Pannello solare + power bank o solo powerbank?

In quest'altra discussione è partita una discussione che merita di essere discussa a parte e cioè:

nelle uscite da N giorni quando è che conviene portarsi in spalla un power bank "piccolo" + un pannello solare e quando invece è meglio portarsi dietro semplicemente un power bank "grosso"?

Rilancio qui la discussione, riportando tutti i messaggi sull'argomento:

Il celebre titolare del canale YouTube The Walking Nose, Alessandro da Faenza detto Naso, parla di usare il sito Lighterpack.com soprattutto per lasciare a casa le proprie insicurezze. E in certi casi limite, tipo il trekking in Giordania o Jordan Trail, Alessandro mi ha stroncato il pannello solare pieghevole che consigliavo perché erano "altri 500 grammi" (non ridete!)
Non conosco bene il contesto, ma se nel trail riesco ad incontrare la civiltà (e quindi la corrente elettrica) almeno ogni 4-7 giorni un powerbank da 10.000-20.000 mAh (siamo sui 200-340 grammi, a memoria) è una soluzione più efficiente di un pannello solare da 500 grammi, quindi il consiglio non mi sembra insensato.
si attenzione però perché bisogna essere assolutamente certi, lasciando perdere i mAh dichiarati, della reale capacità del proprio powerbank in termini di "numero di volte che posso ricaricare il telefono" prima che si esaurisca...

Il PB fornisce una quantità di energia finita, il pannello solare potenzialmente è infinito. Per un trekking di più giorni per me pannello e PB solo la combo perfetta.



I miei 10000 (buono) e 20000 (da battaglia) pesano rispettivamente 200 e 420g...
Concordo assolutamente sul verificare l'effettiva capacità di ricarica del powerbank, che deve essere di qualità. Va poi assolutamente verificata anche l'effettiva capacità di ricarica del pannello solare, che purtroppo viene spesso sovrastimata, va tenuto conto del fatto che non sempre ho belle giornate di sole, e vanno poi fatti gli opportuni conti oggettivi, esempio:

...se sto fuori 5 giorni è più efficiente avere un power-bank da 10.000 mAh + il pannello solare o un power-bank da 20.000 mAh?

Sarà la matematica a dire quale delle due soluzioni è la più efficiente.

A memoria ricordo che tizi che hanno fatto un po' di conti usando i powerbank più leggeri del mercato (a prezzi ragionevoli) ed i pannelli solari più leggeri del mercato (sempre a prezzi ragionevoli) hanno calcolato che solo sopra i 7 giorni (senza possibilità di ricariche intermedie) poteva convenire (dal punto di vista dei pesi) portarsi dietro un pannello solare rispetto ad un power-bank più grosso.
Esatto, sono d'accordo con te in Islanda io l'ho portato perché altrimenti sarei stato senza telefono e gopro per una settimana, così per altri trekking dove potevo appoggiarmi a strutture ricettive l'ho lasciato a casa.
Persino quello che ha percorso la Trans European Alpine route lo aveva e ha viaggiato con uno zaino da 36 litri per tre stagioni.
Non vorrei spostare troppo la discussione su questo singolo aspetto elettronico, ma in generale dipende sempre da cosa si deve fare... inoltre diminuire il peso non può essere sempre l'unica chiave di lettura, c'è da fare un discorso costi benefici:

PB da 20000mAh = 420g sono 5 cariche (teoriche) di un Galaxy S10 che se usato per mappe, foto, magari tracking, non supera la giornata, quindi 5 giorni scarsi di autonomia poi è morto.
PB da 10000mAh + pannello 21W = 700g sono 2,5 ricariche complete del telefono immagazzinate nel PB e poi autonomia potenzialmente infinita.

Il PB è importante in combo al pannello perché in una giornata di sole pieno lo carico e ho autonomia per i successivi 2 giorni se dovessi trovare brutto tempo, fare affidamento solo sul pannello, oltre che stressare la batteria del telefono, ci lascia all'incognita del maltempo.

