scavato nel terreno e scaldato con pietre roventi), zuppe cotte su torce svedesi e via discorrendo.
Se questo è il cuore dell'attività, ossia divertirsi e sperimentare, va bene tutto ed inutile preoccuparsi di cibi e strategie per limitare i tempi di cottura.

Se si predilige l'aspetto del cammino, scalata ecc., è chiaro che è più pratico portarsi cibi altamente calorici e concentrati (tipo parmigiano, salumi, cioccolata, barrette energetiche ecc.) che comportino poco o nullo impegno di cottura.
Esatto @Wombat , l'obiettivo è proprio quello di trovare qualcosa di diverso da mangiare nei trekking di più giorni, dove per motivi di peso non è possibile portarsi cibi "pronti", e neppure tenere acceso un fornello per 40 minuti.
Ho già un certo repertorio tra tortellini / noodles / couscous / pasta / polenta / purè, però all'appello il legume ancora mi manca! ;)
 
Io l'ho provato come pasto serale, con poca acqua che alla fine non ho scolato naturalmente e quando era quasi pronto ho aggiunto un uovo mescolando ben bene (sulla gavetta in alluminio si è comunque attaccato lo stesso)
L'aspetto non era un granché ma si è rivelata un'ottima cenetta. Il problema è portarsi l'uovo senza romperlo :biggrin:
Per portarti l'uovo senza romperlo,ti consiglio di utilizzare quella specie di uova di plastica che stanno dentro alle uova di Pasqua e che contengono la sorpresa,magari imbottendole un pò con dei tovaglioli di carta. Ci sono in svariate misure. Visto che si avvicina la Pasqua ne faccio sempre incetta.Li usavo pure per portare gli obiettivi fotografici.
 
Io le lenticchie le porto spesso con me e le trovo molto funzionali, si stoccano bene e necessitano di poca cottura, generalmente le rosse ma anche una varietà nera, poi vi saprò ridire, le ho in dispensa. Di solito la mia combo è lenticchia soprattutto d'inverno quindi in un periodo con poche spontanee e in primavera/estate/autunno del basmati ovviamente non integrale da abbinare alle spontanee che trovo lungo la via
 
Una volta, nelle nostre escursioni, i fichi secchi non mancavano mai :biggrin:
Alla Lidl ho trovato queste barrette morbide, sono in dipendenza:

1582133722940.png
--- Aggiornamento ---

Qualcuno conosce qualche buona ricetta facile da fare anche in uscita? Il top è tenere anche l'acqua di cottura, che così non si spreca proprio nulla!
Zuppetta con pomodoro: fai un soffrittino, metti la salsa e le lenticchie e fai cuocere facendo asciugare l'acqua di troppo. Un pò di pane per accompagnare e sei felice.

Hai mai provato il mix di cereali? Di solito si trova in diversi super mercati.
 
Ultima modifica:
Ricapitolando un po', e premettendo che ho appena aggiunto "lenticchie rosse decorticate"nella lista della spesa :D ..questi i primi esperimenti culinari che vorrei provare a fare:
  • Lenticchie in brodo ...la cosa più semplice del mondo: 500ml di acqua, un dado (anzi meglio un "cuor di brodo"), 100 gr di lenticchie. Direi che questo è il "piatto base"

  • Lenticchie "della mamma": preparo a casa il mix con cipolla secca, aglio secco, un paio di foglie d'alloro, acqua e sale q.b. (il problema come sempre è stabilire il "q.b."), un po' di salame tagliato a cubetti e spadellato preventivamente

  • Chili (da pronunciare "Cili", alla messicana!) di lenticchia: come detto nel primo post, provo a cuocere le lenticchie con le spezie che uso per fare il "Chili con carne" (buon piatto messicano ben speziato a base di fagioli) ...anche se sono senza carne (vabbé, come sopra un po' di cubetti di salame li reperisco nel mio zaino anche sopra i 3.000 metri!)

  • ...da provare anche col curry...
 
Per portarti l'uovo senza romperlo,ti consiglio di utilizzare quella specie di uova di plastica che stanno dentro alle uova di Pasqua e che contengono la sorpresa,magari imbottendole un pò con dei tovaglioli di carta. Ci sono in svariate misure. Visto che si avvicina la Pasqua ne faccio sempre incetta.Li usavo pure per portare gli obiettivi fotografici.
Ho fatto così infatti usando una scatolina in plastica rigida imbottita :D
 
Io l'ho provato come pasto serale, con poca acqua che alla fine non ho scolato naturalmente e quando era quasi pronto ho aggiunto un uovo mescolando ben bene (sulla gavetta in alluminio si è comunque attaccato lo stesso)
L'aspetto non era un granché ma si è rivelata un'ottima cenetta. Il problema è portarsi l'uovo senza romperlo :biggrin:


http://www.aliexpress.com/item/32838614044.html?spm=a2g0o.productlist.0.0.13211ae2x1rOw1&algo_pvid=baac88fb-2d31-47b2-a0ab-1681023c5fea&algo_expid=baac88fb-2d31-47b2-a0ab-1681023c5fea-3&btsid=0b0a187b15821427221422730ec2b5&ws_ab_test=searchweb0_0,searchweb201602_,searchweb201603_

:si::si::si::si:
 

Alto Basso