Escursione Monte Sotto Rognosa da Sestriere per la valle del Chisonetto e Passo San Giacomo - prima neve

Data: 26/10/2019
Regione e provincia: Piemonte, Torino
Località di partenza: Sestriere, si sale con l'auto fin dove si può a seconda della neve...
Località di arrivo: idem
Tempo di percorrenza: 8-9 ore
Chilometri: 12
Grado di difficoltà: EE/F con neve
Descrizione delle difficoltà: terreno friabile, pietraie fastidiose, buchi nella neve, un po' di esposizione, neve e ghiaccio a seconda delle condizioni... se non sbagliate percorso non serve la picca, ma sono fondamentali i ramponi... sulla cresta ci sono un paio di metri di arrampicata da fare, un po' esposti, che non abbiamo trovato modo di evitare
Periodo consigliato: percorso raramente fattibile con neve perchè nella valle del Chisonetto svalanga molto, quindi inizio stagione scialpinistica
Segnaletica:
Dislivello in salita: circa 1100 senza contare i molti su e giù per arrivare sotto la Rognosa, la Punta è 280 metri più su
Dislivello in discesa: idem
Quota massima: 3000
Accesso stradale: potete salire con l'auto fino gli impianti

197083


Descrizione

Prima neve della stagione! :woot:
Grande giro di misto: 60% neve, 40% roccia/terra

Gita che direi si può dividere in due parti.

La salita al Passo di S. Giacomo è un po' ripida, ma comoda, su sfasciumi ma qui la neve (che non deve essere tanta) aiuta abbastanza.
Abbiamo trovato un po' di verglass sul sentiero dove era invaso dall'acqua, comunque evitabile. Neve buona, questa valle è quasi sempre all'ombra percui non conterei sul fatto che si trasformi. Al ritorno la neve non aveva mollato per nulla e anche al pomeriggio tutto all'ombra.

197084

197086

197087

197088

197089

197090


Dal Passo in avanti poi è tutta cresta, alle volte difficile capire dove passare e le verticalità ci sono.
Il percorso estivo poi non è neanche sempre il più comodo con la neve. Neve per lo più gessosa.
197091

197092

197093

197094


Molti sali-scendi sulla cresta, unito al fatto che bisogna fare attenzione ad ogni passo che non ci sia un buco sotto la neve (pericoloso quasi quanto andare sul ghiacciaio per questo) e all'attenzione richiesta nel cercare di non sbagliare percorso... la cresta è molto bella, ma anche molto stancante e porta via un sacco di tempo :)

197095

197096

197097

197098

197099


Alle volte conviene passare da un versante, altre volte dall'altro, spesso non è facilmente intuibile

197100


Comunque il panorama è ottimo da entrambe le parti
197101


Per buona parte della cresta abbiamo seguito le orme di un lupo alpinista, che sembrava molto confidente, mai un'esitazione.
197102


Verso i 2750 ci siamo fatti trarre in inganno da un ometto e non abbiamo seguito le orme del lupo, che invece aveva ragione. E così ci siamo ritrovati sul versante SO (quello di Bessen Haut) ricco di terreno instabile, sfasciumi, pietraie e con accumuli eolici di neve fino a 40cm con neve che cominciava a mollare, al sole... per tornare al sentiero in cresta abbiamo perso un sacco di tempo.
197103


per levarmi da questo impiccio sono passato sulle rocce dove possibile, poi più su la neve teneva meglio e ho addirittura tirato fuori la picca per aiutarmi nella progressione di un tratto leggermente più verticale
197104

197105


Verso i 2900 la neve era molto meglio, si è pure alzato un vento freddo e il k-way è tornato utile.

Al Sotto la Rognosa pausa pranzo (sono le 13), la cresta fino alla Punta appare bella pulita.
Pare ovvia e noiosa e decidiamo di lasciar perdere la Punta.
197106

197107
197108

197109

197110


si torna per la via di salita

197111

197112


197113

197114


sempre occhio ai buchi nella neve, di alcuni non si vede il fondo
197115

197116

197117


questo pezzo è da disarrampicare all'andata e da arrampicare al ritorno
197118


si torna giù su sentiero per lo più innevato, neve ancora ottima da sto versante
197119


tutte le foto qua
photos.app.goo.gl/5rYoS9R766BPPEE66
 
Ultima modifica:
Bella gita complimenti
Finalmente si vedono bene i ramponi che ti bloccano mentre tenti di imitare DiCaprio :p dopo tutte le discussioni su come affrontare i nevai...
 
buchi nella neve, un po' di esposizione, neve e ghiaccio a seconda delle condizioni..
L'inconveniente di andare sulla neve a due giorni dalla prima nevicata.. :biggrin: :biggrin:

Comunque la neve si trasforma più velocemente nei versanti in ombra semmai, la trasformazione è intesa nel senso che si consolida diventando dura ovviamente, non nel senso che molla
Il fatto che la punta fosse già quasi pulita nonostante i 50 centimetri caduti due giorni prima dice molto sulle temperature dei giorni scorsi tra l'altro

Bella gita comunque, mi piace il contrasto tra il paesaggio autunnale in basso e quello invernale più in alto.
 
Comunque la neve si trasforma più velocemente nei versanti in ombra semmai, la trasformazione è intesa nel senso che si consolida diventando dura ovviamente, non nel senso che molla
Per neve trasformata si intende quella primaverile (che viste le temperature è la stessa che si trova adesso fino ai 3mila metri a determinate esposizioni... all'atto pratico l'unica differenza è che ora manca il fondo), ossia è neve che ha subito la trasformazione dei cristalli per cicli di sgelo/rigelo e si è compattata.
Se non prende sole o sufficiente sbalzo termico con rigelatura mattutina non si trasforma/compatta.
La neve su quel versante (Chisonetto) sempre all'ombra quindi è più difficile che si trasformi ed è molto meno compatta e svalanga molto.
 
Ultima modifica:
Per neve trasformata si intende quella primaverile (che viste le temperature è la stessa che si trova adesso fino ai 3mila metri a determinate esposizioni... all'atto pratico l'unica differenza è che ora manca il fondo), ossia è neve che ha subito la trasformazione dei cristalli per cicli di sgelo/rigelo e si è compattata.
Se non prende sole o sufficiente sbalzo termico con rigelatura mattutina non si trasforma/compatta.
La neve su quel versante (Chisonetto) sempre all'ombra quindi è più difficile che si trasformi ed è molto meno compatta e svalanga molto.
Ma la trasformazione della neve fresca in neve "primaverile" non arriva mica con i cicli di gelo e disgelo, la neve fresca si consolida a prescindere da quello e anzi dovrebbe essere agevolata da temperature più basse. Con i cicli di gelo e disgelo hai solo neve umida e inconsistente di giorno per via del disgelo, e questo non accade ovviamente nei versanti in ombra.
Anche perchè per definizione con continui cicli di gelo e disgelo la neve passa dall'essere compatta a non esserlo, quindi non vedo come possa subire una trasformazione in firn o neve primaverile se ogni giorno avviene il disgelo..
 


Contenuti correlati

Alto Basso