Niente da fare: di notte il mio corpo smette di scaldarmi. Consigli?

salute, stesso problema cuscino zuppo tutte le mattine e dormo sempre a finestra aperta
non so se a te capita lo stesso: nelle prime ore di sonno sono "normale", poi inizio a surriscaldarmi e mi devo scoprire. Se avessi caldo da subito sarebbe più comodo! Comunque se mi scopro per tempo non arrivo a bagnare il cuscino.
 
Non sono del tutto d'accordo. Che io abbia idee molto vaghe sul metabolismo è assolutamente vero, non sono un medico; che non si possa abituare il corpo a reagire a stimoli esterni invece non mi pare corretto. Così come ci si può abituare alla fatica e alla resistenza, credo (e sperimenterò) ci si possa abituare anche al freddo.
Circa l'alimentazione sono convinto che non sia il problema. Questo per un motivo molto semplice: se ci fossero degli squilibri, si manifesterebbero anche durante il giorno e, negli anni, magari con qualche altra problematica. Non ha molto senso, a parer mio, supporre che di giorno io possa fare 50km a piedi senza battere ciglio, riservandomi eventuali scompensi per la sola notte. Comunque mangio da sempre moltissimo (più di tutti i miei amici palestrati), in maniera sana e con attenzione. Ho un metabolismo estremamente veloce e non prendo un grammo neanche se mi mangio un panetto di burro, credeteci o meno.

Questa è la mia posizione circa il problema: di notte, come succede ad alcune persone, la mia "core temperature" tende a scendere molto. Fin che dormo non è un problema, ma quando mi sveglio non riesco a scaldarmi (a meno che non mi alzi, e allora tutto si risolve). Tutti questi anni ho risolto il problema coprendomi con più coperte, e dunque il mio corpo si è "adagiato", visto che aggiungendo strati in più (in casa) dormo assolutamente benissimo.

Cercherò di abituarmi man mano, e non credo di essere in errore (ma accolgo volentieri le vostre osservazioni). Faccio un paragone: immaginate una persona che non ha mai camminato per più di 500m. Se vuole "vincere" la fatica avvertita nel fare più km certo deve curare l'alimentazione, ma in generale deve soprattutto allenarsi e abituarsi col tempo, che è quello che farò. Ero curioso di sapere se qualcuno aveva provato questa strada.
salute, scusami la mia è solo un ipotesi non è che bruci troppo durante il giorno e non riesci a recuperare andando in deficit la notte?
 
non so se a te capita lo stesso: nelle prime ore di sonno sono "normale", poi inizio a surriscaldarmi e mi devo scoprire. Se avessi caldo da subito sarebbe più comodo! Comunque se mi scopro per tempo non arrivo a bagnare il cuscino.
salute, per le 5 ore che dormo non so ma generalmente faccio sudate assurde fortunatamente escludendo la fila interminabile di eresie che tiro non mi pongo il problema ad esempio d'estate dormo in terrazzo col cane il problema l'ho durante la mezza stagione e l'inverno non ostante la portafinestra aperta perennemente
--- ---

Non credo sia così, perché anche quando sto a casa e non faccio assolutamente niente le cose non cambiano molto.
salute, allora quoto federicodi un medico potrebbe aiutarti mio padre aveva lo stesso problema il freddo lo sentiva anche con 40° all' ombra ma non era messo bene di salute ,per caso (e ti auguro vivamente di no) problemi di diabete?
 
Mi sembri già più che scafato, ma qualche idea in più può solo aiutare. Io te ne offro due.
1. NON andare da un nutrizionista od altri "professionisti". Un bel check up generale dal tuo medico di base, si. Sperando che sia uno serio e con un minimo di professionalità. Mi fai pensare ad un problema di scarsità di ferro nel sangue, con conseguente metabolismo di base scarso. Un bel controllo sideremia, ferritina e tutto ciò che può venire in mente ad un bravo medico di base o medico chirurgo. Con poche, mirate correzioni nella dieta vegetariana e qualche cura per recuperare più rapidamente, dovresti essere a posto in tempi rapidi.
2. rimedi da escursionista. Ti hanno già indicato le cose più classiche, cui si può aggiungere una cuffia, infilare il fondo del sacco a pelo nello zaino vuoto in caso di freddo ai piedi e... il più classico uovo di Colombo: prima di coricarti, immediatamente prima, una bella corsetta. Strano ma vero: il calore che ci tiene al caldo ce lo creiamo noi con il nostro corpo. Ma a riposo il corpo si limita allo stretto indispensabile. Di conseguenza, di calore ne disperde pochino, causando il mancato riscaldamento delle micro bolle d'aria del sacco a pelo. Se invece andiamo dentro belli accaldati (meglio non sudare, però!), diamo una prima scaldata intorno e poi… quando uno dorme, se è stanco, dorme!
3. fai un tampone Covid19, se il problema è recente. Pare ostruisca il circolo periferico e quindi potrebbe causare i sintomi che riferisci. Però questo ci riporta al punto 1. Sarà il tuo medico, dopo qualche domanda e magari una bella visita, a capire ed indirizzarti sulla giusta strada.
 
@matteom Nessun problema, né di diabete né di altro.
Ma ripeto: io dormo benissimo, solo mi copro più degli altri, il che diventa problematico nelle escursioni, visto che non mi posso portare 4 coperte di lana. Ecco tutto.
 
@matteom Nessun problema, né di diabete né di altro.
Ma ripeto: io dormo benissimo, solo mi copro più degli altri, il che diventa problematico nelle escursioni, visto che non mi posso portare 4 coperte di lana. Ecco tutto.
salute, menomale perché quella è una bestiaccia detto questo non so spero e ti auguro di risolvere il problema
 
A leggere di questo tuo problema mi viene in mente mia moglie che a questo punto creda soffra della stessa cosa.... In Agosto io sto sul divano in mutande e sudo davanti alla tv. Lei ha il pigiama lungo e sta sotto un micropiumino....Onestamente non abbiamo mai voluto approfondire la cosa ma a questo punto seguo interessato l'evolversi del topic.
 
Capita anche a me una cosa simile.
Io di giorno soffro il caldo in modo anomalo. Nel senso, sopra i 25 gradi per me fa caldo, d'estate a Roma, dove vivo, è da sentirsi male.
La notte, invece, non riesco a dormire senza un lenzuolo. Manco ad agosto. Anche se a volte ho caldo, qualcosa addosso devo averlo sempre. L'inverno mi carico di coperte.
Nel sacco a pelo ho freddo, per questo mi devo mettere due calzini, dei pantaloni termici, maglietta termica, pile cappello. E sacco a pelo da 0° confort.
 
Premetto che sono vegetariano, MA ho imparato che se vado in certi posti il solo vegetale può "non bastare". Per esperienza mi sono trovato in paesi molto freddi e solo mangiando come loro non ho sofferto il freddo. Ti faccio un esempio, se ad un eschimese gli dai solo vegetali, non resiste al freddo, non c'è verso, al contrario se in Africa mangi grasso di foca come gli eschimesi succede che .... ti lascio immaginare. Non voglio insegnare niente a nessuno e sicuramente quello che scrivo non è per te, ma fai una riflessione su queste poche righe e valuta l'eventuale possibilità che quello che mangi potrebbe avere un effetto importante sul metabolismo.
 
Credo anche io che in climi estremi l'alimentazione vegetariana possa rivelarsi insufficiente, ma qui in Italia...
--- ---

Grazie a tutti per le risposte.
Nei prossimi mesi sperimenterò il Wim Hof Method, cercando di abituarmi al freddo, e vi farò sapere.
 
Ultima modifica:
Così, su due piedi...

Circa l'alimentazione sono convinto che non sia il problema. Questo per un motivo molto semplice: se ci fossero degli squilibri, si manifesterebbero anche durante il giorno e, negli anni, magari con qualche altra problematica. Non ha molto senso, a parer mio, supporre che di giorno io possa fare 50km a piedi senza battere ciglio, riservandomi eventuali scompensi per la sola notte.

Il fatto che tu non batta ciglio non è un aspetto necessariamente positivo: magari non riesci a sentire la stanchezza residua che si manifesta di notte.

Comunque mangio da sempre moltissimo (più di tutti i miei amici palestrati), in maniera sana e con attenzione. Ho un metabolismo estremamente veloce e non prendo un grammo neanche se mi mangio un panetto di burro, credeteci o meno.

Beh, questo può essere un indizio. Se mangi moltissimo, e dato che segui una dieta vegetariana immagino sia prevalentemente a base di carboidrati semplici e complessi, e soffri il freddo la notte, ovvero in uno stato di digiuno, non è da escludere il fatto che la sensazione di caldo e freddo che tu avverti siano dovuti agli sbalzi d'insulina durante la giornata. Hai mai fatto caso se avverti la stessa sensazione di freddo, durante il giorno, se salti/riduci lo spuntino o il pasto?

Fin che dormo non è un problema, ma quando mi sveglio non riesco a scaldarmi (a meno che non mi alzi, e allora tutto si risolve). Tutti questi anni ho risolto il problema coprendomi con più coperte, e dunque il mio corpo si è "adagiato", visto che aggiungendo strati in più (in casa) dormo assolutamente benissimo.

Quando dici che ti alzi intendi semplicemente alzarti in piedi e camminare? Mi viene da pensare alla circolazione, in questo caso, vista la tua magrezza.

La notte il corpo non è che stia proprio "fermo"... Ci sono delle attività fisiologiche che si svolgono proprio mentre si dorme. Magari il tuo corpo ti sta segnalando che c'è qualcosa che gli manca per poter generare sufficiente calore, parlando terra terra...
 
...scusami Ernesto, ma rileggendo quel che hai scritto penso che per individuare il problema sarebbe necessario capire se la tua è una SENSAZIONE di freddo o se realmente la tua temperatura corporea si abbassa.
Tenendo presente una temperatura corporea ordinaria di 37 gradi Celsius, a 42 si muore per ipertermia ed a 32 si iniziano ad avere seri problemi.
Ovviamente ti consiglio di rivolgerti al tuo medico.
 
Credo anche io che in climi estremi l'alimentazione vegetariana possa rivelarsi insufficiente, ma qui in Italia...
--- ---

Grazie a tutti per le risposte.
Nei prossimi mesi sperimenterò il Wim Hof Method, cercando di abituarmi al freddo, e vi farò sapere.
non potrai abituarti al freddo.
Non potrai farlo perchè tu cerchi un condizionamento del metabolismo a spot. Potresti abituare il corpo a temperature più basse, ti sarebbe sufficiente coprirti meno e dovresti farlo più o meno sempre, ma non puoi riuscirci per un solo ed unico evento temporale che per di più si ripete con cadenze variabili e in fase notturna.
Non sono sicuro ma mi pare di non aver letto nulla riguardo alla tiroide. Il medico di base di certo può darti tutte le risposte che cerchi ma un endocrinologo potrebbe probabilmente aiutarti a fare le corrette verifiche.Anche il rapporto peso altezza scompensato magari dipende da quello.
E poi dovresti verificare quello che dice @giadamo e controllare se veramente la temperatura scende molto o se è principalmente la tua sensazione.
 
A leggere di questo tuo problema mi viene in mente mia moglie che a questo punto creda soffra della stessa cosa.... In Agosto io sto sul divano in mutande e sudo davanti alla tv. Lei ha il pigiama lungo e sta sotto un micropiumino....Onestamente non abbiamo mai voluto approfondire la cosa ma a questo punto seguo interessato l'evolversi del topic.
Ah ah ah stessa cosa da me!!! Mai avuto una fidanzata che avesse caldo d'estate....o che non si portasse il mondo nello zaino :help:
Non c'è nulla da approfondire :lol:, tutte le donne hanno un sistema ormonale e anche circolatorio "diverso" e per questo sentono più freddo dell'uomo, è risaputo, escluderei quindi il confronto con l'altro sesso...
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso