Recensione Osprey Hikelite 18 (hack)

Camminatori buongiorno,

Apro l'ennesimo post su questo splendido zaino areato e ultralight.
L'intenzione è che ognuno contribuisca a dir la sua, in quanto questo zaino si presta a mille usi, e con qualche hack (modifica) si può migliorare ulteriormente.

BREVE RIGHE PER CHI NON CONOSCE QUESTO ZAINO:
Questo zaino è stato presentato nel 2020 circa, è uno zaino con schienale areato, molto curato nel design con dei bei colori con prezzi sul mercato che vanno dai 58 ai 90 euro circa, a seconda dei periodi e degli sconti ovviamente.
È uno zaino minimal, ha una zip superiore dove si accede ad un generoso scompartimento, il quale ospita anche una camelbag all'occorrenza.
Sempre sulla parte superiore ha un'altra zip sempre abbastanza capiente per stivare chiavi, occhiali, bandana o altro.
Laterali sono presenti 2 portaborracce in mesh.
Gli spallacci sono molto sottili, ma allo stesso tempo un po' imbottiti.
La fascia anteriore ospita il fischietto come da tradizione osprey, mentre la fascia lombare è "inesistente".. è più una cinturina da tenere lo zaino attaccato al corpo, ma non ha la funzione di scaricare il peso sulle anche.
Sul retro 2 portabastoncini in verticale.
Peso dell'oggetto 700 gr circa.

Questo zaino nasce come uso giornaliero, ma se siete persone che vogliono fare un trekking di più giorni, ovviamente appoggiandosi a strutture, e quindi portare lo stretto necessario, questo zaino può aiutare a rendere il cammino meno faticoso.

Lo posseggo da 1 anno. Da quando ce l'ho, ho quasi dimenticato di possedere lo stratos 36 LT (mi appoggio a lui quando devo pernottare in tenda).


RIPRENDE LA LETTURA PER TUTTI:
Quando l'ho ricevuto a casa 1 anno fa, la prima cosa che feci è stata quella di eliminare la cinturina lombare (anche perchè non ha senso).
L'altra modifica che da tempo vorrei realizzare è cambiare il portabastoncini e renderlo come gli altri osprey, cioè agganciarli con le loro fettuccine sotto il braccio, in modo tale che uno possa utilizzarli anche quando è in cammino, senza togliere lo zaino dalla schiena.
A chi manca una cintura con le tasche, può trovare comodo avere un marsupio.
Mentre per chi dovesse fare delle ferrate, oppure debba attaccare un casco, può agganciare il portacasco universale o della ferrino. Questa mattina son passato da un negozio e l'ho preso.
(Preciso che non l'ho testato, ma a vederlo così non si dovrebbero avere grosse problematiche)
IMG_20210816_122540_739.jpg
IMG_20210816_122555_526.jpg
IMG_20210816_122614_781.jpg


Per chi vuole contribuire con qualche idea ben venga.
Ad esempio una tasca in mesh da mettere sullo spallaccio come portasmartphone o portabarrette.
 

Allegati

  • IMG_20210816_122603_891.jpg
    IMG_20210816_122603_891.jpg
    281,9 KB · Visite: 64
Ciao Disagiato,
volevo contribuire non con nuove idee (raramente faccio modifiche) ma per condividere le tue indicazioni.

Ho questo zaino da alcuni mesi ed è veramente un Jolly, adatto a molte occasioni.

Tra l'altro, pochi giorni fà, usato su ferrate nel gruppo del Bianco con soddisfazione e casco legato alla "benemeglio" dietro.

Non toglierò la centrale perchè mi dà equilibrio ad esempio su ferrata.

Pieno plauso al marsupio (Osprey anche lui...si sono fissato :D ) che ho usato con molta soddisfazione da quando ho sostituito l' Atmos 50 con l'Exos 48 senza tasche lombari.

E nei cammini/trekking serve avere alcune cose a portata di mano.

Tra l'altro spostando un pò di peso in basso. :) :si:
 
Intervengo anche io per un paio di osservazioni.

Premessa. Anche io sono un ospreyista, posseggo l'hikelite 18che uso sia per le uscite giornaliere che per quelle di più giorni se in struttura, mentre uso lo stratos 26 per uscite di due giorni col tarp e lo strtos 36 per uscite di due giorni con tenda.

Parere. È uno zaino eccellente. In soli 700 grammi fornisce una sacca capiente e ben accessibile (in qs giorni invernali ci entrano un guscio, un piumino, uno smanicato, i ramponcini, la sacca del pranzo, più altre cosine), 2 comode tasche mesh che portano una nalgene da 1 lt, 1 comoda tasca superiore porta barrette/occhiali/buff..., un tessuto non eroico ma comunque adeguatamente robusto (nulon 100D), ma soprattutto uno schienale aerato freschissimo (per mia esperienza non è vero che con tutti gli zaini ti suda la schiena...o meglio con alcuni suda molto più che con altri) e una raincover di qualità integrata (queste ultime due cose da sole pesano più di 300 gr: facile fare l'UL quando non metti dentro niente!). Viaggi e non lo senti, è maneggevole, quando passi in boschi pieni di arbusti non ti si incastra dappertutto. Molto soddisfatto.

Chicche.
1) I due laccetti in basso, usati insieme alle cinghie di compressione laterali, sono molto utili sia per portarci i bastoncini, sia per legarci un cordino frontale e creare una sorta di tasca frontale (vedi oltre).
2) La cintura ventrale effettivamente è minimale e credo poco utile dal punto di vista della gestione del peso. Tuttavia io le ho trovato due usi: come aggancio per eventuali tasche ventrali (invece del marsupio che a me rompe: questa soluzione l'ho pensata ma devo ancora provarla); come punto basso per l'ancoraggio delle ciaspole (allacciandole dietro lo zaino e non davanti), che in alto attacco con le cinghie di compressione.

Migliorie.
1) Manca la tasca davanti chiudibile con clip che per esempio ha il modello 26lt. Trattandosi di uno zaino 18lt è un po’ un errore, perché per prendere un guacio dentro ti costringe ogni volta a ravanare tutto. Una soluzione è prendere il 26lt, che pesa uguale, è più grande di pochi cm e oltre alla tasca davanti ti dá quel minimo spazio in più ”per non schiacciare i panini”. Alternativa, comprare un laccio elastico e incrociarlo davanti sui 4 agganci (in basso gli anelli, in alto le cinghie di compressione). Vedi sopra.
2) Mancano le tasche ventrali. Da qualche parte s8 risparmia. O metti un marsupio o attacchi alla cintura ventrale delle taschine (vedi sopra).

In definitiva: ottimo, economico, da valutare (per chi dovesse ancora fare la scelta) se prendere il 26lt per la tasca davanti.
 
Puoi agevolare foto delle modifiche se le hai fatte o le farai? Grazie

Altra chicca 3: se volete risparmiare peso in estate, e spazio, io di solito ovviamente monitorando il meteo (in caso di bel tempo), non porto il guscio, ed elimino la Raincover, per metterci all'interno un poncho ul del peso di 200 gr. In modo tale che se dovessi prendere un acquazzone o pioggerellina non prevista, posso proteggere me e lo zaino... Lo trovo utile sia per eventuale riparo da pioggia (pioggerellina) e sole qualora dovessi fermarmi a pranzare, oppure anche da usare come telo da mettere sul terreno per non sporcarmi..

Tu usi la nalgene, io a seconda dell'utilizzo o uso la camel per viaggiare più veloce, oppure boccia d'acqua in plastica da una parte, e materassino per seduta dall'altra.
 
Puoi agevolare foto delle modifiche se le hai fatte o le farai? Grazie

Altra chicca 3: se volete risparmiare peso in estate, e spazio, io di solito ovviamente monitorando il meteo (in caso di bel tempo), non porto il guscio, ed elimino la Raincover, per metterci all'interno un poncho ul del peso di 200 gr. In modo tale che se dovessi prendere un acquazzone o pioggerellina non prevista, posso proteggere me e lo zaino... Lo trovo utile sia per eventuale riparo da pioggia (pioggerellina) e sole qualora dovessi fermarmi a pranzare, oppure anche da usare come telo da mettere sul terreno per non sporcarmi..

Tu usi la nalgene, io a seconda dell'utilizzo o uso la camel per viaggiare più veloce, oppure boccia d'acqua in plastica da una parte, e materassino per seduta dall'altra.
Quando faccio le modifiche le posto senz'altro (se vengono bene).
La soluzione "rimuovi raincovwr e mettici x" un paio di volte l'ho fatta anche io...ma di solito non mi serve perché lo trovo sufficientemente capiente giá cosi.
--- ---

Come anticipato, una prima soluzione moooolto easy l'ho postata qui.
 
Ultima modifica:
Corso di Orientamento
Alto Basso