mini set alcool deca autocostruito ( x1 persona)

#1
Ecco finalmente sono riuscito a trovare il tempo in alcuni giorni di ferie per ultimare (più o meno) il mio mini set da 1 persona, che penso userò con soddisfazione in uscite solitarie.
Normalmente uso il mio set autocostruito (che potete vedere qui : http://www.avventurosamente.it/xf/threads/il-mio-sistema-di-cottura-ad-alcool.40527/)che va benissimo per due persone ormai molto testato sul campo e che si è rivelato ottimo, è perfetto quando siamo in due, ma avevo voglia di creare un set adatto ad uscite più bushcraft in solitaria in cui ho bisogno di ottimizzare lo spazio e il peso ancora di più e usare uno zaino differente più piccolo e indistruttibile, con maggiore peso da attribuire a strumenti come accetta , segaccio , coltello ecc ecc.

Ho così creato questo mini set da 1 partendo dall'arcinota tazza da 300 ml del deca, ho poi creato un coperchio usando il tappo di una crema nivea a cui ho applicato un appiglio fatto solo con un pezzetto di paracord che passa in un foro del coperchio ed è fissato posteriormente con un nodo, così si può spostare il coperchio senza problemi di scottarsi.
Il fornelletto è una rivisitazione dell'ottimo capillarity hoop stove che normalmente uso nel set più grande.
Qui in versione rimpiccolita usando un contenitore di alluminio tipo deodorante spray.
Quello della scelta del fornelletto è stata una fase cruciale del progetto perché bisognava trovare un fornelletto ad alcool che fosse funzionale e cuocesse veloce con poco carburante ma che non avesse una fiamma troppo sbordante dal bordo . Dopo davvero parecchie prove ed esperimenti la scelta migliore si è rivelata proprio una versione piccola del mio vecchio fornelletto a capillarità.
Con 15 ml di alcool si porta a bollore 200-250 ml di acqua in pochi minuti, poco più tempo della versione classica più grande. La difficoltà sta proprio nel tarare la combinazione dimensioni fornello- dimensioni pentola-velocità di cottura-consumi.

Il pot stand è la classica rete da conigli che ho usato anche nell'altro set

Poi ho aggiunto una piccola boccetta di vetro con una quantità di sapone per piatti bastante a lavare la gavetta per parecchie volte e una paglietta di acciaio inox che si è rivelata fantastica nel pulire molto velocemente via il cibo e gli annerimenti.

Ed infine la cosa che mi ha dato forse più soddisfazione è proprio il sistema di chiusura di tutto il sistema , ovvero una mini imbragatura fatta con paracord e chiusura a clip, funzionalissima e solidissima, utile anche per aggiungere paracord disponibile in dotazione.

A voi le foto spero che vi piaccia

P.S. il set è stato già testato per due giorni in giardino di notte a Dicembre con temperature di 0°C e molta umidità e nebbia risultando perfetto e cuocendo monoporzioni di noodles, cous cous a breve creerò un riduttore di fiamma per cuocere anche paste e risotti

set chiuso+ boccetta di alcool 100 ml bastante per 6-7 cotture monoporzione (2 giorni abbondanti di autonomia)
sqs8jp.jpg


il contenuto impacchettato, come potete vedere c'è ancora molto spazio per altre cose

20tjmnq.jpg


il contenuto spacchettato

11izq7a.jpg


sistema in azione

2nis5eg.jpg


una vista della fiamma

nbu3x0.jpg
 

Ultima modifica:
#2
Ciao, ottimo set :) Anche io ne ho realizzato uno simile prendendo spunto dal sito di paiolo. Posso chiederti con cosa è fatto il paravento e dove si compra? Non mi sembra normale foglio di alluminio da cucina.
 
#3
No io ho sempre usato il fondo delle teglie di alluminio che si usano per cucinare in forno tipo il tacchino, quelle grandi che riportano dicitura tipo "doppia forza".
Sono molto più grosse del normale alluminio e hanno un prezzo ragionevole tipo 1-2 euro.
Altrimenti si possono usare anche fogli di alluminio- rame o simili che vengono usati per la incisione a sbalzo, li trovi nei negozi di belle arti credo , ma quelle non le ho mai usate personalmente, visto che le teglie da forno sono fatte apposta per cucinare per me non c'è niente di meglio.
 
#4
No io ho sempre usato il fondo delle teglie di alluminio che si usano per cucinare in forno tipo il tacchino, quelle grandi che riportano dicitura tipo "doppia forza".
Sono molto più grosse del normale alluminio e hanno un prezzo ragionevole tipo 1-2 euro.
Altrimenti si possono usare anche fogli di alluminio- rame o simili che vengono usati per la incisione a sbalzo, li trovi nei negozi di belle arti credo , ma quelle non le ho mai usate personalmente, visto che le teglie da forno sono fatte apposta per cucinare per me non c'è niente di meglio.
Ho capito quale intendi, grazie.
 
#7
questo fornelletto più piccolo è un po diverso e ho dovuto costruire da me alcuni pezzi interni però la versione più grande base è il capillarity hoop stove di Tektoba, se cerchi su youtube trovi facilmente i suoi video e su uno ti spiega anche esattamente come fare.
Per le scanalature della paratia lui usa una specie di righello triangolare , io mi sono trovato anche meglio con una piccola lima a forma triangolare, basta premerlo tra dito e spigolo della lima.

Qui l video di tektoba dove ti spiega come fare


 
#8
bello. per il the mi sono sempre portato il thermos... che vuoto pesa mezzo chilo.
Da quando frequento questo forum mi stanno venendo strane idee. Con questi microfornelletti me la caverei con un decimo del peso.
 
#9
Sicuramente poi un sistema con un fornelletto è molto versatile perché non ci fai solo il the ma ci puoi cucinare qualsiasi cosa.
E' intendo qualsiasi cosa: io ci cucino normalmente noodles, cous cous, risotti liofilizzati, pastasciutta, uova, carne, pesce, scatolame vario, ci puoi fare the, infusi, caffe liofilizzato, bollire verdure o piante che trovi.
Poco tempo fa ero nel bosco dietro casa e mi sono fatto un infuso con i piccoli frutti di rosa canina, un'altra volta un the di tarassaco, un'altra volta un infuso di ghiande, c'è chi fa l'infuso con aghi di pino ecc
 
#11
no per me cucinarmi da solo il cibo è una soddisfazione in più durante l'escursione, come il fatto di non dovere dipendere da tappe obbligate, quando ho fame mi fermo ovunque, letteralmente, in mezzo ad un sentiero, in una radura, su un punto panoramico mi siedo per terra preparo il set in 20 secondi e accendo il fuoco, tempo 5-10 minuti sono con la forchetta (pardon spork :p ) in bocca.
L'unica cosa più figa è cucinare su un fuoco di legna, ma con tutti i limiti di tempo, ricerca del legno, preparazione del fuoco, fumo, visibilità ecc.
L'alcool è il mio sistema più gettonato perché è ultraleggero, ultraveloce, ultraeconomico, ultradiscreto e ultraeconomico.

A ben vedere per me la soluzione migliore è avere una combo legna-alcool tipo:
fornelletto ad alcool e wood gas stove così si può affrontare quasi tutto direi anche su periodi lunghi
 
#14
Grandioso! Grazie e... qualche domanda:
  1. ma il paravento, se c'è vento, non vola via, o va a sbattere lui contro rete e pentolino? Come si fa a tenerlo "fisso", centrato intorno al fornello?
  2. puoi fare per favore una fotografia che mostri bene in dettaglio come sono connesse parte verticale e parte orizzontale dell'imbragatura?
  3. questa è molto probabilmente cretina ma... come si toglie la vernice dalla lattina? Perché non è carta o plastica incollata sull'alluminio, no?
Grazie ancora!
 
