• Informiamo tutti gli utenti che attualmente abbiamo un problema sul server che non ci permette di inviare e ricevere e-mail. Pertanto momentaneamente non è possibile effettuare nuove registrazioni e ricevere notifiche via mail. Stiamo provvedendo per risolvere il malfunzionamento nel più breve tempo possibile.

L'Outdoor e il consumismo

Zulo fa fotografie agli animali, credo servano per non essere visti e non farli scappare.
Non vorrei dire cavolate, ma credo che gli animali facciano molto più caso ad odori e suoni, per cui magari un'abbigliamento non troppo vistoso può aiutare, ma non so quanta differenza faccia un tessuto mimetico.... non vorrei dire fesserie però: sono solo congetture.
 
Onestamente anch'io non ricordo di aver mai avuto problemi particolari ad accendere fuochi con la pioggia, anche se ho solo l'Helle (e non sempre, a volte ho solo il Victorinox o la Wave). Mi è stata invece spesso utile la seghetta del Victorinox, quella si.

Magari più che un coltello grande serve un grande coltello, e un po' di esca buona. O più probabilmente sarà la solita fortuna dei principianti. Anzi, sicuramente sarà stata solo fortuna.
 
Ultima modifica:
Non vorrei dire cavolate, ma credo che gli animali facciano molto più caso ad odori e suoni
Si, l'ho letto anch'io, e ho letto anche che gli animali vedono in bianco e nero, ma se lo fanno (lo fanno anche i cacciatori, per esempio) avranno dei motivi buoni, credo. Magari il semplice fatto di non avere un colore uniforme può fare la differenza.
 

Damir

Guest
Questa proprio mi mancava. Guarda caso invece per me sono proprio parte integrante dell'equipaggiamento. E se leggi altri 3d, lo sono per un bel numero di persone, che non credo siano escursionisti della domenica (vedi il 3d sui bastoncini). Come la mettiamo?



Questo cosa centra con l'argomento?
leggi con attenzione il msg numero 1 .... ti aiuto.... " il necessario per curare un escoriazione"

Un bushcrafter come te i bastoncini se li puo anche fare sul posto. Io non ritengo necessario spenderci sopra.... ho specificato "UTILE (per chi li vuole) ma non NECESSARI (se non hai i bastoni non cammini?) eh...
 
Io sulla passione per qualsiasi cosa sono daccordo, purché l' appassionato ne faccia veramente uso di quello che compra. Quello che mi rammarica è il comprare oggetti per usarli 1 o 2 volte e poi svenderli. Davvero mi rammarica, perché è vero che i soldi sono miei e li spendo come mi pare, ma entrando per esempio in un discount con un euro mi rendo conto che con quel soldino qualcosa ci puoi comprare, più di 2 kg di farina per esempio. Magari potrei comprare meno roba ed essere un pò più generoso verso chi ha meno di me. Spero di non fare arrabbiare nessuno, secondo me buttare via i soldi è un peccato nel senso letterale della parola
 
Non capisco ancora. Ho letto il messaggio numero uno, dice che è utile un piccolo kit per curarsi un escoriazione, cosa c'è che non va in questo? Non mi sembra che un piccolo kit con due cerotti sia una cosa modaiola che ci si porta per fare i fichi, o no?


Vero, non sono indispensabili in assoluto cose come bastoncini o macchina fotografica, o sacco a pelo e tenda, o GPS, o mille altre cose. Nel senso che anche se non le hai puoi comunque andare. Le cose fondamentali non sono poi molte. Qui dipende da come uno vede questo sport.

