Recensione Mi chiamo Orco, vengo da Mordor

Ciao ragazzi!

Qualche tempo fa, navigando su Campo Base Italia, mi sono imbattuto in quello che, all’epoca, era l’ultimo nato fra i coltelli home made di @henri .

Il coltello si chiama ORCO, mai nome fu più azzeccato. :dent4:

Mi è piaciuto immediatamente; dal look rustico ed un po’ aggressivo, alla lama brute de forge, che si sposa alla perfezione col design generale, fino al fodero in cuoio.

Ora finalmente Enrico mi ha prestato Orco, così da farmelo provare, un po’ per sapere che ne penso, ed un po’ perché credo mosso da compassione nei miei confronti, vista la voglia che avevo di impugnarlo.

Ho deciso di scattare qualche foto, e di condividere con voi le mie impressioni su questo coltello.

Sembra davvero il coltello da combattimento di un guerriero Orco

01.jpg




Lunghezza lama: 16 cm

Lunghezza totale: 33cm

Spessore lama: 5mm

Peso (senza fodero):

Peso (con fodero):

Materiale Lama: D2

Materiale Impugnatura: Ginepro



Ho pensato che le prove da effettuare sarebbero dovute essere all’altezza di un coltello Orchesco, per cui ho deciso di pensare come un Orco. Metterò da parte i classici picchetti e try stick, che sono robetta per Elfi, per concentrarmi su prove degne di un pelleverde!

Un po’ di storia su questo coltello:

Orco è stato creato durante l’anno 2341 della seconda Era.

Il metallo è stato estratto dalle miniere di Moria, la lama forgiata sul Monte Fato, e temprata nel sangue di Elfo, l’impugnatura è fatta col legno della quercia più antica di bosco Atro, il fodero è fatto in pelle di Nano.

Prima spacco qualche ramo per procurarmi un po’ di legna per il fuoco. Orco sembra non temere il lavoro pesante, e spaccare questa legna secca è stato un lavoro molto semplice.

02.jpg


Procedo sezionando un po’ di rami, operazione che si risolve senza problemi.

Preparo un po’ di trucioli per il fuoco, e Orco mi sorprende per la facilità con la quale riesco nell’operazione.

03.jpg


04.jpg


05.jpg


Il finger choil consente una comoda presa avanzata, ideale per fare trucioli; e per il momento il manico sembra comodo e non da problemi.

Ho provato molti coltelli da campo con prestazioni di taglio decisamente peggiori di Orco. C’è comunque da ricordare che Orco è innanzitutto un coltello da guerra, per cui deve poter penetrare nelle spesse corazze dei nani, è logico che debba essere sempre affilato a rasoio! :cool:

Il fuoco è acceso, ma temo che il fumo possa attirare qualche Elfo; devo procurarmi un arma.:biggrin:

Trovo un ramo che fa al caso mio. (Nocciolo in procinto di essere potato)

Prima opto per una normale punta di lancia.

06.jpg




Ma poi decido di creare una lancia a quattro punte, decisamente più adatta ad un Orco…

07.jpg




In particolare, la lancia a quattro punte, non è facile da fare se la lama è troppo larga, come ad esempio col Fox Bushcraft Parang; mentre con Orco non ho avuto grosse difficoltà.



Gli Orchi sono armati fino ai denti, un coltello ed una lancia non bastano, per cui mi costruirò un arma da lancio…

Due rami dritti di circa 30 cm, uno scasso quadrato al centro, un po’ di cordino, un Elfo come bersaglio, ed il divertimento è assicurato!:sleep:

08.jpg




Mi sto proprio divertendo ad utilizzare questo coltello, mi piace molto.

Ha una gran bella botta, per le dimensioni è decisamente più maneggevole di quel che sembra, ha una punta molto utile, un buon fodero, un impugnatura comoda, e soprattutto, taglia che è un piacere anche dopo 4 ore di utilizzo.

Oltre che per le prove fotografate, l’ho utilizzato per ripulire dai rami un alberello caduto, per sfrondare gli stessi rami, dopodiché ho provato un po’ di batoning su questa legna; ho poi tagliato un po’ di cordame, un tubo da irrigazione, un cavo elettrico a tre conduttori, ed una grossa e vecchia corda di canapa; e come ho riportato sopra, la lama e affilatura non presentavano alcun segno di cedimento.

Ormai sono entrato nella parte, e decido di cacciare qualcosa da mettere sotto i denti. Preparo una paiute deadfall, utilizzando un po’ di Lembas come esca. (il lembas noi Orchi non lo mangiamo, sia chiaro. è solo un bottino di guerra!)
La trappola è ovviamente dimostrativa, dopo la foto smonto il tutto, dato che in Italia utilizzare qualsiasi tipo di trappola è considerato bracconaggio, quindi illegale.

