Escursione Monte Guglielmo. Invernale

Dati

Data: 01/02/2020
Regione e provincia :Lombardia, BS
Località di partenza: Piani di Caregno
Località di arrivo: Monte Guglielmo
Tempo di percorrenza: 2.45h
Chilometri:Circa 7km (Relieve)
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà:Nessuna. Consigliati ramponci o ciaspole a seconda delle condizioni del manto nevoso. Valutare le previsioni meteo prima di partire.
Periodo consigliato:Tutto l'anno con attrezzatura specifica invernale.
Segnaletica:Ottima
Dislivello in salita: 950mt circa
Dislivello in discesa: ""
Quota massima: 1948mt
Accesso stradale:percorere la statale 345 della Valle Trompia fino ad Inzino, si devia a sinistra per Magno, da li' una strada con stretti tornanti giunge ai piani di Caregno m.1002. Parcheggiare la macchina nel piazzale del ristorante la Fabbrica .



Descrizione

Un escursione che programmavo da tempo e che finalmente sono riuscito ad intraprendere.
Siamo in 4 e ci troviamo ai piani di Caregno preparati di tutto punto per l'ascesa fino al monumento del redentore, in cima al Guglielmo, che raggiungeremo seguendo per la maggior parte dell'itinerario il sentiero n°318.

La prima parte si sviluppa in ambiente boschivo dove il sentiero è molto ben segnalato e dove la pendenza dello stesso ci mette subito alla prova.
Una volta salito il crinale in prossimità del monte Bifo il sentiero abbandona la sua originaria pendenza ed il bosco lascia posto ad un paesaggio piu' brullo. Da qui si riescono ancora ad apprezzare l'altopiano di Caregno e la Conca di Londrino.

20200201_100912.jpg


IMG-20200201-WA0067.jpg


IMG-20200201-WA0070.jpg


20200201_113021.jpg


Arrivati in prossimità di Malga Stalletti il cielo si copre ed una fitta coltre di nubi coprirà la vetta fino alla fine della nostra escursione e questo, purtroppo, non ci farà apprezzare il meraviglioso panorama che di solito è visibile dalla cima. Da questo punto in poi la neve copre completamente il sentiero ed il paesaggio circostante e ci costringe a seguire la traccia lasciata da chi ci ha preceduto in questi giorni, aiutati dai classici segnali bianco-rossi del CAI che, a volte, affiorano dal manto nevoso.

L'ultimo tratto di salita l'affrontiamo sulla traccia del sentiero 325 dove la pendenza si ripresenta aggressiva e dove la neve ci rallenta parecchio.
Infine arriviamo in cima, nevischia. Ci rifocilliamo, il tempo di qualche foto, una mangiata veloce, si indossano i ramponcini e si riparte verso i piani di Caregno.


20200201_114926.jpg


20200201_134852.jpg


20200201_134152-01.jpeg


IMG-20200201-WA0121.jpg


20200201_124837.jpg


Un'escursione non troppo impegnativa e con nessuna difficoltà tecnica particolare che allo stesso tempo ti ripaga con paesaggi ed ambienti mozzafiato, soprattutto nell'ultima parte.

IMG-20200201-WA0056-01.jpeg


IMG-20200201-WA0062-01.jpeg



Unico accorgimento della giornata: Credo proprio che i ramponcini verranno dismessi ed immediatamente sostituiti con dei ramponi a 10 punte. Mi sono sembrati poco efficati e poco saldi. Per quel che riguarda le ciaspole, invece, sono state inutili visto che la neve sul tracciato risulta per la maggior parte ben battuta.

Un saluto a tutti ed a presto !!!
 

Allegati

Discussioni simili



Alto Basso