Escursione Monti della Tolfa - Cammino dei Minatori

Cammino dei Minatori
Quota
624 m
Data 20 aprile 2024
Sentiero segnato
Dislivello 720 m
Distanza 30,31 km
Tempo totale 7:30 h
Tempo di marcia 6:56 h
Cartografia Il Lupo Monti della Tolfa
Descrizione Da Allumiere (500 m) per i ruderi interrati dell’Acquedotto Traianeo (300 m, +1,10 h), la falesia di Ripa Maiala (230 m, +47 min.), i ruderi della città medievale di Cencelle (188 m, +28 min.) con visita del sito (20 min.), i ruderi della Chiesa dell’Immacolata Concezione e il vicino borgo fantasma de La Farnesiana (174 m, +34 min.), un altro tratto dell’Acquedotto Traianeo ancora in uso (316 m, +1,37 h), l’Eremo della Santissima Trinità (369 m, +12 min.), i ruderi delle Fornaci per l’allume (453, +28 min.), il Monumento Naturale Il Faggeto e Allumiere (+1,20 h). Unione di tre anelli in un unico anello più lungo. Numerosi motivi d’interesse e belle viste sul mare fino a La Farnesiama; più chiuso e meno interessante dopo. Percorrenza soprattutto su sterrate e tratturi con un 30% di sentieri. Grandinata e dieci minuti di pioggia torrenziale alla fine.
https://www.montinvisibili.it/cammino-dei-minatori-allumiere

Cammino dei Minatori, 22 aprile 2024. Questa volta la fuga prende la direzione di chi la vita l’ha faticata davvero, con un percorso appena inaugurato, come testimoniano i colorati cartelli segnaletici, che segue i luoghi e le orme dei cavatori di allume in quel di Allumiere: il Cammino dei Minatori.
Un percorso dove le memorie e le vestigia sono più nell’aria che nella terra, ma dove comunque non mancano motivi d’interesse storico e paesaggistico, soprattutto nella prima metà, fino al borgo de La Farnesiana.
Lo sfruttamento di questo minerale fondamentale per l’industria tessile e la concia delle pelli, infatti ha profondamente permeato questo territorio. Fino al XV secolo l’allume arrivava dalle miniere dell’Asia Minore, in mano comunque a genovesi e veneziani. Ma dal 1453, con la conquista ottomana di Costantinopoli, questo commercio si ferma e tutta l’Europa si trova in una stretta carenza di questo indispensabile sale, che non poteva certo essere acquistato dal nemico.
La scoperta dell’allume nelle vicinanze di Roma – sembra a opera di tal Giovanni da Castro che riconobbe nei Monti della Tolfa sembianze simili a quelle anatoliche – portò il papa a stabilire un vero e proprio cartello sul suo sfruttamento, con tanto di scomunica per chi non avesse acquistato unicamente allume papale.
Oggi l’allume è solo memoria, ricordata ora con questo nuovo cammino nel quale vengo coinvolto da Andrea, un altro appassionato camminatore conosciuto lo scorso ottobre durante la Traversata dei Monti Cimini.
Dopo la rituale timbratura della credenziale nel bar del paese, siamo già in marcia da Allumiere, seguendo una puntuale segnaletica che illustra i tre anelli di cui è formato il cammino: ma noi abbiamo intenzione di percorrerlo tutto in un giorno, portando così la sgambata a trenta chilometri.

 

Allegati

  • 001 Allumiere.JPG
    001 Allumiere.JPG
    285,2 KB · Visite: 31
  • 002 Allumiere.JPG
    002 Allumiere.JPG
    363,3 KB · Visite: 27
  • 004 Cammino dei Minatori.JPG
    004 Cammino dei Minatori.JPG
    245,7 KB · Visite: 25
  • 005 Acquedotto Traianeo.JPG
    005 Acquedotto Traianeo.JPG
    569,8 KB · Visite: 25
  • 011 Cammino dei Minatori.JPG
    011 Cammino dei Minatori.JPG
    255,4 KB · Visite: 22
  • 014 Cammino dei Minatori.JPG
    014 Cammino dei Minatori.JPG
    249,1 KB · Visite: 22
  • 017 Vitelli.JPG
    017 Vitelli.JPG
    377,7 KB · Visite: 20
  • 018 Ripa Maiala.JPG
    018 Ripa Maiala.JPG
    283 KB · Visite: 21
  • 021 Ripa Maiala.JPG
    021 Ripa Maiala.JPG
    325,4 KB · Visite: 25
  • 025 Cencelle.JPG
    025 Cencelle.JPG
    390,9 KB · Visite: 22
  • 026 Cencelle.JPG
    026 Cencelle.JPG
    415,9 KB · Visite: 23
  • 027 Cencelle.JPG
    027 Cencelle.JPG
    435,8 KB · Visite: 25
  • 030 Cencelle.JPG
    030 Cencelle.JPG
    341,3 KB · Visite: 22
  • 032 Cencelle.JPG
    032 Cencelle.JPG
    441,5 KB · Visite: 22
  • 035 Cencelle.JPG
    035 Cencelle.JPG
    373,2 KB · Visite: 25
  • 037 Cencelle.JPG
    037 Cencelle.JPG
    520,6 KB · Visite: 95
  • 039 Cencelle.JPG
    039 Cencelle.JPG
    396,9 KB · Visite: 26
  • 041 Cencelle.JPG
    041 Cencelle.JPG
    340 KB · Visite: 26
  • 042 Cencelle.JPG
    042 Cencelle.JPG
    343,4 KB · Visite: 26
  • 043 Ferula.JPG
    043 Ferula.JPG
    318,2 KB · Visite: 22
  • 044 La Farnesiana.JPG
    044 La Farnesiana.JPG
    334,8 KB · Visite: 27
  • 046 La Farnesiana.JPG
    046 La Farnesiana.JPG
    379,9 KB · Visite: 23
  • 047 La Farnesiana.JPG
    047 La Farnesiana.JPG
    340,4 KB · Visite: 28
  • 048 La Farnesiana.JPG
    048 La Farnesiana.JPG
    370,2 KB · Visite: 24
  • 050 Acquedotto Traianeo.JPG
    050 Acquedotto Traianeo.JPG
    492,7 KB · Visite: 23
  • 051 Cammino dei Minatori.JPG
    051 Cammino dei Minatori.JPG
    308 KB · Visite: 24
  • 053 Con Andrea Giattini.JPG
    053 Con Andrea Giattini.JPG
    280,7 KB · Visite: 26
  • 054 Credenziale Cammino dei Minatori.JPG
    054 Credenziale Cammino dei Minatori.JPG
    206,1 KB · Visite: 34
Tolfa forever ! Paese di miniere paese di miserie, dove dopo una giornata di "cu°°" " pazzesco si sfamavano con una acqua cotta ,che spesso era proprio acqua cotta, da mangiare con il cucchiaio in una mano e una cipolla nell'altra. E' inutile dire quanto condivido le prime righe dello scritto circa la pensione e la noia. Sempre ho sentito e odiato questa storia :" tanto in pensione poi ti annoi, oppure "tanto se non lavorassi che faresti!":wall::wall: Ora che sono miracolato pensionato, a parte i sensi di responsabilità inculcati a suo tempo in testa con il Black and Decker, se non osservassi dei rigorosissimi tempi di pausa sarei forse già trapassato. Scusate il fuori tema. Un grande grazie a @Montinvisibili per aver fatto conoscere questa nuova opportunità di esplorazione con questo nuovo cammino !!!
 
Ma questa cos'è? Una sepoltura? Lasciata con questa incuria?

037-cencelle-jpg.257692
Sì, diciamo che tutta la città è abbandonata. Non è la prima volta che trovo parti di crani e scheletri, fra antichi monasteri e trincee alpine, ma è la prima volta che lo trovo quasi intero. Spero nessuno se lo porti via.
--- ---

Tolfa forever ! Paese di miniere paese di miserie, dove dopo una giornata di "cu°°" " pazzesco si sfamavano con una acqua cotta ,che spesso era proprio acqua cotta, da mangiare con il cucchiaio in una mano e una cipolla nell'altra. E' inutile dire quanto condivido le prime righe dello scritto circa la pensione e la noia. Sempre ho sentito e odiato questa storia :" tanto in pensione poi ti annoi, oppure "tanto se non lavorassi che faresti!":wall::wall: Ora che sono miracolato pensionato, a parte i sensi di responsabilità inculcati a suo tempo in testa con il Black and Decker, se non osservassi dei rigorosissimi tempi di pausa sarei forse già trapassato. Scusate il fuori tema. Un grande grazie a @Montinvisibili per aver fatto conoscere questa nuova opportunità di esplorazione con questo nuovo cammino !!!
Grazie come sempre Lanfranco per l'attenzione e l'apprezzamento. Non so se hai notato che nel video ho inserito una musica a tema con i minatori: Sixteen tons.
 
i minatori: Sixteen tons
Certo, certo. Come la sicula :" Vitti 'na crozza ",
--- ---

Un pò di saputismo : oggi all'entrata della cittadina di Allumiere hanno messo un cartello che indica :Allumiere delle Sante Crociate" come veniva indicata su alcuni documenti papali, perchè i proventi dell'allume servirono a papa San Pio V per finanziare la guerra contro i turchi, finita poi con la battaglia di Lepanto.
 
Ultima modifica:
Certo, certo. Come la sicula :" Vitti 'na crozza ",
--- ---

Un pò di saputismo : oggi all'entrata della cittadina di Allumiere hanno messo un cartello che indica :Allumiere delle Sante Crociate" come veniva indicata su alcuni documenti papali, perchè i proventi dell'allume servirono a papa San Pio V per finanziare la guerra contro i turchi, finita poi con la battaglia di Lepanto.
Si, è vero. L'allume ha fatto la storia.
 
Bello questo mini-cammino laziale (il più breve del Lazio?) che tocca luoghi di cui avevo sentito parlare già da tanto ma che non ho mai avuto l'occasione di visitare, entra quindi di diritto nella "lista dei desideri" (anche se questa è già lunghetta...) e credo non solo nella mia!

@montiinvisibili in questo momento non riesco a vedere il tuo sito web (vedo solo lo sfondo color mattone) potrebbe essere un problema sul mio browser ma preferisco comunque segnalarlo.
 
Bello questo mini-cammino laziale (il più breve del Lazio?) che tocca luoghi di cui avevo sentito parlare già da tanto ma che non ho mai avuto l'occasione di visitare, entra quindi di diritto nella "lista dei desideri" (anche se questa è già lunghetta...) e credo non solo nella mia!

@montiinvisibili in questo momento non riesco a vedere il tuo sito web (vedo solo lo sfondo color mattone) potrebbe essere un problema sul mio browser ma preferisco comunque segnalarlo.
Che io sappia il più breve dovrebbe essere i circa 18 km del Cammino dei 3 villaggi fra Barbarano Romano, Blera e Villa San Giovanni.

Avendolo percorso tutto mi sento di affermare che il tratto più interessante è quello coperto dall'anello giallo (allego una carta più visibile dell'intero percorso). Limitarsi a questo (in senso orario) copre la maggior parte dei motivi d'interesse e offre le migliori vedute.

Grazie per la segnalazione Francesco. Sì, dovrebbe essere il browser: periodicamente ci sono degli aggiornamenti che fanno fuori (spero temporaneamente) alcuni utenti
Cammino dei Minatori.jpg
 
A metà febbraio ho fatto involontariamente una parte di questo cammino, ma in senso inverso al tuo: dalla ex ferrovia per Ripa Maiala e poi su fino ad Allumiere. All'epoca non c'era nessuna segnaletica in merito, quindi deve essere nuovissimo.
Spero che riscuota successo: merita molto quest'area, soprattutto la parte che si affaccia verso il mare che anche tu hai giustamente menzionata in tal senso e descritta in maniera egregia. Un accenno su Ripa Maiala, dove ho passato interminabili ore appeso in quelle pareti nel mio passato da pseudo climber: le vie sono state quasi tutte aperte dal compianto Roberto Iannilli, forte alpinista di Ladispoli, che ha aperto anche molte vie difficili sul Gran Sasso e ha trovato la morte scalando la Nord del Camicia qualche anno fa. Sono uno spasso i nomi che diede alle vie di Ripa, che sono ancora lì e che svelano un pochino la sua fede politica e non solo.
 
A metà febbraio ho fatto involontariamente una parte di questo cammino, ma in senso inverso al tuo: dalla ex ferrovia per Ripa Maiala e poi su fino ad Allumiere. All'epoca non c'era nessuna segnaletica in merito, quindi deve essere nuovissimo.
Spero che riscuota successo: merita molto quest'area, soprattutto la parte che si affaccia verso il mare che anche tu hai giustamente menzionata in tal senso e descritta in maniera egregia. Un accenno su Ripa Maiala, dove ho passato interminabili ore appeso in quelle pareti nel mio passato da pseudo climber: le vie sono state quasi tutte aperte dal compianto Roberto Iannilli, forte alpinista di Ladispoli, che ha aperto anche molte vie difficili sul Gran Sasso e ha trovato la morte scalando la Nord del Camicia qualche anno fa. Sono uno spasso i nomi che diede alle vie di Ripa, che sono ancora lì e che svelano un pochino la sua fede politica e non solo.
Sì Mezcal, nuovo nuovo. I primi articoli online datano gennaio, ma la cartellonistica, ancora incompleta, è degli inizi di aprile. Pare che la mia sia la prima recensione, che infatti hanno condiviso sul loro FB.
La Tolfa è di una tale struggente bellezza che io mi meraviglio sempre che non sia stata fatta oggetto di maggior tutela con un parco.
Sapevo di Iannilli e delle sue tendenze, evidenziate in molte sue vie. La sua morte è stata un colpo per noi romani, forse perché lo consideravamo anche un po' nostro. Fra l'altro la nord del Camicia mi fa accaponare la pelle ogni volta che mi ci affaccio:è l'Eiger dell'Appennino.
 
Alto Basso