Escursione Monte Sirente in invernale da SW: grande avventura nella nebbia

#1
Parchi d'Abruzzo
Parco Regionale Sirente-Velino
Dati

Data: 15/03/2016
Regione e provincia: Abruzzo (AQ)
Località di partenza: Val d'Arano
Località di arrivo: Monte Sirente
Tempo di percorrenza: 8 ore a/r
Chilometri: 19 km
Grado di difficoltà: EE / F- (questa classificazione perde ogni significato in caso di nebbia come abbiamo trovato noi)
Descrizione delle difficoltà: nebbia fitta oltre i 1850 mt, nebbia impenetrabile (visibilita' zero e non scherzo) oltre i 2000 fino alla vetta. Premetto che sapevo che in caso di nebbia quel versante del Sirente crea molti problemi di orientamento, eravamo entrambi equipaggiati con gps, bussola e cartina.
Periodo consigliato: non con nebbia
Segnaletica: sepolta dalla neve laddove abbiamo seguito il percorso segnato, inesistente lungo il percorso da noi fatto lungo il versante SW
Dislivello in salita: 1160
Dislivello in discesa: idem
Quota massima: 2348 mt
Accesso stradale: da Ovindoli si segue la strada verso la Val d'Arano e si parcheggia al bivio dei due sentieri (verso il Sirente e verso le Gole di Celano)
Partecipanti: io, Stefano (@Ulysses)

Descrizione

Escursione epica, di quelle destinate a rimanere nei nostri cuori a lungo, per come si e' svolta e per come l'abbiamo condotta.
Partenza dalla Val d'Arano, neve presente quasi da subito e ciaspole necessarie gia' dalla Bocchetta del Prato del Popolo.
P1030216.JPG
P1030217.JPG
P1030218.JPG
P1030219.JPG
P1030220.JPG
P1030221.JPG
P1030222.JPG
P1030223.JPG


La visibilita' e' diminuita una volta raggiunta quota 1800, quando ci siamo diretti verso NE alla volta della vetta del Sirente, risalendo alcuni dei tanti (ed uguali) dossi e gole del versante sud-occidentale.
P1030224.JPG
P1030225.JPG
P1030226.JPG
P1030227.JPG
P1030228.JPG
P1030229.JPG
P1030230.JPG


Da quota 2000 circa purtroppo la visibilita' e' diventata ZERO, siamo stati costretti a camminare vicinissimi e controllare ogni 3 minuti il gps e la bussola, al fine di seguire l'unica via possibile sicura che era il NNE. Con nebbia cosi' fitta e neve e' facile perdersi ma siamo stati bravi a essere sempre concentrati senza mai perdere di vista il nostro obiettivo. Fortunatamente non vi era vento e non faceva troppo freddo, cadeva una neve sottile nemmeno troppo fastidiosa.
Alle ore 14.55 abbiamo finalmente raggiunto la vetta del Sirente, ci ha pervaso una gioia infinita, che solo noi possiamo comprendere.
P1030231.JPG
P1030232.JPG
P1030233.JPG
P1030234.JPG
DSC_0131.JPG


La discesa e' avvenuta piu' o meno lungo il percorso dell'andata, ovviamente con variazioni dovute alla visibilita' nulla.
P1030235.JPG
P1030236.JPG
P1030237.JPG
P1030238.JPG
DSC_0142.JPG
DSC_0144.JPG
DSC_0147.JPG


Un grazie all'amico e compagno di escursione Stefano (@Ulysses) che si e' dimostrato un ottimo appenninista e grandissimo uomo di montagna, capace di rimanere freddo e lucido in una situazione dove in tanti si sarebbero lasciati cogliere dal panico: con gente cosi' e' un piacere fare escursioni.

Un'ultima considerazione, anzi due, cosi' anticipo eventuali domande e/o battute:
1) sebbene preferisca non usarlo quando posso permettermi di non farlo, HO il gps e so usarlo. Questo era il caso per eccellenza in cui era di vitale importanza usarlo. Ovviamente va unito all'uso della bussola
2) non ci godo ad andare con la nebbia, ma se parto da Roma sud con previsioni meteo quantomeno non orride, mi sparo 170 km e in loco trovo meteo del genere, l'escursione io la faccio. In caso di bufera ovviamente rinuncio
 

Ultima modifica:
#3
Senza parole, veramente tanti complimenti........oltre che @Ulysses anchr con te , visto tanta esperienza e "sfortuna e/o fortuna" con il meteo( per le battute quasi impossibile non farle con le tue ultime avventure:lol:;) di ottima visibilità ),anche un escursione con te farebbe sentire più tranquillo persino chi soffre di stati d'ansia :biggrin: . Grazie per aver condiviso la vostra temeraria avventura, fatta sempre con grande esperienza.
 
#4
Senza parole, veramente tanti complimenti........oltre che @Ulysses anchr con te , visto tanta esperienza e "sfortuna e/o fortuna" con il meteo( per le battute quasi impossibile non farle con le tue ultime avventure:lol:;) di ottima visibilità ),anche un escursione con te farebbe sentire più tranquillo persino chi soffre di stati d'ansia :biggrin: . Grazie per aver condiviso la vostra temeraria avventura, fatta sempre con grande esperienza
Grazie mille per la stima :si:
 
#7
Grandiosa esperienza @alexmoscow73 ed @Ulysses ... Complimenti sinceri per la determinazione, il sangue freddo (e non solo per il meteo :biggrin:)

condivido lo spirito con cui vi siete approcciati alle condizioni e siccome pure io devo fare di necessità virtù coi tempi disponibili (anche se sono mediamente più fortunato :roll:) comprendo quella sensazione tra volontà di andare avanti e razionalizzazione costante dei rischi e delle capacità per cercare di capire quando e se bisogna mollare (e anche io sto pensando al GPS come dotazione, anche per questi casi)

Ancora complimenti... E ad una delle prossime spero di esserci pure io, magari vi porto il sole.. o anche no, va bene uguale ;)
 
#12
Complimenti per la salita in queste condizioni.Posso chiederti com'era il manto nevoso(consistenza,spessore) e se i canaloni a nord erano in condizione sempre se visibili?Grazie
grazie dell'apprezzamento. Di neve non ce n'era tantissima (rispetto agli anni scorsi) causa inverno strambo, tuttavia senza ciaspole era impensabile salire. In alcuni (dei tanti) fossi e doline del versante sud-ovest vi erano degli accumuli davvero notevoli, comunque con le ciaspole si sfondava il giusto, la neve era portante.
Dalla vetta non si vedeva assolutamente nulla quindi ci siamo persi l'affaccio sul versante nord, tuttavia ritengo che in questi giorni il pericolo valanghe sul Maiori e sugli altri canali nord sia abbastanza elevato
 
#13
bravi per la risalita in quelle condizioni!
nebbia e buio non sono facili da gestire, ogni tanto "l'andarsele a cercare" trovo che sia un ottimo allenamento mentale
grazie Marco, non e' stata per niente banale e ti posso garantire che salire in vetta con visibilita' zero e' stata un'operazione quasi millimetrica, non dico da aggancio dello shuttle nello spazio ma quasi. Si da infatti il caso che, se da una parte il Sirente ha l'aspetto di una pagnotta, dall'altro ha un versante nord dolomitico con salti di roccia impressionanti. Abbiamo appositamente evitato di finire in cresta fuori dalla vetta proprio per non trovarci in situazioni spiacevoli, con neve e nebbia fitta mettere un piede dalla parte opposta non sarebbe il massimo :biggrin:
 
Ultima modifica:
#16
Grandiosa esperienza @alexmoscow73 ed @Ulysses ... Complimenti sinceri per la determinazione, il sangue freddo (e non solo per il meteo :biggrin:)

condivido lo spirito con cui vi siete approcciati alle condizioni e siccome pure io devo fare di necessità virtù coi tempi disponibili (anche se sono mediamente più fortunato :roll:) comprendo quella sensazione tra volontà di andare avanti e razionalizzazione costante dei rischi e delle capacità per cercare di capire quando e se bisogna mollare (e anche io sto pensando al GPS come dotazione, anche per questi casi)

Ancora complimenti... E ad una delle prossime spero di esserci pure io, magari vi porto il sole.. o anche no, va bene uguale ;)
grazie Francesco, so che mi capisci. Avendo a disposizione certi giorni in maniera insindacabile, dobbiamo sfruttare quelli per fare le nostre uscite altrimenti l'escursione e' persa.
Certo, alcune volte me le vado a cercare ma altre volte mi baso su previsioni discrete che poi in loco si rivelano troppo ottimistiche.
Il passo tra continuare in condizioni severe e rinunciare e' breve, solo stando li' capisci se e' il caso rischiare (anche se io preferisco il termine "sfruttare il massimo delle tue risorse") o meno.
Grazie dell'apprezzamento, speriamo che nell'uscita sul Vettore (conto sui riposi di aprile per farla insieme) porterai un po' di sole...altrimenti pazienza, ce la caviamo lo stesso :si:
 
#19
Mamma mia Alex, qui siamo ai confini della realtà...hai sempre più tutta la mia ammirazione, dico sul serio!
Fare un'escursione con te dev'essere uno spettacolo, ed ho tutta l'intenzione di godermolo quest'estate....non vedo l'ora!
Foto che rendono bene l'idea delle condizioni meteo incontrate.
Concordo con te su quanto detto alla fine del post: se mi sparo 170 km e in loco trovo meteo del genere, l'escursione la faccio anch'io!
ciao
 
Ultima modifica:
#20
Mamma mia Alex, qui siamo ai confini della realtà...hai sempre più tutta la mi ammirazione, dico sul serio!
Fare un'escursione con te dev'essere uno spettacolo, ed ho tutta l'intenzione di godermolo quest'estate....non vedo l'ora!
Foto che rendono bene l'idea delle condizioni meteo incontrate.
Concordo con te su quanto detto alla fine del post: se mi sparo 170 km e in loco trovo meteo del genere, l'escursione la faccio anch'io!
ciao
 

Discussioni simili

Alto