Mantenere il sentiero segnato su carta avvalendosi della bussola

La bussola non è un gps. Insegnare ad utilizzare "carta e bussola" (perchè è un binomio fondamentale) su un forum è praticamente impossibile.
Devi pensare alla bussola come lo strumento che ti consente di verificare sulla carta dove ti trovi e dove stai andando.

Sono molto utili i corsi di orientamento che organizza il CAI. Puoi comunque fare una ricerca con google e leggerti qualche documento che parla di orienteering, non è complicata la faccenda, poi se hai qualche domanda più specifica chiedi pure.
 
Dico la mia: la bussola non serve per seguire un sentiero ma una direzione. Puoi comunque verificare la tua posizione attraverso uno o due tecniche base.
Determinazione del punto di stazione con allineamento a sentiero oppure con l'intersezione di due punti noti.
Verificata la posizione puoi capire come correggere la direzione di marcia per raggiungere il sentiero che ti sei segnato.
Per seguire un sentiero puoi suddividerlo in segmenti i cui veritici sono caratterizzati da qualche elemento che puoi rilevare: cime, ponti, incroci, campanili etc.
Dalla mia esperienza non è semplice trovare molti punti visibili, si cammina in mezzo a boschi dove la visibilità è limitata a qualche decina di metri. La determinazione dei punti noti la puoi fare quando sei su crinali esposti od in terreni aperti.
 
ciao squob,
ho appena acquistato un libro che tratta l'orienteering ed ho iniziato a leggerlo, sono già a buon punto; ma la prima domanda che mi sono fatto è stata: come faccio a non perdere il sentiero? intendo qualche consiglio pratico...
 
ciao squob,
ho appena acquistato un libro che tratta l'orienteering ed ho iniziato a leggerlo, sono già a buon punto; ma la prima domanda che mi sono fatto è stata: come faccio a non perdere il sentiero? intendo qualche consiglio pratico...

beh , a me verrebbe da dire "basta che segui il sentiero" , dalle mie parti sono molto ben tracciati.
cioè , non hai una meta? una cima ad esempio? oppure , non è che vuoi incominciare con "troppo"?
dalle mie parti (alpi) trovi qualsiasi tipo di sentiero che in qualche modo ti porta in quota o alla cima oppure all'altopiano; la bussola? che roba è?
per arrivare in cima al monte bianco , ad esempio , la bussola non ti serve a nulla.
è anche così da te ? non è che per caso ti vuoi avventare in escursioni un pò troppo complicate? se fosse così ti consiglio di non farlo , non incominciare in questo modo. pigliati una cartina , ben fatta , e seguine i sentieri. arrivi ovunque anche senza bussola
 
Beh, se il sentiero non è segnato bene, ma riesci a seguirlo sulla mappa, basta dare un' occhiata quando serve alla carta e seguire la terra battuta o i vialetti creati artificialmente da altri escursionisti o dal cai... Se il sentiero è tracciato basta seguire le indicazioni con i colori ed i numeri del percorso. Se non è presente segnaletica e la carta non riporta il sentiero sarebbe meglio cambiare strada, soprattutto se non si conosce bene il luogo in cui ti trovi.
 
Il sentiero di solito è segnato, o è "tracciato", nel senso che si vede la traccia di altri escursionisti, pastori, animali, ecc ecc.
Se con "perdere il sentiero" tu intendi che per sbaglio ne prendi un'altro a quel punto dipende molto dalla situazione.
Per prima cosa te ne devi accorgere di aver sbagliato. Potrebbe essere che stai camminando con un azimuth diverso da quello del sentiero giusto e questo te lo dice la bussola.
Potrebbe essere invece che sei sfortunato perchè sbagliando hai beccato un senterio che per un lungo tratto va parallelo a quello giusto e quindi te ne devi rendere conto guardando la carta e quello che ti sta intorno e facendo il "punto" se possibile.


Se invece il sentiero non c'è proprio a quel punto misuri sulla mappa l'azimuth della tua destinazione, che potrebbe essere intermedia o addirittura quella finale, e la segui con la bussola.

Se hai un libro di orienteering in mano dovresti trovarci come si usa la bussola. Non è difficile ma spiegarlo quì è cosa lunga, nel forum se ne è parlato, e non ho tanta voglia di mettermi a fare un trattato :D (fa anche rima). Credimi, si fa prima a fare un'escursione insieme e te lo spiego.... anche se non so di dove sei :).

Aggiungo che Maxmo ha centrato il problema. Con la bussola si ragiona per linee rette e direttrici che servono per orientarsi e raggiungere obiettivi.
 
Ho inserito delle lezioni che potrebbero interessarti Preparazione Gita - Missione Avventura ( non è per fare pubblicità al mio portale è che non ho troppo tempo per inserire tutto qui :) )

Ti cosiglio di leggere questi due articoli in particolare

Determinazione della direzione di marcia sulla carta

Azimut e Come Calcolarlo

L'azimut è fondamentale per raggiungere un punto, capire dove ti trovi oppure determinare un punto di riferimento usando la carta.

La determinazione della direzione è un approfondimento.

Se ci si perde esistono varie tecniche per riuscire a tornare sul sentiero

- La conta dei passi doppi ( in questo caso dovresti calcorare facendo una media quanta distanza compi ogni 2 passi ) così sai all'incirca determinare una distanza, sfruttando le tecniche precedenti avrai dei dati in più per tornare sul sentiero

- la manovra a 90°, io la chiamo così ( non è quello che immaginate ) praticamente dotati di bussola ogni 20 passi si effettua una rotazione a destra di 90% così via fino a ritornare al punto di partenza effettuando un quadrato questo dovrebbe permetterti di incrociare il sentiero perso, se non dovesse accadere si aumentano di 10 passi ( 30 ) è una semplificazione di una tecnica + evoluta, che va utilizzata preventivamente, appena ci si accorge di essersi persi


Se proprio non trovi il sentiero la miglior soluzione è alzarti di quota, questo ti permetterà di aver un maggior campo visivo e di riuscire a studiare un piano d'azione, che ti servirà per tornare a casa


Ps usando carta ( su una cartina escursionistica e simili i sentieri sono ben segnati ), bussola e una relazione... ovviamente rispettando i segnali posti sui sentieri ( cartelli scritti oppure segnaletiche grafiche, solitamente poste su sassi muri, piante, luoghi ben visibili ) sarà difficile per te perderti
 
Come si fa a non uscire fuori sentiero?
1) Pianificare ATTENTAMENTE l'escursione
2) Confrontare l'orografia con quella della cartina (se si ha un altimetro è meglio)
3) Tenere d'occhio l'azimuth della direzione di marcia
4) Cercare di memorizzare segni particolari del sentiero o comunque del percorso che si sta facendo (ad es. bivii che potessero generare confusioni nell'orientamento)
 
ciao squob,

premesso che in questo periodo mi sono letto un libro di orienteering, quindi so, almeno teoricamente, come vanno utilizzati carta e bussola

potresti spiegarmi meglio questi due passi:

Se con "perdere il sentiero" tu intendi che per sbaglio ne prendi un'altro a quel punto dipende molto dalla situazione.
Per prima cosa te ne devi accorgere di aver sbagliato. Potrebbe essere che stai camminando con un azimuth diverso da quello del sentiero giusto e questo te lo dice la bussola.
non ho capito cosa intendi con 'camminare con un azimut diverso dal sentiero giusto'

Se invece il sentiero non c'è proprio a quel punto misuri sulla mappa l'azimuth della tua destinazione, che potrebbe essere intermedia o addirittura quella finale, e la segui con la bussola.
come faccio a misurare l'azimut di una destinazione se non so dove mi trovo?
 
L'azimut è l'angolo da calcolare in senso orario e che va da 0° a 360° rispetto alla direzione sud - nord. Se hai visto sulla carta che la tua direzione sul sentiero prevede un azimut ad es. di 45° e tu stai marciando con un angolo ad es. di 70° ci deve essere qualcosa che non quadra.
La tua posizione la devi controllare continuamente dalla partenza a seguire. Mica ti sei lanciato col paracadute!:D Sai da dove sei partito e dove vuoi arrivare.
 
come faccio a misurare l'azimut di una destinazione se non so dove mi trovo?[/quote]

Se non sai dove ti trovi e non hai gps devi capire dove diavolo sei finito: puoi cercare nel territorio circostante un paio di riferimenti riconoscibili, calcolare il loro azimut reciproco ed in base a questo stabilire dove sei e riprendere il giusto cammino. In casi particolarmente fortunati può bastare un solo rilevamento.
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso