Raduno Raduno itinerante nella Romagna Toscana.

Buongiorno Avventurosi, dato che quest'estate è stata piena di impegni, vorrei svagarmi un pò in foresta, con gli amici, vecchi e perché no, nuovi.

Questa volta vi propongo un raduno itinerante, in quella parte del parco delle foreste Casentinesi chiamato La Foresta della Lama.

Il periodo sarà dal 22 al 24 settembre, se qualcuno non potesse partecipare dal venerdì, potrà raggiungerci alla Lama sabato.

Il raduno sarà itinerante, il primo giorno il percorso si snoderà da Ridracoli, fino alla Lama, passando prima dalla diga di Ridracoli e continuando parallelamente al bacino idrico, per tre quarti del percorso.

Alla Lama vi è un piccolo bivacco, il Tigliè, http://www.gruppofunghieflora.it/images/il-rifugio-tiglie/' al rifugio c'è la possibilità di dormire in 5-6 persone al massimo, stendendosi sul pavimento e su di un piccolo soppalco.
Chi non volesse o potesse dormire in bivacco, potrà piantare tenda o amaca nei dintorni del rifugio; in caso il rifugio sia pieno è previsto dal regolamento del parco.

All' interno del bivacco c'è un camino, dove poter accendere il fuoco.

Il secondo giorno, rimarremo nei dintorni della Lama, si potrebbe fare un escursione in zona, per trovare tracce e magari vedere cervi e daini, che dovrebbero essere in pieno periodo di bramito.

Domenica si potrebbe rientrare a Ridracoli, facendo un percorso diverso da quello fatto all'andata, ci sono un paio di sentieri e potremmo valutare insieme quale percorrere.

Durante il raduno si svolgerà una gara di riccioli di legno, i più sottili ed infiammabili verranno premiati.

Inoltre, mi piacerebbe fare un piccolo "laboratorio" di orientamento-topografia, per approfondire un pò l'argomento.

Mi è stato chiesto, che attrezzature portare per questa escursione, quindi farò una lista dei materiali consigliati:
  1. Uno zaino comodo
  2. Un buon paio di scarponi (magari già rodati).
  3. Una borraccia (basterà anche una bottiglia d'acqua), di capienza in base alle proprie abitudini.
  4. Sacco a pelo.
  5. Chi volesse dormire fuori dal rifugio dovrà provvedere con un sistema che reputerà idoneo ( tenda, tarp, amaca, poncho, bivy bag, ecc...)
  6. Un coltello io lo porterei, sia per il cibo che per la gara di riccioli di legno. Per fare legna, al rifugio ci sono un accetta ed una sega ad arco, quindi direi che potremmo risparmiarsi peso, non portandoci artiglieria pesante.
  7. Un materassino per chi volesse dormire per terra al rifugio ve lo consiglio; il pavimento è duro e freddo.
  8. Una giacca a vento o un poncho per la pioggia ed un copri zaino impermeabile.
  9. Un costume da bagno, ed un piccolo asciugamano, per chi volesse provare ad immergersi nella pozza della troia (detta anche fonte solforosa), l'acqua è freddissima ma si dice abbia poteri curativi.
  10. Un maglione o due pile leggeri, per chi soffre il freddo, io abbonderei nel vestiario ( la zona è ricca d'acqua ed abbastanza umida la sera).
  11. Cibo per tre giorni, due colazioni, tre pranzi e due cene, con relativo sistema di cottura ( al rifugio c'è un piccolo camino e difficilmente si riuscirà tutti a cucinare contemporaneamente.
  12. Calze e magliette di ricambio; ggli altri capi di biancheria potremmo anche farceli stagionare un paio di giorni addosso.
  13. Consiglio anche qualche bevanda spiritosa, da offrire agli amici.
  14. Almeno un paio di sacchi dell'immondizia ( quelli condominiali)
  15. Chi volesse approfondire un pò il discorso topografia, porti se ce l'ha la sua bussola.
  16. Una lampada frontale.
Vi ricordo che è un raduno itinerante, quello che portate ve lo dovete scarrozzare in spalla, quindi nel limite del possibile cercate di limitare i pesi.
 
Ultima modifica:
Purtroppo io credo di riuscire a fare sabato 23 e domenica 24 settembre (non anche il venerdì 22), un pò come l'anno scorso a Pietrapazza.
Per intanto metto in agenda...
Meglio due giorni che niente, dato che conosci la strada per la lama potresti fare da guida per chi come te non può partire il venerdì.
 
Vicino al rifugio c'è una fontana, il fuoco si può fare solo nel camino all'interno del rifugio.
C'è anche la possibilità di lasciare i rifiuti, ci sono vicino al rifugio i cassonetti della raccolta differenziata.
 
portate pazienza per le domande, ma da neofita mi sorgono alcuni dubbi.
discorso acqua: ok borraccia piena e poi ci si rifornisce vicino al bivacco. giusto?
discorso fuoco: niente fuochi individuali alla c.d.c. ma tutti davanti al camino,ok.
discorso legna: trattandosi di parco è consentito il taglio di legna anche secca?
me lo chiedevo sia per la sistemazione del bivacco sia per scegliere il tipo di fornello da portare (alcool o legna)
 
Si può tagliare legna secca, diciamo che non è espressamente consentito, ma è tollerato, per il fornello, direi che il problema di quello a legna è che dovresti tenerlo all' interno del camino, se lo tenessi all'esterno del rifugio, un agente dei carabinieri forestali potrebbe contestare il suo utilizzo, equiparandolo ad un fuoco libero nei boschi.
Visto com'è andata la stagione estiva
(vari incendi in provincia di Forlì-Cesena e provincie limitrofe), non vorrei che un fornellino a legna venisse visto come un pericolo; prendendo la legge alla lettera, ogni potenziale fonte di innesco è vietata, quindi non si potrebbe nemmeno accendere una sigaretta nel bosco e nelle sue adiacenze.
 

Discussioni simili



Contenuti correlati

Alto Basso