#15
A ben vedere per me la soluzione migliore è avere una combo legna-alcool tipo:
fornelletto ad alcool e wood gas stove così si può affrontare quasi tutto direi anche su periodi lunghi
Il fornelletto a pirolisi mi sta arrivando (sempre che sia realmente pirolitico).
Ma è comunque una cosa impegativa in termini di peso e ingombri se si tratta di fare una sola tazza di the.
Diversamente se vuoi cucinare dovrebbe essere un'ottima idea.
Teoricamente la pirolisi non fa fumo e non dovrebbe dare nell'occhio.

come si toglie la vernice dalla lattina? Perché non è carta o plastica incollata sull'alluminio, no?
Me lo sono chiesto anche io
 
#16
Per il wood gas stove ne ho gia' costruito uno perfettamente funzionante effettivamente e' molto efficiente con pochissimo legno in rametti ci cucini alla grande ,e' assai veloce e non fa fumo. Come ingombro sta perfettamente dentro la mia popote da 800 ml del deca e puo' ospitare dentro di se un fornelletto ad alcool a mo di paravento. Per le foto dell' imbragatura domani posto comunque e' semplice sono tutti nodi tipo i braccialetti cobra
 
#17
ottimo il secondo video, ne avevo realizzato uno ma dal primo video non avevo capito bene.
per quanto riguarda il contenitore in vetro, lo sostituirei con uno in plastica e come ho già consigliato ottimi sono quelli che contengono le varie soluzioni per chi porta lenti a contatto, vedi saponi o lacrime artificiali, se conosci qualcuno che le porta ti conviene chiedere.
alcune impressioni sul set: molto bello e ben realizzato, per i miei gusti uso un sacchetto per non far entrare in contatto l'interno del pentolino con il resto della roba e stessa cosa vale per la base del pentolino che a fine cottura è sempre un pò sporca; la retina di supporto io la preferisco più grande così è più stabile; la paglietta pulisce bene ma a sua volta si sporca ed è difficile da ripulire, io per ora uso fazzoletti di carta però con un pentolino di acciaio, più facile da pulire rispetto all'alluminio forse perché si graffia meno.
complimenti comunque
 
#19
Boh guarda io l'acciaio faccio più fatica a pulirlo specie se si attacca la roba sul fondo con la paglietta mai avuto problemi anzi è moooolto più veloce da pulire.
Per il piccolo contenitore del sapone vado bene col vetro perché quella bocccetta è fatta molto bene ha una chiusura molto ermetica e dura, resistente.
Con quelle di plastica che avevo trovato avevo sempre il dubbio che perdessero liquidi in giro. In più su questa il vetro nonostante le piccole dimensioni è bello grosso.
Il pot stand in rete ti assicuro che è fatto in misura ad hoc, se lo avessi fatto più grande sarebbe stato meno stabile, e la tazza andava ad incastrarsi nel pot stand stesso.

Per MarcoF posto due foto del dettaglio dell'imbragatura e rispondo:
-Il paravento serve a parare il vento ed evitare che faccia ondeggiare troppo la fiamma dell'alcool, poi come ogni paravento autocostruito o commerciale ha i suoi limiti non c'è niente da fare, se c'è un po di vento ti assicuro che non ci sono grossi problemi, provato in cresta problemi zero, se poi c'è una bora che ti butta via la tenda è ovvio che il paravento te lo butta per aria come moltre altre cose intorno a te se non stai attento :p ma questo vale per praticamente qualsiasi fornelletto e paravento
-per levare la vernice dalle lattine io ho scoperto un modo estremamente veloce e facile che non avevo mai visto usare prima: dremel più spazzolina morbida abrasiva, veloce ed efficace,
img_77668_121502dremel_511s_dett.jpg

se poi uno vuole avere un metallo superlucido da una bella passato con un platorello di stracci montato su un trapano e pasta abrasiva da carrozzieri
634708847139995891-SCG80.jpg


8z48ig.jpg

2cr64vo.jpg
 
Ultima modifica:

Discussioni simili

Alto