Nuovo Extrema Ratio Sethlans

Probabilmente la differenza tra un fox e un extrema ratio in n690 è dovuta ai trattamenti termici diversi. Gli extrema ratio li ho trovati leggermente più performanti, ma non sono forgiati. Sono tagliati al laser e poi bisellati per asportazione. C'è scritto nero su bianco sul loro sito, puoi anche vederlo sui video della loro fabbrica, ce n'è uno in cui fanno vedere le fasi di lavorazione del fulcrum. Forgiare gli inox non è facile, perché non perdonano errori. I randall sono forgiati a mano, almeno da quel punto di vista, il loro prezzo è più che giustificato.
magari han cambiato col tempo? le prestazioni son parecchio superiori e i segni di forgiatura (a stampo) ci sono, come la mancanza di spigoli vivi.
la cosa viene riportata da vari siti parecchio grossi d'oltreoceano, dubito fossero tutti ubriachi :biggrin:
ERKD.PNG
 
Ultima modifica:
Knife center e knife depot? Non credo proprio sinceramente, sono tra i 3 piú grandi venditori di coltelli degli states... difficile che posti simili, che vendon custom e high-end in edizionr limitata da anni, vadano a riachiare di perder la faccia su questo.
Piú probabile che ER abbia cambiato metodo di produzione e la descrizione sia rimasta invariata.
Cmq ho mandato un paio di mail chiedendo delucidazioni, vedremo che diranno.
 
Ultima modifica:
Knife center e knife depot? Non credo proprio sinceramente, sono tra i 3 piú grandi venditori di coltelli degli states... difficile che posti simili, che vendon custom e high-end in edizionr limitata da anni, vadano a riachiare di perder la faccia su questo.
Piú probabile che ER abbia cambiato metodo di produzione e la descrizione sia rimasta invariata.
Cmq ho mandato un paio di mail chiedendo delucidazioni, vedremo che diranno.

Non sono mai stati forgiati, neanche a stampo. Sempre tagliati al laser e poi fresati per la bisellatura e infine rifiniti. I siti stranieri o di vendita in generale non sono fonti attendibili al 100%, secondo me, non sai quante volte ho trovato foto sbagliate, o pesi, lunghezze, spessori sbagliati.

Dal sito Extrema Ratio: https://www.extremaratio.com/perche-extrema-ratio
Copio il paragrafo

"Tutti i nostri coltelli ( da cucina, da caccia, coltelli militari, di forze speciali , tattici e serviva), rappresentano strutture monolitiche, raggiature nascoste, codoli pesanti, le tracce del taglio laser (altamente ossidabili) asportate per fresatura, superfici pallinate con micro sfere di vetro e ceramica (non con sabbia), per ottenere superfici riflettenti e più resistenti all’ossido. L’intera gamma della coltelleria ha le viterie completamente inossidabili, leghe di alluminio aeronautiche, trattamenti termici “vacuum” che riducono la possibilità dell’insorgenza di tensioni nell’acciaio limitando le deformazioni, anneriture effettuati con processi che garantiscono prestazioni superiori agli standard militari internazionali"

Questo è un video in cui presentano la fabbrica e alcune fasi di lavorazione, si vede chiaramente il taglio al laser. Si vedono anche le lastre di scarto con tutti i coltelli tagliati via, appese al muro, dal minuto 1:00 al minuto 1:30, viene anche detto in un inglese un pò stentato.


La mia curiosità è come sia nata questa diceria che siano forgiati... in tanti anni è la prima volta che sento circolare questa fake news nei forum italiani, e di extrema ratio se ne parla sempre (male in genere).
 
Non sono mai stati forgiati, neanche a stampo. Sempre tagliati al laser e poi fresati per la bisellatura e infine rifiniti. I siti stranieri o di vendita in generale non sono fonti attendibili al 100%, secondo me, non sai quante volte ho trovato foto sbagliate, o pesi, lunghezze, spessori sbagliati.

