Escursione Monte Bruffione e Monte Boia da Gaver

Parchi della Lombardia
Parco dell'Adamello
Dati

Data: 1 agosto 2020
Regione e provincia: Brescia
Località di partenza: Gaver
Località di arrivo: Monte Bruffione - e ritorno
Tempo di percorrenza: 3h il Bruffione, altri 45' il Boia, 2h20' la discesa
Chilometri: 5.3 il Bruffione + 1.5 il Boia + 7.3 la discesa
Grado di difficoltà: E+ il Bruffione, EE il Boia
Descrizione delle difficoltà: per salire al Boia ci sono un paio di punti esposti, ma facilitati con un corrimano
Periodo consigliato: estate-autunno
Segnaletica: bolli frequentissimi, paline un po' meno
Dislivello in salita: 1200 il Bruffione, altri 150 il Boia
Dislivello in discesa: ~ 1400
Quota massima: 2665 (Monte Bruffione)
Accesso stradale: strada Bagolino-Gaver, parcheggio al Bar Bruffione o nelle vicinanze (poco prima ci sono altri parcheggi)
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8369


Descrizione

Finalmente al terzo tentativo insacco questa montagna che mi ha sempre incuriosito. La prima volta il meteo era pessimo quindi sono rimasto più in basso, la seconda volta la strada era interrotta per lavori e quindi ho dovuto improvvisare, la terza volta strada a posto e meteo perfetto!

Già subito la bella sagoma del Blumone incombe sul Gaver:


Dietro il Bar Bruffione inizia la carrareccia che dopo il ponte sul fiume Caffaro si biforca: a destra la carrareccia continua verso la piana di Bruffione e il suo carico infinito di merenderos, a sinistra si diparte il sentiero direttissimo che sale verso il Bruffione. Ovviamente, si va a sinistra, dove il sentiero si svolge all'inizio nel bosco:


E di nuovo il Blumone si erge maestoso quando gli alberi si diradano:


Si arriva in breve ad una bella piana erbosa a quota circa 1950 m, circondata da belle cime:


Il sentiero riprende a salire sul pendio parte erboso, parte roccioso. Perfino cavalli al pascolo:


Finalmente la cima del Bruffione spunta da dietro una gobbetta:


Voltandosi indietro si intravvede la strada e il Passo di Crocedomini:


L'ultima parte del percorso è un po' faticosa perché attraversa sfasciumi:


Frerone e Blumone e le cime attorno al Lago della Vacca:


In breve si arriva all'ultima parte di cresta, e per giungere alla cima mancano solo pochi passi di semplice arrampicata:


Bellissimi panorami da tutte le parti, dal Lago Nero su sfondo Adamello:


Alle cime attorno al Lago di Garda:


Al Blumone e il suo contorno:


Adamello superstar:


E Dolomiti di Brenta:


Dopo essermi rilassato quasi un'ora in vetta, riparto per la seconda meta, il Monte Boia proprio di fronte. Non riesco a individuare la via di salita:


Forse quel canale sfasciumoso sulla destra? Boh, vedrò quando arriverò.
Si scende fino quasi ad arrivare al passo tra i due monti, poi la traccia si svolge tutta sul lato sinistro, aggirando i risalti rocciosi su un terreno piuttosto scosceso, a dir la verità. Alcuni tratti sono assicurati con un corrimano, prima di corda poi di metallo. Aggirati i primi risalti rocciosi, tutto il resto si svolge su cresta, con piccoli tratti di elementare arrampicata.



Il sentiero consente di continuare in cresta e scendere dall'alto lato, per poi ricollegarsi al sentiero di discesa (la normale, non il direttissimo):


Da lì in poi, sulla carrareccia dei merenderos, si ritorna verso il Gaver, non senza qualche altro bello scorcio:



Al Bar Bruffione, come ringraziamento per avermi lasciato parcheggiare tutto il giorno, una bella birrozza con una ottima fetta di cheesecake!

Alla prossima!
 
Ultima modifica:
Ci sono stato con 4 amici sabato, salita in notturna fino a Malga Retorti (1950m) e pernotto in tenda nei prati vicini. Il giorno dopo era previsto di salire al Bruffione ma uno dei compagni, decisamente fuori forma, non se l'è sentita.

Riproviamo questo sabato, stavolta in 2 e sempre in notturna, con l'idea di salire direttamente al Bruffione e pernottare in vetta o comunque in prossimità, dove possibile.
 
Ci sono stato con 4 amici sabato, salita in notturna fino a Malga Retorti (1950m) e pernotto in tenda nei prati vicini. Il giorno dopo era previsto di salire al Bruffione ma uno dei compagni, decisamente fuori forma, non se l'è sentita.

Riproviamo questo sabato, stavolta in 2 e sempre in notturna, con l'idea di salire direttamente al Bruffione e pernottare in vetta o comunque in prossimità, dove possibile.
Non c'è molto spazio per piantare tende vicino alla vetta: il terreno è abbastanza ripido. C'è un bivacco al Passo di Bruffione, però è un po' fuori rotta per voi
 
Si diciamo che l'idea è di valutare se fermarci a 2400-2500 (più o meno in zona foto con i cavalli se non sbaglio) dove ancora dovrebbe essere facile trovare uno spiazzo per la tenda, o proseguire fino in vetta per poi riabbassarci.
 

Discussioni simili



Alto Basso