Ferrata Monte Civetta per la ferrata degli Alleghesi

Parchi del Veneto
Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi
Data: 11,12 Settembre 2010
Regione e provincia: Veneto,Belluno
Località di partenza: Alleghe
Località di arrivo: Cima del Civetta e rientro per la normale
Tempo di percorrenza: Partendo dal rifugio Coldai con rientro ai Piani di Pezze circa 12 ore
Grado di difficoltà: EEA+
Descrizione delle difficoltà:Moderatamente difficile non presenta passaggi di particolare impegno eccetto l'affanno dovuto all'eccessiva lunghezza..
Periodo consigliato: Sempre eccetto in inverno
Segnaletica: Dal Coldai via n.1 -sentiero Tivan n.557 fino allo Schenal del Bech 2300m- dove si lascia l'alta via verso destra come indicato su un grosso masso da una freccia rossa con scritta "Alleghesi".
Dislivello in salita: 1300 m da Col dei Baldi,1100 m dal rifugio
Quota massima: 3220 m
Accesso stradale: Io sono partito da Alleghe,preso i due spezzoni di funivia,uno che porta ai Pianni di Pezze,e poi successivamente al Col dei Baldi 1920 m. Ci sono altre possibilità.

Descrizione

A motivo del lockdown imposto sto trascorrendo gran parte dei weekend a restaurare il mio blog, soprattutto i post datati recuperati dal vecchio blog della Tiscali ormai dismesso ed incorporato in blogspot. Mi sono ritrovato a recuperare vecchie foto relative alla salita sul Monte Civetta conservate nei miei vecchi DVD.Questa grandiosa salita ha ridestato in me antiche emozioni,pertanto dopo una mezza giornata di lavoro al pc per recuperare, modificare testo,foto e quant'altro ho pensato di condividerla.E allora partiamo:si::si:


205805


Prologo

Ricordo ancora quel 28 luglio 2007 quando di ritorno da una sortita turistica alle Tre cime di Lavaredo ricevetti la telefonata di Francesco,guida alpina delle dolomiti,dicendomi che il Civetta per la ferrata degli Alleghesi non si sarebbe fatta a causa delle avverse previsioni meteo. La scalata alla Marmolada per il ghiacciaio effettuata il giorno prima insieme al mio gruppo Cai non dissipò completamente l’amarezza per la rinuncia al Civetta. Ci volle del tempo per digerire la cosa. Chissà quando mi sarebbe capitato di ritornare sulle Dolomiti. In queste occasioni rammento sempre la solita frase:”le montagne sono sempre li.”…sigg!!

Infatti è così. Dopo tre anni ci sono ritornato e questa volta il meteo mi ha premiato in quanto i due giorni necessari alla salita ,il primo per raggiungere il rif.Coldai e il secondo per l’attacco alla vetta sono stati a dir poco spettacolari,a dispetto dei precedenti e dei successivi alla scalata,davvero brutti,quasi invernali.

Con me per questa sortita un agguerrito quanto affiatato gruppo appartenente al Cai della Valmalenco contattato via internet qualche settimana prima,20 intrepidi che mi hanno “arruolato”per l’occasione. L’11 Settembre pomeriggio sono ad Alleghe con il suo pittoresco lago che in questo periodo dell’anno è semideserto,solo qualche albergo aperto e gli impianti di risalita che avrebbero chiuso il giorno successivo. In compenso l’aria settembrina e le piogge dei giorni precedenti rendono il cielo terso e i paesaggi limpidi e cristallini. Davvero strano vedere questo importantissimo centro turistico così vuoto.

