Escursione Pizzo Cefalone - Bivacco Bafile senz'auto

Parchi d'Abruzzo
  1. Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Data: 20-21 luglio 2018
Regione e provincia: Abruzzo, Aquila
Località di partenza: Albergo Campo Imperatore
Località di arrivo: Fonte Cerreto
Tempo di percorrenza: 5,30 h primo giorno, 3,15 h secondo giorno
Chilometri: 11,1 km primo giorno, 9 km secondo giorno
Grado di difficoltà: E+ Pizzo Cefalone, EEA sentiero per il Bafile
Descrizione delle difficoltà: tratto ferrato il percorso per il Bafile
Periodo consigliato: estate
Segnaletica: ottima
Dislivello in salita: 1140 mt primo giorno, 260 mt secondo giorno
Dislivello in discesa: 700 mt primo giorno, 1700 mt secondo giorno
Quota massima: 2690 mt Bivacco Bafile
Traccia GPS:
primo giorno: https://it.wikiloc.com/percorsi-esc...onte-portella-sassone-bivacco-bafile-26813717
secondo giorno: https://it.wikiloc.com/percorsi-escursionismo/dal-bivacco-bafile-a-fonte-cerreto-26814086

Descrizione

È tanto che non scrivo sul forum, maledetta pigrizia.
Questa volta ho voluto fare un esperimento: raggiungere le montagne del Gran Sasso senza utilizzare l’auto privata. Trovo con Blablacar un passaggio da Roma fino al casello di Assergi per pochi euro, dove arrivo alle 13,00 e da lì mi faccio a piedi su strada in salita il tragitto fino a Fonte Cerreto (2,5 km). L’idea iniziale era quella di salire a piedi fino a Campo Imperatore con il km verticale che sale lungo i piloni della funivia, ma il caldo mi ha fatto subito desistere. Quindi alle 14,00 prendo la funivia e in pochi minuti mi trovo su. Dopo un caffè nell’ostello della Funivia gestito (finalmente) da simpatici ragazzi locali, mi avvio per il Pizzo Cefalone.
Con me ho uno zaino abbastanza pesante con dentro: 4 litri di acqua, cibo per due pranzi una colazione e una cena, sacco a pelo invernale e tutto l’occorrente per la ferrata, questo mi fa procedere più lentamente rispetto alla mia normale andatura in montagna. Comunque, alle 15,45 sono in vetta al Pizzo Cefalone (2533 mt), per il ritorno decido di percorrere tutta la cresta che passa per il Monte Portella, quindi per il rifugio Duca degli Abruzzi e la Sella di Monte Aquila. Il tempo è sempre stato nuvoloso e ventoso, ma appena inizio la salita per il Sassone, le nuvole spariscono e anche il vento cala drasticamente. In giro non c’è più nessuno, solo qualche sporadico escursionista che rientra a Campo Imperatore. Arrivo al Sassone alle 18,15 con una situazione perfetta: clima ottimo, ambiente superlativo, isolamento.
In un’ora affronto la nuova Ferrata del Bafile, in questa parte del Gran Sasso imponente e selvaggio. Nessun problema con i residui di nevaio, è presente soltanto quello più grande che ho aggirato con facilità. Con mia grande felicità trovo il bivacco senza ospiti e vista l’ora rimarrà così fino all’indomani. Ceno, mi godo il tramonto e mi metto dentro il sacco a pelo. La notte la temperatura esterna arriverà a 6/7 gradi, non c’è vento e nessuna nuvola nel cielo. Mi muoio dal caldo, purtroppo ho scelto un sacco a pelo invernale e comunque il Bivacco è ben coibentato.
Mi godo il sorgere del sole dal mar Adriatico da un punto leggermente più alto rispetto al Bivacco, emozione pura.
Alle 6,30 mi rimetto in cammino per il rientro, non è freddo. Più scendo e più incontro escursionisti in salita, alle 8,20 arrivo all’ostello e dopo aver fatto una seconda colazione, scendo a piedi fino a Fonte Cerreto, tantissimi trail runner e camminatori affrontano in salita il km verticale che è diventato un ‘must’ per gli appassionati del centro Italia.
Alle 9,30 sono alla base della Funivia, e subito dopo mi lavo e mi cambio nei grandi bagni della struttura. Purtroppo, non ci sono passaggi per Roma su Blablacar. Alle 11,00 ci doveva essere un bus che mi avrebbe portato fino al Terminal dei Bus dell’Aquila, ma non passa. Al telefono mi diranno che è per colpa delle macchine parcheggiate male alla base della funivia. Quindi chiedo ad un Runner un passaggio in auto che mi lascerà a Paganica, quindi bus fino al Terminal e poi Pullman per Roma, dove arriverò alle 14,40. Fine dell’esperimento

20180720_145813_edited.jpg


20180720_151430_edited.jpg


20180720_152438_edited.jpg


20180720_154319_edited.jpg


20180720_155233.jpg


20180720_155606.jpg

20180720_165623.jpg


20180720_180956_edited.jpg


20180720_182408_edited.jpg


20180720_183731_edited.jpg


20180720_184027_edited.jpg


20180720_184156_edited.jpg


20180720_184301_edited.jpg


20180720_184349_edited.jpg


20180720_190010_edited.jpg


20180720_192544_edited.jpg


20180720_195035_edited.jpg


20180720_200956_edited.jpg


20180720_201133_edited.jpg


20180720_202326_edited.jpg


20180721_054222_edited.jpg


20180721_054914_edited.jpg



20180721_055504_edited.jpg


20180721_060020_edited.jpg


20180721_060021_edited.jpg


20180721_060025_edited.jpg


20180721_065554_edited.jpg


20180721_070519_edited.jpg


20180721_075121_edited.jpg


20180721_075244_edited.jpg


20180721_075245_edited.jpg
 
Bel mini trekking. La ferrata è proprio nuova di stecca (un po' (molta) di invidia perché io non posso più farne). Belle anche le foto.
 
Escursione maestosa in ambiente maestoso..... L'alba da lì dev'essere veramente senza parole. Cmq altro che più piano, al cefalone ci sei volato in meno di due ore se non leggo male. Con tutta quella roba. Complimenti anche per l'esperimento.... Grazie della bella condivisione
 
Belle foto.
Al di là della bellezza dei luoghi e della fortuna di passare la notte da solo al Bafile, il valore aggiunto di questa uscita è proprio l'abbandono dell'automobile.
Per me le ore di guida in un solo giorno (che arrivano sovente a 6 in solitaria) sta diventando una pena (anche etica) che a volte mi fa meditare di abbandonare certi sentieri.
Purtroppo da noi (l'estate alpine concede maggiori alternative) affidarsi ai mezzi pubblici è molto difficoltoso se non impossibile e richiede quasi sempre comunque di fare in due giorni un'uscita che si potrebbe fare (per ore di cammino) in uno.
Dunque, sincero plauso per l'esperimento, @mezcal. Immagino ti abbia lasciato una soddisfazione almeno pari alla notte al Bafile.
 
tutto molto bello.Se avessi avuto l'auto magari al ritorno dal Barile ti saresti potuto fare la direttissima,ma va bene così.
A dire il vero anche senza auto avrei potuto fare la direttissima. Mi trovavo già in quota al Sassone alle 7,30 e in un'ora sarei salito su. Nel pomeriggio c'erano addirittura dei passaggi offerti da Blablacar per rientrare a Roma, per non palare che alla sella di Monte Aquila ho incontrato un amico di Roma che stava salendo sulla direttissima, potevo tornare con lui. Quindi l'auto non è stato un limite, volevo rientrare nel primo pomeriggio a casa e poi la direttissima già l'avevo fatta sia in estate che in inverno.
 
Escursione maestosa in ambiente maestoso..... L'alba da lì dev'essere veramente senza parole. Cmq altro che più piano, al cefalone ci sei volato in meno di due ore se non leggo male. Con tutta quella roba. Complimenti anche per l'esperimento.... Grazie della bella condivisione
Grazie Leo!
Non so quanto siano i tempi di percorrenza per il Cefalone. Di solito controllo i miei tempi con le foto che scatto col cellulare che riportano ore e minuti esatti: sono partito alle 14,20 e arrivato alle 15,45, quindi 1 h e 25 minuti :)
 
Belle foto.
Al di là della bellezza dei luoghi e della fortuna di passare la notte da solo al Bafile, il valore aggiunto di questa uscita è proprio l'abbandono dell'automobile.
Per me le ore di guida in un solo giorno (che arrivano sovente a 6 in solitaria) sta diventando una pena (anche etica) che a volte mi fa meditare di abbandonare certi sentieri.
Purtroppo da noi (l'estate alpine concede maggiori alternative) affidarsi ai mezzi pubblici è molto difficoltoso se non impossibile e richiede quasi sempre comunque di fare in due giorni un'uscita che si potrebbe fare (per ore di cammino) in uno.
Dunque, sincero plauso per l'esperimento, @mezcal. Immagino ti abbia lasciato una soddisfazione almeno pari alla notte al Bafile.

Si Marco, la soddisfazione c'è stata.
Quello di spostarsi per i luoghi di escursione con mezzi non privati è sempre stato un mio pallino e devo dire che il tuo prezioso sito mi ha aiutato molto in questo.
Ho scoperto che sia i teramani che gli aquilani si sono organizzati tramite i social network a creare una rete di condivisione delle auto private e devo dire che funziona. Chissà magari si potrebbe fare lo stesso con il Gran sasso :)
 
Spettacolare!! Zone piuttosto lontane da me, ma che un giorno vorrei proprio esplorare.... Ho letto che hanno rinnovato da poco un po tutti i percorsi attrezzati della zona.... La notte da solo in un ambiente del genere....non ha prezzo!!! Bellissimo!!!
 
dillo a me (in merito alla pigrizia di scrivere sul forum)....mi ricordo di questa tua bella escursione tramite fb, qui vedo più foto e le vedo meglio, complimenti ancora...
 
Corso di Orientamento
Alto Basso