Però attenzione, non è che se una cosa non è strettamente indispensabile non sia da usare. Il 3d riguarda l'eccesso, chi fa 500 metri la domenica con scarpe da 2.000 euro. Non si stava affatto parlando di andarsene in giro solo con il coltello perchè i bastoncini te li puoi fare, il consumismo del 3d è riferito all'eccesso, non alle normalil attrezzature. Stiamo parlando di escursionismo, di gite in montagna, di passeggiate fra i monti e i boschi, e credo che sia più che logico, e normale, portarsi tutto quello che ci può rendere la gita più confortevole e più sicura. Dire che i bastoncini non sono indispensabili è vero, ma chi se ne importa che non lo sono? Fanno parte del normale equipaggiamento di tutte le migliaia di persone che vanno in montagna ogni giorno, e non sono tutti pivellini, ci sono persone con esperienza trentennale, guide, gente comunque esperta. Nessuno li lascia a casa perchè non sono indispensabili, anzi vengono molto spesso consigliati dalle stesse guide e negli opuscoli delle escursioni.

Cerchiamo di non far confusione tra lo sport che è l'escursionismo e quello che molti definiscono "sopravvivenza", perchè sono due cose diverse. Qui si stanno troppo mescolando le due cose, teniamole separate per favore. Un conto è la gita in montagna, un altro la "sopravvivenza".
 
Ultima modifica:
Una domanda per quanto riguarda i vestiti mimetici (non è una provocazione, ma una domanda vera): a cosa servono??
Per chi va a caccia, fotografica, avvistamento o proprio caccia, gli consentono di essere meno visibili. Anche se gli animali vedono bianco e nero vedono tutto bianco e nero, compreso l'ambiente che li circonda. Quindi sono più le chiazze delle mimetiche che i colori che ti fanno mimetizzare.
Praticamente assomigli all'ambiente circostante.

Mi ricordo uno piccolo di cervo sui Lucretili che si volatilizzò in un lampo appena ci vide. Uscì allo scoperto ad una ventina di metri da noi, probabilmente eravamo sottovento e non ha sentito il nostro odore ma i colori sgargianti ci hanno tradito.
 

Damir

Guest
Non capisco ancora. Ho letto il messaggio numero uno, dice che è utile un piccolo kit per curarsi un escoriazione, cosa c'è che non va in questo? Non mi sembra che un piccolo kit con due cerotti sia una cosa modaiola che ci si porta per fare i fichi, o no?
uno ... la risposta era in topic... due: non ha detto che è utile... ha detto che basta quello... io penso che non basta. Semai prendo qualcosa per tamponare una ferita più seria e con quello curo anche l'escoriazione. Tutto qui.

per il resto... si ... hai ragione, ma tendo a rispondere in base a quello che faccio io... ma c'è da considerare che la situazione cambia in un attimo. Basta un temporale improvviso per trasformare un sentiero da scarpe da ginnastica in una trappola mortale. A chi chiede consigli (e quindi non è in grado di valutare da solo) preferisco dire di portare qualcosa in più che qualcosa in meno... meglio che mi maledice per il peso che per qualcosa di più grave. Quando gli si "incarnerà il mestiere" .... valuterà da solo cosa lasciare a casa. ;)

ma guarda che non parlo mica contro i bastoni o altro eh, ognuno cammina come preferisce ci mancherebbe... ma se posso spendere 100€ e basta... prendo le scarpe da 100, i bastoni li faccio e le immaggini me le tengo nei ricordi. Non metto tutto sullo stesso piano.
 
Ultima modifica:
Non vorrei dire cavolate, ma credo che gli animali facciano molto più caso ad odori e suoni, per cui magari un'abbigliamento non troppo vistoso può aiutare, ma non so quanta differenza faccia un tessuto mimetico.... non vorrei dire fesserie però: sono solo congetture.
Molti animali non hanno una vista molto acuta e con una mimetica è più facile confondersi nel paesaggio che con un tessuto fuxia.
 
ATTENZIONE: Mio cognato ha comprato il pc portatile con l' alimentatore solare cosi sue testuali parole "anche quando va a fare una passeggiata o a fare trekking non ho il problema della alimentazione."
Variazione di costo +650€

1) non va mai a fare trekking, non va neppure ai giardini con le mie figlie
2) quando va in ferie, o va in un villaggio o niente
3) lavora a casa

Quindi l' alimentatore solare e sua predisposizione, MAI usata.
Alla mia domanda" perche l'hai preso" mi ha risposto:
" mi piaceva poi non si sa mai, può sempre servire"

Questo per me è spreco
Paolo
 
Molti animali non hanno una vista molto acuta e con una mimetica è più facile confondersi nel paesaggio che con un tessuto fuxia.
Ovviamente non mi riferivo ad abbigliamenti sgargianti... intendevo qualcosa di non strettamente mimetico, come pantaloni in tela marroni e maglia verdone o cose simili.
 
Ovviamente non mi riferivo ad abbigliamenti sgargianti... intendevo qualcosa di non strettamente mimetico, come pantaloni in tela marroni e maglia verdone o cose simili.
Tela Marrone e maglia verde è come una mimetica, va bene. Diventa una questione di gusti, l'importante, per me, è non scostarsi troppo con i colori del paesaggio.
 
i canidi hanno la vista in bianco e nero, e anche alcuni felini. gli erbivori riescono a vedere molte tonalità di colori, e alcuni come i cervidi vedono anche alcune tonalità di ultravioletti.
i rapaci distinguono i colori principali.
la mimetica a differenza degli indumenti verdi monocolore riesce a camuffare meglio il nostro contorno rispetto allo sfondo molto variegato, quindi indossare una mimetica quando ti muovi tra i cespugli ti consente di avvicinarti di più, ma questo è solo una delle precauzioni, e serve a ingannare la vista degli animali. ovviamente devi prima preoccuparti di confondere il tuo odore e cercare di non fare rumore, altrimenti qualsiasi animale, già quando sei a 1 km di distanza da lui, sa della tua presenza, e per queste cose non ci sono indumenti che tengano (un cinghiale sente l'odore di un tubero sepolto sotto 2 mt di terra...
 
Non vorrei dire cavolate, ma credo che gli animali facciano molto più caso ad odori e suoni, per cui magari un'abbigliamento non troppo vistoso può aiutare, ma non so quanta differenza faccia un tessuto mimetico.... non vorrei dire fesserie però: sono solo congetture.
Perchè, come già anticipato, gli abiti mimetici "spezzano la sagoma", come si suol dire: un animale selvatico potrà pure avvertire il tuo odore o il rumore che produci, ma quando si guarderà attorno non riconoscerà alcuna sagoma "ostile", o la riconoscerà con maggiore difficoltà. Del resto, vale anche per gli uomini, che hanno una visione frontale e a colori, quindi con maggiore possibilità di distinguere una sagoma dallo sfondo.
 
In merito all'abbigliamento mimetico, oltre al colore, il disegno è fatto in modo da 'rompere' la sagoma del corpo.
Inoltre un paio di pantaloni mimetici tedeschi costa pochi euro in qualche negozio di surplus militare, e io li trovo molto comodi e robusti. Risparmio sui pantaloni e posso usare la differenza per qualcos'altro di utile.
 
Io provengo da un mondo, quello dei ciclisti, che si mantiene in vita grazie a chi ogni anno trova una scusa per comprare un componente nuovo, più leggero, scorrevole ecc.

Quando stai arrancando su una salita in preda a visioni mistiche ti chiedi "magari con quelle ruote là (3000€) magari facevo meno fatica" e via così di delirio in delirio. Fino alla cima dove il senno si riappropria delle tue facoltà e capisci che son tutte cose inutili, che in realtà è la gamba allenata che conta, la testa...


Vedere amici, anche un pò sovrappeso, che spendono migliaia di euro però non mi disturba affatto perchè so che non è il mio giudizio quello che vogliono o quello degli altri che passando deridono o sotto i baffi si dicono io sono già "arrivato" alla vera verità, vogliono solo premiarsi anche con acquisti che ai più risulteranno inutili.


In fondo, chi sono io per giudicare?
 
Autore Discussioni simili Forum Risposte Data
JackRyan Riflessioni 14

Discussioni simili



Alto Basso