Escursione Monte Ninna

Dati

Data: 8/11/20
Regione e provincia: Abruzzo AQ
Località di partenza: passo Godi
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 9h
Chilometri: 24
Dislivello: ca. 1000

Solo per condividere qualche foto di una giornata memorabile in una zona di incommensurabile bellezza.
 

Allegati

Ultima modifica:
Belli i Camosci! :woot:

Mi piace troppo la faccia interdetta che fanno quando ti vedono sbucare all improvviso da sotto il loro greppio "e questo mo chi é?! Guarda che queste sono le nostre tracce non il sentiero! Tornatene a casa tua!" per poi sparare i loro ridicoli fischi:biggrin:
--- Aggiornamento ---

Dì un po'... ma mica ti sarai fatto irretire da quegli esagitati del Club2000m?:biggrin:
Ti dirò, sinceramente no, ma comunque di questo passo ,almeno quelli abruzzesi ,non ci metterò molto a spararmeli tutti :(
 
Ultima modifica:
Grazie, per me é stata molto più di un escursione questa, un pellegrinaggio in punta di piedi nel tempio della natura e un' Avventura con la A maiuscola.
L'atmosfera che si respira nel PNALM è qualcosa di unico ed inarrivabile. Hai detto bene, ha la sacralità sospesa di un tempio ed incute riverenza e rispetto. Il senso di sospensione nel tempo, mistero e isolamento che riescono a dare quelle balene di roccia e quei boschi antichi non ha eguali.
 
L'atmosfera che si respira nel PNALM è qualcosa di unico ed inarrivabile. Hai detto bene, ha la sacralità sospesa di un tempio ed incute riverenza e rispetto. Il senso di sospensione nel tempo, mistero e isolamento che riescono a dare quelle balene di roccia e quei boschi antichi non ha eguali.
Verissimo, poi ricordiamoci una cosa importante, che tutte le nostre montagne sono state abitate per millenni e i nostri antenati (la mia famiglia materna é proprio di Scanno e mio bisnonno carosava le pecore per campare) ci hanno ereditato degli ambienti ancora tutto sommato integri noostante quei boschi e quelle praterie fossero la loro unica fonte di sostentamento.
Oggi i luoghi del Parco sono sì più tutelati ma a mio parere sono anche più vulnerabili perché non presidiati , una presenza umana consapevole e limitata é auspicabile in tutti i luoghi per provare a scoraggiare quei criminali, in cravatta e non , per cui invece conta solo il denaro.
 
Ultima modifica:
Mi piace troppo la faccia interdetta che fanno quando ti vedono sbucare all improvviso da sotto il loro greppio "e questo mo chi é?! Guarda che queste sono le nostre tracce non il sentiero! Tornatene a casa tua!" per poi sparare i loro ridicoli fischi:biggrin:
--- Aggiornamento ---


Ti dirò, sinceramente no, ma comunque di questo passo ,almeno quelli abruzzesi ,non ci metterò molto a spararmeli tutti :(
Scherzavo, perché io invece anni fa mi sono fatto "irretire". E ho ancora buoni amici in quel consesso di scalmanati.
 
Scherzavo, perché io invece anni fa mi sono fatto "irretire". E ho ancora buoni amici in quel consesso di scalmanati.
Mi sono andato a vedere il sito col relativo elenco, complimenti agli appassionati artefici di questo bel lavoro di sistematica! io ci aggiungerei anche quelle cime che non arrivano a 2000 ma che meritano di essere visitate ! Anche quelle basse ma clamorosamente interessanti e panoramiche , tanto per fare un esempio ne cito tre a cui sono molto legato : monte Mitra 1067 , colle Brignole 1625 ,monte Rotondo sul Morrone 1731.
E come non aggiungere pure monte Fontecchia , Prato Maiuri....spesso quelle basse sono meglio di quelle alte.
Certo, l elenco diventerebbe quasi infinito, é solo per dire che per me l altezza in se e per se non rappresenta un attrattiva .
 