09.jpg




10.jpg


E’ giunta l’ora di tornare dai miei compagni, la tribù degli Avventurosi Rognosi. :p:si:

La giornata scorre via, ripongo Orco nel suo fodero. Rinnovo i miei complimenti e ringrazio Enrico per avermi fatto provare un figlio della sua forgia.

Le mie impressioni sono positive, le qualità di Orco le ho già riportate durante i test; riguardo i difetti, se proprio si volesse fare i pignoli, alla fine della giornata ho una piccola vescica nella mano, ma questo può davvero essere una cosa degna di nota? Direi proprio di no.

Penso di poter dire tranquillamente, che Orco non presenta difetti evidenti; gli unici appunti che gli si possono fare, sono di tipo soggettivo, basati più su gusti personali che su difetti oggettivi.

E voi?

Che ne pensate?

Gabri


11.jpg
 
Ultima modifica:
Troppo buono; speravo trovassi qualche difetto, così, mi monto la testa.

Anche a me è piaciuta l'ambientazione Tolkien-fantasy, mi ha fatto divertire molto, come spero ti sia divertito tu a sezionare legname e combattere elfi con Orco.
 
  • Mi piace
Reactions: GTA
Troppo buono; speravo trovassi qualche difetto, così, mi monto la testa.

Anche a me è piaciuta l'ambientazione Tolkien-fantasy, mi ha fatto divertire molto, come spero ti sia divertito tu a sezionare legname e combattere elfi con Orco.
Bé, diciamo che partivi avvantaggiato, Orco mi è piaciuto sin da subito, e ci ho visto giusto!
:)
 
bel coltello con lama panciuta, davvero originale come forma. ma non credi che il codolo poteva essere un po' più largo ? ma se ti trovi bene con l'impugnatura... come lo senti come equilibrio?
 
Bel coltello e bella recensione!! Domanda, ma è in acciaio D2? com'è stato forgiato?
l'acciaio è il BÖHLER. K110. DIN: X155CrVMo12-1. Wst: 1.2379. AISI: D2, per gli amici, semplicemente D2, donatomi da un amico,che lavora presso un azienda che lo utilizza ed a volte recupera scarti di lavorazione.

Il pezzo era 12 mm. di spessore, per 5 cm. di larghezza, lungo circa 30 cm.

Per dargli forma l'ho forgiato, con una forgia a carbone, che mi sono costruito, e tanti colpi di martello.

Il trattamento termico l'ho fatto fare ad una ditta specializzata, perchè con le tabelle colorimetriche non mi fido molto a temprare il D2, dato che a differenza di altri acciai, ha un range troppo basso di tolleranza.
 
Davvero una figata!
posso chiederti il contatto della ditta che opera il trattamento termico?! ho appena "trattato" alla forgia una bellissima lama di MA5A con il risultato di aver fuso una parte!!!:wall::wall::wall::cry::cry::cry:
 
ma non credi che il codolo poteva essere un po' più largo ? ma se ti trovi bene con l'impugnatura... come lo senti come equilibrio?
Mha, sarebbe potuto essere un pó più largo? Forse si, forse no... Mi sono trovato bene, e la bilanciatura era leggermente avanzata, perfetta per un coltello del genere. Inoltre l'impugnatura se avete notato, è leggermente oversize, così da consentire una presa arretrata....più arretrata!:p questo particolare non è da poco su coltelli di questo tipo..
 
Davvero una figata!
posso chiederti il contatto della ditta che opera il trattamento termico?! ho appena "trattato" alla forgia una bellissima lama di MA5A con il risultato di aver fuso una parte!!!:wall::wall::wall::cry::cry::cry:
Mi tempra gli acciai più "complicati" un amico di Faenza, che ha una coltelleria, ha anche un sito di vendita on linea di materiali per coltellinai, il sito è ceroniknives, non riesco ad inviare il link con lo smartphone, ma con un motore di ricerca lo trovi in un attimo.
Mi dispiace per la tua lama, so quanto tempo ci si deve dedicare per fare una lama e quanto scoccia quando qualcosa non va per il verso giusto, hai tutta la mia solidarietà.
P.s. l'acciaio di cui parli è un inox?
 
Ultima modifica:
l'acciaio è il BÖHLER. K110. DIN: X155CrVMo12-1. Wst: 1.2379. AISI: D2, per gli amici, semplicemente D2, donatomi da un amico,che lavora presso un azienda che lo utilizza ed a volte recupera scarti di lavorazione.

Il pezzo era 12 mm. di spessore, per 5 cm. di larghezza, lungo circa 30 cm.

Per dargli forma l'ho forgiato, con una forgia a carbone, che mi sono costruito, e tanti colpi di martello.

Il trattamento termico l'ho fatto fare ad una ditta specializzata, perchè con le tabelle colorimetriche non mi fido molto a temprare il D2, dato che a differenza di altri acciai, ha un range troppo basso di tolleranza.
Caspita è tosto forgiare ma lo è ancora di più forgiare acciai come il D2!! Ancora complimenti!!!
 

Discussioni simili



Alto Basso