Escursione M.Cervia

Dati

Data: 23/04/2023
Regione e provincia: Lazio, Rieti
Località di partenza: Paganico Sabino
Località di arrivo: Paganico Sabino
Tempo di percorrenza: 6h
Chilometri: 18
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: nessuna
Periodo consigliato: tutti
Segnaletica: CAI
Dislivello in salita: 1300mt
Dislivello in discesa: 1300mt
Quota massima: 1431mt
Accesso stradale: Paganico Sabino
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8656


Descrizione
In questo mio periodo, dominato dalla formazione su alpinismo e arrampicata, le uscite sembrano nascere quasi per caso, incostanti. Così un cambio inatteso di programma mi lascia di nuovo a dover decidere oggi per domani dove andare. E mi sembra naturale, secondo un approccio già sperimentato altre volte, finire di "battere una zona", per averne come una mappa più completa. E' così che la scelta cade sul M.Cervia, non certo una cima maggiore o connotata da grandi attrattive, ma comunque una cima non ancora visitata e utile a chiudere il piccolo "ciclo del Turano" inaugurato settimana scorsa con la salita al Navegna.
La partenza è quella classica da Paganico Sabino, e l'anello inizia dalle Gole dell'Obito, già percorse settimana scorsa e molto suggestive ma percorse questa volta con la fioca luce mattutina ed in senso inverso. I colori sono nettamente diversi, quasi alpini a tratti. Belli i giochi d'acqua del torrente - che non riprendo - e le cascatelle ed i ponti di attraversamento.

Vista di Ascrea da Paganico
1682370147864.jpeg


Avvicinamento alle Gole dell'Obito
1682369984648.jpeg


Cascatella del mulino
1682370188738.jpeg


Ponticello
1682370219980.jpeg


Come domenica scorsa, lo scopo è macinare km e dislivello con passo allenante quasi da trail running, quindi si va via veloce, col cuore sempre su ritmi alti per simulare un'ascesa ad altre altitudini. Ma oggi ci sono diverse differenze rispetto a domenica scorsa: il tempo è luminoso e caldo, tanto che di neve non se ne vedrà l'ombra nemmeno in quota; si attraversa più bosco; e sono solo.

Queste ultime due note sono quelle più suggestive per me della giornata. Dopo mesi di intatto candore innevato ed uscite collettive, il ritorno alla vita ed agli odori del bosco, condito dalla maggior sensibilità offerta dalla solitudine, mi regalano - per quanto blande - sensazioni che da tempo non riprovavo più. A conferma che ogni viaggio in realtà è puramente interiore. Il primo regalo è un tocco di quel verde che tanto amo, seguito da qualche gioco di controluci e distanze.

Verde
1682370524738.jpeg


M.Navegna
1682370565353.jpeg


La salita si conclude a Colle Pobbio, da dove si può apprezzare la magnifica prospettiva di questi luoghi: la vista sul Lago del Turano e quella sui tre grandi (Terminillo, Gran Sasso, Velino). Quest'ultima non la fotografo, contando su una prospettiva migliore dalla cima del Cervia, che invece scopro essere coperta di vegetazione e quindi sostanzialmente cieca.

Lago del Turano
1682370743784.jpeg


Vetta di M.Cervia
1682370876680.jpeg


Per fortuna l'ulteriore tratto che conduce fino alla Vena maggiore restituirà la vista di un crinale suggestivo e dei tre grandi, per quanto spostata sugli ultimi due. In particolare questo tratto mostra scampoli di verticalità, con torrioni di roccia che sembrano spuntare dal sottosuolo e puntare al cielo, con una certa suggestione.

Crinale
1682370987693.jpeg


Gruppo del Gran Sasso, con Corno Grande, Corno piccolo e Intermesoli ben visibili da dx a sx
1682371016153.jpeg


Gruppo Velino, con ben visibili (da dx a sx) Velino, Sevice, Costone, PuntaTrieste, Murolungo
1682371085891.jpeg

M.Terminillo

1682371226437.jpeg


Di qui, il tratto di ritorno ha poco da dire, se non mostrare la vastità dell'area naturale del Parco Navegna e Cervia, abbastanza intatta e solitaria, e ricondurre finalmente a Paganico, suggestivamente allineato ad Ascrea in una sorta di continuità affettiva sulle due sponde dell'Obito.

Paganico ed Ascrea
1682371315585.jpeg


L'allenamento è stato buono, alcune viste suggestive, ho avvistato due conigli selvatici. Non malaccio, ma manca un pezzo. Così il condimento finale è affidato al pranzo a casa di un vecchio amico, che mi fermo a visitare lungo la via di rientro a Poggio Moiano, a parlar di monti, corde, ricordi.
 

Allegati

  • 1682371432483.jpeg
    1682371432483.jpeg
    498,4 KB · Visite: 49
Bene, bene, pian piano stai spianando l'Appennino, come avrebbe detto uno storico membro del Club 2000 metri. A questo punto potresti partecipare all'uscita annuale del 28 maggio. Io mi sa che mi ci hanno incastrato... scout permettendo.
 
Alto Basso