205806


205807


Da Alleghe al Lago e Rifugio Sonino al Coldai

Dopo aver lasciato i bagagli in albergo ed essermi cambiato,zaino a spalla mi dirigo verso le funivie. Un primo tratto mi porterà ai Piani di Pezzè (1452 m.)dove faccio una pausa pranzo nei pressi dell’area ristoro Fontanabona. Nel frattempo sopraggiunge un primo gruppetto di quattro dalla Valmalenco con in testa l’organizzatore Andrea e sua moglie Debora.Ci diamo appuntamento al rifugio Coldai in serata . Mentre io preferisco sfruttare la seggiovia che porta al Col dei Baldi (1922 m.)guadagnando circa 450 m. di dislivello ,loro partono per il sentiero n°4 che conduce in forte salita prima al lago Coldai e poi al rifugio. La seggiovia lentamente mi porta al Col dei Baldi dove d’improvviso compare la mole rocciosa ed imponente di Monte Pelmo,il primo culmine delle Dolomiti ad essere stato conquistato. A Sud-Ovest troneggia la “Regina delle Dolomiti” la Marmolada con l’impressionante parete Sud detta anche Parete d’Argento.

Il percorso che parte dal Col dei Baldi al rifugio è una passeggiata gradevole di un’ora e mezza , meta di innumerevoli escursionisti e turisti. Prima un tratto di sterrata che conduce a Malga Pioda e poi il sentiero n°556 attraverso alcuni tornanti e gli ultimi metri in forte salita conducono ai 2135 m. del rifugio Sonino al Coldai passando attraverso la Forcella di Alleghe ,valico tra la Val Cordevole e la Val Zoldana.

Un andirivieni di escursionisti diretti e provenienti dal rifugio animano di continuo questo frequentatissimo sentiero,attirati tra l’altro dallo smeraldino laghetto Coldai sovrastato dalla mole dell’omonima torre. E’ dunque d’obbligo una visita in questo angolo di paradiso. La mente inevitabilmente torna a tre anni fa quando insieme a Salvatore e Pasquale attraversammo la Val Civetta lungo il sentiero n° 560 ai piedi della “Parete delle Pareti” per raggiungere il rifugio Attilio Tissi,lasciandoci rapire dalla visione sublime delle Torri del Civetta:Torre del Lago,Pan di Zucchero,Punta Civetta e così via. La via del ritorno ad Alleghe poi,vi assicuro,scendendo per il dirupato Vallone dell’Antersass è stata un’avventura nell’avventura. Che emozioni forti riuscì a trasmetterci questa meravigliosa montagna,tra le più belle del mondo,paradiso di alpinisti e arrampicatori,regno del “sesto grado”.

Al rifugio mi unisco agli altri che man mano sono sopraggiunti andando a completare il folto gruppo. Al tramonto il Pelmo si infiamma di rosso catturando lo sguardo di tutti e delle nostre macchine fotografiche. A cena tra primi piatti a base di “Kanederling” al burro e secondi di spezzatino con polenta che ristorano il cuore e l’anima ci scambiamo esperienze montane fatte nelle rispettive terre di provenienza. Davvero persone squisite,queste della Valmalenco a testimonianza del fatto che il Cai in tutta Italia è una grande famiglia.

Prima della “nanna” molti escono fuori per ammirare estasiati un cielo stellato come non l’ho visto mai;le stelle sono diamanti brillanti incastonati nella volta celeste,in un cielo terso e limpido di cristallo e la Via Lattea un fiume in piena di stelle che si perdono nell’infinito dell’oscurità. Uno spettacolo straordinario,grandioso preludio ad una giornata perfetta.
205808


205810


205811


205812


205813


205814


205815


205816


205817


205818


205819


205820


L'Avvicinamento

E’ il fatidico giorno della Ferrata degli Alleghesi,la lunghissima ed affannosa quanto bellissima via attrezzata che ti porta dritto sulla cima del Civetta a 3220 m. Siamo in molti. L’organizzatore decide saggiamente di anticipare la partenza per non trovarci imbottigliati ad attendere altri gruppi di arrampicatori e quindi rallentare notevolmente la marcia e i tempi di rientro. Alle 6.30 di uno splendido mattino siamo in marcia in direzione della forcella Coldai per immetterci sull’alta via n°1(sentiero Tivan n° 557).Lungo questa prima parte del percorso cogliamo il sorgere del sole appena a destra di Monte Pelmo in uno scenario di superba bellezza .Sullo sfondo le cime e le creste frastagliate dell’Antelao e del Cadore.

Il sentiero prosegue successivamente in leggeri saliscendi e porta inizialmente ad una forcella,e poi svoltando verso est sale lentamente un costone attrezzato in alcuni punti con corde fisse fino ad una conca cosparsa di grossi massi,con grandiosa vista sul Civetta ,fino a raggiungere lo Schenal del Bech a 2300mt dove si lascia l'alta via verso destra come indicato su un grosso masso da una freccia rossa con scritta"Alleghesi". Dopo un breve tratto attrezzato ed alcune facili roccette si arriva all'attacco della ferrata. Sono le 8.00.

205821


205822


205823


205824


205825


205826


L'inizio è verticale ed esposto ma attrezzato con pioli e scalini ,superato questo primo salto verticale si traversa a sinistra per risalire ancora su staffe ed una successiva scaletta in ferro. La via,continuamente segnata in rosso,continua all'interno di una lunga serie di canali spesso in ombra che caratterizzano la ferrata fin dall'attacco risalendo fino in cresta a quota 2550mt girando le spalle alle stupende torri del Civetta .Mentre il lungo serpentone di audaci arrampicatori avanza,nubi ovattate risalgono dalla valle ricoprendo parzialmente le pareti del versante sud rendendo il paesaggio surreale. La cresta volge a sinistra,si risale traversando in diagonale ed in forte esposizione ma sempre in sicurezza grazie a fune ed una successione di pioli ,un successivo tratto verticale diverte per la possibilità di arrampicare e porta ad una ampia cengia da dove,meteo permettendo,è possibile ammirare gran parte della Val Zoldana.

Si percorre la cengia verso nord-ovest e si risale nuovamente fino ad un pulpito panoramico dove è possibile prender fiato prima di riprendere in traversata su roccia.La via,sempre obbligata prosegue per canalini e placche fino a raggiungere lo spigolo da dove si ha una bella prospettiva sulle torri settentrionali (Pan di Zucchero,Torre di Val grande e Torre D'Alleghe), poi per vari salti rocciosi e attraverso un difficile camino verticale si giunge alla cresta in corrispondenza della forcella tra Punta Civetta e Punta Tissi.
205827


205828


205829


205830


205831


205832


205833


Ora la vista si apre sul versante opposto,nella valle si vede Alleghe con il verde lago e sullo sfondo l'imponente mole della Marmolada.Usciti dal solito lungo canale inizia la risalita in cresta con alcune roccette non attrezzate e terrazzi detritici dove è necessaria attenzione per non provocare caduta massi. Sotto la cima affrontiamo un insidiosa cengetta attrezzata e ghiacciata su parete strapiombante,molto stretta dove manca inspiegabilmente uno spezzone di cavo e che costringe a fare delle complicate manovre di “aggancio” tra gli arrampicatori.
I tratti attrezzati non sono finiti ma ormai la vetta è vicina. Si superano ancora dei "massi di roccia"dove la fune è utilizzata esclusivamente per aggancio di sicurezza vista anche la stanchezza così come nel culmine della cresta levigata che in pochi minuti porta alla cima del Civetta a 3220 m. alle 12 in punto (4 ore dall’attacco della ferrata). In vetta siamo in 40 circa. Inutile ribadire che da quassù la vista tutt’intorno è mozzafiato,sospesi su un fazzoletto di roccia sulla parete N-O alta più di 1000 metri e ampia sette chilometri.
205835


205836


205837


205838


205839


205841


205842


205844


205845


205846


205847


205848


205849


205850


205851


Per la discesa,anche se una timida vocina mi dice di scendere per l’altra ferrata,la Tissi,che dilaterebbe di due ore i tempi di rientro,prendiamo la via normale che passa per il piccolo rifugio Torrani (2984 m.)dove ci fermiamo qualche minuto per una pausa. Su terreno detritico e tratti attrezzati giungiamo al Passo del Tenente a 2380 m. un caratteristico lastrone di roccia fortemente inclinato,poi ampie placche conducono ai ghiaioni alla base del massiccio. Tracce di sentiero tra i nevai ci aiutano a trovare il sent.Tivan che passa vicino allo Schinal del Bech ,e percorrendo poi il tragitto dell'andata ci si riporta infine al rif.Coldai .Sono state necessarie 10 ore e trenta ai quali si aggiungono 1.30 ore per scendere a piedi ai Piani di Pezzè dove ci aspetta l’auto.

205852


Considerazioni finali
Il Monte Civetta è un colosso dolomitico che rapisce per la sua arditezza ed eleganza,la ferrata è davvero impegnativa ed affannosa,ma allo stesso tempo appagante.Il tutto immerso nel paesaggio delle Dolomiti che,ricordo,fanno parte dell'Unesco, patrimonio dell'umanità.Non a caso quest'anno ho preferito il Civetta ad un 4000 valdostano.L'itinerario ha sicuramente soddisfatto ogni mia aspettativa e poi,la compagnia di maestri della montagna appartenenti al Cai della Valmalenco,non poteva che rendere la sortita piacevole e sicura.Mi sono sentito a casa mia,perchè le montagne tutte...sono casa mia. Ritornerò nella mia terra,il Pollino con rinnovato entusiasmo e un bagaglio di ricordi bellissimi.

205853
 

Allegati

Ultima modifica:
Grazie e complimenti, ho fatto un paio di uscite intorno al civetta e altre due volte ho dovuto rinunciare alla Alleghesi causa maltempo. spero di farcela quest'anno. Mi piacerebbe dormire al Torrani...
 
Grazie e complimenti, ho fatto un paio di uscite intorno al civetta e altre due volte ho dovuto rinunciare alla Alleghesi causa maltempo. spero di farcela quest'anno. Mi piacerebbe dormire al Torrani...
Te lo auguro di cuore.Sembra che i rifugi a breve riprendano l'attività anche se attueranno i protocolli di sicurezza.Il Torrani è piuttosto piccolo e quella ferrata richiama molta gente con rischi di assembramenti visto il percorso obbligato che una ferrata impone.Probabilmente dovrai informarti bene e prenotare moooolto in anticipo
 
Grazie e complimenti, ho fatto un paio di uscite intorno al civetta e altre due volte ho dovuto rinunciare alla Alleghesi causa maltempo. spero di farcela quest'anno. Mi piacerebbe dormire al Torrani...
Non appena torno in Italia ad agosto in lista ci sono le ultime 3 vette delle Dolomiti che mi rimangono (civetta, pelmo e Sorapiss) per completare la missione che mi ero prefissato un paio d’anni fa (farmi in solitaria tutte e 16 cime più alte per ogni gruppo Dolomitico). Ti dico però che mi sto organizzando con la mia tenda per evitare spiacevoli sorprese nelle varie misure restrittive che adotteranno i rifugi... probabilmente piazzerò la tenda nei pressi della Schenal del Bech in modo da trovarmi già all’alba sotto l’attacco dell’Alleghesi... sono ancora indeciso se scendere dalla normale o spararmi la Tissi in discesa! Ti terrò informato qualora volessi aggregarti...
 
Eh... ma tu sei forte mi sa
Pelmo e Civetta sono da sempre nei miei sogni, ora che ho comprato anch'io la tenda potrebbe essere interessante usarla per quei giri, anche se è un peso in più non da poco.
La Tissi in discesa deve essere tosta...
 
Eh... ma tu sei forte mi sa
Pelmo e Civetta sono da sempre nei miei sogni, ora che ho comprato anch'io la tenda potrebbe essere interessante usarla per quei giri, anche se è un peso in più non da poco.
La Tissi in discesa deve essere tosta...
Ma che forte!!!??? :D Per il peso devi calcolare: tenda con footprint, sacco a pelo e materassino e tutto il materiale logistico tra fornellini, lampade ecc... ma di certo non te lo porti tutto il tempo su (solo l’avvicinamento). Il giro l’ho concepito per poi partire il giorno successivo più leggero del solito (la tenda con tutto il resto resta giù smontata e la si recupera al ritorno)... In pvt se mi scrivi ti dico i dettagli;)
La Tissi??? È un’ascensore!! :biggrin:
 
Ultima modifica:

Discussioni simili



Alto Basso