Marttiini Coltello Lappone edizione invernale 2020

si c'è un bell'appiattimento rispetto alla tradizione che potevano conoscere, però la gente "a da magnà" anche se sono finnici e gli stanno sui c......i gli italiani, si adeguano, si vede che neanche i loro paesani gli comprano più lame tradizionali oppure ne hanno a noia, oppure sono fatti bene e non si rovinano mai e non gliene servono. Comunque anche chi fa lame diverse dalla tradizione nordica, adesso fa i puukko, penso a benchmade, joker, condor, hanno tirato fuori dei coltelli "puukko, quindi l'importante per loro è rifilare sempre qualcosa di moda al compratore.
 
Comunque anche chi fa lame diverse dalla tradizione nordica, adesso fa i puukko, penso a benchmade
In questo periodo vanno certamente di moda. Qualcuno però oltre all'aspetto ha sostanza da vendere, per fortuna. Ad esempio il Benchmade 200 Puukko con i puukko tradizionali condivide solo il nome e qualche vaga somiglianza, però io che ce l'ho posso dire che è in assoluto uno dei migliori coltelli da outdoor che mi sia mai capitato tra le mani, e ha un rapporto qualità/prezzo ottimo per i contenuti, soprattutto se paragonato ad altri Benchmade.
--- ---

Qui ce n'è un altro, sempre di Marttiini, sempre in 420, sui 70 euro. A listino ora come ora ce ne ha un bel po'.
 

Allegati

  • marttiini-full-tang-curly-birch-knife-1484324433-5878fe510cf28.jpg
    marttiini-full-tang-curly-birch-knife-1484324433-5878fe510cf28.jpg
    68,7 KB · Visite: 190
Ultima modifica:
Certo Tyroler81 sono d'accordo, poi c'è il discorso qualità, alla moda e di qualità o solo di moda? Benchmade, concordo, non credo debba imparare da nessuno, ma in generale ti dirò un puukko buono industriale da usare senza remore, con 40/60 euro lo trovi ancora, io più che altro vado su quella fascia di prezzo di solito, poi ci sono le graditissime eccezioni che dici te, ma sulle quelle cifre io preferisco, senza togliere nulla alla Bench, anche a me garba quel modello, puntare sui puukko artigianali, portafoglio di periodo e moglie permettendo..
 
Io onestamente, per quanto ami il Benchmade, non lo considero un puukko (è "puukkeggiante" nelle linee, ma è tutt'altra bestia:)) e l'ho acquistato scegliendolo tra alcuni modelli di concezione molto moderna, principalmente per le performance. Ma col nome che porta, in tanti pensano di trovarsi tra le mani un nordico riammodernato.
Pensando a un "vero" puukko, anche io se dovessi spendere oltre 100 euro andrei di semi-artigianale o artigianale, senza dubbio. A livello industriale concordo pienamente ce ne siano di belli già poco al di sopra dei 50 euro, quasi tutti con onestissime lame Lauri che non avrei nessun timore a strapazzare sul campo. IMHO il bello dei puukko è che puoi avere un gran bel coltello, con storia e prestazioni di tutto rispetto, anche senza svenarti.
 
Questi sono quelli che attualmente posseggo. Il primo che ho preso è stato l'Uniikkipuukkot con lama YP Taonta e manico in dischi di corteccia di betulla. Poi ho preso un Tommi della Manun Paja. Accanto c'è il mitico Mora no. 1.
--- ---

Quando sarà arrivato il coltello che sto aspettando lo recensirò volentieri, ringraziando inoltre chi di dovere.
Riprendendo il discorso, in attesa di prenderti un Pukko artigianale, ti sei già piazzato bene direi! belli.
 
Alto Basso