Ciaspole Monte Missoun (2356) - Alpi Liguri

Parchi del Piemonte
  1. Parco Alta Valle Pesio e Tanaro
Dati
Data: marzo 2017
Regione e provincia: Piemonte - Cuneo
Località di partenza: P.sso delle Collette (Upega)
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 5 ore e 30'
Chilometri: 10
Grado di difficoltà: MR
Descrizione delle difficoltà: nessuna
Periodo consigliato: tutto l'anno
Segnaletica: Paline
Dislivello in salita: 790mt
Quota massima: 2356
Accesso stradale: SS28, a Ponte di Nava, dev. per Viozene, Carnino, Upega
Traccia GPS disponibile

Descrizione:

Grande ed appagante gita di neve su uno dei monti più belli, panoramici e sicuri della catena del Saccarello in una giornata davvero splendida.
Fu così che un bel giorno abbiamo deciso di risalire per l'ennesima volta questa montagna a due passi da casa nostra arrivando a Upega di buon'ora.
Generalmente la gita inizia poco oltre il paese, aggiungendo c.ca 300 mt di dislivello) ma quest'anno viene spazzata la strada che conduce al passo delle Collette, Valcona, Piaggia e Monesi a causa della tragica alluvione dell'autunno scorso che ha reso impraticabile quella più diretta dalla Liguria.
Raggiunta con l'auto l'area pic-nic che si trova poco prima delle Collette, subito in salita lungo la sterrata che con vari tornanti (evitabili alle buone gambe con scorciatoie) ci porta sulla Monesi-Limone che si segue per breve tratto verso nord, (destra) fino al vicino Poggio Lagone (palina) dove si abbandona per salire sull'ampia cresta, direzione ovest, mai ripida, fino a raggiungere l'ampia e favolosa insellatura della cresta di confine detta Collarossa. Sulla nostra destra il severo Monte Bertand, (evitare di infilarsici sotto nei periodi di forte innevamento) noi invece tagliamo a sx (sud-ovest) fino nei pressi della cresta senza mai raggiungerla perchè a causa della particolare conformazione (strapiombante verso la Francia) si formano spesso enormi cornici.
Con andamento in leggera salita (in estate c'è un largo sentiero ma in inverno si procede a naso) si oltrepassano le varie anticime ognuna delle quali pare la meta, fino a vedere l'elevazione più alta con piccola croce di legno che si raggiunge per pendii sempre poco ripidi. In cima tenersi sempre a debita distanza dal margine sempre per il pericolo di cornici. (3ore e 30)
Scialamento e svaccamento totale per più di due ore al tiepido sole primaverile finchè decidiamo di intraprendere la discesa, stavolta direttamente senza passare da Collarossa. Si nota, infatti, dalla vetta, un'ampio vallone leggermente spostato a sx rispetto a noi che percorriamo velocemente fino al bivio del mattino, (paline e cartelli del parco) Imbocchiamo la sterrata, coperta di neve, di unione tra la ex militare Monesi-Limone e l'area pic-nic e appena il pendio lo consente stavolta tagliamo nel bosco (segni verdi-gialli sugli alberi) arrivando in men che non si dica (2 ore) al punto di partenza.

Ed ecco alcune foto

Il nostro ancora lontano

MS21.jpg


fantastico bosco delle Navette in controluce

MS22.jpg

"Alpi del Mare" così dette le ormai scisse in due gruppi distinti, Alpi Liguri e Alpi Marittime.
Uniche per la vista del mare da quasi tutte le cime
MS23.jpg

Da Poggio Lagone la meta sempre più vicina
MS24.jpg

L'austero Monte Bertrand salendo a Collarossa
MS25.jpg

La prima delle anticime da Collarossa sul traverso in cresta
MS26.jpg

Dal Mongioie al Pizzo d'Ormea guardando verso nord-est
MS27.jpg

Le Alpi Marittime dalla Cime du Diable, Bego, Gelas, Clapier, Maledia fino a Rocca dell'Abisso verso nord-ovest
MS28.jpg

Sempre le prime Marittime più in grande
MS29.jpg

Clapier, Maledia, Gelas. Argentera e Matto sullo sfondo
MS30.jpg

Gran bel canale a sud-ovest al Conoia già da tempo in calendario ma quando è in condizione lui, non lo sono io :(
MS01.jpg

Chissà se il Marguareis è contento del mio solletico sul suo mammellone :)
MS02.jpg


Stravaccamneto
MS04.jpg

....E poi trovo sempre qualche rompicoglioni, anche a 2300 mt, che vuol essere mandato a spigolare
MS05.jpg

Ed infine un bel spintinazzo tanto per fare le canoniche 8 ore :)
MS11.jpg

Nell'accogliente Locanda di Upega
MS12.jpg

Prosit!!!
 

Allegati

  • MS03.jpg
    MS03.jpg
    120,2 KB · Visite: 135
Spuntino troppo sano :) ....... ci andava lardo tagliato sottile, pane leggermente caldo e abbondante spolverata di pepe ...... nain birra (sei forse malato che bevi birra ?) una bella bottiglia di dolcetto ;) ...... 'sti giovani :biggrin:

Ciao :si:, Gianluca
 
Innanzitutto grazie a tutti per la visita e l'apprezzamento :)
A @Montinvisibili dico: Perchè non vieni a visitare questi magnifici posti?
Le Alpi Liguri e Marittime sono uniche tra le alpi perchè da quasi tutti i monti,anche a 3000mt, la vista del mare è impagabile.
A @znnglc (Gianluca) dico che i giovani si vedono anche da cosa bevono! grazie! :) La giuventù comunque è nell'anima prima ancora che nel corpo :p
 
MAR_859.JPG

Per @Montinvisibili e tutti quelli che sono interessati, allego una piccola ricerca che ho fatto e che pubblicherò su facebook su questo particolare aspetto di queste montagne

il mare all'orizzonte
La vista del mare è la caratteristica unica delle Alpi Marittime che dal Col di Cadibona(SV) si sviluppavano fino al Colle della Maddalena (valle Stura, CN) dal 2008 divise dalle Alpi Liguri per evidenti deverse morfologie delle rocce.
Il reverendo americano W.B. Coolidge, instancabile redattore di monografie alpinistiche, che in Marittime lascia un segno pesante scalando per primo, alla fine del 1800, le più alte vette, individua nei panorami "dacchè comprendono il mare" l'elemento che più di ogni altro caratterizza le Marittime.
Il torinese Mila, dopo aver espresso tutta la sua contrarietà per non aver mai goduto, nelle numerose puntate in zona della tanto vantata vista sul mare, dissente dicendo che l'aspetto caratteristico di esse è quello di "costituire un mondo alpino completo e per se stante"
Si possono non amare e non andarci affatto, ma chi ci va è per deliberata scelta, per rinnovare ogni tanto, la conoscenza di caratteri inconfondibili, tali che non si possono trovare in altri luoghi.

Nella mia foto scattata dalla Punta Marguareis, (2651, rilievo più alto delle Alpi Liguri) nel gennaio 2016, il mare sullo sfondo purtroppo coperto di nuvole.
 
Corso di Orientamento
Alto Basso