Dal sito Extrema Ratio: https://www.extremaratio.com/perche-extrema-ratio
Copio il paragrafo

"Tutti i nostri coltelli ( da cucina, da caccia, coltelli militari, di forze speciali , tattici e serviva), rappresentano strutture monolitiche, raggiature nascoste, codoli pesanti, le tracce del taglio laser (altamente ossidabili) asportate per fresatura, superfici pallinate con micro sfere di vetro e ceramica (non con sabbia), per ottenere superfici riflettenti e più resistenti all’ossido. L’intera gamma della coltelleria ha le viterie completamente inossidabili, leghe di alluminio aeronautiche, trattamenti termici “vacuum” che riducono la possibilità dell’insorgenza di tensioni nell’acciaio limitando le deformazioni, anneriture effettuati con processi che garantiscono prestazioni superiori agli standard militari internazionali"

Questo è un video in cui presentano la fabbrica e alcune fasi di lavorazione, si vede chiaramente il taglio al laser. Si vedono anche le lastre di scarto con tutti i coltelli tagliati via, appese al muro, dal minuto 1:00 al minuto 1:30, viene anche detto in un inglese un pò stentato.


La mia curiosità è come sia nata questa diceria che siano forgiati... in tanti anni è la prima volta che sento circolare questa fake news nei forum italiani, e di extrema ratio se ne parla sempre (male in genere).
Scusate la domanda da perfetto ignorante, ma affilare come si vede nel video al min 3.30 (su un qualcosa che ruota) non si crea un filo CONCAVO ? Il coltello diventa un vero rasoio, ma io ho sempre capito che per un coltello da campo il filo dovrebbe essere convesso, lavorato a mano su una cote piana....
O forse sono io che non so.
 
Scusate la domanda da perfetto ignorante, ma affilare come si vede nel video al min 3.30 (su un qualcosa che ruota) non si crea un filo CONCAVO ? Il coltello diventa un vero rasoio, ma io ho sempre capito che per un coltello da campo il filo dovrebbe essere convesso, lavorato a mano su una cote piana....
O forse sono io che non so.

Stesso dubbio che è venuto anche a me...
 
Scusate la domanda da perfetto ignorante, ma affilare come si vede nel video al min 3.30 (su un qualcosa che ruota) non si crea un filo CONCAVO ? Il coltello diventa un vero rasoio, ma io ho sempre capito che per un coltello da campo il filo dovrebbe essere convesso, lavorato a mano su una cote piana....
O forse sono io che non so.

Il discorso affilatura è molto complicato. Se io premessi la lama contro una ruota di una mola, il filo sarebbe leggermente concavo concettualmente. Ma per prima cosa dipende dalla circonferenza o dal raggio della ruota, più la ruota è grande (più costa, più è di qualità di solito) e meno è importante questo effetto. Se io prendo una superficie curva molto grande, in un punto piccolo, la sua convessità è quasi impercettibile. Il punto di contatto del coltello con la superficie della ruota è così piccolo da far sì che la convessità della ruota sia quasi trascurabile. Più la ruota è grande meglio è. Lo stesso discorso vale per la superficie della Terra, è talmente grande che su una piccola superficie io non mi accorgo che è curva, ma penso a colpo d'occhio che sia piatta.

Il secondo punto è che dipende dalla mano di chi affila, da come preme e dal movimento che fa. Può fare un filo leggermente convesso anche con una ruota. Serve abilità per fare un filo preciso da zero, anche con i giusti strumenti.
 
D'accordo praticamente su tutto, ho però un dubbio.
Di certo a guardare alla maggior parte dei 4pollici salta subito all'occhio che 6,3mm di spessore non si vedono spesso, però...
La lama non è certo bassa come quella di un mora, e il bisello è un full flat, spessore al filo non si sa...
Mi piacerebbe provarlo, le prestazioni di taglio non sono così scontate, non vi pare?
Ciao Gabri, come ti dicevo è stato corretto il dato dello spessore del Sethlans anche sulla pagina ufficiale Er... C'è stato un errore di trascrizione, lo spessore della lama è 4mm
 
Ultima modifica:
Ciao Gabri, come ti dicevo è stato corretto il dato dello spessore del Sethlans anche sulla pagina ufficiale Er... C'è stato un errore di trascrizione, lo spessore della lama è 4mm

Sì, Gabri ci ha avvisato, grazie.

Però sembra che nella parte del manico lo spessore dell'acciaio sia effettivamente 6,3 mm e che poi vada rastremandosi appunto quando inizia la lama vera e propria.
Mi sembra una soluzione strana, di solito la rastremature che ho visto io si effettuavano nel codolo...
 
Sì, Gabri ci ha avvisato, grazie.

Però sembra che nella parte del manico lo spessore dell'acciaio sia effettivamente 6,3 mm e che poi vada rastremandosi appunto quando inizia la lama vera e propria.
Mi sembra una soluzione strana, di solito la rastremature che ho visto io si effettuavano nel codolo...
Si, lo spessore allimpugnatura è 6,3 e la rastrematura parte dopo..
È così in quasi tutte le lame Er che riportato spessore di lama inferiori al 6,3. Tipo il T4000C
 
A me questo coltello piace, purtroppo arrivo tardi a questa discussione e non capivo prorpio come mai per 4 pagine nessuno si accorgeva dell'assottigliamento della lama dopo il ricasso (probabilmente non c'erano ancora i video).
Non discuto sull'acciaio che va provato, ma ci sono alcuni spunti innovativi che non mi sembrano banali.
Tenere i 6,3mm sul tang e i 4 sulla lama probabilmente spostano il bilanciamento indietro rendendolo meno faticoso da usare a lungo (alla fine son poco più di 2 etti).
Le guancette che si avvicinano in zona indice ad esempio e le godronature anche per il mignolo sono da provare, ma tutto sommato non mi sembrano una cattiva idea.
Alla fine la pecca dell'Extrema Ratio è sempre il prezzo che anche se offre un fodero di qualità e degli extra degni di nota, mi fa sempre desistere dall'acquisto.


È così in quasi tutte le lame Er che riportato spessore di lama inferiori al 6,3. Tipo il T4000C

Questo mi piacerebbe proprio provarlo: i tanto non li considero mai perchè hanno sempre bisellature assurde e basse, ma questo è fullflat e potrebbe avere un suo perchè (ne ho visto uno in un mercatino a prezzo abbordabile, ma il periodo è quello che è)
.
 
Lo zdp 189 è prodotto da Hitachi, è famoso per le durezze che può raggiungere e per le altissime % di Carbonio (3%) e Cromo (20%). In particolare è un acciaio inox, con dei livelli di Carbonio altissimi.
Tecnicamente è una ghisa :D essendo sopra il 2.1% di carbonio. Sapevo del suo uso su coltelli da cucina top di gamma, giapponesi. Sempre della stessa Hitachi ci sono i vari white 1-2 blue 1-2-super, carboniosi ma temperati anche a 65-66 HRC (AOGAMI super). Nonostante la durezza dovrebbero rimanere più affilabili dello ZDP. Un ottimo compromesso per ovviare in gran parte alli problemi ossidativi è cercare versioni San Mai di questi acciai con strato esterno in acciaio inox dolce. Si vede la linea di divisione tra gli acciai con l'inox che resta lucido e il carbonioso che ha riflessi bluastri per l'ossidazione, spettacolo....
 
Tecnicamente è una ghisa :D essendo sopra il 2.1% di carbonio. Sapevo del suo uso su coltelli da cucina top di gamma, giapponesi. Sempre della stessa Hitachi ci sono i vari white 1-2 blue 1-2-super, carboniosi ma temperati anche a 65-66 HRC (AOGAMI super). Nonostante la durezza dovrebbero rimanere più affilabili dello ZDP. Un ottimo compromesso per ovviare in gran parte alli problemi ossidativi è cercare versioni San Mai di questi acciai con strato esterno in acciaio inox dolce. Si vede la linea di divisione tra gli acciai con l'inox che resta lucido e il carbonioso che ha riflessi bluastri per l'ossidazione, spettacolo....
I san mai, soprattutto quelli con l'hamon ben visibile, sono spettacolari (per me non meno di un damasco). Se poi il San mai è ottenuto con "cuore" di acciaio al carbonio e gli strati esterni inox, non appena si forma un po' di patina è un vero spettacolo per gli occhi.

Lo ZDP-189 di solito è indicato per lame medio-piccole da taglio puro, raggiunge durezze incredibili e di conseguenza è un incubo da affilare (tra gli acciai che possiedo, peggio di lui fa solo il CPM-S90V, e neanche di molto) ed è prono alla cippatura, ma soprattutto - credo per l'elevatissima percentuale di carbonio - pur essendo tecnicamente un inox è suscettibilissimo all'ossidazione. Meglio non tagliarci gli agrumi. Per questo la costruzione di tipo san-mai con acciai esterni tipo il 420J2 viene spesso impiegata anche per lo ZDP-189. Invece la tenuta del filo è semplicemente assurda.
 
Ultima modifica:
Sabato ero in giro e passando all'armeria dove spesso compro coltelli ed attrezzatura per l'arco, finalmente ho potuto vedere dal vivo e tenere in mano, questo nuovo coltello dell' ER il sethlans, se devo essere sincero, ad averlo in mano, non sarei disposto a pagare tale cifra, non ho avuto la possibilita' di provarlo ma cosi a sensazione non giustifica il prezzo rispetto a simili modelli della Fox, Esee, Lionsteel, Maserin, giusto per citare le prime che mi vengono in mente.
 
Non per fare polemica, ma personalmente non trovo nessun ER per il quale sarei disposto a pagare la cifra richiesta...
Concordo, poi praticamente tutti con lo stesso acciaio, lame inutilmente spesse e filo da spacco e non da taglio. Troppo spesso puntati sull'aspetto tattico e pochi focalizzati sul bushcraft.
Stesse cifre di un ER sarei tentato di andare su un Fallkniven serie X o ancor meglio su un artigianale
 
La destinazione d'uso non mi sento di criticarla, le scelte aziendali probabilmente sono indicate dai mercati che si scelgono, la qualità e il made in Italy, concorda che debbano essere pagati, consideriamo che è una delle poche aziende del settore che ha conquistato una fetta di mercato USA, che non è così scontato e facile; posso capire certi prezzi su alcuni modelli particolari e con certe caratteristiche, ma non praticamente su tutti; forse è una politica aziendale, non discuto, ma se su qualcosa ritoccassero un po' le cifre, secondo me allargherebbero anche il loro mercato, oponione del tutto personale e liberamente non condivisibile.
 
La destinazione d'uso non mi sento di criticarla, le scelte aziendali probabilmente sono indicate dai mercati che si scelgono, la qualità e il made in Italy, concorda che debbano essere pagati, consideriamo che è una delle poche aziende del settore che ha conquistato una fetta di mercato USA, che non è così scontato e facile; posso capire certi prezzi su alcuni modelli particolari e con certe caratteristiche, ma non praticamente su tutti; forse è una politica aziendale, non discuto, ma se su qualcosa ritoccassero un po' le cifre, secondo me allargherebbero anche il loro mercato, oponione del tutto personale e liberamente non condivisibile.

Non credo sia una strategia, c'è tutto un settore del "lusso" (anche se questo non è propriamente il caso) dove il prezzo non è legato alla qualità dei materiali bensì al brand.

Prova ne è che ci sono falsi quasi indistinguibili dagli originali che costano mooolto ma molto meno.
Ma sono dei falsi...
 
Corso di Orientamento
Alto Basso