La scorsa estate ho viaggiato in Corsica in moto + tenda con la mia compagna per 2 settimane (2 cellulari, 1 gopro, lampada led). Con 1 powerbank e 1 pannello solare (facciamo quindi circa 400g a testa con ingombro minimo) non ci siamo mai attaccati alla corrente per 15 giorni ed è stata una soddisfazione (avremmo dovuto "rubarla" dai bagni o pagare fino anche a 5€ al giorno in alcuni campeggi).
Stiamo dicendo tutti la stessa cosa, e cioè dipende da che uso devi farne.

Il caso d'uso del thread è la minimizzazione dei pesi durante un trekking a piedi in autonomia e stiamo facendo valutazioni per questo caso d'uso. L'avere autonomia elettrica potenzialmente illimitata non è in questo caso rilevante, perché i viveri che ho in zaino non sono illimitati.

Un powerbank a caso da 20.000mAh della Anker (il marchio preferito dagli ultralighters perché hanno il miglior rapporto capacità/peso e hanno effettivamente la capacità dichiarata) pesa 340 grammi e costa 24€

Con due di questi powerbank secondo i tuoi conti tiro avanti 10 giorni ed ho un peso di 680 grammi, ancora inferiore agli 800 del pannello da 21W.

Per il giro in moto in Corsica o per trekking in totale autonomia più lunghi di 7-10 giorni conviene di sicuro il pannello, per il trekking dove passo per un rifugio o per un paese almeno una volta alla settimana, se il mio obiettivo è ridurre il peso dello zaino (ma nessuno vuole obbligare nessun'altro ad avere questo come obiettivo, semplicemente è questo l'argomento del thread) meglio il powerbank.
vorrei comprare un pannello solare ed una powerbank "seri", ma sono indecisa fra 2 cose separate o una power bank con pannello solare integrato :mumble: (per una reflex e cellulare scassato al massimo)
Io ho comprato un powerbank della OUTXE con pannello solare integrato, da 10 000 mAh.


https://www.amazon.it/dp/B07BKVKNBR/ref=cm_sw_r_apa_i_6EJEEb7W8Q2GE


Avvertono che affidandosi al pannello solare integrato, pur essendo ad alta efficienza, potrebbero essere necessarie fino a 35 ore per una ricarica completa. Per alta efficienza la RAVpower intende il 23.5%, dato che i pannelli portatili da campeggio sono di silicio monocristallino
[OT] Lasciate perdere, prendete un buon powerbank e un buon pannello. [/OT]
sospettavo che separati funzionassero meglio...
Separati se vuoi prestazioni, nel senso che un pannellino sul Power Bank non potrà mai essere performante e non riuscirai a ricaricare il Power Bank in una giornata. Un buon pannello solare riesce invece a ricaricare il Power Bank e in contemporanea, a seconda della potenza, anche una o più utenze.
--- Aggiornamento ---



Appunto.......
35 ore di sole per una carica completa del Power Bank corrisponde a quanti giorni di sole pieno diretto sul pannello?
 
nelle uscite da N giorni quando è che conviene portarsi in spalla un power bank "piccolo" + un pannello solare e quando invece è meglio portarsi dietro semplicemente un power bank "grosso"?
Non c'è una regola, a mio parere, dipende primo da cosa uno ha, secondo da quanti sono quei "n" giorni ed infine da cosa uno deve ricaricare e per quante volte.

Idealmente sarebbe meglio avere ambedue, ovvero, pannello solare e power bank, questo per una maggior autonomia ma non è detto che sia la scelta migliore sul piano del peso.

Ciao :si:, Gianluca
 
Io porto sempre pannello+power bank perché uno è il backup dell'altro. Non mi piace mai avere una sola opzione di qualunque contesto si parli.
 
In effetti non è facile dire cos'è meglio. Per il peso e l'ingombro siamo alle solite, più grande è il pannello, ma anche il Power Bank, più pesano. Calcolare quanto serve al giorno è un calcolo approssimativo che si può anche fare ma è pur sempre ipotetico. Un buon Power Bank costa ma rende quello che indica(di solito).

Facilmente avere uno o due Power Bank potrebbe essere più conveniente e meno ingombrante. Un pannello solare lo vedo più per un uso stanziale, risulta molto difficile in marcia direzionare il pannello verso il sole, perché già sarà piccolo e figuriamoci se non è diretto verso il sole quanto poco possa rendere.....e se il sole non c'è? Power Bank per non sbagliare.
--- Aggiornamento ---

IMG_20200324_200358.jpg


Se poi mi avanza spazio ;) porto per emergenza questa dinamo manuale con uscita USB.
 
Ultima modifica:
Io per dieci giorni senza corrente elettrica ho usato un pannello solare e un powerbank da 10000 mah. Ma il pannello lo uso solo se so di non poter caricare il power Bank da nessuna parte.
Altra cosa che ho constatato è che il pannello non caricava direttamente il telefono o la macchina fotografica, infatti dovevo caricare solo il powerbank perché probabilmente non aveva bisogno di un flusso costante di corrente :poke:
 
Aggiungo un'altra variabile. Sui trek lunghi diciamo oltre le tre settimane sarebbe bene avere anche un secondo smartphone/gps di scorta se ci si affida per la navigazione. Sui Pirenei a me non si ricaricava più la batteria dello smartphone con tutte le tracce, con apoteosi di pioggia torrenziale e marcatura dei sentieri scarsa o contraddittoria.
Inoltre uso alternandoli:
- PB nominale 20.000 (scarsa)
- PB con pannello solare da 20.000 per una ricarica durante il giorno di 1/4 - 1/5 della batteria
- Pannello solare a 3 elementi (in bici specialmente, ingombrante).
Finora non ho mai superato i 7/8gg senza dover cercare corrente 220V. GPS sempre attivo.
 
Ma sono il solo a pensare che il pannello solare sia scomodo? Per avere un minimo di corrente, ci vuole un coso ingombrante, molto. Ed in modo itinerante, fra ombra del bosco ed esposizione sfavorevole, o ci si dota di una specie di ala da deltaplano o non si combina molto.
Sono rimasto indietro nella tecnologia? Ci sono pannelli piccoli ma efficienti? Un link?
 
Le variabili sono molte.
Io di solito uso 2 powerbank da 10.000(190g) che di carica effettiva a star larghi son 7.000, due da 10k e non uno da 20k così posso scegliere e se porto entrambi ne ho sempre 1 di scorta. Un pannello solare da 10w(2 sezioni) da 320g, non bisogna per forza prendere uno da 800g(diciamo 21w tre sezione l'ultimo ravpower disponibile su Amazon.) Ne avevo uno da 3/4 sezioni ma era anche scomodo da agganciare allo zaino.
Ad esempio io ho uno smartphone con 2700mah di batteria, con uno da 10k lo ricarico 2 volte(1 volta al giorno) e rimane un po' per il resto,(gps, torcia) magari uno lo ha con 4000-5000mah e allora la cosa cambia.
Col pannello é meglio sempre caricare prima il powerbank e poi il resto.
 
Io ho un pannello da 21W in 3 sezioni che se ben orientato e statico, mi carica il telefono con gli stessi tempi della presa a muro (domattina lo peso e lo misuro ma direi che le dimensioni sono di un A4) ma che uso sempre in accoppiata ad un PB quick charge (in uscita si intende) da 10000mAh.

Difficilmente infatti le condizioni sono ideali, sopratutto se in movimento, e allora la soluzione per me ideale è sfruttare il pannello per caricare, senza fretta, un powerbank, che poi la sera, mi metterà in condizione di caricare più dispositivi.

Inoltre, alla lunga, con la carica non perfettamente stabile di un pannello, preferisco rischiare le batterie di un PB da 20€ piuttosto che quelle del telefono. La riprova la si ha con il fatto che in condizioni non ideali, il telefono attaccato al pannello, continua ad entrare/uscire dallo stato di carica.

Da scartare a mio parere i PB con pannellino integrato: sono più ingombranti e pesanti e il pannellino non riesce a garantire la carica in tempi ragionevoli.

Il pannello si può appendere a qualsiasi zaino normale e lasciare a casa quando non serve, non prederei uno zaino con il pannello integrato.

Personale esperienza: 15 giorni, pannello 21W + PB 10000mAh, abbiamo gestito 2 telefoni senza risparmiarci (anche film la sera in tenda), 1 action cam e una barra led per l'illuminazione, senza mai attaccarci alla rete elettrica.
--- Aggiornamento ---

Ovviamente poi dipende dall'uso... uscita in giornata solo PB piccolo per emergenza, uscita di 2-3 giorni PB grande, uscita superiore ai 3 giorni PB piccolo e pannello... a grandi linee.
 
Io ho un pannello da 21W in 3 sezioni che se ben orientato e statico, mi carica il telefono con gli stessi tempi della presa a muro (domattina lo peso e lo misuro ma direi che le dimensioni sono di un A4) ma che uso sempre in accoppiata ad un PB quick charge (in uscita si intende) da 10000mAh.

Difficilmente infatti le condizioni sono ideali, sopratutto se in movimento, e allora la soluzione per me ideale è sfruttare il pannello per caricare, senza fretta, un powerbank, che poi la sera, mi metterà in condizione di caricare più dispositivi.

Inoltre, alla lunga, con la carica non perfettamente stabile di un pannello, preferisco rischiare le batterie di un PB da 20€ piuttosto che quelle del telefono. La riprova la si ha con il fatto che in condizioni non ideali, il telefono attaccato al pannello, continua ad entrare/uscire dallo stato di carica.

Da scartare a mio parere i PB con pannellino integrato: sono più ingombranti e pesanti e il pannellino non riesce a garantire la carica in tempi ragionevoli.

Il pannello si può appendere a qualsiasi zaino normale e lasciare a casa quando non serve, non prederei uno zaino con il pannello integrato.

Personale esperienza: 15 giorni, pannello 21W + PB 10000mAh, abbiamo gestito 2 telefoni senza risparmiarci (anche film la sera in tenda), 1 action cam e una barra led per l'illuminazione, senza mai attaccarci alla rete elettrica.
--- Aggiornamento ---

Ovviamente poi dipende dall'uso... uscita in giornata solo PB piccolo per emergenza, uscita di 2-3 giorni PB grande, uscita superiore ai 3 giorni PB piccolo e pannello... a grandi linee.
Sono d'accordo con questa risposta! Più di tre giorni pannello e powerbank.. O solo powerbank per uscite con un solo pernottamento o 2...ma mai solo pannello solare.. Perché come dice cmps non è stabile nella carica e questo influisce nel numero di scariche e cariche che può fare una batteria a litio.. In poche parole più volte si stacca e riattacca la carica e meno vita avranno le batterie(che hanno un tot di scariche predefinito).... Spero di essere stato chiaro :( e di avere espresso bene il concetto...
 
Il mio pannello da 21W, 3 sezioni misura
16x28,5 cm da chiuso
65x28,5 cm da aperto
4 cm spessore massimo da chiuso

660g

A fare i conti dei pesi, un setup pannello + PB da 10000mAh pesa come 4 PB da 10000mAh...

Personalmente mi piace più l'idea di portare peso per qualcosa di rinnovabile e che mi rende autonomo, piuttosto che portarmi 3 - 4 PB che una volta esauriti saranno dei fermacarte nello zaino (e infatti nessuno lo fa, conscio che al giorno d'oggi è difficile non trovare da caricare almeno ogni 2-3 giorni).

Seconda cosa, se si è in 2, il setup pannello + PB resta il medesimo e il peso si dimezza, diviso in 2 zaini. (Il discorso si applica fino anche a 3 persone, volendo). Il peso di un setup a solo PB può solo aumentare all'aumentare delle persone/dispositivi da caricare.
 
Il tuo pannello mi sembra decisamente grande!

A spanne in una giornata di trekking al sole che % di carica riesce a dare al powerbank da 10.000 che usi? (Valgono anche valori tipo 150% se lo carica una volta e mezza...)

E nelle giornate nuvolose o quando cammini sottobosco?

Puoi indicare marca/modello/prezzo così capiamo cosa usi?
 
Si è grande ma non ingombrante da chiuso. È stato preso con in mente l'autonomia energetica di due persone con 4 dispositivi annessi per 15 giorni (come dicevo), ma in quell'occasione ero in moto (quindi problemi di spazio si, ma non di peso).

