piastra di cottura

#1
Penso che chiunque vada per boschi senza fornellino ci avrà gia pensato.

Comunque, per chi non l'avesse fatto, volevo condividere la mia esperienza con chi si trovasse nella condizione di dover appoggiare il pentolino pieno d'acqua direttamente sul fuoco senza supporti nè sostegni (rischio ustioni 99%).

A me è venuta l'idea di procurarmi una piastra di cottura su cui appoggiare il pentolino. E così ho preso una vecchia padella (un tipo wok ma veramente inutilizzabile benchè fosse seminuova) e con la moletta ne ho ritagliato un rettangolo di 15 X 23 cm, spessore 1mm ca.

Avevo il dubbio se dovessi farci dei fori ma, non sapendo bene come fosse meglio, ho deciso di usarla una prima volta intatta e si è rivelata eccezionale, a parte che con il fornello per farmi solo un the mi ci voleva mezz'ora e con questo sistema l'acqua bolle in 5 minuti, e poi è stabile e sotto alimenti il fuoco senza problemi.

Unico accessorio consigliato: una custodia per non rovinare lo zaino (comunque rimarrà sempre un pò tagliente) e non sporcare (sapete la fuliggine), io l'ho fatta con un vecchio paio di jeans.

Da allora viaggio più comodo e leggero!!!
 

#2
Bella idea se non si vuol portare il fornellino! Hai fatto bene a non forarla, così eviti pure gli eccessivi annerimenti del pentolino. Inoltre credo che appunto perché senza fori tu la possa utilizzare per riscaldare qualcosa di già pronto e magari avvolto nell'alluminio: chessò del pane, qualche focaccia ecc.!
 
#3
Io ci appoggio direttamente la borraccia per sterilizzare l'acqua, a dire il vero non l'avevo forata anche perchè prima o poi vorrei provare un hamburger (diciamo un polpettina) di formiche e mi serviva la piastra senza buchi. Però la polpetta non ho ancora avuto il modo (o il coraggio) di provarla, ma sto divagando.
 
#7
La ricetta è molto elaborata, proverò a sintetizzarla: trovi un formicaio, prendi più formiche che puoi (senza sterminarlo) e le spiaccichi sperando che stiano il più compatte possibile (una polpetta appunto, certo un uovo aiuterebbe comunque pazienza), le cuoci sulla piastra per almeno 6 minuti (per eliminare l'acido formico), ci aggiungi una bella dose di FAME NERA, chiudi gli occhi e ...buon appetito...

Ho visto che sul lago Vittoria una volta al mese vengono invasi dai moscerini e loro tranquilli bagnano le padelle, le agitano a mò di racchette da tennis e si procurano una botta di proteine senza sforzo. Quando si dice due piccioni con una fava!!!

Voglio provare anche questa e, se accadrà, avrete foto, recensioni e critiche...
 
#8
Ciao...io uso sempre le pietre che trovo sul posto. Una piccola base con altre pietr e una in appoggio al centro...
Però devi trovare una pietra abbastanza sottile, piatta e che non si rompa, effettivamente non saprei se basta usare una pietra qualsiasi, davo per scontato che non fosse possibile o almeno non comodo.

Comunque la mia piastrina pesa e ingombra quasi niente e penso sia più pratica, ma la tua testimonianza è comunque interessante: cerchi una pietra particolare o una quasi qualsiasi va bene??
 
#9
interessante idea per cucinare. grazie.

Per scaldare solo acqua uso una borraccia in INOX che ho dipinto con vernice resistente al calore ed ho costruito un gancetto con del fil di ferro intorno al collo. In questo modo la metto direttamente nel fuoco, senza tappo, si raccoglie con uno stecchino e si pulisce molto facilmente dalla fuliggine.
 
Ultima modifica:

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto