Informazione Prima vacanza in Alto Adige

Salve a tutti ragazzi ho bisogno del vostro prezioso aiuto.
Quest’anno finalmente ho convinto mia moglie a passare le vacanze in montagna. Andremo in Alto Adige, svolgo regolarmente escursioni nei miei boschi della Basilicata ma ho bisogno di qualche vostro consiglio essendo la mia prima vacanza in cui svolgerò escursioni tutti i giorni (non percorsi per esperti
Abbigliamento: di solito utilizzo una maglia Xbionic the trik e nient’altro sopra, al massimo un pile se fa freddo, pantaloni sempre lunghi perché l’erba mi procura fastidio ai polpacci, ma se si prevede troppo caldo ho la possibilità di convertire i pantaloni in pantaloncini, come scarpe ho le Salomon Supercross e Scarpa KAILASH lite gtx. Che scarpe mi consigliate? Devo acquistare un secondo “primo strato” e un secondo paio di pantaloni, da portare dietro nello zaino?

Alimentazione: di solito per escursioni lunghe mi preparo un piatto di pasta con il tonno con il mio fornellino ad alcool trangia come in questo video (
), è possibile fare lo stesso lungo i percorsi dell’Alto Adige? Oppure mi consigliate di pranzare nei vari rifugi? È necessario partire da casa già con tutta l’acqua necessaria oppure lungo i percorsi sono presenti delle sorgenti potabili?

Posti da visitare che mi hanno consigliato:
Lago di braies
Bunker dobbiaco
Tre cime di laveredo
Lago antorno
Lago misurina
Giro bici San candito ienz (30€)
Lago soraphis

Altri consigli?
Grazie mille.
 
Sinceramente, non penso che l'equipaggiamento sia tanto diverso da quello della Basilicata... un'escursione è un'escursione. Magari se le quote sono più alte farà leggermente più freddo, ma non ti stare a preoccupare troppo.

I posti che ti hanno consigliato sono tutti bellissimi, ma dato che molti sono raggiungibili in auto (penso ai laghi di Braies a Misurina, ma anche alle tre cime) sono molto turistici e mooooolto affollati.

L'Alto Adige è tutto bellissimo, ma è anche abbastanza grande: magari se ci dici in che zona soggiornerai ti si può aiutare meglio.
 
Non so come sarà quest'anno con il virus, in termini di affollamento.
Da quello che vedo nella mia zona (non lontana dai posti che hai indicato) qualcuno c'è (il fine settimana scorso sono andato a fare un giro dei miei soliti nei dintorni, e un po' di gente l'ho vista), e con l'apertura delle frontiere presumo ci sarà un buon affollamento: probabilmente non ai livelli degli anni scorsi ma comunque essendo località molto note e richieste ci sarà molta gente lo stesso.
Da quel che so al lago di Braies gli anni scorsi non si poteva andare in macchina direttamente nei mesi luglio e agosto ma bisognava prendere un bus navetta da Dobbiaco o Villabassa.
I rifugi saranno aperti, ma dovrai attrezzarti in modo adeguato per la notte (se vorrai passare la notte li) e seguire le regole che hanno predisposto (mascherina, distanziamento fisico, code per l'accesso, possibile che richiedano anche la prenotazione) per l'accesso alla zona di ristoro.
 
I luoghi che dici sono gettonatissimi dai turisti,soprattutto i laghi visto che il giro del lago si fa in un’oretta anche con turisti in infradito,non le chiamerei nemmeno escursioni. Se ci vai sconsiglio l’auto, meglio i mezzi pubblici che per i villeggianti sono gratis.
 
Da quel che so al lago di Braies gli anni scorsi non si poteva andare in macchina direttamente nei mesi luglio e agosto ma bisognava prendere un bus navetta da Dobbiaco o Villabassa.
L'ultima volta sono stato a luglio 2017 a salire la Croda del Becco e ho parcheggiato tranquillamente al lago.
 
Pernotterò a San Candido, prevedo di rientrare in hotel la sera quindi non sfrutterò i rifugi per pernottare ma eventualmente per pranzare, prenoterò. Grazie mille per i consigli
 
Considera che in generale ( vedi rifugio Locatelli ) più in alto vai...meglio stai...
Per i laghi cercherei quelli, più piccoli ovviamente, Alpini...

O poi é questione di gusti...

Cmq posti meravigliosi...
Buone ferie !!
 
Il Federa........bello da togliere il fiato (specialmente in Autunno) :):):):)
--- Aggiornamento ---

Vedi l'allegato 208778
Già, ai piedi della Croda da Lago (vicino Cortina d'Ampezzo).
Ma anche d'estate ci si può andare ed è bello da vedere (io ci sono andato d'estate qualche anno fa), ed è mediamente frequentato.
Mi fa quasi voglia di ritornarci quest'anno seguendo un altro percorso, ad esempio quello che passa sotto il Becco d'Ajal.
 
Ci ho dormito sulle sponde sia in Autunno che in Estate. Un giro bellissimo è partire dal Giau e arrivare al Mondeval passando per il piccolo Lago delle Baste nel qualòe si specchia il Pelmo e poi proseguire fino alla forcella Ambrizzola per poi ridiscendere puntando al federa. Poi da lì si prosegue con il giro ad anello e si vado giù verso la strada che arriva dal Falzarego. Purtroppo da lì o ti informi prima sui mezzi pubblici che ti portano su oppure ti arrangi di autostop per ritornare su al Giau (oppure corrompi tre giovani fanciulle a darti un passaggio pagandogli un paio di giri di birra al rifugio ;- ) )
 
Ci ho dormito sulle sponde sia in Autunno che in Estate. Un giro bellissimo è partire dal Giau e arrivare al Mondeval passando per il piccolo Lago delle Baste nel qualòe si specchia il Pelmo e poi proseguire fino alla forcella Ambrizzola per poi ridiscendere puntando al federa. Poi da lì si prosegue con il giro ad anello e si vado giù verso la strada che arriva dal Falzarego. Purtroppo da lì o ti informi prima sui mezzi pubblici che ti portano su oppure ti arrangi di autostop per ritornare su al Giau (oppure corrompi tre giovani fanciulle a darti un passaggio pagandogli un paio di giri di birra al rifugio ;- ) )
:)
Già ma ci sono anche altri percorsi che si possono fare.
Ad esempio (vedi mappa) da presso la malga Pezzè de Parù (vicino al passo Falzarego) si può prendere il 406 e poi il 431 che passa per il Becco d'Ajal e arriva al lago Federa, e poi tornare indietro per il 434 oppure allungare un po' e andare alla forcella Ambrizzola e poi tornare indietro per il 435 (che passa per i Lastoi de Formin e dietro alla Croda da Lago, quest'ultima parte poco frequentata).
 

Allegati

Francesco, visto che sarai a Dan Candido ( io invece a Sesto...) tra le passeggiate ti consiglerei :

- Malga Klammbach passando dalla Nemes da passo Monte Croce... bucolico ma molto bella soprattutto la seconda parte

-Rifugji Zsigmondy-Comici dalla Val Fiscalina nel cuore delle Dolomiti di Sesto

- Se fai ferrate dal Locatelli ( Via Rif. Auronzo ) e poi Torre di Toblin... di vertente, breve ma soprattutto ul balcone di fronte a quella meraviglia delle 3 cime...

-Ancora, a salire, a Sesto c'è un bellissima palestra d'arrampicata indoor con Bar integrato e vista sulle pareti... Piscina fuori..

Sono solo alcune delle infinite cose che si possono fare li... non ci si annoia anche quando piove..



4,5
 
Ciao @francescoft17 ! Conosco abbastanza quella zona, ci sono stato una decina di volte. Alcuni posti consigliati non sono turistici, sono diventati estremamente turistici... Vedi i laghi di Braies e Anterselva.. Uno per la serie televisiva, l'altro per le olimpiadi, sono stati totalmente violati della loro intimità e piegati al mero consumismo; zone di bosco spianate a favore di megaparcheggi con sbarre e casse automatiche e quantità di persone da sembrare di essere al centro commerciale in un prefestivo.

- Per quanto riguarda il discorso bici, più che la ciclabile della Drava farei la Dobbiaco-Cortina. Fai colazione da Birgit a Dobbiaco (ne vale davvero la pena), se non le hai noleggi le bici nei pressi del passaggio a livello, parti dalla Nordic Arena e ti godi 30Km di percorso interamente sterrato. Tra pendenze moderate, falsi piani e bosco, passi per diversi punti di interesse: il lago di Dobbiaco (se si ha la mtb, da percorrere in senso antiorario per potersi godere poi il bosco anziché costeggiare il primo tratto della statale della Val Fiscalina) la Val Fiscalina, il cimitero monumentale di guerra, una vista panoramica delle tre cime, il lago di Landro sotto il Monte Piana, vedi il Monte Cristallo, La Croda Rossa mentre sali verso il passo Cimabanche e poi dritto in discesa fino a Cortina. Per il ritorno sta a te scegliere se tornare in bici per lo stesso percorso oppure prendere il Bus

Per le escursioni in giornata invece, se non ti spaventano i dislivelli importanti, ce ne sono di meraviglioseeeee:

- puoi salere alle Tre Cime dalla Valle di Landro, sbucando al rifugio Locatelli (ammirando direttamente le famose pareti nord)
- da Misurina invece puoi salire alle tre Cime per l'avvicinamento 101, il cui imbocco è prima del casello a pedaggio (dove dovresti pagare 30 euro per passare in macchina), oppure prendere il Bus/navetta, e quando arrivi all'Auronzo fai il giro ad anello attorno alle Tre Cime
- da Passo Cimabanche puoi salire su verso Prato Piazza per la meravigliosa valle dei Chenopi e da lì su fino al Picco di Vallandro (vista pazzesca)
- da Misurina fino su al Monte Piana
- Magnifica anche la vista dal corno di Fana. Fermati assolutamente a mangiare un piatto di canederli e goulash al rifugio Bonner Hutte mentre ti godi un panorama mozzafiato

E poi chi più ne ha più ne metta..... Il lago di Sorapis, la croda del becco... Etc...

Insomma, hai scelto un posto dove davvero c'è l'imbarazzo della scelta
 
Ultima modifica:
Ciao @francescoft17 ! Conosco abbastanza quella zona, ci sono stato una decina di volte. Alcuni posti consigliati non sono turistici, sono diventati estremamente turistici... Vedi i laghi di Braies e Anterselva.. Uno per la serie televisiva, l'altro per le olimpiadi, sono stati totalmente violati della loro intimità e piegati al mero consumismo; zone di bosco spianate a favore di megaparcheggi con sbarre e casse automatiche e quantità di persone da sembrare di essere al centro commerciale in un prefestivo.

- Per quanto riguarda il discorso bici, più che la ciclabile della Drava farei la Dobbiaco-Cortina. Fai colazione da Birgit a Dobbiaco (ne vale davvero la pena), se non le hai noleggi le bici nei pressi del passaggio a livello, parti dalla Nordic Arena e ti godi 30Km di percorso interamente sterrato. Tra pendenze moderate, falsi piani e bosco, passi per diversi punti di interesse: il lago di Dobbiaco (se si ha la mtb, da percorrere in senso antiorario per potersi godere poi il bosco anziché costeggiare il primo tratto della statale della Val Fiscalina) la Val Fiscalina, il cimitero monumentale di guerra, una vista panoramica delle tre cime, il lago di Landro sotto il Monte Piana, vedi il Monte Cristallo, La Croda Rossa mentre sali verso il passo Cimabanche e poi dritto in discesa fino a Cortina. Per il ritorno sta a te scegliere se tornare in bici per lo stesso percorso oppure prendere il Bus

Per le escursioni in giornata invece, se non ti spaventano i dislivelli importanti, ce ne sono di meraviglioseeeee:

- puoi salere alle Tre Cime dalla Valle di Landro, sbucando al rifugio Locatelli (ammirando direttamente le famose pareti nord)
- da Misurina invece puoi salire alle tre Cime per l'avvicinamento 101, il cui imbocco è prima del casello a pedaggio (dove dovresti pagare 30 euro per passare in macchina), oppure prendere il Bus/navetta, e quando arrivi all'Auronzo fai il giro ad anello attorno alle Tre Cime
- da Passo Cimabanche puoi salire su verso Prato Piazza per la meravigliosa valle dei Chenopi e da lì su fino al Picco di Vallandro (vista pazzesca)
- da Misurina fino su al Monte Piana
- Magnifica anche la vista dal corno di Fana. Fermati assolutamente a mangiare un piatto di canederli e goulash al rifugio Bonner Hutte mentre ti godi un panorama mozzafiato

E poi chi più ne ha più ne metta..... Il lago di Sorapis, la croda del becco... Etc...

Insomma, hai scelto un posto dove davvero c'è l'imbarazzo della scelta
grazie infinite ne le studierò per bene. Mi hanno parlato di un percorso che dal lago di Misurina porta alle Tre Cime.
Hai qualche traccia gpx da passarmi?
 
grazie infinite ne le studierò per bene. Mi hanno parlato di un percorso che dal lago di Misurina porta alle Tre Cime.
Hai qualche traccia gpx da passarmi?
Esattamente, è l'avvicinamento 101. L'imbocco è poco prima del casello del pedaggio, sulla destra. Puoi parcheggiare in 2/3 parcheggi liberi (parcheggio ai cadini, oppure a sx del lago Antorno, oppure appena prima del casello sulla dx dove inizia il percorso).
Non so se anche in alta stagione rimangano ugualmente gratuiti, ma direi di sì.
Ti consiglio di partire presto sia per trovare posto nei parcheggi, sia perché dislivello e kilometraggio complessivi richiedono il loro tempo, ma alla fine la soddisfazione di esserci arrivati con le proprie gambe e le meraviglie che la natura ti regala, ripagano ampiamente!! Questi amici per esempio mi hanno fatto compagnia la prima volta che sono salito alle 3cime per il 101:

http://instagr.am/p/tzmptIE_Fl/

Se vedi che con i tempi non ci stai, puoi anche valutare di prendere all'andata il Bus per andare su all'Auronzo e, una volta fatto il giro delle tre cime, rientrare poi a Misurina per il 101 ;).
Tracce non ne ho fatte/usate di quella zona purtroppo, ho usato sempre le cartine, ma se ti occorrono altre info chiedi pure senza problemi ;)
 

Discussioni simili



Alto Basso