Ciaspole Monte Fara (Prealpi carniche)

218662


Dati

Data: 14/01/2022
Regione e provincia: FVG - Pordenone
Località di partenza: Bosplans
Località di arrivo: cima monte Fara
Tempo di percorrenza: 2,15 ore in salita e 1,30 in discesa (Da tabella CAI... ma alquanto generosi).
Grado di difficoltà: E
Periodo consigliato: tutto l’anno
Segnaletica:
Dislivello in salita: circa 800m
Quota massima: 1345m
Accesso stradale: Direzione Lago di Barcis, Andreis, loc. Bosplans (640m)

Descrizione

Giornata bella fresca ma stabile! Approfitto degli ultimi giorni di zona gialla e ferie del 2019 che avevo da consumare per allenarmi un po’ in montagna.... stufo della solita corsetta o giro in bici intorno casa!

Giungendo a Montereale Valcellina (Pordenone), si seguono le indicazioni per Barcis e Andreis, alla fine della galleria che passa sotto il Monte Fara lo scenario cambia notevolmente e, a causa delle abbondanti nevicate a quote basse, qui sembra di essere in un paesino di alta montagna!
218660

218661

Dopo l’uscita dsi svolta a destra raggiungendo Andreis, si prosegue in direzione Bosplans verso la forcella di Pala Barzana.
Prima di raggiungere la forcella, sulla destra si stacca la strada forestale che conduce alla casera del Monte Fara (limitate possibilità di parcheggio).
218663


Il percorso inizia seguendo strada la forestale che conduce alla casera del Monte Fara, poco dopo alla nostra sinistra incontriamo il sentiero CAI 983. Seguendolo ci inoltriamo in una faggeta che abbandoneremo solamente poco prima di raggiungere la vetta.
Giunti alla forcella La Croce (756 m), il sentiero si divide. Continuare mantenendo la destra, da qui il sentiero si fa più ripido.
Lungo la salita non mancano le occasioni per godere di ampie viste panoramiche. Percorrendo il crinale del monte va posta attenzione al versante sul lato sinistro del sentiero, dove il sentiero innevato attraversa un breve tratto di affioramenti esposti.
Giunti in vetta, si ha una bella vista panoramica verso la pianura friulana fino al mare, il gruppo del Raut e del Resettum, il gruppo del Cavallo-Col Nudo dove corre tutta l’alta via 7 dell’Alpago e infine verso nord est sulle lontane Alpi Giulie e Carniche.

EF6A79D3-CB7E-4AE8-A407-8A29F97C5A11.jpeg
B4B8D885-EF93-4A26-ABC5-D9093F6A5DA4.jpeg
3EA4BA1D-634C-4F8E-A64F-5331436297EF.jpeg
69DEF3E1-24A4-4314-A5E5-6B4BFB03D8AC.jpeg
218675
0C30DA1B-6A40-4D24-98D6-0F60709FE13A.jpeg

Da sinistra sullo sfondo: gruppo del Cavallo, tutto il profilo dell’alta via 7 fino alla pinna del Col Nudo!
90ED3DFA-2C2E-48B7-B025-A114B620611A.jpeg
Sullo sfondo la costa adriatica.
9C85C828-DB8B-4054-B727-37DA0989590A.jpeg

Da sinistra i Monti Castello e Raut!
218673
Simpatica bandiera italiana I LOVE FARA:biggrin:

Per la discesa si percorre brevemente a ritroso il sentiero che ci ha condotto in vetta, mantenersi sulla sinistra costeggiando la faggeta fino a incontrare una evidente segnalazione su un sasso. Si abbandona il sentiero n.983 e si prosegue a destra entrando nuovamente nel bosco. Si seguono le evidenti tracce fino a raggiungere la casera del Monte Fara. Da qui si ritorna al punto di partenza seguendo la strada forestale.

218674
Immancabile premio / integratore salino:p

Ecco il video!
 

Allegati

Ultima modifica:


Alto Basso