pioggia sul fuoco

Sabato scorso sono andato a dormire nel bosco. Nel prepararmi il fuoco ho notato che il tempo si metteva al brutto. Per cenare dovevo per forza cucinare, ma la pioggia incombente poteva impedirmelo. Allora ho costruito un riparo per il fuoco, in maniera da proteggerlo dall’acqua.
Avevo un telo, ma il calore del fuoco l’avrebbe rovinato, ho usato, quindi, quello che trovavo intorno.

Per prima cosa ho tagliato 4 rami a forcella, due (A) alti circa cm 180 e due (B) alti circa 160 cm.


Ho fatto loro le punte e li ho piantati ai 4 lati del fuoco (C ).

Parapioggia 1jpg.jpg


Su questi “montanti” ho collocato delle traverse (D) e dei tronchi a mò di travi (E)
Parapioggia 2 jpg.jpg



sopra a quest’ultimi ho collocato un intreccio di rami spinosi sul quale, alla fine ho messo del muschio. Avrei dovuto mettere più muschio, ma non ne ho trovato abbastanza.
Ho preferito il muschio ai rami frondosi di qualche pianta perché c’è meno probabilità che prenda a fuoco.

Ecco le foto:
telaio retro jpg.jpg


telaio lato jpg.jpg


Suggerimento: è opportuno, vista l’inclinazione del tetto, che i rami che servono da sostegno per quest’ultimo siano a gancio come da foto, in questo modo non scivoleranno giù.
gancio tetto jpg.jpg



Se temete il crollo della struttura aggiungete dei tiranti.

Questa è la copertura in rami spinosi
copertura 1 jpg.jpg


che ho opportunamente sfrondato un po’. Sopra questi ho aggiunto del muschio
copertura 3 jpg.jpg


E alla fine ho accesso il fuoco
fuoco 1jpg.jpg


Come mio solito tolgo sempre le zolle d’erba prima di accenderlo.

Alla fine è caduta solo qualche goccia, ma sono convinto che con la giusta dose di muschio il tetto reggerà abbastanza bene la pioggia.

Qualche suggerimento:
Per battere bene i montanti non potete farlo dalla forcella, è meglio quindi potere battere con una mazza di legno su un punto qualsiasi del montante che si presta allo scopo (vedi il disegno sotto)

Batti 1jpg.jpg


Il muschio è bene collocarlo come si fa con le tegole, in maniera che l’acqua scorra via più facilmente.
Per costruirvi un mazzuolo date un’occhiata alle foto seguenti.

Scelto un ramo adatto di legno duro del diam. minimo di 10 cm
mazzuolo 1 jpg.jpg


taglio 2.jpg
Segatelo nei punti giusti e con l’accetta rifinite il manico.
mazzuolo 2 jpg.jpg
Alla fine ecco il risultato
mazzuolo 3 jpg.jpg

Questo è venuto un po’ inclinato, ma fa ugualmente bene il suo lavoro.

E’ tutto, forza coi suggerimenti, critiche, migliorie e quant’altro.
 

Allegati

  • copertura 2 jpg.jpg
    copertura 2 jpg.jpg
    43 KB · Visite: 832
Ultima modifica di un moderatore:
la parte più alta circa 1,70.
Deve essere abbastanza alta da non farla lambire dal fuoco.
Il fuoco a riflettore dovevo farlo, ma era tardi...
 
la parte più alta circa 1,70. Deve essere abbastanza alta da non farla lambire dal fuoco.

immaginavo, questa altezza renda ancora più fastidioso il problema della pioggia rasente..
farlo più basso e tenere di conseguenza basso il fuoco?

sia chiaro che non sto criticando il tuo lavoro, ma sto semplicemente cercando di vedere sussistano problemi...eh! =)
 
Concordo sul riflettore sul lato dove il vento farebbe entrare acqua.
Che dire di più? che volevo chiamarti per organizzare qualcosa a ficuzza (magari dormire in igloo neve permettendo) ma poi un grande problema mi ha trattenuto!!

Gabry
 
Sulla base di quello che dice Mett si potrebbero semplicemente appoggiare due tronchi sul lato del vento. Dopo si potrà procedere come per il tetto, così da avere un simil-riflettore con pochissimo lavoro.
Se poi davanti a questa costruzione piazziamo il nostro rifugio con una veranda progettata ad hoc...il grand hotel è pronto!! ;)
 
Avevo idea di proteggere tre lati con dei rami frondosi costruendo così anche un riflettore, ma era già buio e, francamente anche stanco, potrei anche allungare la tettoia. Questo è un esperimento che perfezionerò col tempo.
X Gabriele: ho già costruito due volte una truna, ma non c'ho dormito dentro, è un'esperienza da fare senz'altro.
 
Carina come idea, ma secondo me bisognerebbe riuscire a calcolare la direzione del vento prima che cominci a piovere per valutare la "piega" della pioggia e agire costruendo il riparo per il fuoco di conseguenza; tuttavia, per mantenersi al caldo, (non per cucinare) esiste un tipo di fuoco detto fuoco alla Polinesiana che resiste (l'ho testato) anche sotto la pioggia.

1582ofk.jpg
 
Ma come si impedisce all'acqua di entrare nel fuoco da sopra.
Mi pare dic apire che sono due buche, una per il fuoco e una per l'acqua...
 
Quella per l'acqua, l'ho aggiunta io per evitare che nella via di fuga per l'aria si inserisca anche l'acqua; comunque per impedire all' acqua di entrare da sopra si preme bene la terra attorno ai legni, ma comunque si può usare in condizioni di pioggia lieve o normale, ma non se diluvia.
 
Interessante questo fuoco, l'ho visto più volte in riviste e libri ma mai adoperato.
Mi sembra una buona soluzione per la pioggia debole, anche se io con pioggia debole non mi sono mai ingegnerizzato e ho sempre acceso e cucinato senza coperture o sistemi di sorta.

Sotto il diluvio non lo vedo risolutivo perchè per diluvio intendo proprio acqua alla grande!
Il polinesiano mi sembra buono per cucinare qualcosa di particolare... ;)
In ogni caso, è da provare!!
 
Chiaro,
è un sistema buono, come avete già detto, per pioggia lieve.
Con quello presentato in questo post possiamo far resistere il fuoco con pioggia più forte, ma se diluvia non credo proprio che resisterebbe
 
Ultimamente sto studiando/provando molto sull'argomento fuoco-pioggia. E aggiungerei anche il metodo del "dakota fire":


con questo metodo è molto più semplice creare un riparo sul fuoco e non si soffrirà la pioggia di sbieco. Ed è ottimo per cucinare o far bollire l'acqua perchè trattiene meglio il calore portando prima ad ebollizione l'acqua. :)
 

Allegati

  • dakota-fire-pit-&#100.gif
    dakota-fire-pit-&#100.gif
    7,8 KB · Visite: 559
Alto Basso