Escursione Monti San Rocco, Cava e Rotondo dal valico di San Rocco

Parchi d'Abruzzo
Parco Regionale Sirente-Velino
Dati

Data: 29 Dicembre 2018
Regione e provincia: L'Aquila
Località di partenza: Valico di San Rocco, Tornimparte
Località di arrivo: Idem
Tempo di percorrenza: 5h 12'
Chilometri: 16
Grado di difficoltà: EEA
Descrizione delle difficoltà: Itinerario che non prevede particolari difficoltà tecniche; tuttavia le condizioni di innevamento al momento dell'escursione hanno reso problematica la progressione sia in salita che in discesa sul versante Nord. Presenti insidiose lastre di vetrato che richiedevano l'uso dei ramponi anche alle basse quote.
Periodo consigliato: Sempre
Segnaletica: Buona
Dislivello in salita: 1025 m
Quota massima: Monte Cava (2000 m)
Altre quote: M. San Rocco (1888 m), M. Rotondo (1993 m)
Accesso stradale: Dall'uscita autostradale Tornimparte - Campo Felice, si prende in direzione di Tornimparte e, dopo due tornanti, si parcheggia in una piazzola da cui parte la carrarreccia che costituisce il sentiero 1E.
Traccia GPS:
https://www.wikiloc.com/hiking-trails/m-san-rocco-m-cava-e-m-rotondo-dal-valico-di-san-rocco-31723966

Descrizione
Interessante anello esplorativo ai margini del gruppo del Velino, dove gli alpeggi e le alte quote resistono agli attacchi dell'antropizzazione. La carrareccia costeggia un tratto dell'A24 e risale il crinale proprio in corrispondenza del tunnel di San Rocco:
DSC02314.JPG
DSC02316.JPG

La carrabile, compiendo varie svolte, sale decisamente il versante Nord della montagna: ben presto fa la sua comparsa il ghiaccio che renderà molto difficile il cammino:
DSC02320.JPG

Mentre i rumori dell'autostrada si attutiscono sempre più fino a scomparire, si attraversano ambienti ameni e incontaminati che stanno per essere baciati dal primo sole mattutino che finora è rimasto coperto dal costone sommitale:
DSC02323.JPG

Mantenendo sempre cauto il passo per evitare pericolosi scivoloni sulle lastre di vetrato, dopo aver superato il rifugio Cerasolo e l'omonimo laghetto ghiacciato, si prosegue ad intuito abbandonando la carrareccia e salendo a sensazione:
DSC02331.JPG

Si giunge così ai Prati del Cerasolo (1500 m), pianoro che separa il versante Nord dalla valle dell'Asino; qui si apprezza l'affaccio su M. Ginepro e il gruppo del Morrone:
DSC02332.JPG

Dal pianoro si individua la linea dell'ampia dorsale che occorre risalire in direzione ovest; è evidente che nelle parti esposte a Sud la neve è del tutto assente:
DSC02333.JPG

Ora si respira aria di alta montagna, inizia la lunga dorsale che offre spettacolari aperture sulle varie cime innevate del centro Italia;
Il gruppo del Velino:
DSC02341.JPG

Gran Sasso:
DSC02343.JPG

Sibillini:
DSC02344.JPG

Percorrere questa cresta è davvero divertente:
DSC02349.JPG
Si noti la differenza tra i due versanti, spazzato e spoglio quello a Sud, ghiacciato quello a Nord.

In breve si raggiunge la sommità del Monte San Rocco:
DSC02352.JPG

e si prosegue per l'invitante cresta in direzione del Monte Cava:
DSC02351.JPG


Qui la cresta si restringe, rendendo quanto mai intrigante e stimolante la progressione, mentre un gruppo di austeri rapaci aleggia sopra di me:
DSC02358.JPG
DSC02361.JPG
DSC02369.JPG
DSC02372.JPG

DSC02384.JPG
Si giunge così al M. Cava, punto più alto di questa lunga dorsale del gruppo del Velino, secondaria ma indubbiamente spettacolare:
DSC02383.JPG

Il Monte Cava, nonostante non sia un gigante, rappresenta un formidabile balcone per ammirare panorami a lungo raggio, essendo isolato e distante da altre elevazioni:
Il Velino:
DSC02380.JPG
Il Gran Sasso:
DSC02388.JPG
DSC02389.JPG

I Reatini, i Sibillini e la Laga, con in primo piano il pianoro che rappresenterà la via di discesa:
DSC02394.JPG

Si prosegue ancora per l'intrigante cresta:
DSC02392.JPG

e dopo aver oltrepassato l'elevazione del M. Rotondo (1993 m):
DSC02396.JPG
DSC02397.JPG

si individua sul ghiacciato versante Nord una linea di facile discesa per perdere quota:
DSC02403.JPG DSC02404.JPG
Ovviamente in questo pendio ghiacciato i ramponi sono necessari!
DSC02405.JPG DSC02406.JPG
DSC02407.JPG DSC02408.JPG

Si scende rapidamente prendendo come riferimento un rudere che su IGM è indicato ''Pozzo Scoperto":
DSC02409.JPG

e poi, ad intuito, si scende ulteriormente fino ad entrare nella faggeta dove si intercetta il sentiero 1G:
DSC02415.JPG

Il sentiero scende gradualmente, attraversando la radura chiamata Faggio Martino da cui si scorge una porzione della dorsale appena percorsa:
DSC02423.JPG

Durante la discesa, la neve da crostosa è divenuta ben presto ghiacciata, e dopo un paio di scivoloni mi sono convinto ad indossare nuovamente i ramponi che ho tenuto fino ai 1200 m:
DSC02425.JPG

Il sentiero intercetta la sterrata iniziale quando mancano solamente pochi tornanti per raggiungere la base di partenza.

COCNLUSIONI
Pensavo fosse un giro più semplice, invece le particolari condizioni meteo hanno aggiunto qualche difficoltà aggiuntiva (ben gradita) all'escursione.
Infatti le forti escursioni termiche di questi tempi (temperature miti di giorno e glaciali di notte), hanno provocato la formazione di strati di vetrato sul versante nord di questa montagna, rendendo problematica la progressione nelle quote più basse. La discesa dalla cresta invece, con ghiaccio compatto e assestato, è stata veramente divertente, come percorrere la lunga dorsale che, senza offrire una forte e faticosa pendenza, consentiva di ammirare panorami eccezionali.
E' stata quindi un'esplorazione divertente e varia, che mi ha consentito di calcare sentieri poco conosciuti in un angolo del Velino non troppo frequentato.
Insomma, ho aggiunto un altro tassello alla mia conoscenza di questo gruppo che, mi rendo conto, ha ancora molte cose da offrirmi.
 
Ultima modifica:
Complimenti, già senza neve è una bella scarpinata, figuriamoci col ghiaccio!
L'itinerario merita di essere valorizzato, la presenza dell' autostrada ed il facile accesso al S. Rocco dal valico della Chiesola portano a sottovalutare un luogo che invece può dare belle soddisfazioni!
 
Anche in questo caso si rivela corretta la mia ipotesi che i settori marginali dei gruppi montuosi siano quelli più affascinanti e solitari. Il Cava - con i suoi striminziti 2000 metri secchi - è probabilmente assurto a nuova gloria solo con l'inserimento nell'elenco del Club2000m, eppure sa regalare sensazioni di splendido isolamento e vedute d'eccezione.
Mi permetto, Dal Vettore al Camicia ...
006 Panorama Gran Sasso dalla cresta.JPG
 
Complimenti, già senza neve è una bella scarpinata, figuriamoci col ghiaccio!
L'itinerario merita di essere valorizzato, la presenza dell' autostrada ed il facile accesso al S. Rocco dal valico della Chiesola portano a sottovalutare un luogo che invece può dare belle soddisfazioni!
Grazie!
Si, il versante Nord del gruppo San Rocco - Cava è un luogo molto interessante, tutto da scoprire.
Un altro mio vecchio progetto (da fare con 2 macchine) era la traversata integrale dal Valico della Chiesola fino a Castiglione, in modo da godersi ogni cm di quella lunga dorsale.
 
Anche in questo caso si rivela corretta la mia ipotesi che i settori marginali dei gruppi montuosi siano quelli più affascinanti e solitari. Il Cava - con i suoi striminziti 2000 metri secchi - è probabilmente assurto a nuova gloria solo con l'inserimento nell'elenco del Club2000m, eppure sa regalare sensazioni di splendido isolamento e vedute d'eccezione.
Mi permetto, Dal Vettore al Camicia ...
Vedi l'allegato 182458
Condivido le tue stesse considerazioni sui monti marginali; aggiungo che certe sensazioni le ho provate sul San Franco, sul Morrone e sul Cambio.
Che panoramica strepitosa!
 
Grazie per il report.
Le tue proposte sono sempre molto interessanti.... ti sto seguendo anche su Wikiloc.
@Montinvisibili questa panoramica è strepitosa!
Ti ringrazio!
Cerco sempre di organizzare uscite che escono un pò fuori dagli schemi classici, per esplorare quanto più a fondo il territorio. Non sempre ci riesco ma sarei felice di essere fonte di ispirazione per escursionisti dal palato fine come Te (ho sbirciato anch'io il tuo profilo wikiloc ;)).
 
Dati

Data: 29 Dicembre 2018
Regione e provincia: L'Aquila
Località di partenza: Valico di San Rocco, Tornimparte
Località di arrivo: Idem
Tempo di percorrenza: 5h 12'
Chilometri: 16
Grado di difficoltà: EEA
Descrizione delle difficoltà: Itinerario che non prevede particolari difficoltà tecniche; tuttavia le condizioni di innevamento al momento dell'escursione hanno reso problematica la progressione sia in salita che in discesa sul versante Nord. Presenti insidiose lastre di vetrato che richiedevano l'uso dei ramponi anche alle basse quote.
Periodo consigliato: Sempre
Segnaletica: Buona
Dislivello in salita: 1025 m
Quota massima: Monte Cava (2000 m)
Altre quote: M. San Rocco (1888 m), M. Rotondo (1993 m)
Accesso stradale: Dall'uscita autostradale Tornimparte - Campo Felice, si prende in direzione di Tornimparte e, dopo due tornanti, si parcheggia in una piazzola da cui parte la carrarreccia che costituisce il sentiero 1E.
Traccia GPS:
https://www.wikiloc.com/hiking-trails/m-san-rocco-m-cava-e-m-rotondo-dal-valico-di-san-rocco-31723966

Descrizione
Interessante anello esplorativo ai margini del gruppo del Velino, dove gli alpeggi e le alte quote resistono agli attacchi dell'antropizzazione. La carrareccia costeggia un tratto dell'A24 e risale il crinale proprio in corrispondenza del tunnel di San Rocco:
Vedi l'allegato 182412
Vedi l'allegato 182413

La carrabile, compiendo varie svolte, sale decisamente il versante Nord della montagna: ben presto fa la sua comparsa il ghiaccio che renderà molto difficile il cammino:
Vedi l'allegato 182414

Mentre i rumori dell'autostrada si attutiscono sempre più fino a scomparire, si attraversano ambienti ameni e incontaminati che stanno per essere baciati dal primo sole mattutino che finora è rimasto coperto dal costone sommitale:
Vedi l'allegato 182415

Mantenendo sempre cauto il passo per evitare pericolosi scivoloni sulle lastre di vetrato, dopo aver superato il rifugio Cerasolo e l'omonimo laghetto ghiacciato, si prosegue ad intuito abbandonando la carrareccia e salendo a sensazione:
Vedi l'allegato 182416

Si giunge così ai Prati del Cerasolo (1500 m), pianoro che separa il versante Nord dalla valle dell'Asino; qui si apprezza l'affaccio su M. Ginepro e il gruppo del Morrone:
Vedi l'allegato 182417

Dal pianoro si individua la linea dell'ampia dorsale che occorre risalire in direzione ovest; è evidente che nelle parti esposte a Sud la neve è del tutto assente:
Vedi l'allegato 182418

Ora si respira aria di alta montagna, inizia la lunga dorsale che offre spettacolari aperture sulle varie cime innevate del centro Italia;
Il gruppo del Velino:
Vedi l'allegato 182419

Gran Sasso:
Vedi l'allegato 182420

Sibillini:
Vedi l'allegato 182421

Percorrere questa cresta è davvero divertente:
Vedi l'allegato 182422
Si noti la differenza tra i due versanti, spazzato e spoglio quello a Sud, ghiacciato quello a Nord.

In breve si raggiunge la sommità del Monte San Rocco:
Vedi l'allegato 182425

e si prosegue per l'invitante cresta in direzione del Monte Cava:
Vedi l'allegato 182423


Qui la cresta si restringe, rendendo quanto mai intrigante e stimolante la progressione, mentre un gruppo di austeri rapaci aleggia sopra di me:
Vedi l'allegato 182426
Vedi l'allegato 182427
Vedi l'allegato 182428
Vedi l'allegato 182429

Vedi l'allegato 182431
Si giunge così al M. Cava, punto più alto di questa lunga dorsale del gruppo del Velino, secondaria ma indubbiamente spettacolare:
Vedi l'allegato 182432

Il Monte Cava, nonostante non sia un gigante, rappresenta un formidabile balcone per ammirare panorami a lungo raggio, essendo isolato e distante da altre elevazioni:
Il Velino:
Vedi l'allegato 182433
Il Gran Sasso:
Vedi l'allegato 182434
Vedi l'allegato 182435

I Reatini, i Sibillini e la Laga, con in primo piano il pianoro che rappresenterà la via di discesa:
Vedi l'allegato 182436

Si prosegue ancora per l'intrigante cresta:
Vedi l'allegato 182437

e dopo aver oltrepassato l'elevazione del M. Rotondo (1993 m):
Vedi l'allegato 182438
Vedi l'allegato 182439

si individua sul ghiacciato versante Nord una linea di facile discesa per perdere quota:
Vedi l'allegato 182440Vedi l'allegato 182441
Ovviamente in questo pendio ghiacciato i ramponi sono necessari!
Vedi l'allegato 182442Vedi l'allegato 182443
Vedi l'allegato 182444Vedi l'allegato 182445

Si scende rapidamente prendendo come riferimento un rudere che su IGM è indicato ''Pozzo Scoperto":
Vedi l'allegato 182446

e poi, ad intuito, si scende ulteriormente fino ad entrare nella faggeta dove si intercetta il sentiero 1G:
Vedi l'allegato 182447

Il sentiero scende gradualmente, attraversando la radura chiamata Faggio Martino da cui si scorge una porzione della dorsale appena percorsa:
Vedi l'allegato 182448

Durante la discesa, la neve da crostosa è divenuta ben presto ghiacciata, e dopo un paio di scivoloni mi sono convinto ad indossare nuovamente i ramponi che ho tenuto fino ai 1200 m:
Vedi l'allegato 182450

Il sentiero intercetta la sterrata iniziale quando mancano solamente pochi tornanti per raggiungere la base di partenza.

COCNLUSIONI
Pensavo fosse un giro più semplice, invece le particolari condizioni meteo hanno aggiunto qualche difficoltà aggiuntiva (ben gradita) all'escursione.
Infatti le forti escursioni termiche di questi tempi (temperature miti di giorno e glaciali di notte), hanno provocato la formazione di strati di vetrato sul versante nord di questa montagna, rendendo problematica la progressione nelle quote più basse. La discesa dalla cresta invece, con ghiaccio compatto e assestato, è stata veramente divertente, come percorrere la lunga dorsale che, senza offrire una forte e faticosa pendenza, consentiva di ammirare panorami eccezionali.
E' stata quindi un'esplorazione divertente e varia, che mi ha consentito di calcare sentieri poco conosciuti in un angolo del Velino non troppo frequentato.
Insomma, ho aggiunto un altro tassello alla mia conoscenza di questo gruppo che, mi rendo conto, ha ancora molte cose da offrirmi.
Che fascino le Creste così isolate. Vorrei riuscire ad inquadrare la prossima uscita che farò dal G.S....Escursione bellissima come tutti quei rapaci, scendere con una neve portante è veramente una goduria che ho rivissuto tra foto e parole. Grazie per la condivisione
 
Bella escursione e quella cresta fa venire la voglia di andare a metterci gli scarponi.
Che fascino le Creste così isolate. Vorrei riuscire ad inquadrare la prossima uscita che farò dal G.S....Escursione bellissima come tutti quei rapaci, scendere con una neve portante è veramente una goduria che ho rivissuto tra foto e parole. Grazie per la condivisione
Grazie ragazzi.
E' una cresta che, benchè sia trapassata dal tunnel dell'A24, resta molto appassionante e selvaggia, lunga e appagante. E poi si, la discesa su quel pendio ghiacciato è stata proprio divertente.
@Leo da solo: hai in programma un'uscita sul grupo del Velino?
 
Grazie ragazzi.
E' una cresta che, benchè sia trapassata dal tunnel dell'A24, resta molto appassionante e selvaggia, lunga e appagante. E poi si, la discesa su quel pendio ghiacciato è stata proprio divertente.
@Leo da solo: hai in programma un'uscita sul grupo del Velino?
Non credo... Per adesso........ Ma se tu da lì vedevi il gran Sasso,vorrei capire dal Gran Sasso dove inquadrare la zona di questa cresta
 
Grazie!
Si, il versante Nord del gruppo San Rocco - Cava è un luogo molto interessante, tutto da scoprire.
Un altro mio vecchio progetto (da fare con 2 macchine) era la traversata integrale dal Valico della Chiesola fino a Castiglione, in modo da godersi ogni cm di quella lunga dorsale.
Bellissimo giro, mi sa che è uno dei cucuzzoli defilati che contempliamo curiosi e "vogliosi" con il socio @Leo da solo quando siamo nel pressi del casello per Campo Felice, certo con la neve ha anche un qualcosa di ulteriormente inedito!

Per la traversata, magari primaverile, io direi che sarebbe logisticamente comodo per te chiamare due cialtroni abruzzesi che girano coi cani... ;)
Ancora complimenti!
 


Contenuti correlati

Alto Basso