Escursione Monte Vettore

#1
Parchi delle Marche
Parco Nazionale dei Monti Sibillini
Dati

Data: 18 settembre 2014
Regione e provincia: Marche, AP
Località di partenza: Forca di Presta (1535 m.)
Località di arrivo: Monte Vettore (2476 m.)
Tempo di percorrenza: in salita poco più di 2 ore, in discesa 1h e 20m
Chilometri: 10 Km (indicazione trovata nel web di cui non sono per niente sicuro)
Grado di difficoltà: E
Descrizione delle difficoltà: dislivello abbastanza consistente e qualche tratto ripido
Segnaletica: sentiero 101
Dislivello in salita: 941 m.
Dislivello in discesa: 941 m.
Quota massima: Monte Vettore (2476 m.)
Accesso stradale: parcheggio Forca di Presta


Descrizione
Avevo già tentato questa ascesa un paio di anni fa: quel giorno tirava un vento pazzesco e la mia ex non ne volle sapere di salire..
Questa settimana ho trascorso qualche giorno in Umbria (la mia seconda casa praticamente) dove ho conosciuto il buon Gaheris grazie al quale ho potuto fare il mio vero esordio nel mondo dell’arrampicata, provando la stupenda falesia di Ferentillo.
Avevo già programmato quindi di approfittarne per salire sul Vettore.
Parto da Foligno tardissimo e ci si mette anche il navigatore facendo mi fare un giro assurdo, ma molto bello.
Arrivo a Forca di Presta alle 10:40: il tempo di sistemare e preparare tutto e alle 10:45 attacco il sentiero.
Diversi escursionisti si sono già avviati da un bel po’, sono l’ultimo ma incredibilmente li riprendo quasi tutti e alla fine li aspetterò in cima.
La giornata è piuttosto coperta e non permette di fare molte foto o di godere dei bellissimi panorami che il sentiero offre.

Sulla sinistra il Redentore (se non sbaglio), venendo da Visso: di fronte c’è Castelluccio di Norcia ma non si vede perché avvolto dalla nebbia:


e5mlbk.jpg




Castelluccio di Norcia lungo il tratto iniziale del sentiero:



200wo5d.jpg




E la famosa “Italia” alberata:



ztumg1.jpg


Parte del Redentore:

15hhmdi.jpg


Il cielo si fa sempre più coperto purtroppo: ho poche opportunità di fare foto, la salita è monotona e ormai l’escursione si sta trasformando, mio rammarico, in una salita noiosa.
Devo approfittare dei rarissimi (davvero pochi) scorci che ogni tanto il cielo mi regala.
Sperando di non sparare una baggianata, questo dovrebbe essere il Gran Sasso:

11bpuvp.jpg

Nel frattempo lo Zilioli si fa sempre più vicino: lo raggiungo in un’ora e mezza da Forca di Presta. Mi stupisco dei miei tempi, pensavo di essere fuori allenamento. Qui faccio conoscenza di due ragazzi di Empoli: sono in viaggio da una decina di giorni tra le vette dell’Appenino Centrale.
Faccio una pausa di una ventina di minuti e riparto.

2wd6grt.jpg


Il mare di nuvole si fa sempre più consistente: ogni tanto qualche vetta più bassa fa una veloce comparsa prima di essere nuovamente inghiottita:

30loqw4.jpg


2569qnn.jpg


Il Vettore si avvicina, ormai è li a portata di mano. Questa è l’altra croce che si scorge durante la salita e che si vede anche dallo Zilioli: non fatevi ingannare, non è la cima :D

zv3fs.jpg


Dal rifugio in un’ora raggiungo la cima del Vettore. Mi accoglie il solito vento forte.
La vista nonostante tutto è molto bella: c’è un mare di nuvole. Mi ricorda molto i video degli alpinisti sulle leggendarie vette degli ottomila.
Una voce nella mia testa mi dice: “fallo anche tu”. Metto via la reflex e prendo la fotocamera: parte il video :D nel mio piccolo mi levo una soddisfazione:



https://www.youtube.com/watch?v=gOx6d8M2lZ4





Classica foto di vetta: mi sparo un selfie :D quest’anno mi son trovato sempre da solo in vetta, incredibile.



n2e6c6.jpg


E’ la prima volta che salgo sul Vettore. Cerco con lo sguardo il Lago di Pilato. Niente da fare. Poi alla fine quasi per caso lo trovo, ma purtroppo non si vede nella sua completa estensione:

zlugqs.jpg


Di fronte un gregge di pecore su un pendio quasi impossibile:

15pr62s.jpg


Dopo una sosta in vetta di circa 45 minuti, comincio la discesa. Impiegherò un’ora e venti.
Scendendo medito sulla deviazione che mi potrebbe portare in breve al Lago di Pilato. Ma ho fretta di rientrare, il tempo non si capisce che intenzioni ha e alla fine rinuncio: so di aver fatto una stupidaggine :D

