NOOO LA FORNELLITE NOOOOOOO !!!!!!

Temo ormai che il mio contagio sia conclamato... fornellite acuta cronica....:biggrin::biggrin::biggrin:.
Dopo due anni tondi tondi di sbattimenti, bestemmie, prove e soprattutto utilizzo sul campo, credo di essere giunto a quella che per me è la versione definitiva del fornello ad alcool pressurizzato. Sono partito con il modello proposto da Paiolo sulla sua pagina, per poi arrivare a questi:

207947


Rispettivamente con lattine da 250ml, 330ml e 500ml, che permettono capacità dai 35/40ml fino ai circa 75ml del piu grande, che si traduce in oltre 30 minuti di fiamma.
Le prove (quasi 50 fornelli realizzati...:eek:) mi hanno portato a concludere che la migliore configurazione è quella che prevede 24 fori di 0,5mm, ottenuti con una punta di quella misura e un mini "Dremel". Questo comporta lo svilupparsi di una pressione maggiore e più costante che permette di avere le singole fiammelle belle "separate" e soprattutto ben "ossidate", come si vede dal colore blu:

207948


Nella foto alcuni getti sono parzialmente occlusi, basta dargli una leggera scovolata e tornano uguali agli altri.
Tutti i fornelli hanno praticamente la stessa "potenza" e riescono a far bollire 1/2 litro di acqua in 5 minuti, quella che cambia è la durata.
In linea di massima consumano qualcosina più di 2ml al minuto (con 60ml di bioetanolo ottengo oltre 27 minuti di fiamma).
Essendo diversa tra loro l'altezza, cambia anche la distanza ottimale dalla pentola che andrebbe ottimizzata per ognuno di essi:

207952

Questo è quello più grande.

207953

Il medio sullo stesso supporto.

207954

Il piccolo su un supporto più stretto ma forse un po' troppo alto, anche se il tempo di ebollizione è stato praticamente lo stesso dei precedenti.

Per il foro di caricamento utilizzo un rivetto filettato ed una vite in ottone che permettono di chiuderlo ermeticamente una volta riempito:
207956


La fettuccia nera che si vede sul perimetro è una guarnizione ignifuga per gli sportelli delle stufe a pellet, che trovo molto utile per permettere l'avvio del fornello senza bisogno di piattini o altri espedienti: basta bagnarla con un po' di alcool ed accendere, il calore sviluppato sarà sufficente a far evaporare il combustibile interno e "avviarlo" in una decina di secondi. La fettuccia è già dotata di un suo adesivo ma preferisco aggiungere un filo di silicone per alte temperature per fissarla in maniera sicura. Dello stesso sigillante uso metterne un po' anche tra le due "coppette" in alluminio che compongono il fornelletto. Preferisco non mettere lana di roccia o cotone all'interno perchè ho notato che spesso influiscono sulla omogeneità delle fiammelle e oltretutto riducono la capacità. Con fori di 0,5mm anche in caso di rovesciamento l'alcool che esce è una quantità limitata.
Per la foratura (che è la parte più complessa) mi sono deciso a realizzare una dima in alluminio nella quale incastro le lattine (per quelle da 330ml e 250ml ho fatto degli adattatori):

207958


207959


La punta da 1/2mm è una bestiaccia da usare a "mano libera" ma con un po' di pratica si riesce....:si:.
E adesso che ho fornelletti per i prossimi dieci anni non rimane che tornare in montagna e farli lavorare ;););)

PS..Se qualcuno volesse provarli ne realizzo volentieri qualcuno da regalare...basta contattarmi (qui o in privato) ed avere un po' di pazienza perchè io e le bevande gassate non andiamo troppo daccordo, quindi approvigionarmi di lattine è la cosa più problematica...e nei supermercati guardano male quel coglione che prima di mettere le lattine nel carrello le gira e controlla che non ci siano ammaccature...:cool::roll:.
 
