Escursione Periplo delle Mainarde

Parchi del Lazio
  1. Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise
Periplo delle Mainarde
Quota
1.967 m
Data 14 maggio 2022
Sentiero segnato
Dislivello 1.513 m
Distanza 26,48 km
Tempo totale 9:17 h
Tempo di marcia 8:29 h
Cartografia Il Lupo Parco Nazionale d’Abruzzo
Descrizione Da Prato di Mezzo (1.430 m) per il Vallone della Meta, il Passo dei Monaci (1.967 m +1,20 h), la Valle Pagana, la sorgente di quota 1.769, Le Forme (1.403 m, +1,22 h), la Fonte Campogliona (1.244 m, +39 min.), il sentiero M6, il sentiero N2, la Ferruccia (1.660 m, +2,10 h), il Passo della Tagliola (1.782 m, +40 min.), gli Stazzi della Valle Venafrana (1.705 m, +30 min.), il Passo della Crocetta (1.845 m, +32 min.) e Prato di Mezzo (+1,16 h). Trovato ordigno bellico a quota 1.139 della Valle di Mezzo e numerose schegge di bomba nella zona della Valle Venafrana. Avvistati due camosci vicino al Passo dei Monaci. Splendida e faticosa escursione in ambiente primordiale e selvaggio.
https://www.montinvisibili.it/periplo-delle-mainarde

Periplo delle Mainarde, 14 maggio 2022. Il territorio è un vecchio amico; e quando è un po’ di tempo che non lo vedi, è bene incontrarlo da solo, senza la distrazione di un’altra presenza. Se poi il territorio è quello delle Mainarde, un po’ scorbutico e selvatico nella sua sconvolgente bellezza, allora meglio non farlo innervosire con chiacchiere e ciarle, ma godere in silenzio delle profondità, dei mormorii e dei borbottii che è in grado di offrirti.
E poi questa settimana avevo bisogno di una defatigante camminata solitaria, che mi portasse a calcare i sentieri incogniti di questo maestoso e isolato gruppo montuoso.
Prima sotto un cielo di genziana su per il morbido Vallone della Meta, lungo i segni di una primavera finalmente sbocciata, con le foglie tenere che ancora si stiracchiamo fuori dalle gemme. Poi dalle pietrose atmosfere di alta quota del Passo dei Monaci, a fil di confine fra tre regioni, giù nelle remote solitudini del versante molisano.
 

