Raduno Report 2nd Raduno Lavvu Owners 2020

Ciao gentaglia,


Lo scorso WE, 26 27 e 28 Giugno, si è svolto, nei pressi del Monte Cimone, il secondo raduno italiano di possessori di Lavvu.


Organizzato dalla scuola di Sopravvivenza Cimone Outdoor, ed in collaborazione con Prometheus Bushcraft equipment, il raduno, durato tre giorni, ha richiamato più di 50 partecipanti, provenienti da Nord a Sud, non tutti provvisti di Lavvu in quanto non era obbligatorio farne uso.


Arrivo, assieme a tre amici a metà mattina del sabato, e quando ci apprestiamo ad entrare al campo si nota subito un colpo d’occhio niente male dovuto a decine di tende lavvu disposte in cerchio.


209437


Il numero delle tende è destinato a salire nel resto della mattina.

209438



Piccolo cenno sul lavvu:
Il lavvu è la tenda tradizionale dei Sami, popolo della fennoscandia, era una tenda composta da tre pali biforcuti, incastrati assieme grazie alle biforcazioni, alla quale venivano successivamente poggiati diversi altri lunghi pali dritti, il tutto era ricoperto da pelli di renna, quindi la struttura dei lavvu tradizionali non prevede un palo centrale.
Un lavvu poteva essere più o meno grande a seconda delle persone che poteva contenere, spesso anche intere famiglie composte da una decina di persone o più. E’ certo che comunque era principalmente un riparo destinato a chi viveva in un contesto di nomadismo, come I pastori che seguivano il proprio gregge di renne.
Molto simile al tipi dei nativi americani, il lavvu si differenzia principalmente per la struttura più larga e bassa, in modo da resistere meglio ai forti venti presenti nelle zone prive di alberi dove erano solite pascolare le renne.
Facciamo un passo avanti, molti eserciti sono soliti utilizzare dei teli tenda per creare dei ripari per I soldati, spesso due soldati utilizzano I propri teli tenda in combinazione per creare un piccolo rifugio per due persone.
Dagli anni 70 (fino a non so quando), l’esercito polacco aveva in dotazione dei poncho di cotone dalla forma triangolare (isoscele), quest’ultimo poteva essere collegato ad un altro poncho, e utilizzando la paleria in alluminio e picchetti in dotazione si formava il palo centrale e si fissava la tenda, che poteva essere chiusa completamente.
Da un pò di tempo a questa parte l’utilizzo di questo surplus militare dal gusto vintage è parecchio di moda, ma credo che l’Italia sia uno dei pochi paesi, se non l’unico, a vantare un raduno dedicato ai possessori di Lavvu.


Torniamo a noi.

Appena entriamo ci imbattiamo nello stand dei prodotti prometheus bushcraft equipment.


209439



209440



Salutiamo un pò di amici e ci apprestiamo a montare I nostri lavvu, ma poco dopo Renzo, titolare della Cimone outdoor, suona il corno di raccolta.


E’ il turno di Luciano Cicchelli, istruttore di sopravvivenza e referente italiano dei prodotti self reliance outfitter, ho già conosciuto Luciano al corso della Pathfinder School con Dave Canterbury (il report di quel corso lo trovate QUI).


209441


Lezione sul coltello, uso in sicurezza, tecniche di taglio, ed infine dimostrazione di alcuni intagli pratici, da qui poi è partito un contest di Try Stick che finirà domani, se volete approfondire sul try stick, vi rimando a QUESTA discussione dedicata.

Dietro Luciano si vede lo stand di Alfio Tomaselli, esperto di archeologia sperimentale.

209442


209443


Poco dopo lo vedo accendere un fuoco con la tecnica dell’hand drill, ma riesco a fotografarlo quando ha appena finito di sfregare il legnetto.

209444



Il fuoco viene acceso poi da questo ragazzo, che non ho capito se è suo figlio o solo un assistente.

209445


Accanto c’è una lavagna con alcune delle attività della giornata, in questo caso si vedono però le attività di domani.

209446




C’è anche una zona di tiro con l’arco gestita da due allievi della Cimone outdoor che praticano tiro con l’arco a livello agonistico, qui si vede Alex Wander, titolare di Wanderer Tactical, alle prese con un arco take down, non chiedete quale coltello porta alla cintura perchè ne parleremo poi!


209447


Qui Mitch mentre tira con un longbow laminato.


209448


Io mentre tiro con un longbow in nocciolo fatto da @Giovanni81

209449


La zona che circonda il campo è davvero spettacolare

209450



Ma sarà meglio terminare di montare le nostre tende!


209451



Abbiamo utilizzato un lavvu montato in modo tradizionale, più un secondo lavvu che prevede l’utilizzo di due teli tenda ex DDR per creare una tenda in grado di ospitare anche 5 persone, qui sotto vedete I due mezzi lavvu dove poi fisseremo nel mezzo I teli.


209452


Il campo mi piace davvero molto!

209453


Qui sotto, in lontananza io e Mitch, e in primo piano il lavvu di Luca e andrea, sulla destra invece c'è il lavvu "espanso" dove siamo stati io e mitch.

209454



Alfio Tomaselli fa una lezione parlando di archeologia sperimentale, poi fa una dimostrazione di hand drill.

209455



209456


209457


209458


Abbiamo fatto I bravi, abbiamo ascoltato con piacere queste lezioni e montato il nostro piccolo campo, ora finalmente è tempo di un pò di sano cazzeggio! :biggrin:

209459


Si può mangiare, condividendo ciò che si ha con gli altri amici, si beve e si brinda, ci si conosce, ma il ghiaccio è già rotto da parecchio dato che l’atmosfera è davvero delle migliori.

Qui al campo c’è gente in gamba e simpatica, come questi tre burloni.

209460


Ma anche cazzoni che meriterebbero calci rotanti nelle palle, come questi altri tre.

209461



Si ride, si scherza, e si mangia.

Qui sotto due ragazzi della Cimone outdoor e, col naso all’insù, il nostro @Luccchino .

Luca guardava verso il cielo (e non era il solo) dato che per tutta la durata del raduno, ogni tanto sopra le nostre teste ronzavano un paio di droni. (uno era di Luca, uno dei ragazzi che erano con me).

209462




Di avventurosamente, a parte Luca, ho conosciuto @orsoallagriglia , molto simpatico, e @GiulioSherpa , che spero di rivedere presto per boschi dato che siamo abbastanza vicini.

209463



Si va verso cena, e Luca prepara la picanha…:sbav::sbav::sbav:


209464



Ma non solo, da vero pro si prodica, con l’aiuto di Andrea, a preparare uno stufato che cuocerà dal tardo pomeriggio fino al pranzo di domani!


Inizia così..

209465


E finisce così

209466


209467



Anche il mestolo è stato intagliato al momento, e lo stufato era semplicemente spettacolare!



Durante questi eventi conviviali, una delle cose che preferisco, oltre che conoscere e fare amicizia con nuove persone, è aggirarmi per il campo per guardare I vari equipaggiamenti delle altre persone, I sistemi adottati, espedienti, oggetti auto costruiti, e ovviamente soffermarmi per scambiare opinioni e fare comparazioni.


Qui sotto si vedono due pezzo da 90, uno si chiama Marco De Carli, e l’altro è un Wander Tactical Godfather.


209468





Dalla zona dei bracieri arriva un profumo paradisiaco…:woot::woot:


209469




Ma la fame non riuscirà a fermare la mia voglia di cazzeggio! :dent4:

Qui il Savotta Jaakari L di Marco, uno zaino davvero fico, notare la patch Rewild che gli ho regalato.


209470



Non sono l’unico cui piace parlare e comparare le proprie cose, qui sotto si vede Luciano Cicchelli con un Anorak cucito su base di una coperta di lana, del tutto simile a QUESTO che si è fatto @GiulioOuch , e poi alex Wander che indossa un Anorak di lana artigianale cucito da Andrea, uno dei ragazzi che era con me.


209472


Niente male davvero! Andrea ultimamente si sta dilettando parecchio nel cucito, quell’anorak è davvero ben fatto, al ritorno dal raduno mi pare che almeno 4 persone gliene hanno commissionato uno, in più ci sono anche io e un altro paio di amici in lista.


Ok ok, basta parlare di vestiti, parliamo di coltelli.

209471



Wander Tactical Smilodon, un coltello multiruolo massiccio, funzionale, e (parere ovviamente personale) capace di svolgere davvero una moltitudine di mansioni, dalle più gravose fino a lavori di intaglio dove è richiesta precisione, comodità di utilizzo (prese e punta) e prestazioni di taglio, caratteristiche spesso tralasciate fra i grandi coltelli.

209473


Ho avuto modo di provare un pò quello di alex, convex, un rasoio davvero, incideva il legno davvero bene, riccioli come se piovesse, e tranquillamente al pari di una piccola accetta quando si tratta di spaccare legna, grazie all’impugnatura oversize si ottiene una leva eccezionale.

209474


Non è l’unico WT che ho maneggiato, c’era anche il Godfather di Marco e il Lynx di Frank (Frank Adventure).

209475



Il campo è adiacente ad un sentiero CAI, sovente si vede qualche trekker o ciclista che passa da quelle parti, chissà che penseranno guardando il campo!

209476



La sera, dopo cena, ci sono I soliti, bellissimi momenti di aggregazione, tanto attorno al fuoco quanto nel bosco.

209477



Al cielo si sono levati calici, ma anche tazze di alluminio, inox o titanio, kuksa e bicchieri in legno, fiaschette, ed infine direttamente bottiglie dei più disparati alcolici….insomma avete capito com’è andata a finire no? :rofl::rofl::rofl:


Facciamo un salto avanti di qualche oretta, è mattina presto.

209478



Una bella lezione di primo soccorso propedeutico all’escursionismo, tenuta da Giorgio Varini, infiermiere esperto in TECC (Tactical Emergency Casualty Care) .

209479


I tre secchioni sempre in prima fila…


209480



Alex Wander e Francesco Lorenzetti, oltre all’escursionismo, si dedicano anche alle esplorazioni urbane di edifici abbandonati, un attività in grado di regalare davvero emozioni forti, sorprese, e tanto altro.

209481


Ma è un attività da non prendere alla leggera, bisogna essere in grado di ponderare i rischi e capire quali decisioni vale la pena seguire; entrambi sono “avventurieri navigati” e hanno parlato a lungo delle differenze fra normali fuoripista boschivi e questa attività, in particolare hanno illustrato il contenuto dei loro piccoli zaini, illustrando ogni oggetto e contestualizzando la scelta di portarlo con loro.


209482



Di seguito si è dato spazio a Pietro Comeri che ha presentato Simbiosi, una nuova rivista dedicata alla natura e attività che gli girano attorno, con finalità al rimboschimento di diverse aree italiane (sfruttando parte dei proventi).

209483



Infine, è giunta l’ora delle valutazioni dei Try Stick, il contest iniziato ieri vedeva 13 partecipanti alle prese col bastoncino pieno di intagli inventato da Mors Kochansky (r.i.p.).

209484


Ecco qui sotto una foto dei Try stick in gara (ne mancano un paio)


209485



Ho utilizzato quasi esclusivamente il PKS Scorpion HD (potete leggere la recensione che ho fatto di questo coltello QUI).


L’abbiamo sfangata anche questa volta, hanno scelto I tre migliori.


A Sx Renzo, a dx Luciano, e in mezzo I tre vincitori (sono al centro).


209486


Poi finalmente si mangia.

209487


Ho scambiato patch e maglietta con Renzo

209488



Renzo Dinozzi l’avevo già conosciuto al corso Pathfinder, che si era tenuto proprio al campo della Cimone Outdoor. E’ una persona veramente genuina e piacevole come poche, in grado, oltre che di organizzare eventi davvero ben studiati come questo, di mettere assieme un vasto gruppo di affiatati affiliati e operatori della scuola Cimone outdoor, forse la metà dei partecipanti indossava la t-shirt della scuola.


Una bella foto di gruppo, una fra le tante fatte.

209489


Io e Luciano in mostra con I nostri PKS

209490


Io con Alex, Francesco, Marco, e la star del sabato sera.

209491


Infine io in un mega selfie con Daniele Dal Canto

209492


Volevo conoscere Daniele da anni. E’ Istruttore master FISSS da molti anni ormai, consulente tecnico di aziende quali SOD gear ed Extrema Ratio (per la quale ha anche sviluppato coltelli come il selvans e il kreios), e molto altro, fra cui organizzatore di alcune spedizioni in posti davvero esaltanti (epici alcuni aneddoti sull’africa).


E niente, al pomeriggio inoltrato si smonta e si rientra.

E’ davvero bello partecipare a questo tipo di raduni di tanto in tanto, ci vuole staccare dalle solite uscite nei boschi per godersi due giorni di convivialità, rivedere vecchi amici e conoscerne di nuovi.


E’ stato davvero un bel weekend, sicuramente cercheremo di partecipare, ancor più numerosi, anche l’anno prossimo; ma spero di non dover aspettare tanto prima di rivedere tutti gli amici presenti in quel di Modena.



A presto.


Gabri
 
Ultima modifica:
Grande Gabri ottimo resoconto come al solito.
Bellissimi 3 giorni, aldilà della bellissima atmosfera che si è creata, Renzo è riuscito ad riempire le giornate con attività interessantissime.
È stato bello conoscere altri utenti di avventurosamente e istruttori vari delle discipline outdoor. Per dirne una, ho visto il manico del selvans estrema ratio spuntare dal fodero di un tipo e mi è venuto spontaneo chiedergli "ma ti trovi bene con sti strani manici degli extrema ratio", e lui con un gran sorriso mi ha risposto "beh, si, l'ho fatto io" ....... era Daniele Dal Canto :lol::biggrin::lol::biggrin:
Molto carinamente mi ha spiegato il perché ed il percome l'ha progettato e fatto costruire così. Quand'è che mi capita un'altra volta un occasione così????
--- Aggiornamento ---

P.s. l'assistente di Alfio che ha acceso il fuoco con le pietre focaie in 15 secondi era il nipote 18enne
 
Ultima modifica:
Per dirne una, ho visto il manico del selvans estrema ratio spuntare dal fodero di un tipo e mi è venuto spontaneo chiedergli "ma ti trovi bene con sti strani manici degli extrema ratio", e lui con un gran sorriso mi ha risposto "beh, si, l'ho fatto io" ....... era Daniele Dal Canto

L'ho maneggiato un pochino e abbiamo parlato un pó di er e di quel coltello.
Non sono un grande amante di extrema ratio e questo non è un segreto, ma non lo è nemmeno il fatto che, fra tutti gli er, gli unici due che vorrei portare in escursione sono il dobermann 4 e proprio il selvans, che ho trovato più maneggevole e leggero di quel che credevo, con un impugnatura alla extrema ratio ma lunga e, all'apparenza comoda, o comunque sicuramente molto più comoda dei vari modelli fox/fkmd.
Mi piacerebbe molto compararlo sul campo col rewilder, chissà...
 
Quando ci sarà il terzo raduno?
Immagino tra un anno.
Spero sarà ancora più grande e con più persone.
Come già detto non è necessario possedere un lavvu.
Ah, fra le attività che sono state fatte durante i tre giorni, ho dimenticato di menzionere il workshop di Andrea papini, titolare di prometheus bushcraft equipment, davvero interessante.
Anzi, date un occhiata alla sua pagina Etsy, la trovate QUI, con un sacco di articoli davvero di tutti i tipi per chi ama il bushcraft e non solo.
Ciao
 
Rimango sempre entusiasta nel leggere questi reportage in mezzo alla natura.
un modo di viverla diverso dal mio, che viaggio solo, ma che mi affascina.

Belle le foto e interessanti le iniziative. anche il contorno naturalistico non è niente male.
Bravo Gabriele, come al solito!
 
Bravo. Sicccome avevo postato alcune foto in un altro thread (poi scomparso) le riporto qui.
Sono stato al Raduno solo la giornata di domenica, dove ho finalmente conosciuto (di persona) Gabriele e poi altri utenti (riconosciuti dopo, d'altra parte mica abbiamo scritto in fronte il nostro nick...). Infine ho avuto un bel confronto sulle Scuole con Dinozzi, sempre disponibilissimo.
Intanto dico subito che mi è piaciuto molto lo spirito, che ho ritrovato molto simile ai Raduni trapper cui mi sono ispirato negli anni 90 per il mio club a Reggio Emilia, al'epoca di appassionati di natura, outdoor e soprattutto canoa canadese.
Il Raduno Lavvu infatti mi ha ricordato i Rendez-Vous dei Trapper nordamericani, nei quali, dopo mesi e mesi di solitudine per scelta o per lavoro (caccia, pelli, etc.) i Trapper si ritrovavano e si davano (quasi) alla pazza gioia (insomma, se avete presente il dialogo tra Jeremiah Johnson ed il suo amico barbuto, siamo più o meno così :lol: ), con gare di abilità, scambi di merci e di informazioni.
Non sono appassionato di Lavvu ma ovviamente come avrete capito avere o non avere la tenda è un pretesto per partecipare comunque.
Il programma anche solo di domenica è stato interessante, ed infine ho avuto modo di vedere anche alcuni operatori della Scuola di Renzo in attività, e devo dire che mi è piaciuto l'approccio, con disponibilità e affabilità.
Personalmente sono un tipo sociale, per cui ben vengano, dovunque nella penisola, raduni di questo genere, il nostro ambiente non può che migliorare e dimostrare che non siamo tutti Rambo o Pozzetto.
209800


209801


209802


209803

209804

209805

209806
 

Alto Basso