Recensione Osprey kestrel 68

Appena arrivato, comprato su Deporvillage, mi accingo a una prima recensione, con l'euforia di un nuovo acquisto meditato da tanto tempo.

Lo zaino è piuttosto grande, quasi 70 litri organizzato perfettamente. Avrei tranquillamente potuto prendere un 58, ma dato il peso molto contento - 1,78 kg - e le possibilità di compattamento, ho preferito questo volume.

Prima impressione: basterebbe la serigrafia per innamorarsene!

194530
194528
194517

I materiali ad una prima esamina risultano eccezionali: tessuti molto robusti, connettori e cerniere YKK con zip di generosissime dimensioni (mai visti prima così grandi), fibbie e coperture di protezione a ogni cerniera; ogni elemento risulta di massima qualità, tanto da chiedersi come faccia uno zaino del genere a pesare così poco.

194532
194531

Aprendo l'interno, si nota un grande volume con ampia regolazione delle dimensioni sia in verticale che in orizzontale; la prima per la possibilità di alzare e abbassare il divisorio interno rispetto allo scomparto inferiore, la seconda per l'ampia possibilità di compattamento tramite le fibbie laterali.

194568
Non è presente lo scomparto interno per la sacca d'acqua che invece è predisposto in uno speciale scomparto protetto dietro allo schienale, con accesso esterno, ad ulteriore vantaggio del volume complessivo dello zaino.

Al volume principale interno si accede anche da una grossa solidissima cerniera esterna, molto ben protetta anche dalle intemperie.
194518

194519


























Inoltre è presente un ulteriore ampio vano frontale estendibile, che può tranquillamente contenere un casco o altri materiali che si rendesse necessario estrarre rapidamente.

La copertura superiore dello zaino ha una tasca molto grande sopra, senza divisori interni, per un rapido accesso, e un'ampia tasca inferiore interna a rete, pensata per contenere documenti e portachiavi.
20190917_142755.jpg
194507
194508


Lateralmente sono presenti due tasconi aperti che contengono ampiamente una borraccia da litro.

194509
194510

Nella cintura sono presenti due grandi tasche che possono contenere smartphone, gps, cartine, e altro, pur non limitando i movimenti del bacino

194511
194512

Sono presenti anche due asole porta-picozze che vengono in alto fissate ben più efficacemente che in altri zaini. Per me uno degli elementi determinani nell'acquisto di questo zaino.

194544

Non mancano i caratteristici porta-bastoncini Osprey, a portata di mano con lo zaino indossato.

194513
194514

194516



Non manca il raincover nella tasca inferiore.



Non ultimo, uno degli elementi di maggior pregio è il comodo schienale Airscape, regolabile e areato.

194515

Queste sono solo le prime impressioni, vedremo poi le valutazioni a seguito delle esperienze d'uso.

 
Ultima modifica:
Ciao a tutti.
Seguo, in attesa di un giudizio sul sistema Airscape durante escursioni sotto sforzo
Tra l'altro vedo che scrivi da Lucca, quindi ti chiedo anche un giudizio su questo zaino che vorrei prendere ma da 38l, da usare sulla Francigena. Sono indeciso proprio per via di questo schienale meno aperto degli altri.
 
Ciao a tutti.
Seguo, in attesa di un giudizio sul sistema Airscape durante escursioni sotto sforzo
Tra l'altro vedo che scrivi da Lucca, quindi ti chiedo anche un giudizio su questo zaino che vorrei prendere ma da 38l, da usare sulla Francigena. Sono indeciso proprio per via di questo schienale meno aperto degli altri.
Domenica scorsa ho camminato 31 km con questo zaino quasi vuoto sulle spalle, proprio per provarlo in vista del Camino di Santiago, e mi ci sono trovato molto bene. L'avevo già riprovato su alcune tappe di Francigena un pochino più carico a temperatura autunnale e mi è parso molto avvolgente più a vantaggio della stabilità e della ripartizione del carico che della traspirazione, in ogni caso a fine giornata la mia schiena stava bene.
Se l'uso dello zaino è per camini e non per usi alpinistici e invernali, ti consiglio l'Exos 38 che è straordinariamente leggero ed ha un sistema di aerazione ancora migliore.
In alternativa lo Stratos 36 che ha un sistema di aerazione simile all'Exos, ma è un pochino più robusto.
Il Krestel nei volumi bassi secondo me interessa chi ne fa un uso anche alpinistico, in ogni caso il Krestel è particolarmente adatto per trekking impegnativi e ha bisogno di uno zaino molto robusto e accessoriato. Se l'avessi comprato per cammini tipo Francigena avrei scelto uno dei due sopra, se non addirittura il Talon.[/QUOTE]
 
Ultima modifica:
Domenica scorsa ho camminato 31 km con questo zaino quasi vuoto sulle spalle, proprio per provarlo in vista del Camino di Santiago, e mi ci sono trovato molto bene. L'avevo già riprovato su alcune tappe di Francigena un pochino più carico a temperatura autunnale e mi è parso molto avvolgente più a vantaggio della stabilità e della ripartizione del carico che della traspirazione, in ogni caso a fine giornata la mia schiena stava bene.
Se l'uso dello zaino è per camini e non per usi alpinistici e invernali, ti consiglio l'Exos 38 che è straordinariamente leggero ed ha un sistema di aerazione ancora migliore.
In alternativa lo Stratos 36 che ha un sistema di aerazione simile all'Exos, ma è un pochino più robusto.
Il Krestel nei volumi bassi secondo me interessa chi ne fa un uso anche alpinistico, in ogni caso il Krestel è particolarmente adatto per trekking impegnativi e ha bisogno di uno zaino molto robusto e accessoriato. Se l'avessi comprato per cammini tipo Francigena avrei scelto uno dei due sopra, se non addirittura il Talon.
[/QUOTE]
Grazie! Terrò a mente i tuoi consigli.
Quindi secondo la tua esperienza è inevitabile dover avere due zaini? Io vorrei fare una 7-10gg di Francigena a primavera ma nel resto dell'anno sono in Dolomiti e vorrei fare anche qualche ferrata. No tenda, no fornelli. So che non esiste lo zaino universale ma il Kestrel mi sembrava il più versatile.
 
Grazie! Terrò a mente i tuoi consigli.
Quindi secondo la tua esperienza è inevitabile dover avere due zaini? Io vorrei fare una 7-10gg di Francigena a primavera ma nel resto dell'anno sono in Dolomiti e vorrei fare anche qualche ferrata. No tenda, no fornelli. So che non esiste lo zaino universale ma il Kestrel mi sembrava il più versatile.
Non mi fraintendere, in realtà ho comprato il Krestel per avere proprio uno zaino polivalente, va benissimo se ne fai un uso misto, è sicuramente più accessoriato e robusto, consente di portare di tutto.
Sulla base dell'ultima tua precisazione il Krestel va benissimo e ci puoi fare sia la Francigena che trekking e ferrate in Dolomiti.
Lo Stratos è leggermente meno accessoriato ma con uno schienale più areato. Anche lo Stratos va bene per gli usi che vuoi farne tu.
L'Exos dopo l'utima tua non lo prenderei più in considerazione, perché meno robusto, tantomeno il Talon.
Se il tuo primo amore è stato il Krestel prendilo al volo; tra l'altro... è bellissimo!
 
Questo zaino è davvero uno spettacolo. Ho continuato a usarlo per finalità diverse rispetto a quelle inizialmente previste ovvero sull'allenamento che sto facendo in Francigena nei finesettimana, forzando un po' le tappe per percorrere qualche chilometro in più, quindi anche con pernotto in ostelli, con sacco a pela e senza tenda.

La comodità di questo zaino è eccezionale, non ti manca niente e tutto è dimensionato alla perfezione. Soprattutto si può tranquillamente usare semivuoto, tale da non sentire la mancanza di uno zaino piccolo; anzi in questa condizione pare quasi di non averlo. Anche le fettucce laterali favoriscono il massimo compattamento.

Ho trovato ottima anche la posizione della sacca idrica, che non ruba spazio al volume interno, con in più la facilità di inserimento ed estrazione, oltre a un più agevole collegamento con il tubicino esterno. Non solo, non si rischia di allagare lo zaino in caso di non perfetta chiusura o serraggio al tubicino.

Comodo il tascone quasi invisibile per avere a portata di mano qualunque capo, tipo un guscio o un elemetto e ancora più pratici i tasconi sulla cintura in cui si inserisce comodamente un portafoglio e un cellulare, addirittura persino insieme nella stessa tasca, o altri oggetti che servisse tenere a portata di mano con lo zaino in spalle.

Lo schinale AirScape che inizialmente temevo poco traspirante, fino ad ora si è dimostrato invece molto areato; più areato di questo in casa Osprey è l'AirSpeed ma al momento non lo rimpiango per la gran comodità dell'AirScape.

Forse è finalmente lo zaino della vita.
 
Ciao. grazie per gli aggiornamenti.
Proprio oggi è arrivato lo Stratos 36 in negozio e li ho confrontati fianco a fianco. Non c'è che dire, se la giocano punto a punto... Lo stratos è più aerato (ma non mi piace lo schienale bianco... sai quanto durerà candido?), il kestrel è un pelo più robusto e stabile e meglio organizzato per la montagna... Insomma direi che per trekking in montagna se ci si porta dietro ciaspe, ramponi, imbraghi e elmetto è meglio il kestrel; per cammini e passeggiate "easy" in bassa quota anche se lunghe, meglio lo stratos, anche in prospettiva estate. Entrambi un ottimo acquisto. Penso che mi butterò sul Stratos 36 e poi più in la (appena mia moglie si distrae :biggrin:) un kestrel 58 o 68 per trekking attrezzati in quota/o invernali.
 
Ciao. grazie per gli aggiornamenti.
Proprio oggi è arrivato lo Stratos 36 in negozio e li ho confrontati fianco a fianco. Non c'è che dire, se la giocano punto a punto... Lo stratos è più aerato (ma non mi piace lo schienale bianco... sai quanto durerà candido?), il kestrel è un pelo più robusto e stabile e meglio organizzato per la montagna... Insomma direi che per trekking in montagna se ci si porta dietro ciaspe, ramponi, imbraghi e elmetto è meglio il kestrel; per cammini e passeggiate "easy" in bassa quota anche se lunghe, meglio lo stratos, anche in prospettiva estate. Entrambi un ottimo acquisto. Penso che mi butterò sul Stratos 36 e poi più in la (appena mia moglie si distrae :biggrin:) un kestrel 58 o 68 per trekking attrezzati in quota/o invernali.
Se devi prendere un ,60-70 prenderei l Aether più adatto e molto più performante
 
Ciao. grazie per gli aggiornamenti.
Proprio oggi è arrivato lo Stratos 36 in negozio e li ho confrontati fianco a fianco. Non c'è che dire, se la giocano punto a punto... Lo stratos è più aerato (ma non mi piace lo schienale bianco... sai quanto durerà candido?), il kestrel è un pelo più robusto e stabile e meglio organizzato per la montagna... Insomma direi che per trekking in montagna se ci si porta dietro ciaspe, ramponi, imbraghi e elmetto è meglio il kestrel; per cammini e passeggiate "easy" in bassa quota anche se lunghe, meglio lo stratos, anche in prospettiva estate. Entrambi un ottimo acquisto. Penso che mi butterò sul Stratos 36 e poi più in la (appena mia moglie si distrae :biggrin:) un kestrel 58 o 68 per trekking attrezzati in quota/o invernali.
Credo tu abbia fatto un ottimo acquisto; l'ho visto a un escursionista tempo fa', mi ha fatto un'ottima impressione. La rete vedrai che ti tornerà utile; l'unico difetto forse è proprio il colore chiaro dello schienale a rete.

l'ho visto... bellissimo, ma costa un botto di più...
E soprattutto pesa assai di più.

In internet si trova anche a 190_200
E dici poco?!

Il Kestrel 68 l'ho pagato 151 e il 58 lo trovi online a 140-145.

Comunque l'Aether è sicuramente uno degli zaini più robusti di Osprey, ma di certo non essenziale per la maggior parte degli utilizzi e se la Osprey indica come suggerimento di carico per il Kestrel da 14 a 23 kg - https://www.ospreyeurope.com/shop/media/wysiwyg/IT_OM/OM_KestrelKyte_S16_IT.pdf - puoi stare certo che fino a 23 kg il carico è assolutamente ottimale; l'Aether garantisce da 15 a 27 kg e onestamente non credo che molti di noi andremo mai a utilizzarlo fin a quel limite massimo. Personalmente non ho mai superato i 20 kg (toh 21 a esagerare) neppure quand'ero giovane e me ne stavo una settimana in montagna con rifornimento di cibo in autonomia per tutta la settimana, oltre a tenda condivisa, attrezzature da ferrata e quant'altro. E oggi i carichi sono molto diminuiti, per l'alleggerimento dei materiali. Solo con tanto materiale da alpinismo in aggiunta al resto, oggi si può arrivare oltre 20 kg.
 
Ultima modifica:
Ciao ovvero acquistare il medesimo zaino, avrei una domanda da farti. La regolazione dello schienale è furba? Dai video non capisco come fa a rimanere nella posizione desiderata
 

Discussioni simili


Alto Basso