Escursione Monte Gorzano da Preta

Parchi del Lazio
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Dati

Data: 12/7/2020
Regione e provincia: Lazio, Rieti
Località di partenza: Preta
Tempo di percorrenza: 5 h 15' circa (escluse le pause)
Chilometri: 16 circa
Segnaletica: ottima
Dislivello in salita: 1350 m circa
Quota massima: 2458 m

Descrizione
Concludo le mie esperienza sui monti della Laga con un classico.
gorzano.jpg

Solo in un secondo momento mi son accorto che potevo ridurre il dislivello e circa un'oretta di camminata partendo dal Sacro Cuore...
C'è veramente poco da dire: le indicazioni sono sempre state molto chiare, salendo di quota a dire la verità ammiravo di più la Cima Lepri
P1040952.JPG

P1040955.JPG

che il M. Gorzano forse perchè l'avevo fatta pochi giorni e prima e vedendola senza nuvole mi ero immaginato di essere la.
Più volte, forse perchè era l'ultimo giorno di vacanza, guardavo la piana di Amatrice per memorizzarla il meglio possibile.
P1040958.JPG

Solo lungo la cresta finale
P1040959.JPG

potevo scorgere il lago di Campotosto.
P1040960.JPG

Raggiungo la cima
P1040962.JPG

e sosto veramente a lungo sperando che migliorasse la visibilità ma invano, verso oriente non si riusciva a vedere nulla, potevo solo ammirare seppure con fatica la Cima Lepri e Pizzo di Moscio,
P1040963.JPG

i Sibillini
P1040964.JPG

e le montagne dell'Abruzzo.
P1040965.JPG

Devo dire che le mie esperienze sui monti della Laga insieme al parco del Velino-Sirente sono state le migliori fino ad ora sull'Appennino Centrale sebbene la Laga mi abbia molto ricordato per la vegetazione, per la presenza di acqua e di tipologia del terreno il "mio" Appennino Settentrionale.
 
Ultima modifica:
È sì, la Laga anche e me ricorda il Tosco-Emiliano e in parte i Cento Laghi. Sono comunque sempre arenarie che s'innalzano su suoli torbosi. Il Lago di Campotosto è la più grande torbiera dell'Appennino, allagata nei primi del '900 per creare il lago.
Dopo Velino e Laga, se vuoi aumentare il tuo stupore ti tocca la Majella.
 
È sì, la Laga anche e me ricorda il Tosco-Emiliano e in parte i Cento Laghi. Sono comunque sempre arenarie che s'innalzano su suoli torbosi. Il Lago di Campotosto è la più grande torbiera dell'Appennino, allagata nei primi del '900 per creare il lago.
Dopo Velino e Laga, se vuoi aumentare il tuo stupore ti tocca la Majella.
La Maiella? Ci sto pensando: uno dei miei obiettivi è salire sul M. Amaro da Fara di S. Martino e poi scendere per il sentiero H5, so che è un percorso lungo e con gran dislivello, non è la fatica che mi spaventa ma ... perdermi immaginando che la segnaletica non sia sempre al top. A parte ciò la Laga più che i Cento Laghi mi ricorda maggiormente il Cusna.
 
La Maiella? Ci sto pensando: uno dei miei obiettivi è salire sul M. Amaro da Fara di S. Martino e poi scendere per il sentiero H5, so che è un percorso lungo e con gran dislivello, non è la fatica che mi spaventa ma ... perdermi immaginando che la segnaletica non sia sempre al top. A parte ciò la Laga più che i Cento Laghi mi ricorda maggiormente il Cusna.
Il Parco della Majella ha fatto un gran lavoro di segnatura dei sentieri e ora la situazione non è male. Sul sito del parco trovi anche diverse tracce gps.
La descrizione del percorso (in senso inverso) la trovi anche sul sito di questo disagiato qui
https://www.montinvisibili.it/Monte-Amaro-3
 
La Maiella? Ci sto pensando: uno dei miei obiettivi è salire sul M. Amaro da Fara di S. Martino e poi scendere per il sentiero H5, so che è un percorso lungo e con gran dislivello, non è la fatica che mi spaventa ma ... perdermi immaginando che la segnaletica non sia sempre al top. A parte ciò la Laga più che i Cento Laghi mi ricorda maggiormente il Cusna.
Ho lo stesso obiettivo, è un'escursione veramente dura. Per quest'anno temo di passare, già è tanto se riuscirò a farmi una settimana nella Laga o nel PNALM.
 
Beh complimenti, per me 33 km e 2300 di dislivello in una giornata è impresa veramente ardua. Mi sono fermato allo stesso chilometraggio ma con 900 metri di dislivello in meno e su terreni molto meno impegnativi di quelli della Majella.
uh scusa avevo letto male pensavo ti riferissi al M. Gorzano, nono sono una volta ho sfiorato i 2000 m ma era fine estate e quindi diciamo più allenato rispetto giugno, pardon
 
salve dal sacro cuore a titolo informativo (dopo il Gorzano) si può scendere alla cascata delle barche....si aumenta un po il dislivello ma e ben ricompensato ;)
 

Discussioni simili



Alto Basso