Allegati

  • 001 Vallone della Meta.JPG
    001 Vallone della Meta.JPG
    297,9 KB · Visite: 20
  • 002 Vallone della Meta.JPG
    002 Vallone della Meta.JPG
    220,3 KB · Visite: 21
  • 003 Vallone della Meta.JPG
    003 Vallone della Meta.JPG
    267,3 KB · Visite: 21
  • 004 Vallone della Meta.JPG
    004 Vallone della Meta.JPG
    179,2 KB · Visite: 22
  • 005 La Meta.JPG
    005 La Meta.JPG
    259,1 KB · Visite: 20
  • 006 Pratolungo.JPG
    006 Pratolungo.JPG
    127,5 KB · Visite: 21
  • 007 Pratolungo.JPG
    007 Pratolungo.JPG
    215,5 KB · Visite: 20
  • 009 La Meta.JPG
    009 La Meta.JPG
    248,1 KB · Visite: 20
  • 010 La Meta.JPG
    010 La Meta.JPG
    223,9 KB · Visite: 19
  • 012 Passo dei Monaci.JPG
    012 Passo dei Monaci.JPG
    235,7 KB · Visite: 20
  • 013 Passo dei Monaci.JPG
    013 Passo dei Monaci.JPG
    205,7 KB · Visite: 19
  • 014 Passo dei Monaci.JPG
    014 Passo dei Monaci.JPG
    219,7 KB · Visite: 18
  • 015 Valle Pagana La Meta.JPG
    015 Valle Pagana La Meta.JPG
    222,5 KB · Visite: 18
  • 016 Valle Pagana.JPG
    016 Valle Pagana.JPG
    212,5 KB · Visite: 16
  • 017 Valle Pagana La Meta.JPG
    017 Valle Pagana La Meta.JPG
    157,7 KB · Visite: 18
  • 018 Valle Pagana.JPG
    018 Valle Pagana.JPG
    187,8 KB · Visite: 17
  • 019 Valle Pagana La Meta.JPG
    019 Valle Pagana La Meta.JPG
    202,6 KB · Visite: 18
  • 020 Valle Pagana La Meta.JPG
    020 Valle Pagana La Meta.JPG
    176,1 KB · Visite: 19
  • 021 Valle Pagana me.JPG
    021 Valle Pagana me.JPG
    146,6 KB · Visite: 17
  • 022 Valle Pagana La Meta.JPG
    022 Valle Pagana La Meta.JPG
    191,2 KB · Visite: 23
  • 023 Sorgente di quota 1769.JPG
    023 Sorgente di quota 1769.JPG
    189,3 KB · Visite: 21
  • 024 Sorgente di quota 1769.JPG
    024 Sorgente di quota 1769.JPG
    167,8 KB · Visite: 23
  • 025 Valle Pagana.JPG
    025 Valle Pagana.JPG
    187,1 KB · Visite: 19
  • 028 Valle Pagana.JPG
    028 Valle Pagana.JPG
    208 KB · Visite: 19
  • 030 Valle Pagana.JPG
    030 Valle Pagana.JPG
    371,3 KB · Visite: 18
  • 031 Le Forme.JPG
    031 Le Forme.JPG
    166 KB · Visite: 18
  • 032 Le Forme.JPG
    032 Le Forme.JPG
    171 KB · Visite: 19
  • 033 Le Forme.JPG
    033 Le Forme.JPG
    282,5 KB · Visite: 19
  • 034 Le Forme.JPG
    034 Le Forme.JPG
    224,6 KB · Visite: 19
  • 035 Verso Fonte Campogliona.JPG
    035 Verso Fonte Campogliona.JPG
    191,5 KB · Visite: 17
  • 036 Inizio sentiero N2.JPG
    036 Inizio sentiero N2.JPG
    176,4 KB · Visite: 22
  • 037 Proiettile artiglieria.JPG
    037 Proiettile artiglieria.JPG
    274,8 KB · Visite: 25
  • 038 Proiettile artiglieria.JPG
    038 Proiettile artiglieria.JPG
    312,8 KB · Visite: 25
  • 040 La Ferruccia.JPG
    040 La Ferruccia.JPG
    255,2 KB · Visite: 25
  • 041 Schegge di bomba.JPG
    041 Schegge di bomba.JPG
    138,7 KB · Visite: 22
  • 042 Valle Venafrana.JPG
    042 Valle Venafrana.JPG
    292 KB · Visite: 22
  • 043 Stazzi della Valle Venafrana.JPG
    043 Stazzi della Valle Venafrana.JPG
    241,7 KB · Visite: 20
  • 044 Dal Passo della Crocetta.JPG
    044 Dal Passo della Crocetta.JPG
    197,3 KB · Visite: 19
  • 045 Monte Cavallo.JPG
    045 Monte Cavallo.JPG
    173,3 KB · Visite: 19
  • 046 Verso Prato di Mezzo.JPG
    046 Verso Prato di Mezzo.JPG
    163,3 KB · Visite: 18
  • 047 Me.JPG
    047 Me.JPG
    138,1 KB · Visite: 19
Ritrovamento, in un versante che in effetti ne è pieno. Ma secondo me lo aveva già trovato qualcuno che lo ha appoggiato lì.
Li correva la Linea Gustav e proprio li sotto ci fu l'Eccidio di Collelongo; c'è un monumento di Mastroianni. Come le altre volte presa coordinata e avvertiti i Carabinieri. Già mi hanno telefonato per ringraziare, per dirmi che lo hanno trovato e che gli artificieri lo faranno brillare.
 
È uno dei tanti territori a me sconosciuti, ho la fortuna di una vasta ignoranza! Mi hai messo voglia, me lo segno nel taccuino. Mi sono ritrovato molto nella tua descrizione della speciale intimità delle uscite solitarie. :si:
 
Ecco un'uscita così, in solitaria e in luoghi solitari e sconosciuti, è proprio quello che mi ci vorrebbe in questo periodo. Sprizza maestosità e adrenalina da tutti i pori questo territorio, prima o poi ci farò un giro.
 
È uno dei tanti territori a me sconosciuti, ho la fortuna di una vasta ignoranza! Mi hai messo voglia, me lo segno nel taccuino. Mi sono ritrovato molto nella tua descrizione della speciale intimità delle uscite solitarie. :si:
A mio disdoro devo ammettere che adoro la sfida e la profondità delle uscite solitarie. E ti ho anche detto che invidio la tua ignoranza che ti fa vedere cammini sconosciuti un pò ovunque.
 
Anche io, forse imprudentemente.adoro le uscite in solitaria. Perchè se sto con qualcuno tendo ad assecondare in tutto, come ad esempio per l'orientamento, le soste ecc:unsure: La solitaria è molto più appagante e di soddisfazione e comunque da altre percezioni. Circa i reperti bellici... altro che Metal Detective !!
 
