Speleologia Ouso di Pozzo Comune

#1
Parchi del Lazio
Monti Ernici
Dati

Data: 07/05/2016
Regione e provincia: Lazio - Carpineto romano
Località di partenza: Pian della Faggeta
Tempo di percorrenza: 11 ore soste incluse
Grado di difficoltà: Didattica
Dislivello in discesa: -70



Descrizione

considerando che tutta la precedente relazione mi si è cancellata nel tentativo di caricare le foto, sarò breve.
L'ouso di Pozzo comune è una grotta didattica, che si frenquenta sopratutto come prima uscita dopo i corsi speleo per la varietà di passaggi che offre. Mi hanno portata Flavio e Michele, due speleo di ormai comprovata esperienza. Avevo già fatto un paio di grotte, ma sempre orizzontali, la Grotta Cola e la Vacca Morta, quindi questa è stata la mia prima VERA grotta. Lo Speleo è un tipo strano, si va ad infilare dove gli altri dicono "ma neanche se mi pagano!". Di sicuro lo stare sottoterra, la paura dell'ignoto, la paura del vuoto, la paura del buio, la paura di soffocamento e dei luoghi stretti non devono far parte di te se vuoi infilarti in una grotta.
Comuqneu, si parte di sabato alle 9.30, arriviamo a Carpineto verso le 11, ci si prepara e si inizia. La grotta è facile da trovare e comoda. L'ingresso è un ampio salone, perfetto. Le rocce sono scivolosissime, segno di parecchia umidità.

Io e Flavio alla partenza

Io 13226716_232739030435506_6451541277983155950_n.jpg
Io e Michele
13138871_232739017102174_3299333543589527148_n.jpg

Le calate sono poche, la più lunga è 17+4.
La prima mi vede a ricordare come funzionava la cosa

iniziamo a scendere e mi ricordo un po'. La grotta è bella, troppa acqua a causa delle piogge dei giorni scorsi ma sicuramente offre ambienti stupendi, saloni imperlati di gocce d'acqua, pozze cristalline, fiumiciattoli, un mondo davvero che vale la pena scoprire. si procede lungo i salti.

13226716_232739030435506_6451541277983155950_n.jpg 13138871_232739017102174_3299333543589527148_n.jpg

Io che cerco di ricordare come si scende

13177630_232739147102161_1792323194582471064_n.jpg

Michele che scende

13139377_232739337102142_2241060958348129767_n.jpg 13083260_232739300435479_7414877034379375963_n.jpg 13177646_232739253768817_6055321648678155164_n.jpg 13102795_232739213768821_4191038317147487567_n.jpg


Flavio è l'addetto all'armo, lui si sorbisce tutta la preparazione delle calate, aiutato da Michele, io invece mi siedo comodamente e osservo.

13177182_232739387102137_5903148868886311979_n.jpg 13177058_232739363768806_4689752935533100425_n.jpg

13173645_232739397102136_8542048720501735066_n.jpg

Arriviamo al pozzo che più mi preoccupava e che mi darà filo da torcere in salita, il primo salto che Flavio arma alla grande e che ci vede scendere nel vuoto per 17 metri, Flavio mi assisterà da una fantastica nicchietta, per controllare che faccia bene il frazionamento.

Flavio che arma...

13139109_232739450435464_152425376048226367_n.jpg

Il pozzo

13165895_232739503768792_3582267215791067565_n.jpg

Il frazionamento

13151508_232739510435458_1615163108462001874_n.jpg

Io che scendo:

13177768_232739600435449_7485467646566403044_n.jpg 13151574_232739580435451_6848486659210265220_n.jpg 13092122_232739563768786_1183259037787407397_n.jpg

La comodissima e freschissima nicchietta

13178631_232739663768776_8511563804872593798_n.jpg

Arrivati in fondo al pozzo proseguiamo fino al MArilù. L'acqua è troppa e decidiamo di non scendere, armamiamo altri passaggi per superare dei minilaghetti e pozze ttroppo piene per non bagnarci troppo.

Superamento di una pozza in "opposizione"

13221624_232739727102103_4818545399588559045_n.jpg
Qui si arma un altro passaggio

13177420_232739690435440_4220813769803207923_n.jpg

Affaccio sul MArilù

13178993_232739740435435_5197050101976128125_n.jpg

Il Marilù, non si vede il fondo, salto di 23 metri circa

8392_232739763768766_3556337435680585307_n.jpg

E qui finisce la nostra discesa, facciamo dietro front e torniamo a casa. La risalita del Pozzo sarà per me un mezzo dramma tra fatica, grugniti, sbuffi e un paio di santi :poke:. Santo Flavio mi ha assistitio, ma che fatica la progressione in verticale nel vuoto, penzolavo ovunque tipo sacco di patate, prima di capire come funzionava la cosa ci ho messo parecchio e ahimè ho fatto tardare tutti. Ma alla fine sono risalita , all'inizio la mia paura era che toccasse chiamare i soccorsi per un mio attacco di panico, invece sono riuscita a farcela, certo la classe non era quella di una donnina per bene, ma in fin dei conti devo capire quale donnina per bene si va ad infilare in una grotta :rofl:. Un paio di disavventure ci sono state, il mio croll che si è aperto e non si è capito perchè, e all'inizio di una calata mi sono letteralmente lanciata nel vuoto tipo bungee jumping...pessima idea, il mio gomito non è stato felice di conoscere la pietra da vicino :biggrin:. Ah..un un moschettone della longe che ha deciso di bloccarsi dentro ad un nodo all'uscita del pozzo verticale...tacci sua che fatica m'ha fatto fare!
consclusioni: Grotta belle (ma mi dicono che ce ne sono di meglio), fatica e ansie da prima uscita a parte, non difficile, da fare sicuramente con meno acqua per poter scendere più in basso e non fermarsi prima del MArilù. Volevo pubblicare anche il rlievo, ma non me lo ritrovo.
 

#2
Lisa, non mi perderai l'aplomb impegnata nelle viscere della terra :biggrin:
Comunque ci vuole attitudine e predisposizione per fare speleologia. Io sono avventuroso e non soffro di claustrofobia ma, come dicevi tu all'inizio, "neanche se mi pagano!" :help:
Ciao ;)
 
#3
Lisa, non mi perderai l'aplomb impegnata nelle viscere della terra :biggrin:
Comunque ci vuole attitudine e predisposizione per fare speleologia. Io sono avventuroso e non soffro di claustrofobia ma, come dicevi tu all'inizio, "neanche se mi pagano!" :help:
Ciao ;)
ahahahah il mio aplomb!!!! guarda la risalita mi ha davvero fatto faticare che nemmeno sul weissmiss stavo così...me ne restavo appesa tipo salame per riprendere fiato ogni due-tre spedalate nel vuoto. La mia progressione era di 10 cm a pedalata invece che di 50...che mezza calzetta ahahhahaha
 
#4
Meravigliosa avventura!! Complimenti! Sarò passato davanti una cinquantina di volte, il posto è davvero bello.
Fare speleologia è davvero per gente con gli zebedei di ferro :D
 
S

Speleoalp

Guest
#5
Complimenti, bellissimo resoconto e splendide foto.
Una domanda, le grotte in questione sono accessibili o sono monopolizzate da qualche club, gruppo, comune ? Con cancelli, grate e via dicendo?

Grazie mille....
 
#7
Complimenti, bellissimo resoconto e splendide foto.
Una domanda, le grotte in questione sono accessibili o sono monopolizzate da qualche club, gruppo, comune ? Con cancelli, grate e via dicendo?

Grazie mille....
Fino ad ora mi sono infilata in grotte accessibili. Sia la grotta Cola (petrella Liri- orizzontale) che la Vacca Morta (Tornimparte - orizzontale ma un po' più tecnica) che l'Ouso di Pozzo Comune erano aperte a tutti.
 
#10
ci sono a volte passato praticamente accanto scendendo da una montagnetta poco accogliente chiamata Perrone del Corvo. Se hai gli amici giusti (e vedo che lo sono) potresti anche tentare l'Abisso Consolini, sopra i Piani dell'Erdigheta...tienici al corrente!
Si infatti la loro intenzione è proprio di portarmici. Per l'abisso penso che dovrò fare della palestra sennò non reggo la risalita. L'erdigheta....è...per ora ancora non sono in grado..ma secondo me alla fine mi toccherà andarci :biggrin:
 
#11
Sembra che un proverbio giapponese suoi più o meno "Gli insetti preferiscono... le ortiche!". Che poi sarebbe il nostro "tutti i gusti son gusti!".

Per fortuna ci siete voi a farlo, doverosi complimenti assolutamente "senza invidia"! :)
 
D

Derrick

Guest
#15
Ha ragione @alexmoscow73 quel pianoro di Pian della Faggeta sotto al Perrone del Corvo è davvero incantevole, s.t. al tramonto, coi cavalli bradi, l'erbetta verde... scena bucolica, DA SOPRA.

Da sotto MANCO SE MI PAGANO :)
 

Discussioni simili

Alto