Ultima modifica:
Sono due cose differenti, a partire dal costo e dal loro utilizzo. Il tuo è lo stato dell'arte che offre la possibilità di regolare la fiamma e non va svuotato o esaurito ad ogni uso. I miei solo un gioco che tutte le volte che li uso mi stupiscono della loro semplicità. Non hai nulla da invidiarmi...prendi due lattine e comincia a giocare: basta un punteruolo, una pinzetta a becchi sottili ed un paio di forbici.
 
Sono BELLISSIMI!!! :woot:
Complimenti!
Anche io ho lo stesso problema con le bevande gassate... non ne consumo, birra a parte :D
L'unica cosa che mi chiedo è che accorgimenti adotti per trasportare il fornelletto? hai un coperchietto che tappa i buchi o trasporti il tutto in una busta ermetica? Non avviene versamento durante il trasporto?
 
@SulFiloDelRasoio

Questo tipo di fornello va trasportato scarico, lasciando che ogni volta il combustibile si esaurisca. Sembra uno spreco ma con il tempo si impara facilmente a dosare l'alcool che serve per un risotto, una pasta, una tisana o un caffè. Il combustibile va quindi trasportato separatamente, io uso queste bottigliette ermetiche da 120ml dotate di beccuccio che rende il "caricamento" veloce e pulito:
207961

La birra è l'unica concessione che faccio alle bevande gassate...ma quella in lattina proprio no. Quanto al the freddo...se decido di berne un sorso deve essere almeno un litro e mezzo... :rofl::rofl:
 
Ultima modifica:
bene mi sembra che per un litro e mezzo ti bastano 5 lattine... ma ti consiglio di prenderne 6 mi pare che così ci vengono 3 fornellini :p
 
...Sinceri complimenti da un'altro fornellettomane che conosce bene la patologia! :D

Io coi miei fornellini ho sempre puntato al massimo risultato col minimo sforzo, qua invece vedo che c'è anche la ricerca della perfezione estetica! :si:
 
Ma sono spettacolari! Grande :) :si:
Fanno anche il "tsk, tsk, FRRUM" dei fornelli domestici quando li accendi o il suono ancora non è stato implementato? :D

Sono proprio belli, bravo!

PS..Se qualcuno volesse provarli ne realizzo volentieri qualcuno da regalare...basta contattarmi (qui o in privato) ed avere un po' di pazienza perchè io e le bevande gassate non andiamo troppo daccordo, quindi approvigionarmi di lattine è la cosa più problematica...e nei supermercati guardano male quel coglione che prima di mettere le lattine nel carrello le gira e controlla che non ci siano ammaccature...:cool::roll:.
Se non stai scherzando, io mi metto in coda e ti offro sia da bere quello che vuoi, rigorosamente in lattina, che la spedizione :si:

EDIT: deh, leggo che sei di Siena... Lascia stare la spedizione, vengo a piedi e ti offro da bere :p
 
Sono due cose differenti, a partire dal costo e dal loro utilizzo. Il tuo è lo stato dell'arte che offre la possibilità di regolare la fiamma e non va svuotato o esaurito ad ogni uso. I miei solo un gioco che tutte le volte che li uso mi stupiscono della loro semplicità. Non hai nulla da invidiarmi...prendi due lattine e comincia a giocare: basta un punteruolo, una pinzetta a becchi sottili ed un paio di forbici.
Innanzi tutto benedetto il gioco! Perchè se ci togliamo pure quello...Comunque sono oggetti tangibilmente utili realizzati con capacità manuali e uso dei materiali che denotano competenza non approssimativa. Da fornellettomane: :si:complimenti.
 
Complimenti @globax! :D

Non è che hai un tutorial o qualche foto della costruzione? Finesettimana prevedono acqua e abbiamo in programma un po' di esperimenti fornellosi con i diversi spunti del forum! :D
 


Alto Basso