Io resto avventurosamente a casa! Consigli per sopravvivere a casa in tempo di pandemia

Escursione Raduno 2014: l'anfiteatro nord del Monte Prena e La Cimetta

Parchi d'Abruzzo
Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Dati

Data: 28/06/2014
Regione e provincia: Abruzzo (AQ)
Località di partenza: strada sterrata per l'ex miniera di lignite
Località di arrivo: La Cimetta (2266 m.)
Tempo di percorrenza: 7h 30m A/R, soste incluse
Chilometri: 18 km circa
Grado di difficoltà: EE
Descrizione delle difficoltà: percorso moderatamente lungo e impegnativo, lingue di neve da attraversare con molta cautela, passaggi di I grado per raggiungere La Cimetta
Segnaletica: discreta lungo la "normale" al Prena e nel tratto di Centenario dal Vado di Ferruccio all'anfiteatro della nord, inesistente lungo il tragitto per La Cimetta
Dislivello in salita: 950 m. circa
Dislivello in discesa: idem
Quota massima: 2410 m. sul Piano d'Abruna, dal quale si scende di quota per raggiungere La Cimetta (2266 m.)
Accesso stradale: dalla strada di Campo Imperatore si imbocca la sterrata che porta alla miniera e si procede finche' si puo'. Noi ci siamo fermati quasi subito, la strada e' in pessime condizioni e peggiora ogni anno
Partecipanti: io, Mauro (Zetacane), Federico (Falco45), Fabrizio (Fmn72), Pietro (Reynard) + Antonio, Norbert e Zeta (cane di Mauro)

Descrizione

In occasione del raduno del 2014 non poteva certo mancare un'escursione in montagna, per di piu' trattandosi del Gran Sasso!
Mi ero messo d'accordo da una settimana circa prima del raduno con Mauro (zetacane) e Paolo (turbin) per svolgere una bella escursione e per conoscerci finalmente di persona. Saltata l'idea della Vetta Orientale del Corno Grande causa neve (volevamo un'escursione accessibile a tutti, cane di Mauro incluso), la mia proposta di salire sul Prena e sulla Cimetta venne accolta con entusiasmo. Poi in campeggio magari si sarebbe aggiunto qualche altro avventuroso.
Per vari motivi fatto sta che la sera stessa del primo giorno di raduno si forma un bel gruppetto di avventurosi pronti ad unirsi a noi, mentre Turbin ci comunica che non potra' purtroppo essere dei nostri.
Sabato mattina partiamo presto dal campeggio e ci vediamo con Mauro lungo la strada, per poi andare tutti insieme fino all'inizio della strada sterrata che conduce alla miniera di lignite (i ruderi, si intende).

Il gruppo e' abbastanza eterogeneo, sia in fatto di esperienza che di eta', ma diventiamo subito una squadra affiatata e collaudata che ha tanta voglia di montagna, come se fossimo andati insieme tante altre volte prima di allora.
Dopo 1h 30m circa di percorso mediamente impegnativo, con un traverso innevato un po' delicato, che ci ha costretto a una non banale deviazione su brecciolino e roccette, raggiungiamo il vado di ferruccio carichi di entusiasmo. Alcune lingue di neve presenti lungo il tratto di "centenario" ci hanno costretto a battere la traccia o a cercare deviazioni, ma nulla di insormontabile. Arriviamo finalmente di fronte alla parete nord del Prena, a circa 2350 m. di quota. Ci appare subito chiaro che le condizioni sono ancora invernali: salire 200 metri di dislivello su neve marcia e su pendenze superiori ai 30 gradi senza ramponi o piccozza sarebbe stata una pessima idea..i ramponi li avevo solo io e comunque desideravamo fare un'escursione che permettesse a tutti, meno esperti e piu' giovani inclusi, di divertirsi nel massimo della sicurezza.
Decidiamo quindi di proseguire e concentrarci su La Cimetta, una cima nascosta dietro il Monte Prena e raggiungibile senza alcun sentiero ufficiale, nota per lo piu' ai membri del Club2000 e altri pochi intimi.
La visibilita' non e' buona, le nubi nascondono la nostra destinazione ma bussola e cartina non sbagliano, dobbiamo procedere in direzione nord-ovest.
Dal Piano d'Abruna scendiamo per facili ma ripide roccette e un canalino con passaggi continui di I grado. L'ambiente e' davvero selvaggio e solitario, davanti a noi vi sono gli orridi del vallone di Fossaceca e le impervie e verticali pareti del Cimone di S.Colomba, mentre sullo sfondo si intravede, nascosto fra le nuvole, il Brancastello.
Un'ultima discesa su comodi prati ci conduce al cumulo di pietre che indica la vetta della Cimetta, a quota 2266. Qui ci riposiamo, facciamo uno spuntino e, udite udite, degustiamo un eccellente caffe' preparato dal buon Mauro/zetacane con la sua moca.
Non sono un gran poeta e purtroppo non so esprimere i miei sentimenti e le mie sensazioni con le parole bene come fanno altri, ma vi posso garantire che e' stato un momento davvero molto bello.
Ciliegina sulla torta sono stati 3 camosci che ci scrutavano dall'alto delle rocce sommitali.

Insomma, che dire...e' stata un'escursione stupenda, in uno dei luoghi piu' reconditi del Gran Sasso (e pazienza per la vetta del Prena, abbiamo comunque raggiunto la Cimetta!), con un'ottima compagnia..una squadra formatasi all'ultimo minuto che e' stata capace di affiatarsi e regalarsi una splendida giornata di montagna.
Grazie a tutti i partecipanti :)

PS
nella prima foto, da sx a dx in ordine: falco45, fmn72, zetacane, reynard + antonio e norbert (non iscritti al forum). Il sottoscritto era impegnato a fare la foto :D
 

Allegati

Ultima modifica di un moderatore:
Bellissima squadra. Quando c'è un bel gruppo così, la vetta passa in secondo ordine. Molto bella la decima immagine! :)
 
Metti anche le foto del ritorno, quando eravate tutti rossi cotti dal sole. :D

Sembra sia stata proprio una bella escursione.
 
vi includo un link dove ci sono (oltre alle foto sopra) anche alcuni filmati dell'escursione, e del raduno stesso @alexmoscow73 col tuo passo ti faresti la traversata sibillina in mezza giornata un salutona a tutti,mauro
foto stupende!! meno male che erano poche..:)
A proposito del mio passo, sai Mauro, tutto dipende da quello che ho mangiato la sera prima, da come e quanto ho dormito, dalle motivazioni etc etc..anche se comunque devo ammettere che un allenamento costante con circa 6 uscite in montagna al mese di un certo spessore ovviamente da i suoi frutti
 
Scusate, il piccolo Norbert s'è fatto tutta la camminata con voi? In tal caso tanto di cappello!
Come no, dall'inizio fino alla fine! a volte mi stava pure alla pari col passo :D
per non dirti come si muoveva sulle roccette..certo, la sua curiosita' e il suo entusiamo a volte mi facevano venire un infarto, dato che si sporgeva laddove vi era un vuoto di qualche centinaio di metri :D
 
..anche se comunque devo ammettere che un allenamento costante con circa 6 uscite in montagna al mese di un certo spessore ovviamente da i suoi frutti

vero , l'essere allenati rende l'escursione più godibile e piacevole

vedo che comunque anche da voialtri c'è ancora un bel pò di neve! :D
 

Discussioni simili



Alto Basso