Longevità sacchi a pelo?

Ciao a tutti!
Ho un dubbio riguardo il mio sacco a pelo, un fedelissimo McKinley con più di 15 anni sulle spalle ma che ultimamente mi sta facendo patire il freddo. E' una cosa strana poiché ricordo benissimo che fino a qualche anno fa non riuscivo mai a dormirci dentro dal troppo caldo, mentre ora devo sempre usare un pile pesante.
Volevo chiedervi se secondo voi è possibile che un sacco a pelo sintetico dopo parecchi anni perda le sue proprietà a livello di temperature di confort, cosa che sinceramente mi sembra difficile.
 
... non voglio essere cattivo, ma magari sei tu che hai cambiato la tua percezione del freddo. Se il sacco a pelo è tenuto bene, e non è lavato tutti i giorni, dura tranquillamente un'eternità, a maggior ragione poi se è sintetico.
 
... non voglio essere cattivo, ma magari sei tu che hai cambiato la tua percezione del freddo. Se il sacco a pelo è tenuto bene, e non è lavato tutti i giorni, dura tranquillamente un'eternità, a maggior ragione poi se è sintetico.
Ma infatti sto chiedendo appunto perché è probabile anche che sia diventato più freddoloso io, come anche che in realtà lo stia usando sempre meno d'estate e sempre più nelle stagioni fredde. Volevo solo esser sicuro che fosse un problema del sacco o meno!
 
In generale, ed a scatola chiusa io sono più propenso a credere che tu ti stia facendo vecchietto :p soprattutto se poi il sacco "sembra" essere a posto.
 
dipende però anche di che materiale è l'imbottitura e come lo hai conservato, ai sacchi non fa piacere rimanere lungo tempo compressi o.o
 
Se il sacco di cui stai parlando è in piuma, e lo lasci dentro la sacca di compressione anche dentro l'armadio, si spiegherebbe tutto...
 
io ho due sacchi in piuma vecchi di 22 anni! (e qui mi viene da dire quanto passa veloce il tempo)
usati ancora sulla neve 3 anni fa, sono ghiacciato rompendomi i denti a forza di batterli e quindi li ho rimpiazzati.
credo che la piuma come molti altri materiali organici prima o poi perda le caratteristiche, anche conservandolo bene, ma 15-20 anni sono tanti.
prova a schiacciarlo e comprimerlo bene facendone uscire l'aria, se dopo un pò di tempo riprende le dimensioni originali potrebbe ancora andare bene, se no invece è proprio ora di cambiarlo
 
tutti i sacchi vanno conservati aperti, la compressione col tempo li altera che siano in piuma o sintetici.
quindi si, può aver perso nel tempo.
d'altra parte nessun materiale è eterno ma si può allungarne la vita con le giuste precauzioni.
 
può essere entrato in contatto con qualche sostanza che ha intaccato l'imbottitura.
un profumo un detersivo i vapori di qualche solvente...
 
Da che ne so io, l'imbottitura sintetica deperisce con lo stoccaggio tanto quanto la piuma, se non di più. Se il sintetico viene compresso troppo e a lungo, non riesce più a prendere volume, una volta aperto, e quindi non può svolgere la sua funzione isolante. Probabilmente, quello che è successo in questo caso.
Ovviamente il decadimento non è automatico, però qualche sacco a pelo demolito dai sacchi di compressione troppo stretti l'ho visto.
Invece in quelli a piuma un problema serio è lo spiumaggio: tra l'altro, più i cuin sono elevati, più la piuma è fine e più si spiuma. Quindi occhio a comprare roba da 800-900 cuin, pagandola millemila euro...
 
Mi interessa approfondire i motivi sul perchè un sacco in piuma dovrebbe perdere con il tempo le proprità termiche...

A parte perdere piume (qualcuna ne esce ogni tanto, mai quantità insignificante) non riesco a capirne il motivo.
 
il sacco in piuma soffre la compressione perché l'isolamento è ottenuto grazie alle piccole sacche d'aria all'interno delle piume stesse.
se lo stocco compresso, alla riapertura, la piuma nel tempo fa fatica a riprendere la forma originale, ingloba meno aria e quindi isola di meno.
 
il sacco in piuma soffre la compressione perché l'isolamento è ottenuto grazie alle piccole sacche d'aria all'interno delle piume stesse.
se lo stocco compresso, alla riapertura, la piuma nel tempo fa fatica a riprendere la forma originale, ingloba meno aria e quindi isola di meno.
Potrei essere d'accordo se viente stoccato compresso, ma se viene stoccato bene non è detto che comunque dopo un po' di anni perda di efficacia.
Il mio ferrino in piuma ce l'ho da oltre 15 anni e funziona ancora bene come da nuovo...
 
Ho un Salewa Moonlight da una dozzina d'anni e finora va benone. Io sono un "caloroso" (mia moglie mi ha eletto sua personale stufetta... :) ), ma comunque il sacco adempie ancora perfettamente alla funzione prevista in termini di temperatura di comfort ed estrema, anzi, spesso sono costretto a dormire fuori.
Sempre stoccato nel suo sacco, ma con un'avvertenza: mai piegato, sempre cacciato dentro alla rinfusa!
Però spiego meglio una cosa importante: nel mio modello, il sacco non è il sacco di compressione, ma solo un ampio sacco di stoccaggio. Per comprimerlo va arrotolato stretto e poi legato con un paio di apposite stringhe cucite nell'orlo. Cosa che ovviamente non va fatta per lo stoccaggio, ma solo in viaggio. Legato diventa grosso la metà, forse anche meno che nel sacco...
 
Specifico meglio quel che ho scritto, anche se @giangi4 e @Cordy sono stati chiarissmi: il decadimento dei sacchi è possibile conseguenza delo stoccagio prolungato in sacchi di compressione. In realtà, se il sacco di compressione non è troppo stretto, il decadimento può essere irrilevante, anche se alla lunga l'imbottitura si rovina; il problema principale però si pone quando si usano sacche esageratamente piccole. L'effetto è quello di schiacciare troppo le piume o l'imbotittura sintetica, tanto da impedirgli di riprendere volume e quindi di espletare la sua funzione isolante.
Per quanto riguarda lo spiumaggio del sacco: è vero che normalmente le piume perse sono poche, ma quando il sacco si usura, incomincia a perderne un po' di più. Quel che facevo notare è che i sacchi imbottiti con piumaggio molto fine (800 cuin o superiore), in caso di fessurazioni (più frequenti nei tessuti superleggeri) si spiumano più rapidamente. Il mio sacco precedente ha finito la sua carriera 30ennale da "spiumato", a causa dei tessuti troppo lisi che non potevano più essere rattoppati.

I miei personalissimi consigli sono:
- prendere un sacco a pelo che venga venduto nel suo sacco di stivaggio (di volume ampio) e sacco di compresione a parte
- se proprio il sacco di stivaggio non c'è, ricordarsi di riporre il sacco fuori dal suo sacchetto di compressione
- non fare quelli "più furbi" prendendo un sacco di compressione più piccolo di quello in dotazione "tanto ci sta lo stesso". Né tirare a morte le cinghie del suddetto sacco. Basta una volta per rovinare l'imbottitura
- evitare di prendere i sacchi da 900 cuin in tessuto di carta velina. Meglio un 600 cuin con un tessuto un po' più robusto.
- se un giorno aprite il sacco e non si "gonfia" come prima, fatevi delle domande prima di partire per una notte a -20 c°
 
Specifico meglio quel che ho scritto, anche se @giangi4 e @Cordy sono stati chiarissmi: il decadimento dei sacchi è possibile conseguenza delo stoccagio prolungato in sacchi di compressione. In realtà, se il sacco di compressione non è troppo stretto, il decadimento può essere irrilevante, anche se alla lunga l'imbottitura si rovina; il problema principale però si pone quando si usano sacche esageratamente piccole. L'effetto è quello di schiacciare troppo le piume o l'imbotittura sintetica, tanto da impedirgli di riprendere volume e quindi di espletare la sua funzione isolante.
Per quanto riguarda lo spiumaggio del sacco: è vero che normalmente le piume perse sono poche, ma quando il sacco si usura, incomincia a perderne un po' di più. Quel che facevo notare è che i sacchi imbottiti con piumaggio molto fine (800 cuin o superiore), in caso di fessurazioni (più frequenti nei tessuti superleggeri) si spiumano più rapidamente. Il mio sacco precedente ha finito la sua carriera 30ennale da "spiumato", a causa dei tessuti troppo lisi che non potevano più essere rattoppati.

I miei personalissimi consigli sono:
- prendere un sacco a pelo che venga venduto nel suo sacco di stivaggio (di volume ampio) e sacco di compresione a parte
- se proprio il sacco di stivaggio non c'è, ricordarsi di riporre il sacco fuori dal suo sacchetto di compressione
- non fare quelli "più furbi" prendendo un sacco di compressione più piccolo di quello in dotazione "tanto ci sta lo stesso". Né tirare a morte le cinghie del suddetto sacco. Basta una volta per rovinare l'imbottitura
- evitare di prendere i sacchi da 900 cuin in tessuto di carta velina. Meglio un 600 cuin con un tessuto un po' più robusto.
- se un giorno aprite il sacco e non si "gonfia" come prima, fatevi delle domande prima di partire per una notte a -20 c°
900 cuin in carta velina....il cumulus xlite 400! Infatti lo garantiscono solo 5 anni e costa un sacco
 

Discussioni simili



Alto Basso