Escursione Monti Caprini

Parchi del Lazio
Monti Prenestini
Dati

Data: 18/12/2014
Provincia: Roma
Località di partenza: Santuario della Mentorella

Descrizione


Durante l’estate mi stavo già chiedendo quali escursioni avrei potuto fare durante l’inverno. Mi ero ripromesso così di esplorare zone che conosco poco e tra queste ci sono tanti rilievi minori del nostro antiappennino.

La scelta è dovuta al fatto che sicuramente sono più accessibili in questa stagione sotto tanti punti di vista. Montagne che non hanno niente da invidiare ai loro parenti maggiori e che in questa stagione possono regalare anche belle sorprese.

Appena ad inizio dicembre sono finalmente riuscito a mettere le mani sulla carta dei Prenestini, la scelta è caduta quasi immediatamente sul Santuario della Mentorella. So che molti di voi lo conoscono e lo hanno già visitato, chi più volte per giunta. Non darò un grosso contributo con la mia recensione, ma lo spirito di condivisione di questa comunità mi spinge a parlarvene.

Dopo qualche giorno di pioggia, giovedì 18 dicembre il tempo ci regala una giornata davvero magnifica. Avevo studiato a fondo la zona sia su carta che reperendo informazioni online (anche da molti di voi e ne approfitto per ringraziarvi nuovamente) e sapevo che i sentieri li attorno mi avevano preparato un fondo piuttosto poco invitante, al punto che molti (e a ragione) sconsigliano di andarci dopo le piogge.
Ma essendo l’unica giornata a disposizione in questa settimana, sono partito lo stesso.

Lasciata la macchina presso il parcheggio dell’ultimo tornante in discesa prima del Santuario (da cui parte tra l’altro il sentiero 504 per Monte Cerella) si ha già la possibilità di godere della splendida vista della Mentorella:

34eax6u.jpg


In questa foto si distinguono chiaramente lo sperone Nord e il Santuario:

146wwy.jpg


La voglia di attaccare il famoso sentiero Kircher è tanta, così dopo una fugace visita al santuario (lo visiteremo con calma più tardi), ci dirigiamo verso l’inizio del sentiero 503 che si trova poco fuori l’entrato della Mentorella: impossibile non notarne il cartello

357rm7t.jpg


Il sentiero è breve ma divertente e nonostante la modesta quota offre diversi panorami.

2vmwxnq.jpg


Lungo il percorso l’esposizione è minima e non ci sono passaggi particolarmente difficili. Forse il più “complicato” è la scala metallica (soprattutto se fatta in discesa):

16bkr3b.jpg


Subito dopo la scala c’è un bellissimo passaggio tra le rocce:

71o38k.jpg


La pioggia abbondante dei giorni precedenti ha fatto spuntare funghi ovunque, al punto che spesso era difficile evitarli, soprattutto nei punti più stretti:

2lwkt3k.jpg


Il sentiero 503 gira attorno allo sperone nord: la cosa interessante è che offre ad ogni curva e punto di osservazione panorami diversi dai precedenti, finché non si è in cima e da dove è possibile abbracciare l’intero panorama nella sua interezza con i tanti paesini intorno.
Questo borgo dovrebbe essere Castel Madama:

1zfkf87.jpg


I vicini Simbruini già ricoperti dalla neve: si distinguono bene i Cantari, il Gendarme (che così ammantato quasi non sembra lui) e ovviamente Monte Viglio:

6i4ie9.jpg


La “cima” dello sperone Nord:

bi5nc3.jpg


Ci concediamo una breve pausa per scattare diverse foto e bere un po’ d’acqua e puntiamo nuovamente al Santuario dove ci fermeremo per il pranzo. Qui, oltre la piccola chiesa, si può visitare una piccola grotta (di San Benedetto se non ricordo male). Poco prima dell’ingresso ad accogliervi ci sono loro e una targa poco tranquillizzante :D


“Quello che voi siete noi eravamo

Quello che noi siamo voi sarete”


rk6a9t.jpg


Questo è lo sperone Nord visto dal santuario:

3wnwo.jpg


Dopo il pranzo decidiamo di scendere per il 502 “Karol Wojtyla” che conduce ad Ara di Palazzo: probabilmente è un sentiero molto più bello da fare in primavera che in inverno perché il fondo è pessimo (e quel versante ha tanta ombra quasi tutto il giorno) e la vegetazione spoglia. Magari è anche meglio farlo partendo dalla valle in quanto sia come meta finale il santuario.
La vista dello sperone nord ci accompagna praticamente per tutto il tragitto:

2vtbew2.jpg


Tornati alla Mentorella sempre per il 502, saliamo verso una croce qualche metro più sopra del Santuario: superiamo il guardrail attraversando la strada e puntiamo al Monte Cerella inizialmente con un fuori sentiero attraverso dei prati per poi riprendere più avanti il 504: si tratta di una breve salita con una pendenza che si fa sentire un pochino. Durante la salita ci fermiamo spesso per voltarci a guardare il Santuario che è sempre magnifico da ogni angolazione e altezza:

1zxtixx.jpg


35cllhx.jpg


Si giunge in cresta con lo sguardo rivolto verso ovest: arriviamo proprio mentre il sole si riflette su un piccolo scorcio di mare che si intravede in lontananza, a destra abbiamo il Cerella e a sinistra il Guadagnolo.
Il semplice e breve percorso di cresta che unisce le due cime:

10h14yu.jpg
 
bene, vedo che hai cominciato con l'esplorazione, bravi! vedo che hai notato anche tu che dopo le piogge i Prenestini/caprini sono davvero infidi :poke:
 
ciao, :)
anche a me piace molto la foto che ha scelto Crafter, molto bella :) alla Mentorella ci sono stata, ma certamente non come ci sei stato tu ;) ;)

invece, non riesco a capire come può essere Castel Madama, il paese che hai fotografato...:)
 
bene, vedo che hai cominciato con l'esplorazione, bravi! vedo che hai notato anche tu che dopo le piogge i Prenestini/caprini sono davvero infidi :poke:
Si esatto, ho messo in pratica immediatamente la promessa che mi ero fatto.
Solo che di zone ce ne sono, ad inizio mese ho prese le carte dei Prenestini, dei Sabini, dei Lepini e degli Aurunci.
Voglio girarmele per bene, vedremo se ci riuscirò ;)

Impossibile non notarlo :D ma più che altro lo avevo letto e dopo 3-4 gionri di pioggia ero certo cosa avrei trovato ahimé :D

invece, non riesco a capire come può essere Castel Madama, il paese che hai fotografato...:)
Forse perché ero ubriaco quando l'ho scritto.. E' Ciciliano? :D
 
Quei funghi: Agarici del cerchio, favolosi! (se sono loro)
fungo che cresce nel tardo autunno.
Bellissima gita, di quelle che piacciono a me
 
Ciciliano in primo piano, Samuci subito dietro e Saracinesco in alto a destra.
tutto quel gruppo di monti si può girare facilmente con la rete dei sentieri dei Monti prenestini con la cartografia esistente o reperibile presso la Comunità montana.
Lungo la Strada Empolitana che collega Ciciliano a Tivoli, altezza bivio di Castel Madama umerosi cartelli della Com.Montana segnalano benissimo sentieri inusuali che si dirigono verso la Mentorella.
in ogni caso bellissimo il sentiero Wojtyla da Pisoniano in primavera oppure altro dal Passo della Fortuna da Ciciliano.
Bellissime foto!
Ciao
 
Il 9 febbraio 2014, insieme al mio usuale compagno d'escursioni, ho effettuato la salita al santuario della Mentorella dall'Ara di Palazzo, sotto una pioggia battente: tra acqua, foglie, pietruzze instabili e rametti il sentiero era al limite della sicurezza. Siamo saliti e ridiscesi per lo stesso sentiero, avendo lasciato l'auto di sotto. Durante l'ascesa abbiamo trovato una mucca (di quelle che pascolano allo stato brado) che era scivolata finendo con la pancia a cavallo di una biforcazione tra due rami di un albero sottostante il sentiero: avvicinandosi per vedere se potevamo fare qualcosa abbiamo spaventato ancora di più l'animale che si è molto agitato arrivando a liberarsi. Tutto è bene ciò che finisce bene...
Comunque ci siamo bagnati parecchio e dato più di qualche culata. La foto della mucca libera
 

Allegati

Il 9 febbraio 2014, insieme al mio usuale compagno d'escursioni, ho effettuato la salita al santuario della Mentorella dall'Ara di Palazzo
una domanda..ma avete fatto il Woytjila oppure la "direttissima" dall'Ara di Palazzo? si tratta di un antico sentiero dimenticato (e non segnato sulla cartina) che non ho ancora avuto modo di esplorare. Credevo che facendolo dall'alto fosse una continuazione del sentiero "scesa di ara palazzo", ma non ho trovato alcuna continuazione
 

Discussioni simili



Alto Basso