Ultima modifica:
Mi sono andato a vedere il sito col relativo elenco, complimenti agli appassionati artefici di questo bel lavoro di sistematica! io ci aggiungerei anche quelle cime che non arrivano a 2000 ma che meritano di essere visitate ! Anche quelle basse ma clamorosamente interessanti e panoramiche , tanto per fare un esempio ne cito tre a cui sono molto legato : monte Mitra 1067 , colle Brignole 1625 ,monte Rotondo sul Morrone 1731.
E come non aggiungere pure monte Fontecchia , Prato Maiuri....spesso quelle basse sono meglio di quelle alte.
Certo, l elenco diventerebbe quasi infinito, é solo per dire che per me l altezza in se e per se non rappresenta un attrattiva .
Per me è stato un bel gioco nel quale sono entrato all'inizio malvolentieri (mi ha iscritto uno degli artefici) ma al quale alla fine sono stato infinitamente grato perché mi ha permesso di scoprire luoghi, valli e vette dove non sarei mai andato. Prima salivo sempre sulle stesse (sono stato una trentina di volte sul Velino), dopo questo gioco ho maturato il desiderio di esplorare questi recessi appenninici: rilievi minori, sovente sotto i duemila metri, valli remote e di difficile accesso, borghi isolati.
Ora con la crescita degli iscritti il gioco secondo me si è un po' snaturato, a volte diventato anche competitivo. E sono sorti anche il Club1900, quello di tutte le vette senza limiti di quota (Club Ultra) e anche quello dei 2000 fatti di notte.
 
Verissimo, poi ricordiamoci una cosa importante, che tutte le nostre montagne sono state abitate per millenni e i nostri antenati (la mia famiglia materna é proprio di Scanno e mio bisnonno carosava le pecore per campare) ci hanno ereditato degli ambienti ancora tutto sommato integri noostante quei boschi e quelle praterie fossero la loro unica fonte di sostentamento.
Oggi i luoghi del Parco sono sì più tutelati ma a mio parere sono anche più vulnerabili perché non presidiati , una presenza umana consapevole e limitata é auspicabile in tutti i luoghi per provare a scoraggiare quei criminali, in cravatta e non , per cui invece conta solo il denaro.
Non sono molto d'accordo, in realtà le aree protette sono l'unico strumento di tutela veramente efficace. Quei boschi e quelle valli erano una fonte di sostentamento quando l'Italia era un'economia agro-pastorale ma, successivamente, ovunque non si siano istituite aree protette sono arrivate le mannaie dell'industria dello sfruttamento. L'Abruzzo ci è arrivato abbastanza integro perché la protezione di alcune aree è arrivata molto precocemente, prima del boom economico per capirci (e nonostante questo ha subito assalti).
 
[/QUOTE]
Non sono molto d'accordo, in realtà le aree protette sono l'unico strumento di tutela veramente efficace. Quei boschi e quelle valli erano una fonte di sostentamento quando l'Italia era un'economia agro-pastorale ma, successivamente, ovunque non si siano istituite aree protette sono arrivate le mannaie dell'industria dello sfruttamento. L'Abruzzo ci è arrivato abbastanza integro perché la protezione di alcune aree è arrivata molto precocemente, prima del boom economico per capirci (e nonostante questo ha subito assalti).
Sinceramente non ho un idea assoluta su come dovrebbe essere il futuro delle nostre montagne, quello che é certo é che una protezione ci vuole, e anche categorica.
Le mie obiezioni sono per le aree di riserva integrale in cui per entrarci devi essere per forza uno studioso di professione , invece alcune autorizzazioni potrebbero essere rilasciate a pochi appassionati come noi che ne farebbero richiesta.
Poi, io spero vivamente che la protezione di un parco non vada a farsi friggere davanti ai soldi: nel giro di un mese per il Morrone , zona A del parco Majella, ci sono state due proposte distruttive: bucare la montagna per costruire una nuova ferrovia e bypassarla interamente con un ovovia con annesso spa e ristorantini per ricchi. Facile proibire attivitá che portano poco o nullo guadagno . quando ci sono di mezzo i soldi tutto si può annullare.
 
Ultima modifica:
Sinceramente non ho un idea assoluta su come dovrebbe essere il futuro delle nostre montagne, quello che é certo é che una protezione ci vuole, e anche categorica.
Le mie obiezioni sono per le aree di riserva integrale in cui per entrarci devi essere per forza uno studiosp di professione , invece alcune autorizzazioni potrebbero essere rilasciate a pochi appassionati come noi che ne farebbero richiesta.
Poi, io spero vivamente che la protezione di un parco non vada a farsi friggere davanti ai soldi: nel giro di un mese per il Morrone , zona a parco Majella, ci sono state due proposte distruttive: bucare la montagna per costruire una nuova ferrovia e bypassarla interamente con un ovovia con annesso spa e ristorantini per ricchi. Facile proibire attivitá che portano poco o nullo guadagno . quando ci sono di mezzo i soldi tutto si può annullare.
Pienamente d'accordo, a volte si sentono proposte assurde e nonostante la protezione si tenta di mettere tutto a reddito con grandi opere e menate varie. Questo dipende dal fatto che anche i piani del parco sono spesso strumenti di pianificazione con ingerenze politiche prima che scientifiche. Non sapevo nulla di questi scempi in progetto sul Morrone.
 
Ultima modifica:
Non sapevo nulla di questi scempi in progetto sul Morrone.
1 . https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.ilgerme.it/remedia-amoris-una-cena-in-teleferica-sul-monte-morrone/&ved=2ahUKEwiZjt_63IftAhXD6aQKHXGtDGgQFjAAegQIBhAB&usg=AOvVaw12cFerWhXA1u4jHg5X1aGX
2. https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.ilgerme.it/ferrovia-pescara-roma-in-2-ore-ma-anche-13-km-di-galleria-sotto-il-morrone/&ved=2ahUKEwiZgsiW3YftAhUEMewKHRW6CjUQFjABegQIAhAB&usg=AOvVaw39gki80SVVoahhbQvOA0Y7
Dimmi nel caso non si dovessero aprire i link
[/QUOTE]

Mamma mia, abominevole. D'altronde l'assalto alle aree protette è un rigurgito periodico a cui è impossibile sottrarsi: ovunque c'è territorio integro ci sono sfrenate pulsioni speculative, specialmente in questo periodo storico di sonno della ragione sta tornando in gran voga la voglia di violare tutto il violabile. Però è proprio qui che il Parco gioca un ruolo chiave in quanto leggo che si tratterebbe di attraversare una Zona A, dunque iter di approvazione tutto in salita per questi scempi. Poi, si sa, in Italia tutto è possibile per speculatori vari. In questo senso il COVID costituisce un enorme rischio, il Governo con la scusa della ripresa ha stilato un elenco di opere strategiche che deroga a qualsiasi tipo di vincolo. L'occasione fa l'uomo ladro, in Italia lo fa cementaro (parola di architetto).
 
Ultima modifica:
Hai per caso la notizia che riporta questo elenco di opere esentate da qualsivoglia vincolo? Infatti non é un caso che queste proposte folli siano state fatte proprio ora.
 
Hai per caso la notizia che riporta questo elenco di opere esentate da qualsivoglia vincolo? Infatti non é un caso che queste proposte folli siano state fatte proprio ora.
Nello specifico caso non saprei, bisognerebbe controllare sull'elenco delle opere strategiche del decreto semplificazioni. Ti dico solo che qui nel Lazio a causa di quel decreto devasteranno addirittura un'area di interesse comunitario costruendo una bretella autostradale in una delle valli fluviali più integre della Tuscia.

https://www.adnkronos.com/soldi/economia/2020/07/07/semplificazioni-mld-per-opere-prioritarie_MdP2nlflaXbOjGDtRxeuyJ.html

Infatti quando sento di parlare di guerra alla burocrazia mi si accappona la pelle perché spesso, dietro il mito della deregulation, si nasconde la voglia di speculare a più non posso e senza limiti.
 
Si salvi chi puó, é iniziata l era degli investimenti illimitati per riniziare peggio di prima. Sono avvilito da queste notizie.
 

Discussioni simili



Alto Basso