Ma dai, perché imprudente?
Durante la solitaria sei immerso perché non hai distrazioni e soprattutto respiri il profumo del contatto diretto e senza filtri tra te stesso e la natura. La mente e i sensi si tarano proprio in modo differente e c'è un costante senso di inquietudine nel sentirsi soli, così come un senso di mimesi e appagamento che è impossibile provare in compagnia.
 
Ritrovamento, in un versante che in effetti ne è pieno. Ma secondo me lo aveva già trovato qualcuno che lo ha appoggiato lì.
Li correva la Linea Gustav e proprio li sotto ci fu l'Eccidio di Collelongo; c'è un monumento di Mastroianni. Come le altre volte presa coordinata e avvertiti i Carabinieri. Già mi hanno telefonato per ringraziare, per dirmi che lo hanno trovato e che gli artificieri lo faranno brillare.

Incredibile pensare che ci siano stati dei combattimenti in luoghi cosi isolati e lontani da abibtati e da vie di comunicazione...
 
Ecco un'uscita così, in solitaria e in luoghi solitari e sconosciuti, è proprio quello che mi ci vorrebbe in questo periodo. Sprizza maestosità e adrenalina da tutti i pori questo territorio, prima o poi ci farò un giro.
Le Mainarde sono un territorio solitario e maestoso. Un pò lunghette da raggiungere da Roma, ma arricchite anche dalle tristi memorie della guerra. Mia figlia ci ha fatto anche un campo scout.
Anche io, forse imprudentemente.adoro le uscite in solitaria. Perchè se sto con qualcuno tendo ad assecondare in tutto, come ad esempio per l'orientamento, le soste ecc:unsure: La solitaria è molto più appagante e di soddisfazione e comunque da altre percezioni. Circa i reperti bellici... altro che Metal Detective !!
Ma dai, perché imprudente?
Durante la solitaria sei immerso perché non hai distrazioni e soprattutto respiri il profumo del contatto diretto e senza filtri tra te stesso e la natura. La mente e i sensi si tarano proprio in modo differente e c'è un costante senso di inquietudine nel sentirsi soli, così come un senso di mimesi e appagamento che è impossibile provare in compagnia.
Scriveva la viaggiatrice e scrittirce britannica Freya Stark: "Bisogna essere soli per viaggiare: se si va con gli altri, tutto finisce in parole".
Penso che solo il cammino solitario sia capace di donare quella perfetta comunione con la natura, quel tornare a esserne un elemento, che a ben vedere è il fine stesso delle mie passeggiate. E poi ho notato che durante il cammino solitario i sensi si affinano, l’istinto si animalizza e dalla sintonia con la natura nasce un ritmo inconscio nel quale il percorso, i pericoli, le decisioni non sono più valutati consapevolmente dalla mente, ma intuiti dall'animo parte del tutto.
--- ---

Incredibile pensare che ci siano stati dei combattimenti in luoghi cosi isolati e lontani da abibtati e da vie di comunicazione...
Quando sei immerso in quella natura idilliaca e primordiale ti sembra strano, ma siamo a 20 km in linea d'aria da Cassino, proprio sulla Linea Gustav e la Battaglia di Monte Marrone, proprio sopra a dove passeggiavo io, diciamo che aprì la strada alla liberazione di Roma. Fra i comandanti c'era anche quel generale polacco Anders che vince la battaglia di Montecassino (dove è la sua tomba).
 
Complimenti per l'escursione e per le belle foto.Ahimè,dovrei complimentarmi anche per i km percorsi ma potresti fare di meglio:rofl:.Guarda un po',è un escursionista del gruppo "Amanti dei Monti Sibillini"che ha postato foto(che non metto) e il relativo commento,eccolo: 22/05/2022 Arrivata la bella stagione incominciamo a fare sul serio!..Oggi un bellissimo giro in compagnia di Manuel Montemaggio di 55 km e un D+ 2400 in poco più di 10h. Partiti da Rocca sotto Montemonaco: Altino, f.di Presta, Rif. Le Cese, Rif. Perugia, M. Ventosola, preso lo stradone fino a Castelluccio arrivati in prossimità del bivio per capanna ghezzi, prendiamo a dx per colle Albieri, strada imperiale fino a passo di Sasso Borghese, un salto al laghetto e rientro per il canale fino a Rocca.Uhmm,una volta chi raccontava balle erano i cacciatori,pescatori e cicloamatori,temo di dover aggiungere anche gli escursionisti.
 
Complimenti per l'escursione e per le belle foto.Ahimè,dovrei complimentarmi anche per i km percorsi ma potresti fare di meglio:rofl:.Guarda un po',è un escursionista del gruppo "Amanti dei Monti Sibillini"che ha postato foto(che non metto) e il relativo commento,eccolo: 22/05/2022 Arrivata la bella stagione incominciamo a fare sul serio!..Oggi un bellissimo giro in compagnia di Manuel Montemaggio di 55 km e un D+ 2400 in poco più di 10h. Partiti da Rocca sotto Montemonaco: Altino, f.di Presta, Rif. Le Cese, Rif. Perugia, M. Ventosola, preso lo stradone fino a Castelluccio arrivati in prossimità del bivio per capanna ghezzi, prendiamo a dx per colle Albieri, strada imperiale fino a passo di Sasso Borghese, un salto al laghetto e rientro per il canale fino a Rocca.Uhmm,una volta chi raccontava balle erano i cacciatori,pescatori e cicloamatori,temo di dover aggiungere anche gli escursionisti.

Concordo, anche per me c'è qualcosa che non mi torna... o_O

55 km in 10 ore sono una media pazzesca: più di 5 km all'ora! :argh:
Signifca andare di corsa e per di più con un dislivello di 2400 m...

Oppure è gente che fa trail running...
 
Complimenti per l'escursione e per le belle foto.Ahimè,dovrei complimentarmi anche per i km percorsi ma potresti fare di meglio:rofl:.Guarda un po',è un escursionista del gruppo "Amanti dei Monti Sibillini"che ha postato foto(che non metto) e il relativo commento,eccolo: 22/05/2022 Arrivata la bella stagione incominciamo a fare sul serio!..Oggi un bellissimo giro in compagnia di Manuel Montemaggio di 55 km e un D+ 2400 in poco più di 10h. Partiti da Rocca sotto Montemonaco: Altino, f.di Presta, Rif. Le Cese, Rif. Perugia, M. Ventosola, preso lo stradone fino a Castelluccio arrivati in prossimità del bivio per capanna ghezzi, prendiamo a dx per colle Albieri, strada imperiale fino a passo di Sasso Borghese, un salto al laghetto e rientro per il canale fino a Rocca.Uhmm,una volta chi raccontava balle erano i cacciatori,pescatori e cicloamatori,temo di dover aggiungere anche gli escursionisti.
Beh... non si deve essere goduto molto il paesaggio.
In effetti, non so che dire... non conosco il mondo e i tempi del trail running. Una volta ho fatto 37 km di montagna.. in 17 ore! E ancora mi fanno male le "mazzate" di mia moglie, cui ovviamente non avevo detto cosa avevo in mente.
https://www.avventurosamente.it/xf/threads/cime-delle-mandrelle-e-macirenelle.44282/#post-810252
Nella recente traversata Roma - Gran Sasso in un giorno ne ho fatti 41... ma 55 con quel dislivello è tanta roba.
Ci potrebbe essere anche un'eccessiva fiducia nei dati del gps. Il mio Garmin sovrastima sempre distanze e dislivelli, che io puntualmente ripulisco, guidato da un sano understatement.
 
Beh... non si deve essere goduto molto il paesaggio.
In effetti, non so che dire... non conosco il mondo e i tempi del trail running. Una volta ho fatto 37 km di montagna.. in 17 ore! E ancora mi fanno male le "mazzate" di mia moglie, cui ovviamente non avevo detto cosa avevo in mente.
https://www.avventurosamente.it/xf/threads/cime-delle-mandrelle-e-macirenelle.44282/#post-810252
Nella recente traversata Roma - Gran Sasso in un giorno ne ho fatti 41... ma 55 con quel dislivello è tanta roba.
Ci potrebbe essere anche un'eccessiva fiducia nei dati del gps. Il mio Garmin sovrastima sempre distanze e dislivelli, che io puntualmente ripulisco, guidato da un sano understatement.

Beh... non si deve essere goduto molto il paesaggio.
In effetti, non so che dire... non conosco il mondo e i tempi del trail running. Una volta ho fatto 37 km di montagna.. in 17 ore! E ancora mi fanno male le "mazzate" di mia moglie, cui ovviamente non avevo detto cosa avevo in mente.
https://www.avventurosamente.it/xf/threads/cime-delle-mandrelle-e-macirenelle.44282/#post-810252
Nella recente traversata Roma - Gran Sasso in un giorno ne ho fatti 41... ma 55 con quel dislivello è tanta roba.
Ci potrebbe essere anche un'eccessiva fiducia nei dati del gps. Il mio Garmin sovrastima sempre distanze e dislivelli, che io puntualmente ripulisco, guidato da un sano understatement.
Dalla foto dell'autore di quel post non mi sembra uno che pratichi trail runnning.Tra l'altro,non mi sembra nemmeno che sia un giovincello,per non dire "anzianotto".Va beh,credemoce (Sic!).
 
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso