Regolazione fiamma Popote Mini Ferrino

D

Derrick

Guest
Da quando leggo questo sito mi sono venuti un sacco di "bisogni" che prima di leggerlo non avevo.

Ieri ero dal mio spacciatore di fiducia e ho comprato un Opinel (in acciaio al carbonio, forse un errore, v. sotto) e cercavo un Trangia Mini, che non aveva ma mi ha proposto il Ferrino Popote Mini, avendolo aperto e visto che c'era sostanzialmente tutto quello che c'è in un Trangia Mini (il bruciatore sembra identico, e ha il tappo con la guarnizione di gomma quindi è possibile conservare l'alcol nel fornello, basta avere l'accortezza di chiudere il coperchio solo a freddo) l'ho preso.

Per informazione, le differenze rispetto al Trangia Mini sono:
rivestimento antiaderente sia sul tegamino che sulla pentolina (il Trangia ce l'ha solo sul tegamino);
Pentolina da 0,7 litri di capienza (contro 0,8 del Trangia);
paravento di colore scuro;
Peso di 330g (come il Trangia), diametro del tutto di 14cm (il Trangia misura 15cm).
L'otturatore/parzializzatore ha una maniglietta in filo di ferro, che mi pare l'originale Trangia non abbia.

Non c'è manuale di istruzioni, e voi direte, che bisogno c'è per una cosa così banale?

C'è bisogno perché c'è una cosa che non mi torna.

Il fornello, che è mi pare praticamente identico a quello del Trangia, ha un coperchietto con un otturatore scorrevole che, se lasciato chiuso, serve a spegnere la fiamma e qui ci sono.

Mi si dice che l'otturatore è scorrevole perché dovrebbe servire a regolare l'intensità della fiamma.

Ma in realtà l'otturatore nella corsa sbatte subito contro il paravento! Cioè sbatte contro una delle quattro alette che fanno da paravento e supporto pentola.

Quindi la regolazione della fiamma è continua, diciamo, tra 0 e 50%, poi per aumentare ancora si può solo levare l'otturatore e lasciare il fornelletto completamente libero, quindi a potenza massima.

E' proprio così o c'è qualcosa che non ho capito?

Per una cosa che ho pagato mi pare €35 mi sembra una svista non da poco.

Se il paravento, anziché avere 4 supporti pentola a 90°, avesse avuto tre supporti a 120° ciascuno vi sarebbe stato più spazio per l'apertura dell'otturatore e si sarebbero avute maggiori possibilità di regolazione della fiamma.
 
Ultima modifica di un moderatore:
D

Derrick

Guest
L'ho usata per fare il caffè dopo pranzo e vedo che, in effetti, c'è della logica.

Usando la mia Carmencita Lavazza, una macchina moka in acciaio, bella pesante, e usando il parzializzatore aperto al massimo di quello che il parafiamma consente, il caffè è uscito tutto in 13'40" (ho usato normale alcol denaturato 90°, l'etichetta dice "con D.G. e metil etil chetone").

Dopo aver levato la macchina del caffè ho alzato il parzializzatore e lasciato il fornello libero di andare al massimo, ha fatto una fiamma veramente alta, dal che deduco che:

col parzializzatore aperto al massimo si raggiunge forse anche meno del 50% della potenza del bruciatore;

questo è però un bene perché, usando il fornello per cucinare per una persona sola, e usando le due piccole stoviglie fornite con la popote "mini", il bruciatore lanciato al massimo farebbe una fiamma troppo alta, si sprecherebbe molta energia e forse sarebbe pure pericolosa (perché la fiamma lambirebbe le pareti della pentola).

Quindi va bene così, per fare un tè o per scaldare una scatola di fagioli ci si mettono pochi minuti in ogni caso. In pratica ho il fornello col "limitatore di giri" da neopatentato.
 

Discussioni simili



Alto Basso