Escursione Monte Sirente

Dati

Data: 11/09/2022
Regione e provincia: Abruzzo, L'Aquila
Località di partenza: Rocca di Mezzo, Chalet del Sirente
Località di arrivo: Rocca di Mezzo, Chalet del Sirente
Tempo di percorrenza: 7h
Chilometri: 12
Grado di difficoltà: EE
Descrizione delle difficoltà: fatica (sono più di 1300 mt in circa 6 km lineari!)
Periodo consigliato: tutto l'anno
Segnaletica: CAI, buona
Dislivello in salita: 1379m
Dislivello in discesa: 1379m
Quota massima: 2349m
Accesso stradale: da Rocca di Mezzo si gira per Secinaro, la partenza è visibilissima allo Chalet del Sitente
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8606


Descrizione
In questo periodo la mia sezione del CAI regala delle uscite interessanti e quindi ne approfitto di nuovo, complici la mia voglia di socialità e la contingente mancanza di tempo e testa per studiare percorsi a tavolino. Così mi aggrego a questa bella e faticosa uscita in giornata.

L'alzata mattiniera alle 5.00 prepara un arrivo sonnolento, ma gli ultimi chilometri di macchina già regalano scenari suggestivi, con l'attraversamento dei Prati del Sirente coperti di brume e l'imponente profilo del massiccio del Sirente, lungo 13 km da nord a sud, illuminato dal primo sole. Parcheggiate le macchine allo Chalet del Sirente, inizia subito il cammino con un sentiero che entra in un fitto bosco di faggi da est verso ovest. Nonostante siano già le 9.00, la quota molto bassa della partenza rende quest'area boschiva ancora molto buia e fredda, quasi notturna, coi primi giochi di luce che filtrano attraverso la trama regolare dei tronchi sottili.

Ingresso nella faggeta da sotto
1662966125332.jpeg


Il fondo è terroso e morbido, consentendo una salita agevole seppur già faticosa: dopo circa 15 minuti si prende la deviazione per salire lungo il sentiero n15 e la pendenza risulta subito "importante", con i meno allenati del gruppo che accusano la fatica, rallentando il gruppo. Di lì inizia una costante ascesa attraverso la faggeta, progressivamente più calda e luminosa, affollata di funghi e con alberi ora più grandi, fino all'improvviso a sbucare sul limitare superiore del bosco e vedere all'improvviso da sotto il profilo del masssiccio.

Uscita dal bosco sotto il massiccio
1662967851960.jpeg


Lo scenario è imponente e la prospettiva dal basso ne esalta la grandezza "dolomitica". Impossibile cogliere tutto in una foto, quindi scateno una raffica di scatti da nord (dx) a sud (sinistra) per cogliere tutto con sufficiente dettaglio.

Il Sirente da nord a sud
1662967984112.jpeg

1662968002008.jpeg


1662968016255.jpeg


Usciti allo scoperto siamo sui 1800mt e la vista può finalmente spaziare, regalandoci una vista del GranSasso avvolto tra le nubi. Alcuni amici oggi sono là, sul Corno Grande, e ci scambiamo saluti via whatsapp. La salita si fa ancora più ripida ed ora rocciosa, a tratti franosa, quindi faticosa...ma la verticalità del fianco est del massiccio con le sue spaccature è davvero emozionante.

Vista del GranSasso
1662968169997.jpeg


Fianchi maestosi del Sirente
1662968311537.jpeg


1662968328135.jpeg



Arrivati sui 2200mt si apre una specie di vasta selletta, dove possiamo concederci una breve pausa di ristoro prima di attaccare la cima. Il cielo è ancora terso, ma si affacciano alcune nubi veloci che avvolgono temporaneamente i prati di altura attorno a noi e le cime dei massicci limitrofi.

Nubi
1662968760162.jpeg


1662968736526.jpeg


Arrivati in cima, dopo le foto di rito alla croce di vetta, possiamo finalmente ammirare anche la prospettiva ovest - prima nascosta dal fianco della montagna - con vista in particolare sul gruppo del Velino e sulle Gole di Celano. E' il tempo di un lauto pranzo e di un pisolino sdraiati con testa sullo zaino!

Croce di vetta
1662969029260.jpeg


Massiccio del Velino
1662969050610.jpeg


Gole di Celano
1662969062379.jpeg


Nubi
1662969075074.jpeg


E' ora di riprendere la discesa, lungo la stessa strada fatta in salita. La salita ripida si trasforma in una discesa rapida, più agevole di quanto avrei detto all'andata, e dopo un po' ci ritroviamo a rientrare nel bosco di faggi dall'alto. Il percorso del sole nel cielo ha però cambiato sia la temperatura, decisamente tiepida se non calda adesso, sia i colori, decisamente più morbidi e avvolgenti. Complice la discesa, che lascia lo sguardo libero di spaziare in una direzione prima nascosta, il bosco regala primi accenni di "foliage" e di autunno.

Il bosco dall'alto
1662969300306.jpeg


Il Velino coi primi segni di calar del sole

1662969312499.jpeg


Accenni di Foliage
1662969387265.jpeg


Sarà che la stanchezza porta una sorta di rilassatezza, sarà il piacere del pasto in circolo, sarà la luce tenue del pomeriggio, ma l'ingresso nel bosco risveglia come sempre in me quella sensazione ancestrale di casa, di "protezione inquieta" che mi avvolge come un abbraccio. La chiacchiera che insistentemente ha rallegrato le ultime ore lascia così il posto ad un ascolto vagamente "animale" delle vibrazioni del luogo e spostano l'attenzione dal macro al dettaglio.

Il bosco pomeridiano
1662969413812.jpeg


Foglie sassi e terra

1662969590213.jpeg


Cupola
1662969621319.jpeg


L'escursione è finita, la giornata no: c'è ancora un lungo viaggio per tornare e casa e tante cose da sistemare al rientro. Ma il piacere nelle ossa sfrigola!
 

Allegati

  • 1662968799939.jpeg
    1662968799939.jpeg
    322,1 KB · Visite: 8
192cm...credo sia la prospettiva dal basso e la carenza di pinguetudine ;)
Bhè sarà che io sono alto un metro ed un puffo, sarà la prospettiva, sarà la mancanza di pinguini....... ma 192cm, per me, è già aria di montagna :)

Belle foto, forse un pelo scure ma potrebbe essere tranquillamente il mio schermo.

Ciao :si:, Gianluca
 
Dati

Data: 11/09/2022
Regione e provincia: Abruzzo, L'Aquila
Località di partenza: Rocca di Mezzo, Chalet del Sirente
Località di arrivo: Rocca di Mezzo, Chalet del Sirente
Tempo di percorrenza: 7h
Chilometri: 12
Grado di difficoltà: EE
Descrizione delle difficoltà: fatica (sono più di 1300 mt in circa 6 km lineari!)
Periodo consigliato: tutto l'anno
Segnaletica: CAI, buona
Dislivello in salita: 1379m
Dislivello in discesa: 1379m
Quota massima: 2349m
Accesso stradale: da Rocca di Mezzo si gira per Secinaro, la partenza è visibilissima allo Chalet del Sitente
Traccia GPS: https://www.avventurosamente.it/xf/pagine/mappa/?do=loadmarker&id=8606


Descrizione
In questo periodo la mia sezione del CAI regala delle uscite interessanti e quindi ne approfitto di nuovo, complici la mia voglia di socialità e la contingente mancanza di tempo e testa per studiare percorsi a tavolino. Così mi aggrego a questa bella e faticosa uscita in giornata.

L'alzata mattiniera alle 5.00 prepara un arrivo sonnolento, ma gli ultimi chilometri di macchina già regalano scenari suggestivi, con l'attraversamento dei Prati del Sirente coperti di brume e l'imponente profilo del massiccio del Sirente, lungo 13 km da nord a sud, illuminato dal primo sole. Parcheggiate le macchine allo Chalet del Sirente, inizia subito il cammino con un sentiero che entra in un fitto bosco di faggi da est verso ovest. Nonostante siano già le 9.00, la quota molto bassa della partenza rende quest'area boschiva ancora molto buia e fredda, quasi notturna, coi primi giochi di luce che filtrano attraverso la trama regolare dei tronchi sottili.

Ingresso nella faggeta da sotto
Vedi l'allegato 239694

Il fondo è terroso e morbido, consentendo una salita agevole seppur già faticosa: dopo circa 15 minuti si prende la deviazione per salire lungo il sentiero n15 e la pendenza risulta subito "importante", con i meno allenati del gruppo che accusano la fatica, rallentando il gruppo. Di lì inizia una costante ascesa attraverso la faggeta, progressivamente più calda e luminosa, affollata di funghi e con alberi ora più grandi, fino all'improvviso a sbucare sul limitare superiore del bosco e vedere all'improvviso da sotto il profilo del masssiccio.

Uscita dal bosco sotto il massiccio
Vedi l'allegato 239696

Lo scenario è imponente e la prospettiva dal basso ne esalta la grandezza "dolomitica". Impossibile cogliere tutto in una foto, quindi scateno una raffica di scatti da nord (dx) a sud (sinistra) per cogliere tutto con sufficiente dettaglio.

Il Sirente da nord a sud
Vedi l'allegato 239697
Vedi l'allegato 239698

Vedi l'allegato 239699

Usciti allo scoperto siamo sui 1800mt e la vista può finalmente spaziare, regalandoci una vista del GranSasso avvolto tra le nubi. Alcuni amici oggi sono là, sul Corno Grande, e ci scambiamo saluti via whatsapp. La salita si fa ancora più ripida ed ora rocciosa, a tratti franosa, quindi faticosa...ma la verticalità del fianco est del massiccio con le sue spaccature è davvero emozionante.

Vista del GranSasso
Vedi l'allegato 239700

Fianchi maestosi del Sirente
Vedi l'allegato 239701

Vedi l'allegato 239702


Arrivati sui 2200mt si apre una specie di vasta selletta, dove possiamo concederci una breve pausa di ristoro prima di attaccare la cima. Il cielo è ancora terso, ma si affacciano alcune nubi veloci che avvolgono temporaneamente i prati di altura attorno a noi e le cime dei massicci limitrofi.

Nubi
Vedi l'allegato 239704

Vedi l'allegato 239703

Arrivati in cima, dopo le foto di rito alla croce di vetta, possiamo finalmente ammirare anche la prospettiva ovest - prima nascosta dal fianco della montagna - con vista in particolare sul gruppo del Velino e sulle Gole di Celano. E' il tempo di un lauto pranzo e di un pisolino sdraiati con testa sullo zaino!

Croce di vetta
Vedi l'allegato 239706

Massiccio del Velino
Vedi l'allegato 239707

Gole di Celano
Vedi l'allegato 239708

Nubi
Vedi l'allegato 239709

E' ora di riprendere la discesa, lungo la stessa strada fatta in salita. La salita ripida si trasforma in una discesa rapida, più agevole di quanto avrei detto all'andata, e dopo un po' ci ritroviamo a rientrare nel bosco di faggi dall'alto. Il percorso del sole nel cielo ha però cambiato sia la temperatura, decisamente tiepida se non calda adesso, sia i colori, decisamente più morbidi e avvolgenti. Complice la discesa, che lascia lo sguardo libero di spaziare in una direzione prima nascosta, il bosco regala primi accenni di "foliage" e di autunno.

Il bosco dall'alto
Vedi l'allegato 239710

Il Velino coi primi segni di calar del sole

Vedi l'allegato 239711

Accenni di Foliage
Vedi l'allegato 239712

Sarà che la stanchezza porta una sorta di rilassatezza, sarà il piacere del pasto in circolo, sarà la luce tenue del pomeriggio, ma l'ingresso nel bosco risveglia come sempre in me quella sensazione ancestrale di casa, di "protezione inquieta" che mi avvolge come un abbraccio. La chiacchiera che insistentemente ha rallegrato le ultime ore lascia così il posto ad un ascolto vagamente "animale" delle vibrazioni del luogo e spostano l'attenzione dal macro al dettaglio.

Il bosco pomeridiano
Vedi l'allegato 239713

Foglie sassi e terra

Vedi l'allegato 239714

Cupola
Vedi l'allegato 239715

L'escursione è finita, la giornata no: c'è ancora un lungo viaggio per tornare e casa e tante cose da sistemare al rientro. Ma il piacere nelle ossa sfrigola!
Il Sirente,che gran bella montagna.Ho aggredito i suoi canali solo due volte ma mi ha completamente rapito.Complimenti x l'ottimo reportage
 
che nostalgia... un luogo in cui feci uno dei miei errori partendo da Rovere e finendo a Celano ma proprio perchè mi piacque non ho intenzione di rifarlo come per altri percorsi che ho sbagliato, grazie per la condivisione
 
Hai detto bene: dolomitico. Ci sono stati anni che lo facevo sempre di maggio per scendere poi "volando" sulle ripide e compatte nevi del Canalone Maiori. Ma l'ultima volta non avevano ancora il ricostruito lo Chalet.
 
Corso di Orientamento
Alto Basso