Il Pizzo del Diavolo e alcune nuvole che risalgono dal basso:

rack1x.jpg


Il ritorno si presenta piuttosto noioso: non amo le discese ripide, le nuvole sono aumentate e non scatto nemmeno una foto. Mi rendo conto di essere arrivato (sono le 15 passate da poco) dai rumori delle macchine sulla strada. C’è nebbia ovunque, non trovo nemmeno la macchina. Poi alla fine eccola li, ma sembra esserci qualcosa vicino: assottiglio lo sguardo, sembra un cane. :)
Come consuetudine cerco di capirne le intenzioni. Ma sta dormendo.. mi avvicino piano quindi e lui si gira di scatto. Apro la macchina e si sposta. Sembra buono. Non è messo molto bene e mi fa una pena infinita. Ricordo di avere consumato solo metà pranzo e così tiro fuori il mio secondo panino con il salame: lo divora felice. Comincio così a sistemare le cose per il rientro ma ogni volta che giro la testa, lui è li pronto a scodinzolare. Passo qualche minuto con lui, ma alla fine devo partire, ma con un piccolo nodo alla gola.

atrnlc.jpg
 

Ultima modifica di un moderatore:
#2
Una super classica sempre bella, anche se, come dici tu il sentiero è, alla lunga, monotono, ma il vettore è il vettore
Il cane è spesso lì, ed è buono, appartiene al pastore li vicino, ma va sempre in quella zona ad impietosire gli escursionisti e gli avventori del rifugio alpini
Grazie della condivisione
Saluti, Mauro&zeta:)
 
#4
Una super classica sempre bella, anche se, come dici tu il sentiero è, alla lunga, monotono, ma il vettore è il vettore
Il cane è spesso lì, ed è buono, appartiene al pastore li vicino, ma va sempre in quella zona ad impietosire gli escursionisti e gli avventori del rifugio alpini
Grazie della condivisione
Saluti, Mauro&zeta:)
Si il Vettore è il Vettore, una di quelle classiche a cui non si può rinunciare
Il cane è riuscito nel suo intento :D mi ha inpietosito non poco
Saluti alla tua cagnetta: leggo sempre le tue uscite perché anche io ho la mia cucciolotta e pian piano la sto abituando a portarla in escursione.

Bella gita, peccato per il meteo che quest'anno non da tregua!!
Vero
Però anche con tutte quelle nuvole il Vettore aveva il suo fascino: mi toccherà tornarci per sapere cosa si vede da lassù :D
 
#5
Scendendo medito sulla deviazione che mi potrebbe portare in breve al Lago di Pilato. Ma ho fretta di rientrare, il tempo non si capisce che intenzioni ha e alla fine rinuncio: so di aver fatto una stupidaggine
Confermo!!! :D

Dallo Zilioli al lago c'è una mezz'oretta con un percorso piacevole e non banale, e la vista dal lago merita davvero: mi trasmette un misto di pace e inquietudine (ma non ci deve essere confusione).

Probabilmente avrebbe potuto dare quel qualcosa in più all'escursione con solo una "piccola" deviazione. Ma lo sai tu com'era il tempo: tu non sei sceso al lago e il tempo ha tenuto, sicuramente, se scendevi al lago, ti avrebbe obbligato a passare la notte nella grotta-bivacco :D
 
#6
Confermo!!! :D

Dallo Zilioli al lago c'è una mezz'oretta con un percorso piacevole e non banale, e la vista dal lago merita davvero: mi trasmette un misto di pace e inquietudine (ma non ci deve essere confusione).

Probabilmente avrebbe potuto dare quel qualcosa in più all'escursione con solo una "piccola" deviazione. Ma lo sai tu com'era il tempo: tu non sei sceso al lago e il tempo ha tenuto, sicuramente, se scendevi al lago, ti avrebbe obbligato a passare la notte nella grotta-bivacco :D
Ecco lo sapevo! :D
Sai quando se da solo e c'è quella vocina che ti consiglia preferisco ascoltarla e non tirare più di tanto la corda :D
Mi sto letteralmente mangiando le mani, ma vado spesso in Umbria e con un'oretta son li dai: alla prossima punto dritto al lago e magari faccio un pensierino al Redentore :si:
 
#7
Mi sto letteralmente mangiando le mani, ma vado spesso in Umbria e con un'oretta son li dai: alla prossima punto dritto al lago e magari faccio un pensierino al Redentore
Se posso consigliarti, io farei l'anello che racchiude lo Zilioli, il Redentore, forca Viola e il lago di Pilato. Puoi farlo partendo da Forca di Presta o da Castelluccio e la cresta del Redentore non è affatto banale..
 
Ultima modifica:
#13

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto