Escursione Parco del Pineto

Parco Regionale Urbano del Pineto
Quota 98 m
Data 20 dicembre 2015
Sentiero non segnato
Dislivello in salita 137 m
Dislivello in discesa 94 m
Distanza 8,26 km
Tempo totale 2:20 h
Tempo di marcia 2:10 h
Cartografia IGM 374 sez. IV Roma Nord-Ovest
Descrizione Dalla stazione Cipro della metropolitana linea A per Monte Ciocci, la ciclabile sopra la linea ferroviaria FL3, Via Proba Petronia, l’ingresso nel Parco del Pineto, il sottopasso ferroviario, la Cresta delle Sughere, Valle Aurelia, l’anello della Pineta Sacchetti, la strada interpoderale che inizia di fronte al Casale del Giannotto e la stazione Appiano Proba Petronia della linea ferroviaria FL3.
https://www.montinvisibili.it/#!/Parco-del-Pineto
 

Allegati

Bellissimo giro e sicuramente funzionale come boccata di ossigeno prima dell'apnea da shopping ;)

Una domanda che viene dalla mia antipatia per il genere umano... di solito questi posti così prossimi agli agglomerati urbani presentano tracce umane in forma di sporcizia/rifiuti o peggio diventano un comodo "rifugio dei peccatori" lontano da occhi vigili... Qui la situazione mi sembrava diversa tutto sommato o sbaglio? Uno dei motivi che mi frena dal girare i parchi - seppur molto belli - di Bologna è che quello che vedo invece di rilassarmi mi fa bollire il sangue e torno a casa più incarognito che ossigenato...
 
Bellissimo giro e sicuramente funzionale come boccata di ossigeno prima dell'apnea da shopping ;)

Una domanda che viene dalla mia antipatia per il genere umano... di solito questi posti così prossimi agli agglomerati urbani presentano tracce umane in forma di sporcizia/rifiuti o peggio diventano un comodo "rifugio dei peccatori" lontano da occhi vigili... Qui la situazione mi sembrava diversa tutto sommato o sbaglio? Uno dei motivi che mi frena dal girare i parchi - seppur molto belli - di Bologna è che quello che vedo invece di rilassarmi mi fa bollire il sangue e torno a casa più incarognito che ossigenato...
Ho questo parco a 5 minuti dal portone di casa e ci sono cresciuto dentro.
Il Parco del Pineto ha una storia lunga e variegata. Dal rischio di essere completamente urbanizzato negli anni '70 è passato a un totale abbandono che l'ha reso, come dici tu, facile preda di discariche abusive e accampamenti (anni fa con il cane capitai nel bel mezzo di un accampamento di senegalesi con grande stupore mio e loro). Ora (a parte gli annuali incendi dolosi) la situazione è in un precario equilibrio, nel senso che i bordi sono pur malamente ben tenuti e l'interno è abbandonato all'incuria, ma con un solo accampamento in una zona non di passeggiate.
 
Apprezzo le recensioni sui parchi urbani, perché pongono l'attenzione sul quel poco di natura che non siamo riusciti ad inglobare. In fondo siamo tutti dei Marcovaldo che cercano la natura anche in tre cm quadri. Credo che scriverne sia utile a tutti. Grande Marco. Grazie per la condivisione
 
Apprezzo le recensioni sui parchi urbani, perché pongono l'attenzione sul quel poco di natura che non siamo riusciti ad inglobare. In fondo siamo tutti dei Marcovaldo che cercano la natura anche in tre cm quadri. Credo che scriverne sia utile a tutti. Grande Marco. Grazie per la condivisione
Grazie @Leo da solo, come ebbi a scrivere tempo fa, Roma è una delle città con più verde al mondo, solo che generalmente è poco curato.
 

Discussioni simili



Alto Basso