Pubblicare tracce che finiscono nel dirupo

Tracce scaricate, gioia e dolori!

Se prendi una traccia GPS da Wikiloc (e simili) sai che la traccia è "vera" (se qualcuno l'ha pubblicata vuol dire che lì ci è passato veramente) ma è altrettanto vero che se chi ha pubblicato ha preso un abbaglio finisci per andargli appresso.

Sabato scarico da Wikiloc la traccia del classico anello da Poggio Bustone Cima D'Arme (gruppo Terminillo / Monti reatini).

Noto subito che c'é una discontinuità (visivamente evidenziata da un tratto rettilineo, che evidenzia come tra quei due punti non ci sono rilevazioni intermedie), posto un commento in questo senso, comunque carico la traccia nel GPS (oltretutto sarà una escursione guidata, sto solo facendo pratica a usare il 62S).

Bene, arrivati sul terreno trovo la spiegazione dell'arcano: il tipo ha mancato un bivio dove il sentiero cambia versante della valle, ed è proseguito verso una zona di salti di roccia. In qualche modo "ci ha messo una pezza" (come lo sa solo lui, io posso solo immaginare) e arrivato a casa ha ugualmente caricato la traccia su Wikiloc senza accennare alla cosa.

Vuoi che abbia cancellato il tratto in cui ha ricercato il sentiero, vuoi che il GPS abbia perso campo proprio in quel momento (!) chiunque segua quella traccia per cavarsela deve fare affidamento sulla sua esperienza e sulle sue forze (detto per inciso in quel punto le segnature sono scarse ma giuste, quindi anche sbagliando al bivio un escursionista di media esperienza dopo un po' torna indietro e verifica l'altro ramo).

Conclusione: il vero difetto delle piattaforme di pubblicazione tracce è la mancanza di un sistema di controllo diffuso (come le revisioni di wikipedia, le stelle di ebay, il voto "reputazione" di alcuni forum, i "like" di facebook...) per cui non c'é un modo semplice per evitare (o se preferite sputtanare - nel senso buono) chi pubblica i suoi errori di percorso senza dichiararli, intendendo la pubblicazione solo come un modo per dire "io ci sono stato", senza pensare che la traccia caricata è una risorsa pubblica.

:)
 
Ultima modifica:
Ciao...come dici giustamente te appeninocentrale purtroppo non c'è un controllo su quello che viene postato, ma sarebbe anche buona norma che CHI mette la traccia sia coscienzioso che sia giusta... Anche io qualche volta che ho avuto tracce incomplete o non giuste al 100 % non le ho postate...
Cmq ogni volta che scarico una traccia la carico su google earth e vedo la veridicità... cmq fino oggi non mi è capitato una traccia come la tua... ma buono a sapersi.. :)
 
Credo che il raffronto vada fatto con la cartina dei sentieri (do per scontato che se vai sul posto da solo hai ANCHE la cartina oltre al GPS).

Queste sono le immagini del percorso, nell'ordine:

1) traccia GPS con tratto fuori sentiero riportata su OSM cycle (al centro i tratti rettilinei indicativi di discontinuità)
2) cartina dei Monti Reatini CAI [sulla destra al centro - vicino al numero 1239 - è evidente come la traccia si porta sul lato opposto della valle. L'assenza della carrareccia (!) riduce alquanto la nostalgia per le cartine.]
3) traccia GPS seguendo il sentiero

Nota: sulla traccia errata la presenza di una evidente deviazione in prossimità della carrareccia farebbe pensare anche a problemi di copertura satelliti



______________________
 

Allegati

Ultima modifica:
Appenninocentrale:
vedendo le tre diverse immagini che hai postato, direi che la traccia discontinua del tipo di Wikiloc sia dovuta più a un "rumore" dovuto a una perdita di segnale proprio nel tratto pericoloso, invece che a una traccia di fantasia realizzata al pc.
Quindi la tua osservazione è giusta, d'altra parte come potrebbe essere altrimenti con un tipo sveglio e accorto come te? :biggrin:
Ho avuto gli stessi tuoi problemi con altre tracce Wikiloc (per fortuna un buon 80% sono reali, precise ed effettive).
E' bene caricare la tracce altrui sopra una mappa cartografica (IGM o CAI) preliminarmente sul PC in modo che si ci renda immediatamente conto. Google Earth o Maps a forti ingrandimenti va un po' fuori georeferenziazione e non è molto preciso, decisamente meglio le OSM che pero' non riportano tutti i sentieri..
Un GPS cartografico, anche in questo caso, con mappe del e sul posto aiuta non poco!!:)
 
...

... una traccia di fantasia...
Che lo ritenessi "di fantasia" non mi è sembrato di averlo lasciato intendere in alcun modo perché sarebbe a dire che la traccia è inventata di sana pianta, mentre corrisponde al sentiero per la quasi totalità del percorso.

...un buon 80% sono reali, precise ed effettive...
Non è che il 20% di rischio di tracce con problemi sia poi così rassicurante, anche se la maggior parte di queste si potranno scartare a tavolino.


... sveglio e accorto...
Mai abbastanza! Mi accorgo solo ora che l'altra traccia è stata percorsa nel SENSO INVERSO a quello che pensavo! Sono d'accordo sulla perdita di segnale resta il mistero che la traccia indica esattamente il tratto di sentiero "cieco" sul versante sbagliato!


@TUTTI
Non vorrei che la discussione sul caso specifico facesse perdere la questione della mancanza di feedback utente su queste piattaforme, che secondo me è il punto focale del discorso, visto che una di queste piattaforme (poco usata per la verità) si chiama... AVVENTUROSAMENTE.IT!!!!
 
Ultima modifica:
Anch'io una volta usai una traccia (pelvo d'Elva in val Maira) che aveva un segno rettilineo.
Immaginai subito che fosse stata giunta. Puo' succedere anche quando manca la tensione.
Ero sul sentiero e stavo andando nella giusta direzione e non mi sono neanche sognato di abbandonarlo per seguire la traccia.
 
...Ero sul sentiero e stavo andando nella giusta direzione e non mi sono neanche sognato di abbandonarlo per seguire la traccia.
Se hai letto l'incipit avrai capito il contesto: giunti ad un bivio la traccia GPS PROSEGUE DRITTA NELLA GIUSTA DIREZIONE per il SENTIERO SBAGLIATO. Con la tua strategia "sto sul sentiero e vado nella giusta direzione" ho la netta impressione che saresti andato dritto anche tu, come tutti del resto in quel punto la prima volta che ci capitano.

In realtà il sentiero che poi si scopre essere falso non è altro che la traccia di tutti quelli che passando lì la prima volta vanno "dritti sul sentiero" (ignoramdo il tracciolini che scende sulla sx) per poi ripercorrerlo (se sono sufficientemente esperti) a ritroso (smoccolando) dopo qualche centinaio di metri.
 
Hihi, cercavo altro sul forum ma mis on imbattuto inq eusto post :)
Qualche settimana fa al rientro da un giro sopra Argentera nel chiudere un anello la traccia che avavmo era perfetta, ma è stato intressante osservare che sulla cartografia OSM avevano una traccia nonsense, per accorciare una comodissima carrareccia di forse 100 150mt? segnava una traccia assurda scavalcando un alto di roccie da forse II se non III°, poi con le capacita di un camoscio si doveva scendere su sfaciumi fini e roccette su un 35 40° di pendenza laterale, in fondo poi attraversare un fiume che, vuoi forse a stagione ottima, idrograficamente parlando, per guardarlo sarebbe servito una corda e beer grilss in piena forma :) ma va beh, molte tracce sono sbagliate a mio avviso per i seguenti motivi:
Prese in inverno passando con ciaspole/sci e per qualche motiv poi non è stato indicato nella descrizione.
Salti di segnale soto pareti roccise ferromagnetiche con nebbia davvero spessa in mezzo a boschi in pieno verde.
Ripulitura mal fatta dei "ghirigori" fatti maagri quandoa si arriva su un colle sotto un qualche punto dove si ci ferma si fa su e giu per qualche mt o maagri si era sbagliato strada per qualche metro.
In tutti i modo sempre cartina in mano e andare :) io il gps lo tengo buono sopratutto se mi ritrovo nella nebbia piu infame :(
 
...è difficile che le traccie finiscano nel dirupooooooooooooooooooooooo

A parte gli scherzi, dalla traccia sembra che il lag (tempo intercorso) tra due rilevamenti successivi) sia lungo e che quindi sia carente di dettaglio, proprio nella zona clu.
Anche a me successe di avere una traccia così, una volta che mi trovavo in una gola, col sentiero EE che si confondeva con un A che arrampicava nel letto del torrente. Con tanta pazienza ho completato il tragitto! Non ti abbattere l'avventura è anche questo!

Comunque in genere controllo sempre le tracce con la cartografia ufficiale e con google maps e bing maps...poi vado un po a naso guardando la conformazione del terreno. Sui sentieri nuovi mi perdo sempre almeno una volta, ma lo metto in conto!!
 
Il problema delle tracce imprecise si possono risolvere (escludendo soluzioni commerciali) solo con la collaborazione e in questo il progetto OpenStreetMap è l'analogo di Wikipedia. Piattaforme in cui non è possibile la correzione degli errori delle tracce da parte degli utenti, come ad esempio la mappa di Avventurosamente, possono diventare al massimo solo grandi calderoni con moltissimi percorsi non manutenuti e probabilmente anche duplicati.
 
...si possono risolvere ... ...solo con la collaborazione ...OpenStreetMap è l'analogo di Wikipedia. Piattaforme in cui non è possibile la correzione ...possono diventare al massimo solo grandi calderoni...
Però Open Trekking Map NON ESISTE!

Su Open Cycle vedo molte tracce (senza numero sentiero né altra indicazione) ad esempio nel parco del Gran Sasso (ma anche in quello dei Castelli Romani...) in tratteggio marrone che con ogni evidenza sono sentieri montani, mentre presumo (è giusto?) che quelli in tratteggio blu siano per mtb; sul terreno però strade bianche (quindi "pedalabili" sono ugualmente in marrone...

Ammesso che si ufficializzi l'uso di OSM Cycle per i sentieri, io credo che sia irrinunciabile la partecipazione delle comunità locali (quando uscì la notizia trovai molto criticabile la collaborazione del CAI con Garmin) per garantire un inserimento sistematico e completo.

Si pensi solo cosa potrebbe nascere se il CAI si decidesse ad impegnarsi in uno sforzo analogo a quello che portò alla stampa delle preziose (con tutti i loro limiti in certe regioni...) cartine con la copertina celeste credo ormai cinquant'anni fa.

Quanto ai "calderoni" (wikiloc ecc): al momento non c'é altro; credo che un po' tutti ci stiamo adattando a cavarci qualcosa cercando di intuire "a tavolino" le possibili fregature.
 
Ultima modifica:

Discussioni simili



Alto Basso