Niente piu tassa cb e pmr 446

Potenza in uscita 5watt....... Le PMR446 per essere legali non devono superare i 500mW.

Midland G9 plus
Intek MT 5050

...... ma io non sono molto aggiornato sulle novità.

Ciao :si:, Gianluca
Ed avere antenna fissa e non removibile.

cerca anche i PMR 446 della Motorola (hanno un ottimo audio) che non sono malvagi. In ogni caso non aspettarti nessuna prestazione in termini di distanza a meno che tu non sia in campo aperto.

ciao

Silvio

ok, e queste posso prenderle e basta e non devo fare/pagare/segnalare/dichiarare nulla? :)
 
Aggiungo info a ciò che ha detto @znnglc per quanto riguarda i PMR, in quanto utilizzatore.
Con i 0,5W del PMR puoi arrivare fino a che arriva l'occhio sull'orizzonte. Se sei in città a campo aperto arrivi anche a 4-5 Km, se sei in altezza a 1000 m puoi raggiungere i 114 Km, se sei a 3000 m puoi raggiungere i 200 Km, e così via. Ovviamente tutto dipende anche dal tipo di radio che possiedi, in quanto la potenza di 0,5W è in trasmissione, ma mediamente quella in ricezione è inferiore, a 0,3W.
INOLTRE, le radio PMR moderne hanno parecchi subtoni per ogni canale. Mentre le radio CB hanno 40+40 canali in AM e FM, le radio PMR hanno solo 8 canali, e per ogni canale hanno un tot di subtoni in analogico e un tot in digitale. Io ho delle XT70 e ne ho 38 analogici e digitali. Ci sono anche radio che ne hanno di più e quelle che ne hanno di meno. Questo significa che, per esempio

- Se un gruppo è sul canale P1 subtono 1
- Un gruppo è sul canale P1 subtono 5
- Un altro gruppo è sul canale P1 subtono 13
I 3 gruppi possono parlarsi tra di loro senza interferire con gli altri gruppi anche se sono sullo stesso canale

Se però io mi piazzo sul canale P1 senza subtono ascolto tutti e 3 i gruppi ma non posso internvenire.

Ciò significa, che nel mio caso, se è vero che le radio CB hanno mediamente 80 canali, io ho 8 canali x (38 toni analogici + 83 digitali), per la bellezza di 968 distinte conversazioni che possono avvenire senza disturbare gli altri, escluso gli 8 canali senza toni che possono ascoltare TUTTI ma possono parlare SOLO con chi è sul canale senza tono.

Sono l'ideale per le uscite di gruppo. Immaginate i maxi raduni motociclistici dove con un semplice tasto è possibile comunicare un avviso a tutti contemporaneamente.
Non hai le idee chiare in fatto di toni ctcss. Ti consiglio di documentarti meglio.
Se hai dubbi basta chiedere.
 
Mi ricordo che ai tempi d'oro del cb, primi anni '90 c'era un gruppo che parlava ogni 5 canali, dei 40... C'erano anche dei moderatori improvvisati che cazziavano chi disturbava. E guai a chi usava il 9 per chiacchierare, minacciavano di andare in paramobile a triangolare la tua posizione per suonartele.
Insomma uno spasso.
 
Per me i tempi d'oro dei CB sono stati i primi anni '70 quando la banda stava per essere legalizzata (ma ancora non lo era...). :poke::poke:
Esatto anno 1971 tutti pirati dell'etere, eravamo in pochi ci conoscevamo tutti ma eravamo come i Carbonari nessuno sapeva nulla.
Negli anni novanta c'è stato presumibilmente il culmine di affollamento e poi è scoppiata la bolla come quando c'è un crollo in borsa e tutto finisce. (Colpa di internet)
 
Sì già, come diceva Porcaro ci si attaccava alle linee aeree del tram o dei filobus e si girava a gratisse per le circonvallazioni milanesi
 
Ultima modifica:
Non c'ero nei tempi d'oro della banda cittadina (sono dell'88) ma immagino che a svuotarla oltre che la nascita di internet abbia contribuito la maggior facilità con cui si puo' conseguire la patente di radioamatore.
In quei periodi già solo ottenere la licenza di "classe B" (nominativo IW e moltissime limitazioni) era complesso... fuori dalle persone del settore (ingegneri o radiotelegrafisti di professione) erano davvero pochissimi quelli che potevano ambire alla "classe A" con nominativo IK e nessuna limitazione.

Lo scioglimento delle due tipologie di patenti, a quanto mi raccontano gli anziani, è coinciso con una generale maggior facilità a superare l'esame... al punto che oggi anche chi non ha una grandissima preparazione tecnica (tipo me :D ) può pensare di ottenere la licenza.
 
Baracchino e radioamatori, in base alla mia esperienza, sono stati sempre due mondi diversi e distinti.

Chi voleva fare radiantismo ci passava dai 27 ma ci usciva anche velocemente e passavi le due serata a settimana in sezione per imparare sto fetente di CW, tutti zitti a sentire una registrazione ma molti, alla fine, passavano alla "speciale", poi, finalmente il CW non è stato più necessario e la cosa si è notevolmente semplificata.

Ciao :si:, Gianluca
 
Pensando ad allora (io ero un adolescente) in fondo le chiacchiere CB erano un po’ come il forum... si chiacchierava...
Però c’era quell'aria di incertezza... un po’ tecnica (comunicazioni evanescenti), un po’ per lo status legale indefinito...
Era divertente... :)
 
Se la radio è una Midland Alan 38 dopo la presa di alimentazione (non quella per la ricarica) dovrebbe esserci un diodo al silicio fra positivo e negativo in posizione invertita per evitare appunto l'inversione di polarità.
Non è presente prima nessun fusibile per cui, potrebbe essere che intervenendo abbia mandato in corto l'alimentatore piuttosto che la radio, dopo ci sono due induttanze sulla radio.

Io proverei comunque a recuperare le AA necessarie e vedrei se è morto o meno, se non funziona nulla proverei a guardare il diodo a destra dei spinotti di alimentazione.

Comunque, se è il 38 questo è lo schema
Vedi l'allegato 212014

Però se zero saldatore zero manualità ......... :(

Ciao :si:, Gianluca

Riprendo questa discussione perché ieri l'ho aperto nuovamente e forse ho trovato il diodo incriminato:
222790

ancora non capisco cosa significa invertito, ma osservando sulla destra ho trovato quel cilindretto nero che ha una fascia chiara nella parte superiore. L'ho confrontato con altri cosi simili, come quei due sulla sinistra e ho notato che hanno la fascetta chiara in basso. Quindi è quello di destra a essere invertito?
Poi ho notato che la sommità sembra crepata, e che il metallo conduttore è "bruttino" rispetto agli altri, come fortemente ossidato...
Stavo appunto cercando un buon tester su ebay entro i 20 euro ma prima dovrei sapere dove mettere le manine :)
 
Riprendo questa discussione perché ieri l'ho aperto nuovamente e forse ho trovato il diodo incriminato:
Vedi l'allegato 222790
ancora non capisco cosa significa invertito, ma osservando sulla destra ho trovato quel cilindretto nero che ha una fascia chiara nella parte superiore. L'ho confrontato con altri cosi simili, come quei due sulla sinistra e ho notato che hanno la fascetta chiara in basso. Quindi è quello di destra a essere invertito?
Poi ho notato che la sommità sembra crepata, e che il metallo conduttore è "bruttino" rispetto agli altri, come fortemente ossidato...
Stavo appunto cercando un buon tester su ebay entro i 20 euro ma prima dovrei sapere dove mettere le manine :)
Invertito significa che è collegato in antiparallelo come credo di aver visto sullo schema che ti è stato postato ossia ha il catodo ((striscia bianca) sul positivo e anodo sul negativo e serve a mettere in corto l'alimentazione nel caso che inavvertitamente si applichi tensione inversa.poi prima mi sembra di vedere un fusibile che con il diodo che provoca un corto si interrompe e salva la radio.
 
Corso di Orientamento
Alto Basso