Non ho mai avuto l'occasione di cronometrare la carica da 0 a 100 con il pannello e non ho mai fatto grandi calcoli, anche perché puntavo a caricarlo ogni giorno, indipendentemente dalla carica residua, per sicurezza, ma direi che statico, in sole pieno, in 5 ore caricavo circa il 100%.

Il pannello è questo, ma preso su Aliexpress per 27€:
https://www.amazon.it/dp/B07QH1F9Y7/ref=cm_sw_em_r_mt_dp_U_YT4EEb9MSFHN3

Non ho lo strumento ma da alcune foto che avevo visto all'epoca arrivava ad erogare anche 2.4Ah sulla singola USB.
 
Facilmente avere uno o due Power Bank potrebbe essere più conveniente e meno ingombrante. Un pannello solare lo vedo più per un uso stanziale, risulta molto difficile in marcia direzionare il pannello verso il sole, perché già sarà piccolo e figuriamoci se non è diretto verso il sole quanto poco possa rendere.....e se il sole non c'è? Power Bank per non sbagliare.
Mi trovo d'accordo con @stefanoa anche se diversificare non è un male. Molto comunque dipende da quanta roba si ha da ricaricare e da quanto peso si può tollerare. Secondo me L'ideale, dai 10 giorni in su, contando smartphone, batterie ricaricabili, macchina fotografica e action cam (Porto il mio esempio) è appunto di due Power bank. in condizioni stanziali e di buona illuminazione diretta è sensato pensare a portarsi anche il pannello solare, così si ha modo di ricaricare un Power bank mentre si usa l'altro: personalmente però lo ritengo utile ma non necessario
 
Io in tre giorni riesco a farla durare la batteria... Certo, non sono uno smanettone di foto e video, però ce la faccio (modello cellulare Xiaomi MiA2)... Ad ogni modo per me è più importante portare campari e grappa. Amen il peso...
 
Idem...
2 giorni li faccio senza powerbank (farei anche tre ma mi piace avere un po' di margine x gli imprevisti)
Se sto fuori 3 giorni mi porto un mini-PB da 3350 mAh.
Se sto fuori 4-5 giorni mi porto PB da 10.000 mAh

Mai tentato di fare più di 5 giorni in autonomia, cmq nel caso con un PB da 20.000 mAh arriverei fino a 8 giorni. Crollano prima le mie spalle per viveri e Campari :rofl:

Metabolismo energetico molto light il mio, comunque:
Cell Xiami MI A2 lite, molto parco, frontale Nitecore NU25, molto parca anche quella, e fotocamera Sony RX100...idem.

Un pannello nel mio caso avrebbe senso (dal punto di vista strettamente dei pesi) solo oltre i 10-15 giorni in autonomia, improponibile per i viveri
 
io ho una torcia che funziona con le 18650 e ha anche l'uscita per fare da powebank, stavo pensando di comprare un pannello per poterla ricaricare (magari portando una seconda batteria 18650 di scorta) e poi con la torcia ricaricare all'occorrenza il cellulare
non sto via più di una o due notti di solito, la torcia la uso per la bici ma non per pedalare al buio per ore, la accendo nelle gallerie, per farmi vedere se pedalo fino a tardi la sera, e quando poi sto in tenda
il vantaggio sarebbe di avere 2 oggetti in uno (torcia + powerbank) e usando le 18650 anche se il pannello mi rovina una batteria poco male (meglio che danneggiare quella del telefono o del gps)
in alternativa mi sto informando sui mozzi dinamo, sempre in accoppiata con torcia powerbank ma il pannello potrei usarlo anche nei trekking a piedi
 
Quella del mozzo dinamo nel tuo caso casca a pennello. Anche io come te ho una torcia che usa le 18650, secondo me per una o due notti con l'uso che dici di farne due 18650 bastano, senza necessità di ricaricarle. Al massimo ne porterei una terza per stare tranquilli. La cosa migliore sarebbe fare riferimento al sito del produttore della torcia per capire quante ore ci fai con una batteria, tenendo presente lumen in uso e capacità di scarica della batteria.
Per non rovinare i dispositivi che citi è sempre meglio usare il pannello per caricare il power bank e in seguito il Power bank con I dispositivi.
 

Discussioni simili



Alto Basso