Ramponicini low-cost (neve compatta, escursioni facili)

In alternativa alle ciaspole, più che altro per avere meno peso ed ingombro, visto che il poco che faccio è su percorsi "da passeggiata" ed il più delle volte su neve compatta, vorrei prendere dei ramponcini, ho visto i Camp Frost (intorno a 45 euro, 400gr di peso)




Poi ho visto su amazon questi AGPTECK (al 3.o posto tra i più venduti) a 37 euro (!) sarebbero venditi come "da arrampicata" (?)



mi chiedo quale sia la scelta più adatta per passeggiate anche di qualche ora (3-4) con pendenze modeste, diciamo itinerari dal "turistico" al "medio".

Ho visto che finora si è parlato di modelli completamente diversi, io vorrei però evitare i modelli con parti "elastiche" in plastica morbida a far da tenuta per questioni di durata e, lo ammetto, anche di sicurezza (la lastra di ghiaccio può sempre capitare...) come le Camp Ice Master

 
Ciao, io ho usato per 4/5 anni i ramponcini camp "elastici" in uscite invernali tranquille (E, tratti di EE per errore) senza pendenze estreme e mi sono trovato molto bene, nessun tipo di usura né altri problemi: anzi mi è capitato anche di usarli su pendii scivolosi (erba secca con sottostante nascosto ghiaccio infido) e hanno fatto egregiamente il loro mestiere. Da qualche tempo sono passato a dei ramponi veri e propri quindi non ho molta esperienza in merito, però devo dire che gli agptek a quel prezzo descritti come strumento da arrampicata mi fanno un po' paura (poi magari sono di ottima qualità ed io mi sto facendo consumisticamente influenzare dal prezzo, ma lascio la parola a chi ne sa qualcosa in più). Aggiungo che, secondo me, il terzo modello ha il vantaggio, rispetto al primo, di garantire la presa sul ghiaccio in ogni punto della suola dello scarpone, soprattutto se quest'ultima non è particolarmente rigida, mi spiego meglio: con i primi se ti trovi sul ghiaccio sulle punte degli scarponi non hai presa perché non ci sono punte nella parte anteriore. Mi sembra di capire che le 6 punte siano tutte bene o male nella parte centrale del piede (punte e tallone credo siano "scoperti").
Svantaggio del terzo modello: metterli o toglierli con le mani fredde è abbastanza spiacevole..
Andrea
 
Io ho i progenitori dei Camp Frost. Sono a 4 punte, in acciaio, e con fettuccia lunga per i diversi giri da fare.
Però li metto nello zaino solo per le emergenze, cioè se trovo un pendio ghiacciato o un attraversamento infido. Vanno bene per i mezza costa o per pendii inclinati moderatamente (molto moderatamente). Sono posizionati al centro del piede, in salita ripida prende poco.
 
I tre modelli da te indicati sono inversamente proporzionali tra sicurezza/facilità di calzata/peso.

Non ho i Camp Frost, ma uso spesso dei ramponcini del terzo tipo da te postato ed alla fine non sono male, hanno comunque le punte robuste che non si piegano sui sassi e non danno fastidio.
In realtà li porto per backup, cioè quando non prevedo di usarli veramente, visto il peso e l'ingombro ridotto, ma poi capita che servono e se trovi la lastra di ghiaccio non abbastanza inclinata comunque tengono.
La vera differenza sta nell'uso delle punte frontali che più aumentano le pendenze più sono necessarie e purtroppo le indicazioni che dai non mi rendono l'idea.
Per me dovresti procurarteli entrambi e poi affinare la scelta in base al percorso, perchè a mio parere è tutto molto soggettivo.
L'unica cosa che ti raccomando è (nel caso dei ramponcini con l'elastico) di sceglierli con il velcro che passa sopra la scarpa perchè ne avevo un paio senza e scendendo su neve ghiacciata sopra e farinosa sotto, non so quando, me se ne è sfilato uno e mi sono accorto solo quando li dovevo togliere di averne solo uno.

Il prezzo degli AGTeck lo trovo veramente basso, non ne conosco la qualità, ma tieni presente che spesso li devi tenere indossati nei passaggi misti neve/roccia e le punte devono reggere il peso e gli urti coi sassi.

Attenzione inoltre che i ramponi su neve cedevole non fanno più di tanto e tendono a scivolare comunque, a volte le ciaspole sono indispensabili.

Io ti consiglio di non risparmiare su questi elementi di sicurezza (discorso che vale anche per la picca) e di andare su Camp o Grivel o altri prodotti validi.
Tieni inoltre presente che sono prodotti di cui non esce un modello nuovo ogni anno e quindi l'acquisto che fai oggi potrebbe benissimo essere lo stesso acquisto che farai tra tre anni, con conseguente risparmio di denaro e sicurezza di avere un buon attrezzo al piede.
 
Ok, quindi riassumendo:

>meglio marche conosciute
>meglio un po' di tenuta anche in punta perché il pendio può essere ripido per brevi tratti anche in una "passeggiata"
>a seconda del tipo di neve la ciaspola potrebbe essere meglio

A questo punto in "pole" dovrebbe essere il CAMP ICE MASTER (che poi all' inizio era quello che mi piaceva meno...)

Se ho ben capito come rampone "completo" potrebbe essere interessante il Climbing Technology Nevix Flex un po più caro dello Agpteck ma anchepiù leggero...

==========

Per complicarci la vita Camp ha due versioni: Ice Master ed Ice Master Light ( ma il peso è lo stesso!) online ho avvistato un Ice Master 2021 (???) dalla foto sarebbe il primo dei due ("non light")...
 
Ultima modifica:
il mio modello è molto simile all'ice master che ha quell'anello sul fondo da cui partono le punte e mi ci trovo bene.
L'ice master light ha una serie di catenelle che tengono le punte, la differenza sta lì, ma non avendolo provato no so dirti se meglio o peggio, sorry.

Ottimi i CT Nevix Flex, che hanno anche l'antibotts che serve a far staccare la neve che in determinate situazioni diventa appiccicosa e non fa lavorare le punte perchè restano sollevate..
 
In conclusione ho ordinato i Camp Ice Master ed anche delle nuove ciaspole, le TSL 305 elevation (di fatto le entry level assolute) insomma con le premmesse del post di apertura credo di essere anche troppo attrezzato!

Grazie a tutti per le "dritte"! :)
 
Io ho lo Snowline chainsen pro xt e mi trovo molto bene ! Rispetto ai classici ramponcini hanno anche le punte sulla punta (scusate la ripetizione) dello scarpone per una maggiore aderenza sui tratti in pendenza
 

Allegati

però devo dire che gli agptek a quel prezzo descritti come strumento da arrampicata mi fanno un po' paura (poi magari sono di ottima qualità ed io mi sto facendo consumisticamente influenzare dal prezzo, ma lascio la parola a chi ne sa qualcosa in più)
sai che mi hai letto nel pensiero, io non mi fiderei mai sinceramente o_O io sono principiante ma se le marche famose vendono i loro modelli a 10 e 12 punte tutte dai 70€ in su ci sarà un motivo... mai preoccuparsi troppo di risparmiare su "cose che ci interfacciano al suolo" come scarpe, pedule, ramponi e copertoni dell'auto :biggrin:
 

Alto Basso