Bushcraft Notte in solitaria ma senza notte...

Ciao Gentaglia,


Lo scorso weekend sono uscito per boschi, l’idea era di passare la notte da solo ma stando un pò di tempo con due amici anche loro in zona; purtroppo però, a causa di un imprevisto sono dovuto rientrare nel tardo pomeriggio :cry: condivido comunque con voi quanto fatto.


Al corso della Pathfinder School di Dave Canterbury (il report è QUI) ho conosciuto Marco, un ragazzo che fa parte di un gruppo sportivo, L’AGR Survival Team (Qui c’è la pagina Instagram), hanno proposto, a chi ne avesse voglia, di fare un tipo di uscita, relativamente semplice ma non banale, portando con se solamente coltello, kit medico, e 10 oggetti a scelta (escluso zaino, vestiti, e accessori come cappellino, sciarpa, etc).


La prova si chiama One Man, andrebbe fatta in solitaria, e dovrebbe avere una durata di 36H minimo.


Per chi è un pò pratico di bushcraft e survival può risultare abbastanza facile, ed in effetti la prova è pensata per chi si sta avvicinando a questo genere di attività.


Mi piace chi cerca di invogliare e spronare gli altri ad uscire e mettersi alla prova, e dato che questo tipo di uscita è comunque molto simile a ciò che faccio solitamente, ho pensato di farla.


Il divertimento inizia già a casa dovendo scegliere I 10 oggetti.



207495



In alto a sx c’è il kit medico e lo stecco benda sam splint (da non contare nei 10 oggetti), accanto c’è il poncho occhiellato (1), la coperta snugpak jungle blanket (2), sotto c'è la borraccia e gavetta che contano per uno (3), una sega chiudibile (4), poi si vedono due coltelli dato che al momento della foto ero indeciso su quale prendere, un 7” custom di Dario Trifelli (qui una discussione di @simone riguardo al maker) ed il PKS Scorpion HD, alla fine ho optato per quest’ultimo (la recensione di questo coltello è QUI), sotto ai coltelli c’è il fire steel (5), del cordame, paracord e bankline (6), una torcia frontale (7), ed infine un filtro per l’acqua (8).


207496



Ora, mancherebbero due oggetti, e avevo pensato di portarmi un pasto per il pranzo ed una birra per la sera, ma stupidamente sono arrivato la mattina molto presto nel’ultimo paesino prima della destinazione, e gli unici due bar erano chiusi, pazienza..:roll:


Prima di addentrami nel bosco trovo uno stagno dove svettano diverse piante di tifa, per gli amici coda di gatto, una pianta fantastica e dai moltissimi utilizzi, decido di prendere un pò di rizomi per la cena.


207497


207498



Più avanti trovo diverse concordie, I bulbi di queste orchidee sono commestibili.

207499


207500


207501




Poi accanto al sentiero ci sono primule, tarassaco, piantaggine, e alcuni lampascioni.


Decido di scendere lungo un ruscello perchè ci sono diverse piante di farfaraccio, che con le sue grandi foglie (commestibili anch’esse) può tornarmi utile.

Inizio a mettere assieme quanto raccolto


207502



Poi avvolgo tutto nelle foglie di farfaraccio e lo lego con una giovane vitalba

207503



Ci sarebbe da dire che I germogli di vitalba sono anch’essi commestibili, ma non li ho mai assaggiati e preferisco tenermi lontano dal volerlo fare dato che la vitalba è una pianta velenosa (a parte appunto per I germogli che comunque vanno cotti e mangiati a piccole dosi) che può causare perfino la morte, inoltre anche a livello esterno è pericolosa, può causare brutte ulcere alla pelle, non a caso è chiamata anche erba dei pezzenti perchè in antichità I mendicanti erano soliti strofinarsi addosso la vitalba per provocare ulcere superficiali ed impietosire la gente. Comunque mi è capitato di maneggiarla più volte e non ho mai avuto problemi, è perfetta per queste legature veloci.

Lungo la strada ci sono alcuni abeti, I nuovi getti, facilmente riconoscibili per via del colore più chiaro, sono ricchi di Vitamina C e perfetti per una tisana saporita, mi riempio le tasche.

207504



207505


Un vecchio rudere accanto al sentiero

207506


Poco distante scorre un ruscello dove è presente la mano dell’uomo

207507


Poco dopo arrivo in un bel punto dove decido di cercare una zona per fare campo.


Trovo un posticino che sovrasta il ruscello, pieno di alberi caduti e rami a terra, c’è anche un faggio schiantato di recente con ancora le fronde verdi, insomma tante risorse a portata di mano.


Ecco il punto scelto.


207514


Pulisco la zona e piazzo due legni marci come sponde del letto

207515


Raccolgo rami e rametti dai vicini alberi caduti e li sisemo come molle del mio materasso.

207516



Dal Faggio spezzato prendo delle fronde con ancora attaccate foglie verdi e le sistemo sopra I rami per un pò di comfort extra.

207517


I due tronchi ai lati sono molto importanti, eviteranno che, nel corso della notte, rami e fronde vengano spalmati all'esterno, aiuteranno a contenere il mio materasso, dormirò comodo e isolato dal terreno.


Questa tipologia di isolamento naturale, così come lo vedete, è quello che utilizzo di più, richiede poco tempo ed energie, nessuno strumento se non un coltello per tagliare eventuali fronde, risorse facilmente visibili, e soprattutto è davvero funzionale, mooolto più comodo di quel che si crede, I rami creano davvero uno strato molleggiato e le fronde evitano il fastidioso contatto con questi ultimi.

Completo il mio giaciglio con una copertura fatta col poncho e la coperta.

Visto che lo zaino era vuoto l’ho sistemato fra la coperta e le fronde, uno stato in più che non guasta, poi ho riempito la sacca di compressione della coperta di foglie per utilizzarla come cuscino.

207518



207519



Prendo dei polloni di nocciolo e delle pietre piatte dal fiume e faccio al volo due tavolini.

207520


Prima ho preso anche qualche infiorescenza di tifa per accendere il fuoco

207521


207522


Ma poi mi sono ritrovato in mano un pezzo di fatwood ed ho deciso di utilizzare quello per il fuoco.

207523


207524



Il campo ha preso forma e comincio a rilassarmi, in più mi sta venendo una certa fame..

207525


inizio a preparare qualcosa da mangiare, getto il fagotto con dentro I bulbi e I rizomi sopra le braci per una prima cottura.

207526


nel frattempo decido di intagliare un cucchiaio per il minestrone.

207527


207528


207529


207530


20 minuti per creare questo grezzo cucchiaio che però ha svolto benissimo il suo dovere, e questo è giusto il tempo perchè le verdure avvolte nelle foglie di farfaraccio siano pronte per finire la cottura.

207531


207532


207533


207534


207535



Ho messo dei rizomi sotto le ceneri e braci, sembrano molto bruciati ma in realtà basta togliere un paio di strati esterni e sono buoni e ben cotti (somigliano a dei porri)

207536


Il cucchiaio lavora benone, e il minestrone era buono e tanto, mi ha davvero saziato, avesse avuto un pizzico di sale e olio sarebbe stato da masterchef!

207537


Vogliamo parlare di questo?

207538


Sembra un normale randello per prendere a mazzate il coltello durante il batoning e niente altro, ma per me è molto di più.

Semplicemente il bastone da campo è uno degli utensili che cerco/costruisco per primo quando mi accampo, ha molteplici utilizzi.


Lo costruisco lungo circa 50cm per poterne sfruttale la leva, Innanzitutto serve appunto per il taglio a percussione che personalmente utilizzo non solo per processare I pezzi di legna per avviare il fuoco, ma anche per altri scopi; creare intagli, tagliare piccole piante col coltello sempre battendoci perpendicolarmente, o creare utensili come nel caso del cucchiaio; poi per piantare picchetti o rami a terra come per I due tavolini; lo utilizzo all’occorrenza per gestire il fuoco, spostare legna o stendere le braci, a volte l’estremità dove lo impugno la faccio a punta o piatta in modo da poterlo utilizzare per scavare nel terreno, ad esempio per estrarre piante o radici, per creare depressioni dove accenderò un fuoco, per accendere un fuoco dakota, per fare leva in modo da estrarre pietre, e così via…
Insomma un normale randello può tornare utile davvero molte volte, provare per credere.


Come accennato inizialmente, purtroppo sono dovuto rientrare prematuramente a casa per un imprevisto familiare (nulla di grave), così nel tardo pomeriggio ho smontato il campo.
Eccolo senza le mie cose.

207539


E così è come lo ho lasciato dopo essermene andato, cercando di non lasciare segni del mio passaggio.

207540


La sera, a casa, mi immaginavo quanto sarebbe stato piacevole trascorrere la nottata nel bosco, e mentre sistemavo le cose, mi sono reso conto di una piacevole sorpresa, gli aghi di abete!

207541


La prossima volta spero non ci saranno imprevisti, e magari con altre foto cercherò di documentare, finalmente, tutte le 36 ore del
One Man.

Di questa toccata e fuga nel bosco provo a stilare una top 3 delle cose che ho apprezzato di più e che più mi sono state utili.

3) Un buon coltello. Inutile dirlo, un coltello affidabile al fianco è davvero un compagno insostituibile, inizialmente ero indeciso se portare lo Scorpion PKS o il ReWilder Neanderth.Art, ho optato per il primo perchè, seppur molto robusto, aveva dimensioni più ridotte che spingono l'utilizzatore a doversi ingegnare un pò per sopperire al fatto di non poter fare chopping, non poter tagliare e sfrondare con facilità legna di una certa dimensione, e non poter svolgere così agevolmente tutti quei compiti tipici di un 7pollici.

2)Fatwood. Cerco di non utilizzare mai esche artificiali portate da casa, provo a procurarmi tutto sul posto, e per questo motivo non posso non citare l'efficienza del fatwood come esca naturale, davvero una manna in moltissime situazioni.

1) Tifa (Typha latifolia) o coda di gatto o stiancia. Che pianta fantastica, è un indicatore di acqua, è commestibile, può essere utilizzata per accendere un fuoco sfruttando le infiorescenze secche o il gambo per il fuoco a frizione, le foglie vengono utilizzate per intrecciare stuoie o altro, i pappi venivano utilizzati per imbottire materassi e cuscini e sono talmente isolanti che un tempo li si infilavano fra le fessure delle case; ha diverse proprietà medicinali, e molto altro ancora.

Ciao a presto





Gabri
 

Allegati

Ultima modifica:
Ciao Gabri,

non posso che unirmi ai complimenti di Walterfishing.

Bellissima idea e bellissima interpretazione tua.

Peccato per il mancato pernotto ma sono sicuro che ti rifarai.

Una domanda solo per curiosità: tu amache niente?

Buone cose.
 
...grazie del reportage e complimenti, soprattutto per aver lasciato i luoghi intonsi. :)


P.s. io ho portato in passato sempre un Bic in aggiunta al ferrocerio nelle uscite (paradossalmente il ferrocerio è venuto dopo, poiché ben più costoso e meno efficiente a mio avviso). Ora che esco raramente, mi porto solo Zippo e lattina di cherosene di ricarica. Sono diventato un "comodone"!:gover:

In campagna ho fatto sgranare gli occhi a mia figlia, accendendo l'erba secca con una lente, ormai odio faticare...
 
Ultima modifica:
Grazie :si:


Una domanda solo per curiosità: tu amache niente?
Ho dormito, a volte, in amaca, ma non è nelle mie corde.
Indubbiamente non si può non riconoscere che un buon pernotto in amaca, per rapporto tempo/ingombro/risorse richieste/comodità, è davvero eccezionale, trovare due alberi in un bosco non dovrebbe essere poi così difficile, e da lì a pochi minuti, con un tarp 3x3, si avrà una zona ampia e protetta dove poter dormire e stare riparati, e dove poter proteggere anche tutto il nostro materiale, il tutto senza doversi preoccupare di terreni sconnessi, in pendenza, troppo bagnati, o privi di risorse per costruire il nostro piccolo accampamento...
Allora giustamente ti chiederai, perché cavolo non la usi?! :rofl:
Perché personalmente la ritengo un filtro fra me e la terra, mi piace dormire (bene e comodamente) a terra, mi piace dover lavorare un pó per guadagnarmi il comfort che sa offrire la natura, mi piace sporcarmi le mani, mi piace cercare, scoprire, e sfruttare qualsiasi cosa la fuori potrà tornarmi utile, improvvisare un rifugio in quel particolare punto, e cose così..
A pensarci bene, molti di noi seguono questa filosofia, ognuno a proprio modo, come giustamente fa notare @giadamo il firesteel è meno efficiente di un bic, dato che col primo dovremo trasformare le scintille in fiamma viva mentre col secondo avremo già una fiamma, però moltissime persone preferiscono l'uso del firesteel, stesso discorso vale per chi ama utilizzare coltelli multiruolo con cui fare diverse cose anziché usare due o tre strumenti specifici (che spesso hanno un peso simile ad un grosso coltello ma sono indubbiamente più efficaci), insomma una questione di approcci e filosofie, condite, perché no, con una buona e sana dose di puro e semplice divertimento.
:)
 
...insomma una questione di approcci e filosofie, condite, perché no, con una buona e sana dose di puro e semplice divertimento.
:)
Sono pienamente d'accordo, credo anche che ognuno possa e debba esprimersi in totale libertà con il qui condiviso rispetto per mamma natura.

Personalmente mi piace provare cose diverse anche se ti devo dire che l'amaca mi ha letteralmente sedotto... sarà che ci son salito su ciucco? Sai com'è quando tiri tardi davanti al fuoco girano ste maledette bottiglie di grappa :biggrin:
 
Ultima modifica:
Sono pienamente d'accordo, credo anche che ognuno possa e debba esprimersi in totale libertà con il qui condiviso rispetto per mamma natura.

Personalmente mi piace provare cose diverse anche se ti devo dire che l'amaca mi ha letteralmente sedotto... sarà che ci son salito su ciucco? Sai com'è quando tiri tardi davanti al fuoco girano ste maledette bottiglie di grappa :biggrin:
Bé, l'amaca è sempre l'amaca, e ti offre il vantaggio su avere moltissimo tempo a disposizione per fare altro..
 

Discussioni simili



Alto Basso