Escursione Monte Conca D'Oru - disastro aereo DC9 I-ATJC del 14/15 Sett. 1979

Dati

Data: 28 Settembre 2011
Regione e provincia: Sardegna - Cagliari
Località di partenza: Loc. Su Loi ( Capoterra - CA)
Località di arrivo:Monte Conca D'Oru
Tempo di percorrenza: 5 ore circa (A/R) compreso pause per fare foto (circa 400)ecc.ecc. e per cercare la cabina che dopo l'impatto e' precipitata giu' dal costone
Chilometri: 26 (A/R)
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: Prima parte accessibile,trattasi di carrareccia ben segnalata - ultimi 2/3 Km a salire il sentiero diventa poco visibile e con forti pendenze -attenzione al tratto intermedio bisogna superare alcune creste di granito davvero pericolose.
Periodo consigliato: Estate (con riserva idrica sufficiente ,dato l'assenza di fonti) - Autunno - Primavera - Inverno (secondo me, sconsigliato)
Segnaletica: Inesistente (nel primo tratto pero' esiste segnaletica Cai con dicitura "S'Enna Sa Craba"sentiero numero 242 - in alcuni tratti esiste segnalino rosso/bianco scolorito dal tempo o nastrini in plastica in pessime condizioni e poco belli a vedersi.
Quota massima: 641 Mt.
Accesso stradale: Dalla provinciale 195 direzione Pula alla rotonda di Su Loi girare a Dx e seguire itinerario 242 "S'Enna e Sa Craba".

Descrizione
Ciao ragazzi,oggi volevo indicarvi un sentiero (che magari molti conosceranno gia')che porta a vedere i resti del DC 9 ATI I-ATJC (volo BM- PT 012)
precipitato sui monti di Capoterra in una zona davvero impervia(senza strade di accesso in quegli anni) nella notte tra il 14 e 15 Sett.1979 durante un violento temporale e che causo' la morte di 31 persone.I primi soccorritori arrivarono sul luogo del disastro solo intorno alle 08.00 del mattino!!!!!!Ho deciso di andare a fare questa escursione per cercare di ricostruire l'accaduto (sto ancora reperendo materiale tra cui carte Aeronautiche,io avevo allora nove anni e ricordo a tratti questa sciagura) e capire come mai ci sia stato questo clamoroso errore da parte dei piloti....per approfondimenti ecco alcuni siti interessanti :
Volo Aero Trasporti Italiani 12 - Wikipedia oppure per ulteriori Info tra cui il "Bollettino ANACNA"di grande interesse(almeno per me) Disastro aereo Dc 9 ATI I-ATJC sui monti di Capoterra - 14 settembre 1979 - Capoterra Punto NET (Sardegna) o ancora ASN Aircraft accident McDonnell Douglas DC-9-32 I-ATJC Sarroch ;ancora oggi si possono vedere i resti (addiritura vestiti,tendine,seggiolini ecc.) in buono stato di conservazione . Ma veniamo al dunque : il sentiero parte dalla rotonda di Su Loi (chiaramente andare a dx verso le montagne per chi proviene da Cagliari),e documentarsi prima con carte Igm - Ctr - Google Earth ecc., seguire poi il sentiero Cai numero 242 che porta a "S'enna e Sa Craba"per circa 10 Km (questo primo tratto puo' essere percorso anche in auto );si arriva cosi' ad uno spiazzo (ben riconoscibile perche' e' un crocevia e vi si trova soprattutto un punto di raccolta acqua per elicotteri anti-incendio ).Lasciata l'auto si inizia il sentiero che si inerpica alla ns. sinistra (non molto visibile,quindi fare attenzione)e ci si addentra nella macchia.Io vi consiglio una scorta d'acqua adeguata ( almeno 2 Lt. )scarponi da Trekking obbligatorio (non scarpa bassa),bastoncini telescopici (utilissimi al ritorno),il cellulare(c'e' sempre campo,almeno con Tim)binocoli e macchina fotografica piu' la vostra dotazione personale per la classica uscita (vestiario di ricambio,fischietto,coltello ecc.)e il solito consiglio "NON ANDATE DA SOLI". Il sentiero non e' adatto a tutti e soprattutto nell'ultima parte presenta un certo grado di difficolta'dovendo aggirare alcune creste granitiche che si possono lasciare alla propria destra o alla propria sinistra...quindi occhio e massima concentrazione!!!!!!!
Ecco quindi alcuni Fix Gps per il sistema Ellissoide European 1950 (per carte Igm 1:25.000 che hanno lo stesso Datum come le mie)ma che potrete tranquillamente convertire in Wgs 84 in base alle vostre esigenze :
SENTIERO DI AVVICINAMENTO
A:32S0496369 4329622 ALT.393 MT.
B:32S0496627 4329453 ALT.429 MT.
C:32S0496824 4329278 ALT.479 MT.
D:32S0496767 4329045 ALT.552 MT.
E:32S0496751 4328985 ALT.532 MT.
F:32S0496768 4328970 ALT.584 MT.
G:32S0496716 4328957 ALT.608 MT.

N.B.alcuni WP da me presi sono troppo vicini tra loro quindi potete eliminarne alcuni dalla vostra pianificazione (del resto io sono ancora provetto in queste cose) dopo averli attentamente studiati ,mentre l'altitudine e' stata presa sempre con il Gps che ,come ben saprete,non e' del tutto affidabile dato che e' una quota riferita appunto ad un Ellissoide di riferimento e non al sistema Geodetico.
PUNTO DI IMPATTO
ALA: 32S0496658 4328906 ALT.584 MT.
ALA: 32S0496593 4328664 ALT.595 MT.
CARRELLO CON PARTE DELLA FUSOLIERA
32S0496585 4328666 ALT.585 MT.
ALTRO CARRELLO
32S0496581 4328665 ALT.601 MT.
TURBINA
32S0496599 4328741 ALT.616 MT.
TARGA COMMEMORATIVA
32S0496538 4328720 ALT.631 MT.
ROTTAMI SPARSI
32S0496674 4328637 ALT.552 MT.
32S0496625 4328605 ALT.584 MT.

Se qualcuno e' interessato ad altre informazioni o ad altre foto puo' inviarmi un Messaggio Privato e viceversa se qualcuno e' in possesso di altre informazioni me lo faccia sapere
 

Allegati

Ultima modifica di un moderatore:
weee... com'è nessuno ha commentato questo thread? Me l'ero perso!
Non avevo mai sentito di questo incidente... Personalmente mi ha messo un po' i brividi vedere i resti dell'aereo :( Che brutta fine, povera gente!

Molto belle le foto delle montagne coperte di macchia mediterranea, in particolare quella dell'olivo!
 
Anch'io non ne avevo mai sentito parlare di questo incindente, i resti dell'aereo in mezzo al verde mi fanno pensare un pò a Lost, con la piccola differenza che qui la gente è morta davvero purtroppo.
 
Ci sono stato pure io, un luogo davvero impervio, ma non cosi' come lo descrivono, ero con un amico che aveva il figlio di 5 anni e ha camminato da solo fino lassu'....
Bruttissima sensazione vedere la coda graffitata, ma che gente c'è in giro....
Non conosco bene la storia, me la andro' a leggere, ma mi raccontavano che pare il pilota avesse scambiato le luci della raffineria Saras per la pista di atterraggio e quando si è trovato di fronte alle montagne ha tentato una cabrata impossibile sbattendo nelle rocce e spezzandosi in due...
 
Opinione personale...ma questo tipo di escursioni non mi entusiasmano (per usare un eufemismo). Andare a vedere luoghi dove hanno perso la vita decine di persone in maniera tragica non trovo sia il massimo per un escursionista (ma anche per una persona in generale). Trovo "indelicato" anche georeferenziare i rottami dell'aeromobile.
 
Io penso invece che non ci sia niente di male, magari qualche credente puo' andare a lasciare sul luogo la sua preghiera, o meditazione, che fastidio darebbe?
Poi l'uso che uno fa delle informazioni sono sua personale responsabilità, no?
 
@Abellu

Secondo me dipende con quale spirito vai a fare queste escursioni e se realmente queste vengono pianificate appositamente per quello o semplicemente è una fortuita circostanza. Ma a prescindere da ciò sono tantissimi i monumenti eretti in luoghi dove c'è stato un particolare evento (spesso con il risultato di una, o più, morti cruente) o in ricordo di esso.
Mi vengono in mente, ad esempio, i vari ossari sparsi in tutto il territorio; non sono di certo posti "allegri" ma carichi, secondo me, di una storia "reale" e "concreta" simboli spesso della stupidità umana, la guerra non è mai un cosa "intelligente", ma anche simboli di un sacrificio, volontario o involontario che sia, ma di fatto sempre un sacrificio che qualcun'altro, dopo, ne ha beneficiato. Per non parlare del monumento al milite ignoto, ai vari cippi commemorativi sparsi in tutta Italia (e nel mondo).
Secondo me vedere questi posti con uno spirito del genere, e con il giusto rispetto che questi posti richiedono, può anche essere un modo utile e istruttivo, certo se gli stessi posti vengono "visti" con l'ottica "macabra" ..... bhè questo è un altro discorso che, ovviamente, non condivido assolutamente.

Ovviamente anche la mia è una opinione personale e nulla di più.

Ciao :), Gianluca
 
weee... com'è nessuno ha commentato questo thread? Me l'ero perso!
Non avevo mai sentito di questo incidente... Personalmente mi ha messo un po' i brividi vedere i resti dell'aereo :( Che brutta fine, povera gente!

Molto belle le foto delle montagne coperte di macchia mediterranea, in particolare quella dell'olivo!

Grazie,le foto le ho fatte con una macchinetta Sony....ne ho fatto circa 400!!!!!
ciao:D
 
Ho letto solo adesso alcune opinioni personali.....e rispondo cosi' senza volerne a nessuno:
A)Il posto e' incantevole al di la' della tragedia...
B)Ricordo il tragico evento (avevo solo 9 anni) ed ero rimasto impressionato a tal punto che avevo promesso a me stesso che ci sarei un giorno andato.
C)Sono un agente delle forze dell'ordine e non ci sono andato esclusivamente a mero scopo escursionistico.
D)Lo Stato Italiano ha chiesto alla Regione Sardegna (e quindi interessando i Comuni competenti)la rimozione dei rottami dopo un accurato "censimento"georeferenziato...non fatto comunque da me.
E)Prima di recarmi sul posto ho parlato con alcune persone che hanno addiritura lavorato ai soccorsi.
F)Ogni anno si tiene,proprio in mezzo ai rottami,una cerimonia (con tanto di parroco e chierichetti parenti e curiosi)religiosa.
G)Ho imparato,andando per i monti della mia terra e di alcune Regioni Italiane a visitare o a trovarmi nei pressi di tanti luoghi che hanno portato sofferenza(e ancora forse ne portano a tante persone ) ,ne ho fatto pero' sempre tesoro e mi piace condividerle con gli altri.
H)mi sono comportato in modo rispettoso e non ho toccato nulla come e' nel mio stile.
I)Ho deciso di andare perche' l'escursione non e' semplicissima e molte persone non riescono ad arrivare fino in cima ....addiritura e' morto precipitando,un fotografo (alcuni anni fa)....ho portato un fiore pure per lui.
L)Sono curioso ...(e' piu' forte di me)di conoscere come sono accaduti i fatti e come mai i 2 piloti erano fuori dalla rotta di circa 12 miglia nautiche (e' sempre il mio lavoro....)
M)Ho passato comunque una bellissima giornata in compagnia....
Ciao ragazzi!!!:D:D:D
 
Ciao Siddharta, non trovo nulla di sbagliato nella tua escursione, uno che va fin la, studiando l'avvenimento e parlando con persone che erano presenti quel giorno non è di certo spinto dalla curiosità voyeuristica di andare in un posto dove sono morte delle persone. Quello si può dire di chi, nella comodità della sua camera, e nel distacco del monitor cerca morbosamente video o foto sulla morte del solito dittatore cattivo o dello sfortunato sportivo di turno. Ma andare in un luogo, toccare con mano è diverso e secondo me è sinonimo di empatia e sensibilità. Altrimenti non dovremmo recarci neppure ad Auschwitz, nel Colosseo o in qualsiasi teatro di guerre e battaglie.

PS. Sono sardo anch'io, però del nord. Grazie per avermi fatto scoprire una storia e un posto nuovo. Prima o poi ci andrò...
 
Sapevo che si sarebbe finito per paragonare questo incidente con tragedie dovute alle guerre, secondo me sbagliando.
Anch'io ho visitato (di proposito) luoghi tristemente famosi per eccidi (Sant'Anna di Stazzema, Marzabotto) proprio per capire fin dove si è spinta la crudeltà umana.
Ma in questi posti le persone hanno perso la vita per una decisione irresponsabile dell'uomo non per un incidente imprevedibile.
Ragionando nel modo esposto poco sopra nella discussione, si potrebbero paragonare allora gli incidenti stradali allo sterminio nazifascista contro gli ebrei. Una linea di ragionamento che personalmente non accetto.

Sulla bellezza dei luoghi non discuto: li conosco piuttosto bene anche se nel punto specifico della tragedia non ci sono, volutamente, mai stato.
Il fatto rimane che parecchie persone vanno a Conca d'Oru appositamente per vedere i rottami dell'aereo, è questo tipo di "escursioni" che non mi piacciono. Anni fa mi è capitato di vedere diversi "escursionisti" appositamente recatisi sui Monti dei Sette Fratelli per vedere la macchia cinerea dello schianto di un piccolo aereo sulla cima più alta del massiccio montuoso: macabro escursionismo.

Se a qualcuno piacciono questo tipo di escursioni, liberissimo di farle e di condividerle...però liberissimo anche io di criticare e disapprovare la condivisione.

Vi pongo un quesito: quante persone andrebbero in un magazzino a vedere dei rottami di aereo in disuso senza nessuna particolare storia, meglio tragica, dietro?

Concludo sottolineando le prime due parole del mio precedente intervento: opinione personale.
 
Sapevo che si sarebbe finito per paragonare questo incidente con tragedie dovute alle guerre, secondo me sbagliando.
Anch'io ho visitato (di proposito) luoghi tristemente famosi per eccidi (Sant'Anna di Stazzema, Marzabotto) proprio per capire fin dove si è spinta la crudeltà umana.
Ma in questi posti le persone hanno perso la vita per una decisione irresponsabile dell'uomo non per un incidente imprevedibile.
Ragionando nel modo esposto poco sopra nella discussione, si potrebbero paragonare allora gli incidenti stradali allo sterminio nazifascista contro gli ebrei. Una linea di ragionamento che personalmente non accetto.

Sulla bellezza dei luoghi non discuto: li conosco piuttosto bene anche se nel punto specifico della tragedia non ci sono, volutamente, mai stato.
Il fatto rimane che parecchie persone vanno a Conca d'Oru appositamente per vedere i rottami dell'aereo, è questo tipo di "escursioni" che non mi piacciono. Anni fa mi è capitato di vedere diversi "escursionisti" appositamente recatisi sui Monti dei Sette Fratelli per vedere la macchia cinerea dello schianto di un piccolo aereo sulla cima più alta del massiccio montuoso: macabro escursionismo.

Se a qualcuno piacciono questo tipo di escursioni, liberissimo di farle e di condividerle...però liberissimo anche io di criticare e disapprovare la condivisione.

Vi pongo un quesito: quante persone andrebbero in un magazzino a vedere dei rottami di aereo in disuso senza nessuna particolare storia, meglio tragica, dietro?

Concludo sottolineando le prime due parole del mio precedente intervento: opinione personale.
A mio parere il tuo ragionamento si applica a quelli che vanno in "pellegrinaggio" in luoghi di efferati omicidi (vedi Cogne/Avetrana) nei giorni successivi al tragico evento.
L'escursione presentata per distanza temporale dal fatto e per il modo in cui è stata affrontata mi pare più paragonabile alla visita di un relitto da parte di un sub :)
 
Se a qualcuno piacciono questo tipo di escursioni, liberissimo di farle e di condividerle...però liberissimo anche io di criticare e disapprovare la condivisione.
Infatti....io comunque ci sono voluto andare per una mio desiderio strettamente personale (non perche' mi piacciono questo "tipo di escursioni") poi per un altra serie di motivi sempre molto personali ;ho apprezzato comunque il tuo intervento perche' mi piace scambiarmi con gli altri ...perche' sono convinto che nella vita si cresca e si possa migliorare sempre!! posso ad es.testimoniare,per il fatto che ci sono stato,che il luogo del disastro diventa giorno dopo giorno(purtroppo) una discarica (per quel tipo,forse,di escursionismo a cui ti riferisci)con bottiglie di birra,vino,lattine,cartacce, ecc.ecc.che in Sardegna la fa ormai da padrone.....quindi a volte,testimoniare,raccontare,denunciare puo' servire a farci un pochino vergognare....non trovi?
Ciao
 
Sei liberissimo di disapprovare e ancor più libero (ci mancherebbe) di non amare questo tipo di escursionismo. Secondo dipende da come si affronta, giustamente quando visitiamo Marzabotto o le fosse Ardeatine ci ricordiamo di quanto può diventare crudele l'uomo, quando andiamo a Bainsizza o a San Martino del Carso ci chiediamo se abbia senso la guerra, a me i rottami di un DC9 porrebbero importanti domande sul Caso, Destino, Fortuna, Provvidenza o come ognuno la vuole chiamare. Me ne andrei con uno spirito diverso che all'arrivo.

Sono d'accordo con te sulle tragedie appena consumatesi, quella è morbosità, voyeurismo come dicevo prima riferendomi ad altre cose.
 
Infatti....io comunque ci sono voluto andare per una mio desiderio strettamente personale (non perche' mi piacciono questo "tipo di escursioni") poi per un altra serie di motivi sempre molto personali ;ho apprezzato comunque il tuo intervento perche' mi piace scambiarmi con gli altri ...perche' sono convinto che nella vita si cresca e si possa migliorare sempre!! posso ad es.testimoniare,per il fatto che ci sono stato,che il luogo del disastro diventa giorno dopo giorno(purtroppo) una discarica (per quel tipo,forse,di escursionismo a cui ti riferisci)con bottiglie di birra,vino,lattine,cartacce, ecc.ecc.che in Sardegna la fa ormai da padrone.....quindi a volte,testimoniare,raccontare,denunciare puo' servire a farci un pochino vergognare....non trovi?
Ciao
Daccordo con te sulle vergognose condizioni in cui si stanno riducendo i nostri monti. Sempre un bene denunciare, testimoniare e raccontare cosa si incontra, di sbagliato, nel territorio.
Con la mia opinione non volevo sminuire i contenuti della tua discussione nè fare polemica, solo esternare il mio modo di vedere su determinate "mete" escursionistiche. Avrei preferito che i rottami del disastro aereo fossero un corollario nell'itinerario non l'elemento principale, ma del resto hai voluto denotare da subito e nel titolo quale era lo scopo dell'uscita.
Naturalmente niente di personale: in passato ho avuto diverse proposte d'escursione nel luogo del disastro, sempre declinate ma per questo non vuol dire che non sono più uscito in escursione con gli amici che me le avevano proposte.;)

Scusami spyrozzo, non mi pare corretto isolare tre parole dal contesto della loro frase. Nel modo da te citato, appare un significato completamente differente da quello originario e totalmente fuorviante...un contributo non costruttivo alla discussione.
 

Discussioni simili



Alto Basso