Recensione Lionsteel B40 test completo

FB_IMG_1569427373684.jpg


Ciao a tutti.
Vi presento la mia personale recensione di un coltello italiano da poco disponibile sul mercato.... Il Lionsteel B40.
Si tratta della risposta italiana alla crescente domanda di coltelli specializzati nell'attività di bushcraft; il suo nome per esteso infatti è proprio questo: Buschcraft 4.0.
Progettato da Mik Molletta e realizzato attraverso la solita partnership con la casa del leone, è un coltello dalle linee classiche ma con ampio uso di materiali di qualità.


MISURE E DIMENSIONI:

Vi allego direttamente la scheda dal sito.
20190926_094705.jpg



CONFEZIONE:

Solita scatola di cartone contenente coltello, fodero, protezione e foglietto illustrativo.
20190923_174323.jpg
20190923_174341.jpg



MATERIALI:

Acciaio Sleipner per la lama, micarta verde tendente al grigio per la manicatura, cuoio per il fodero.
Ecco una slide esaustiva in merito all'acciaio utilizzato.
20191006_164553.jpg



COSTRUZIONE:

Se c'è una cosa che mi mette sicurezza è proprio l'attenzione che la casa madre dedica ai suoi prodotti.
Li conosco da anni so come lavorano e non mi hanno mai deluso; dalla foto sotto potete vedere la struttura del coltello smontato.
Tutti i dettagli nella loro semplicità sono realizzati con cura e precisione, come notate le guancette sono smontabili e anche la parte nascosta alla vista e realizzata con la massima cura.
20190926_180143.jpg



LAMA:

Classico drop point dalle giuste misure per ogni attività all'aria aperta. Finitura stonewashed che non amo particolarmente.
Dorso sfondato comodissimo nei tagli a pressione e di precisione.
Accenno di guardia che aumenta la sicurezza senza mai ostacolare il lavoro.
Affilatura di fabbrica pessima. Dopo poche prove ho subito capito che non ci siamo e ho dovuto fare un filo aggressivo.
Cosa non facile vista la durezza estrema dello Sleipner.


MANICO:

Eccoci arrivati alla novità più importante, il manico. A vederlo può sembrare semplicemente brutto, visto il suo disegno denominato 3d... ma in realtà basta impugnarlo e poi utilizzarlo per capire che il lavoro di progettazione è stato davvero curato nei minimi particolari.
Questo manico riesce ad essere ergonomico come pochi altri, non scivola, regala una sensazione di grande sicurezza e la mano non si affatica.
Inoltre la sua lunghezza è più che proporzionata e può soddisfare le esigenze di tutti gli utilizzatori. Un vero upgrade rispetto a quello delle M4, gran coltello ma col manico forse un po' troppo corto.
Il codolo esposto presenta il classico foro per il laccetto e una parte del metallo è a 90 gradi in modo da consentire l'utilizzo dell'acciarino. Operazione per la quale ci si deve un po' abituare.
20190923_174415.jpg



FODERO:

Anche qui rimaniamo sul classico... fodero benfatto, cucitura spessa e resistente.
Non mi fa impazzire il colore e neppure il passante per la cintura che si poteva fare sicuramente più ampio; detto questo la qualità c'è e si vede.


LE PROVE DI TAGLIO:

Passiamo ora alla parte più interessante di qualunque recensione, le prove sul campo.
Questo è un coltello nato per il bushcraft quindi deve essere capace di svolgere tantissimi compiti nel miglior modo possibile e senza stancare l'utilizzatore.
Lame di questo tipo sono presenti da sempre sul mercato, cosa potrà dare di più questo prodotto rispetto agli altri?
Vi devo anticipare che il manico ha reso facile qualunque tipo di lavoro, il coltello si manovra perfettamente ed è stato in grado di effettuare qualunque tipo di taglio senza alcuna difficoltà
Capiamoci subito... trattandosi di un prodotto leggero e di piccole dimensioni non si può pretendere che nel taglio ad impatto tiri giù dei rami di grandi dimensioni con estrema facilità, questo è ovvio! Ma per quel che riguarda la sua mission si è rivelato davvero un compagno straordinario.
Per poter dare il meglio bisogna dare una affilatura più aggressiva perché quella di fabbrica non consente di tagliare bene; questo è l'unico vero grande difetto del coltello. Nelle foto che vedrete ho effettuato tagli ad impatto, a pressione, batoning e anche alcune prove estreme che riservo però alla fase finale. Il legno utilizzato per queste prove, a differenza di tante altre prove che si vedono online, è stagionato. Tutte essenze particolarmente dure e resistenti, parliamo di Mandorlo, Tasso e Ulivo con una stagionatura di almeno 3 anni.
Nel taglio a pressione si apprezza il dorso stondato e la leggerezza della lama.
Nel chopping e batoning si accusa il peso esiguo e la bilanciatuea neutra. Ma sono attività che si possono comodamente svolgere se si ha cervello e si capisce che tipo di attrezzatura stiamo usando.
Dopo molte prove, svolte in più giorni, il filo non ha mostrato nessun segno di cedimento. Consiglio di non sfruttare troppo il metallo, perché per riaffilarlo si fa molta fatica. Ma nonostante ciò, la sua resistenza vi renderà liberi di lavorare senza patemi per molte ore.

20190926_180945.jpg


20190923_174725.jpg
20190928_111525.jpg

20190928_111722.jpg

20191004_113742.jpg



PROVE NON CONVENZIONALI:

Sono rimasto molto soddisfatto dei risultati ottenuti fino ad ora, il coltello si è dimostrato tagliente comodo preciso ed efficace.
Così ho deciso di spingermi oltre e di fare ancora tre prove non convenzionali dello stile Don't Try this at home.
Nella prima ho tagliato un ramo di mandorlo che oltre ai suoi soliti tre anni di stagionatura è stato anche asciugato artificialmente in un essiccatoio... in pratica più che legno sembrava marmo. Eppure il coltello lo ha tagliato perfettamente.
Nella seconda prova non convenzionale mi sono fatto dare un blocco di legno africano (non conosco il nome dell' essenza) stagionato vent'anni; un legno davvero duro sembra quasi un sasso e sul quale gli altri coltelli hanno ceduto.
Anche qui senza voler troppo esagerare sono riuscito a tagliare i bordi.
L'ultima prova in realtà è stupida ed inutile me ne rendo conto ma ho voluto vedere ugualmente fin dove si poteva spingere il coltello, così ho preso un vecchio cellulare ed ho applicato 3 strati di protettivo antiurto. Ho provato a spaccarlo e anche qui ci sono riuscito ma mi sono giocato mezzo millimetro di punta. E vabbè a voi le foto...
20190928_111833.jpg

20191006_171442.jpg

20191005_191606.jpg



CONCLUSIONI:

Questo è un valido compagno di avventure, sto preoarando nuove prove e continuerò ad usarlo per molto tempo.
Fa per voi solo se avete voglia di spendere ben 160 euro e se siete bravi a rifare il filo ad un coltello che nasce ottuso.
Peccato davvero per questi due difetti, ai quali comunque si può provvedere.
Lo consiglio a tutti gli appassionati di vita all'aria aperta, anche ai cacciatori e agli escursionisti.
Seguiranno nuove prove, a voi la parola.
 
Non avrei mai detto che quel manico fosse comodo, pensavo più ad una soluzione per diversificare questa lama da un M4 che ha, se non erro, un fodero del tutto simile.
Grazie delle prove e delle foto, bel coltello che presenta davvero molti rivali, linea pulita e semplice ma davvero molto usata su altri coltelli.
:)
 
Gran bel coltello e recensione accurata!
Mi sa che dovro' mettere in vendita qualcosa perche' questo coltello mi piace tantissimo.
Una curiosita'...lo sleipner e' un inossidabile puro o e' tipo un "super D2"?
 
Tanti complimenti per la recensione e le foto!!!:si: So per esperienza quanto sia impegnativo un lavoro del genere. Servono passione e competenze. Condivido l'analisi fatta sul coltello... io l'ho solo maneggiato in coltelleria, però il manico era comodo, magari guardando le foto non si direbbe. Lo sleipner portato a quella durezza perde un pò sulla resilienza, ci sta che si sia rotta la punta (così come è successo con l'M4), basta saperlo... può essere anche ostico da riaffilare senza i giusti attrezzi.
 
Gran bel coltello e recensione accurata!
Mi sa che dovro' mettere in vendita qualcosa perche' questo coltello mi piace tantissimo.
Una curiosita'...lo sleipner e' un inossidabile puro o e' tipo un "super D2"?
Troppo gentile.
È una sorta di D2 più tosto e alle polveri.
Un super d2 comendici tu.
Tanti complimenti per la recensione e le foto!!!:si: So per esperienza quanto sia impegnativo un lavoro del genere. Servono passione e competenze. Condivido l'analisi fatta sul coltello... io l'ho solo maneggiato in coltelleria, però il manico era comodo, magari guardando le foto non si direbbe. Lo sleipner portato a quella durezza perde un pò sulla resilienza, ci sta che si sia rotta la punta (così come è successo con l'M4), basta saperlo... può essere anche ostico da riaffilare senza i giusti attrezzi.
Grazie Lorenzo.
Mancano le prove del taglio corda perché ancora non sono riuscito a riprendermi quella famosa cima che farà da test.

Purtroppo tutta la recensione è stata fatta col cellulare. Non avendo io un pc.
Quindi ci sarà qualche errorino...
 
Grazie Rocky77 per la recensione e le foto esplicative. In attesa di sapere la tua opinione sull'uso come fire steel.
Grazie a te per aver letto.
Circa il fire steel ho solo indicato che non è il massimo e che ci si deve abituare.
Ho fatto diverse prove utilizzando il manico per accendere il fuoco. Purtroppo non ho potuto fare video o altro in quanto le prove sono state svolte in completa autonomia.
Si possono fare molti scintille impugnando il coltello con o senza fodero. È soltanto una questione di abitudine, un sistema diverso quindi dagli altri che conosciamo ma che ti assicuro funziona bene.
Aver lasciato il dorso del coltello stondato consente di avere la massima comodità in tutti i tipi di operazioni... preferisco sacrificare la comodità con il firesteel rispetto all'utilizzo quotidiano.
 
Grazie a te per aver letto.
Circa il fire steel ho solo indicato che non è il massimo e che ci si deve abituare.
Ho fatto diverse prove utilizzando il manico per accendere il fuoco. Purtroppo non ho potuto fare video o altro in quanto le prove sono state svolte in completa autonomia.
Si possono fare molti scintille impugnando il coltello con o senza fodero. È soltanto una questione di abitudine, un sistema diverso quindi dagli altri che conosciamo ma che ti assicuro funziona bene.
Aver lasciato il dorso del coltello stondato consente di avere la massima comodità in tutti i tipi di operazioni... preferisco sacrificare la comodità con il firesteel rispetto all'utilizzo quotidiano.
Concordo
 
L'ultima prova in realtà è stupida ed inutile me ne rendo conto ma ho voluto vedere ugualmente fin dove si poteva spingere il coltello, così ho preso un vecchio cellulare ed ho applicato 3 strati di protettivo antiurto. Ho provato a spaccarlo e anche qui ci sono riuscito ma mi sono giocato mezzo millimetro di punta. E vabbè a voi le foto...

Vedi l'allegato 195703


a voi la parola.


Quindi tecnologia (strati protettivi anti-urto) batte forza bruta 1-0
Ad ogni modo è confortante sapere che, in caso di necessità, il B40 è in grado di eliminare un cellulare :biggrin:

Scherzi a parte, bella recensione. :si:
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso