Recensione Report Pathfinder Basic Class con Dave Canterbury

Ciao gentaglia,

Arrivo in ritardo di 9 mesi ma arrivo...:roll:

l’8, 9 e 10 Marzo scorso, nei boschi modenesi, vicino a Riolunato e presso il campo della scuola di sopravvivenza Cimone Outdoor, si è tenuto in Italia per la prima volta un corso ufficiale della Pathfinder School LLC, la scuola fondata da Dave Canterbury, considerata una fra le 10 migliori scuole di sopravvivenza degli stati uniti.

Dave Canterbury è probabilmente il personaggio inerente al bushcraft e survival che ho sempre seguito di più, dai libri pubblicati ai video su youtube ho imparato molto in questi anni, così ho deciso di non lasciarmi sfuggire questa occasione ed ho partecipato al corso.

Dato che so che qualcuno lo chiederà, la partecipazione al corso ammonta a 395 euro per tre giorni e due notti; considerando che diverse scuole italiane chiedono sui 200 euro per due giorni, spenderne 400 per tre giorni con Dave Canterbury mi è sembrato un prezzo assolutamente adeguato, ma in fondo è impossibile dare un valore alle proprie passioni per cui è logico che per molti risulterà fin troppo esoso.

Inoltre, sempre per rendermi meglio conto di quanto possa costare partecipare ad un attività con un “VIP”, mi sono fatto un giro sul sito di Ray Mears (lungi da me voler fare un paragone fra I due), sapete quanto costa il corso “passeggiata nella foresta con Ray” della durata di 6 ore, dove prevalentemente si chiacchiera e vengono mostrate un pò di tecniche non meglio precisate? 470 euro. :no:

Il Pathfinder basic class prevede 3 giorni full immersion, una bella lista di materiale da portare visionabile direttamente su QUESTA pagina del sito SelfRelianceOutfitters, queste sono le cose indispensabili da avere, se un partecipante non le possiede e dunque non è in grado di sostenere le prove richieste, semplicemente fallirà la prova; tutto il resto non è specificato semplicemente perchè a discapito del partecipante.

Siamo poco più di venti partecipanti, fra cui un ragazzo dalla Svizzera, uno dalla Bulgaria, ed un altro non ricordo da quale paese straniero venisse.

Già un mese prima del corso è stata creata una chat whatsapp dove con i vari partecipanti abbiamo iniziato a conoscerci, farci domande sui vari dubbi, e cercare di raccattare tutto il materiale necessario.

Due sere prima della partenza preparo lo zaino.


Alcune cose fanno parte della lista e serviranno per esercizi e prove, mentre per tutto il resto, così come per il cibo e la modalità di pernotto, ogni partecipante è lasciato libero di portare tutto ciò che vuole.



01.jpg




02.jpg




Sul sito della pathfinder, Dave consigliava di portare sempre addosso, per tutta la durata del corso, certi oggetti, così ho preparato anche una tracolla con questi oggetti; borraccia 750ml inox, taccuino waterproof e matita, paracord e bankline, acciarino, bic, bussola e contapassi, e credo nient’altro.



03.jpg




In una tasca di cuoio ho messo un kit affilatura e poche altre cose “ludiche” che non ho assolutamente mai utilizzato durante il corso! :p

04.jpg




Alcuni oggetti richiesti, coltello da cintura, coltello chiudibile (facoltativo), sega chiudibile, accendino bic, e cotone da carbonizzare.


05.jpg





Alla cintura tengo I guanti da lavoro, il coltello, ed una piccola tasca con dentro bic piccolo, acciarino e piccolo pezzo di fatwood.


06.jpg




Preparo e chiudo lo zaino.

07.jpg




ho preparato e fotografato anche gli abiti che indosserò per I tre giorni, saremo a circa 1000 metri, e poco dopo il corso ha nevicato, la zona era abbastanza ventosa. Per la cronaca, intimo merino, tshirt cotone grosso, camicia di flanella e maglione di lana; berretta di lana e sciarpa cotone. Nel caso di freddo o vento indosserò un gilet di lana fatto con una vecchia coperta dell’esercito.

08.jpg




Non ero sicuro se indossare scarponi leggeri e traspiranti o piu grossi in cuoio, ma c’è anche chi ha optato per non indossare nulla, forse credeva che il corso lo tenesse Cody Lundin??? :D:D:D


09.jpg



10.jpg


(Dovevate vedere la faccia di Dave quando l’ha visto!):D

Salto tutta la parte dell’incontro e arrivo al campo, e vado dritto alla preparazione dei bivacchi.

avete mezzora per sistemarvi nel bosco, poi tornate qui quando sentirete I tre fischi


Ho optato per il tarp 3x3 con configurazione a tenda, dentro ho ammucchiato ramaglie e fogliame, sopra ho messo il piccolo tarp alluminato richiesto nella lista, infine la coperta di lana, la seconda notte ho infilato le gambe dentro lo zaino perchè alle 4 faceva abbastanza fresco.

11.jpg




Ecco I “protagonisti” di questo report.



A sinistra Dave Canterbury, al centro Renzo Dinozzi, titolare della Cimone Outdoor, la scuola scelta da Dave come base operativa in Italia, a dx Luciano cicchelli, titolare della scuola Outdoor Tribe di Pesaro, referente italiano pathfinder, traduttore, ed assistente di Dave.

11a.jpg




Qui sotto Joe Price, Irlandese, fondatore della community Living to Learn, ambasciatore Morakniv e Aclima Norway e recensore di the bushcraft journal magazine, un ragazzo davvero in gamba, cazzuto, e molto simpatico.


11b.jpg




Si parte con un pò di teoria, lezione sul’equipaggiamento di base e relativo funzionamento.


12.jpg




Dave spiega e mostra il corretto funzionamento di diversi oggetti e la loro importanza in situazioni di sopravvivenza, mentre spiega maneggia diversi oggetti, immerge in acqua un accendino e mostra come è facile e veloce farlo funzionare di nuovo, consiglia le tipologie di equipaggiamento che preferisce ed il perchè, e affronta quelle che sono le priorità da considerare in una situazione di emergenza.


11a.jpg




I corsi della Pathfinder school si basano sul sistema E.D.I., Education, Demostration, Imitation; semplicemente l’istruttore spiega come una cosa va fatta, in seguito mostra ai partecipanti una dimostrazione pratica, ed infine I partecipanti devono svolgere la prova, che può essere semplice e veloce come fare un nodo da utilizzare in seguito, oppure un pò più laboriosa come raccogliere esca e legna, accendere un fuoco per far bollire un litro d’acqua entro un certo limite di tempo.

12a.jpg


Prova riuscita, spunta. Prova fallita o giudicata insufficiente, niente spunta.

Bisogna superare un tot di prove per completare con successo il corso, tutti riceveranno l’attestato di partecipazione, mentre la patch l’avrà solo chi è riuscito a superare con successo il corso.

Joe tiene una lezione sul corretto utilizzo del coltello.

13.jpg




Anche Dave da il suo contributo.

14.jpg


Dave mentre parla di strumenti per le accensioni del fuoco.

15.jpg




Visto che non tutti comprendono l’inglese, Luciano traduce tutto ciò che viene detto.

15a.jpg




Si parla ancora di equipaggiamenti, fuoco e segnalazioni, il gruppo si stringe sempre più di fronte a Dave per cercare di non farsi sfuggire nulla, e io cerco di guadagnare la prima fila.

15b.jpg


15c.jpg




Una dimostrazione di trattamento di ferita da taglio.

16.jpg


17.jpg




Dave utilizza del gorilla tape e del bankline per creare “una seconda pelle” adiacente alla ferita, sfrutterà il bankline come fossero I lembi della ferita, cucirà ed avvicinerà questi ultimi così da evitare molti problemi, come il ferire ulteriormente la persona cercando di cucire la pelle, evitare il più possibile di toccare e contaminare la ferita, tentare di suturare la ferita senza averne le competenze adeguate rischiando di peggiorare la situazione, ed infine imparare a sfruttare due oggetti comuni che consiglia di portare sempre con noi anzichè utilizzare un più improbabile kit da sutura ospedaliero.

18.jpg




E’ importante evitare che I lembi di tape si sovrappongano per scongiurare un effetto turniquette.


19.jpg




Dave finisce di cucire il tutto e questo è il risultato.

20.jpg


21.jpg




Si prosegue con la teoria e alcune semplici prove pratiche.



Si affronta un pò più a fondo il tema fuoco, partendo come di consueto dalle solite basi.


22.jpg


23.jpg




Mi distraggo vicino ad un totem pubblicitario della morakniv, ed improvvisamente si parte bruscamente verso il bosco per qualche prova di accensione.


24.jpg




Entro un tempo che non ricordo (non molto comunque), bisogna andare alla fonte a prelevare un litro d’acqua, raccogliere esca per accendere il fuoco, legna, fatwood, e punkwood (legno marcio).



Cerco di sbrigarmi in fretta così da gestire il fuoco con più calma, ma quando arrivo ci sono già altri partecipanti in attesa, bisognerà attendere tutti così da iniziare le accensioni contemporaneamente, dato che anche quelle saranno a tempo.



Prima accensione con fatwood, erba secca e legna, al via si potrà mettere mano agli acciarini ed in un tempo, mi pare di 7 minuti, bisognerà far bollire un litro d’acqua.

La regola di Dave in merito alla bollitura è: BIG BUBBLE, NO TROUBLE. Grandi bolle, non acqua mossa.



25.jpg


26.jpg


Tutto attorno c'è un bel movimento, qualcuno lavora in modo frenetico, personalmente da un lato sono molto tranquillo, cerco di viverla serenamente e con la consapevolezza che la prova è semplice, ma da un altro lato non nascondo che, semmai dovessi commettere un errore stupido che mi porterebbe a fallire la prova, non me lo perdonerei.:help:

27.jpg




Va tutto bene e senza problemi.

Dopodichè bisogna ravvivare ciò che resta del fuoco precedente e mettere a cuocere del cotone e il punkwood preso nel bosco.


28.jpg


29.jpg


30.jpg


31.jpg




Joe Price vaga fra I partecipanti per dare consigli o, senza farsi vedere da Dave, una mano a chi ne ha bisogno.

32.jpg




Si prosegue con altre lezioni e relativi esercizi.



Durante una pausa, se così si può chiamare, Dave ci porta nel bosco per mostrarci come si è sistemato.

33.jpg


33a.jpg




Ci spiega perchè ha scelto quella tipologia di bivacco, l’equipaggiamento utilizzato, le peculiarità di di quella configurazione e così via..



Durante I tre giorni ho scattato qualche foto per comparare le varie configurazioni adottate dai partecipanti in merito agli oggetti portati alla cintura, mi piace vedere come le persone adottato soluzioni molto diverse fra loro, si va da pochi oggetti essenziali fino a tasche più o meno grandi contenenti kit molto completi, da singoli coltelli compatti fino a combo di grossi coltelli affiancati da coltelli più piccoli e così via..



Andrea, un istruttore della Cimone Outdoor (coltello: sembra un Hultafors)

34.jpg




Un istruttore FISSS (Frank Adventure su Instagram) (coltello: Wander Tactical Uro)

35.jpg




Alex Wander, titolare di wanderer tactical (primitive wanderer su instagram) (coltelli: WT Smilodon e credo WT Scrambler)


36.jpg




Marco con il suo gigantesco Wanderer Tactical Godfather (non ricordo cosa fosse l'altro)

37.jpg




Qui abbiamo di tutto un pò

38.jpg




Andrea Papini, titolare di prometheus bushcraft equipment (coltello, mi pare un puukko custom)

39.jpg




Infine il sottoscritto (Jeff White Bush Knife)

40.jpg




La due sere sono state scandite dalla convivialità e chiacchiere attorno ai bracieri, l'acqua andava bollita ma fortunatamente sono saltate fuori anche un pò di bottiglie di vino) :wub:

41.jpg




Luciano ha un background militare, e le piccole infrazioni si pagano a piegamenti sulle braccia.

42.jpg




La mattina del secondo giorno si affronta il tema del rifugio.

43.jpg




I’argomento viene affrontato in maniera approfondita per far fronte a svariate esigenze, anche se ho già messo le foto, credo sia stato in questo contesto che Dave ci ha mostrato il suo rifugio.

Dave da una dimostrazione pratica di un fissaggio di un tarp per creare un riparo di emergenza; lega il paracord ad un albero sfruttando un gassa d’amante e un picchetto precedentemente costruito, tende il cavo e lo fissa nel’altro albero legandolo con un nodo camionista facendo passare per due volte il cordino nel’asola così da poterlo tensionare meglio senza che si allenti, blocca lo spago e sfrutta due asole fatte con un doppio prusik che sono scorrevoli sul cavo principale ma bloccanti quando sono in tensione, su queste inserirà le due estremità del tarp, poi fisserà a terra le altre due estremità in modo da completare il veloce riparo di emergenza, tempo totale dal via, 1 minuto e 31 secondi.
qui i video. (diviso in due parti)

http://instagr.am/p/B3UXetuIsoA/


Nulla di eclatante, parliamo sempre di un corso basico, ma è stato molto bello e stimolante vederlo al’opera.

Anche noi siamo tenuti ad imitare la tecnica se vogliamo la spunta.

44.jpg




Si passa ora a nozioni di Orientering.

45.jpg




Dopo un pò di nozioni di base si passa all’azione.

Questo esercizio di navigazione terrestre verrà fatto a coppie, si parte scaglionati ogni dieci minuti, guardate la tabella qui sotto.


46.jpg




I gradi sono gli azimuth da seguire, gli altri numeri sono I passi che separano I vari check point, altro non è che un percorso prestabilito che si snoda nel bosco, bisogna calcolare la giusta rotta e trovare l’albero con legato un pezzo di paracord che riporta un codice da annotare.

Vi garantisco che, anche se il totale del percorso era di circa 700 metri, non è stata una passeggiata muoversi e trovare un pezzo di paracord al’interno di un bosco composto da sali scendi, zone di rovi e arbusti inaccessibili, e punti che andavano per forza aggirati, il tutto ovviamente entro un tempo prestabilito.
Io prendevo la rotta da ogni check point mentre Marco, il mio compagno, si muoveva rapidamente verso il prossimo obbiettivo, non appena stava per sparire alla mia vista si fermava, lo raggiungevo, e si proseguiva di nuovo muovendosi a molla.



Tutto ok.



Mentre si attendono gli ultimi partecipanti ci sono altre veloci nozioni da ascoltare; qui Luciano mostra la corretta tecnica di segnalazione terra/aria sfruttando uno specchio (in questo caso, quello presente nella bussola)

48.jpg




Dave, per I tre giorni del corso, non ha usato altro che un Mora companion.

49.jpg




C’è un pò di tempo per riprendere fiato, mi libero di un pò di cose, notare il “mezzo d’assalto” di Renzo.

50.jpg






Ma le prove di orientamento non sono finite.

51.jpg




Questo sistema di mappatura e navigazione si chiama P.A.U.L. (positive azimuth uniform layout).


Sfruttando il punto di partenza numero zero, assieme al nostro compagno saremo tenuti a mappare tutta l’area relativa ai punti sfruttati per l’esercizio precedente, se prima I vari check point si susseguivano uguali per tutti, creando un grande anello, ora vengono distribuiti in maniera sparsa, diversa per ognuno, I codici da annotare sono ovviamente cambiati.

Bisogna calcolare l’azimuth e la distanza esatta da ogni punto mappando, di fatto, tutta l’area relativa ai check point, poi si annota la nuova rotta assegnata e si calcolano I nuovi azimuth e distanze da percorrere.

52.jpg




Io e Marco abbiamo sfruttato un legnetto lungo e dritto su cui abbiamo segnato I cm sfruttando quelli posti nella bussola, abbiamo mappato la nostra area a terra con legnetti e paracord.

Durante questo esercizio siamo tenuti anche a riempire le nostre borracce alla fonte, che a quanto pare ospita anche altri partecipanti.

53.jpg




In più bisognava procurarsi esche e legna per accendere un fuoco e far bollire 2 litri d’acqua, e contemporaneamente piazzare un riparo d’emergenza come quello mostrato da Dave precedentemente.



Tutto è andato liscio, navigazione, acqua, riparo, fuoco...tutto tranne la bollitura.

Purtroppo durante l’accensione del fuoco il mio compagno, cercando di aiutarmi, ha rovesciato la sua borraccia facendo fuoriuscire quasi la metà dell’acqua. Abbiamo deciso di proseguire, anche perchè non avevamo alternative ed il fuoco era già partito.

Ma ovviamente i litri da far bollire dovevano essere due, per cui prova fallita.



Un pò di relax con Joe mentre attendo che tutti finiscano.


54.jpg




La giornata corre via con le ultime lezioni.


55.jpg


56.jpg


57.jpg


Il bivacco old style di Renzo.

58.jpg




La mattina precedente, a sorpresa, Dave decide di far ripetere la prova del giorno prima a chi l’ha fallita, vuoi per errori nel riparo, fuoco, o altro.

Credo di aver visto 4 o 5 coppie, compresi noi, a ripetere la prova.

Questa volta prestiamo molta attenzione a posizionare saldamente le borracce e, come ieri, mentre Marco si dedica a tendere corda e fissare il tarp per il rifugio, io mi dedico all’accensione del fuoco.

59.jpg




Vi garantisco che anche l’operazione più semplice acquisisce maggior difficoltà se viene eseguita proprio sotto gli occhi di quello che consideriamo il nostro “mentore virtuale”.

60.jpg




Dave mi fa notare che è tutto ok ed è inutile che resti a guardare il fuoco, in effetti ha ragione, mi sento un pò stupido e corro subito a dare una mano al mio compagno. :azz::lol:

61.jpg




Ma, a parte la cura nel sistemare le borracce, oggi ho anche abbondato con esca e legname, e dopo 3 minuti e 40 secondi la prova è terminata, I due litri di acqua stanno bollendo ed il rifugio è ben teso, ed è pure un ottimo tempo. :)

62.jpg




Quando le fiamme nel mio fuoco iniziano a calare, Dave toglie le due borracce con un ramo, e poco dopo mi accorgo che la mia borraccia sta letteralmente sputando fumo, tanto! La temperatura era parecchio alta e nelle varie prove di questi giorni, fra bolliture e cotture di cotone e punkwood, le borracce ne hanno passato di tutti I colori, nella foto sotto la mia borraccia a 5 minuti dalla prova, si nota ancora un pò di fumo uscire.


63.jpg




Nella chat whatsapp, prima del corso, Luciano e Renzo si preoccupavano che certi oggetti essenziali fra l’equipaggiamento necessario fossero realmente di buona fattura ed adeguati alle prove, come coltello, bussola, e, appunto, borraccia.

Esagerati? Non credo, 2 o forse 3 borracce (non ricordo), si sono dimostrate inadeguate.

A questa borraccia si è fusa la filettatura.

64.jpg



E avanti con nuove lezioni e prove.

65.jpg




Il terzo giorno abbiamo seguito anche una lezione di tracking con Kyt Walken, istruttrice principalmente di mantracking formata negli states alla hulls tracking school.

66.jpg


67.jpg




Introduzione, concetti di base, esempi teorici e pratici, e veloci esercizi.



68.jpg


69.jpg


69a.jpg



Mentre noi seguiamo la lezione, Joe Price è nel bosco a procurarsi un set con cui farà una dimostrazione di fuoco con archetto.


70.jpg


71.jpg


72.jpg




Chi ha già provato a procurarsi I materiali direttamente sul posto per una accensione per frizione saprà che non è affatto facile e molti fattori possono giocare a sfavore; ci sono voluti 4 o 5 tentativi…

73.jpg


74.jpg




Dopo aver prodotto la prima piccola brace si è levato un piccolo boato, subito smorzato quando, dopo pochi secondi, la brace si è spenta dentro al nido esca.



Ma sono bastati un paio di consigli di Dave per migliorare la situazione.

75.jpg


76.jpg


77.jpg


77a.jpg




Ecco finalmente una bella brace.

78.jpg




Ed il fuoco.

79.jpg



Poche altre nozioni ed il corso giunge al termine.

80.jpg


81.jpg


82.jpg



Nel ritorno a casa facciamo tappa nel paese di Riolunato dove in comune ci accoglie il Sindaco.


83.jpg


84.jpg




Sabato sono venuti al campo anche due giornalisti, l’articolo è uscito su un paio di quotidiani locali.


85.jpg



Cosa mi porto a casa di bello e positivo da questo corso?
Onestamente non posso dire di aver imparato tante tecniche nuove o visto cose eclatanti, e mi sarei stupito del contrario dato che questo era un corso basico, ma comunque ho fatto un pò di cose in maniera differente dal solito.
Ho però visto come un professionista fa cose semplici, i suoi sistemi, consigli, metodi; ho potuto constatare i metodi e sistemi di una scuola americana considerata al top; ho visto come tanti altri appassionati come me agiscono, ho avuto modo di scambiare molte chiacchiere e confrontarmi su tecniche, equipaggiamenti ed esperienze varie, ma più di tutto ho conosciuto persone.
Ho conosciuto dei ragazzi con le mie stesse passioni ed interessi, persone con la quale mi sono trovato davvero bene, ho fatto tempo fa un escursione di 2 giorni con uno di loro, e tanti altri li ho rivisti in una sorta di uscita/reunion qualche tempo fa, anche se diversi non li ho più rivisti sono comunque rimasto in contatto con parecchi di loro.
Col senno di poi lo rifarei?
Assolutamente si.
A presto.
Gabri
;)




86.jpg
 
Ultima modifica:
Grazie a tutti!
:)


E la pubblicità che fa al Garberg? :poke:
Giusto, ma appunto credo che Dave sia una sorta di ambasciatore Morakniv, o comunque è sponsorizzato. In merito al Garberg era chiaramente testimonial, credo che poi la collaborazione sia proseguita.
In effetti per questo corso sarebbe bastato anche un victorinox, il coltello è stato utilizzato ma non troppo e mai in modo stressante, mentre la borraccia è forse l'oggetto più utilizzato e abusato.
Invece Al corso successivo, il Pioneer, il coltello e l'accetta vengono utilizzati parecchio.
 
Bel reportage Gabri, grazie!
A proposito di Canterbury, mesi fa si parlava dell'imminente uscita di un suo libro tradotto in italiano poi il vuoto, puoi dirci qualcosa in proposito?
 
Ho letto con attenzione, poi ho pensato, a tante cose...e anche il commento sull'abuso della borraccia: è un'esperienza, plasmata su un personaggio, magari l'ha chiesto lui di inserire questa "prova", magari no, andava presa così e @GreenGabri è stato bravo ad evitare commenti, solo cronaca, ed è stato bravo a partecipare senza obiettare.
Nella sostanza sono d'accordo con @Wombat, siccome alla fine non era una vera e propria situazione di survival (basti pensare che i pax avevano la lista del materiale necessario...), se avessi dovuto organizzarlo io avrei inserito il gavettino di metallo, e per il charcloth andava anche bene la scatola metallica del kit.
Ma sono "nostre" interpretazioni, lasciano il tempo che trovano. Evidentemente in un certo tipo di didattica del bushcraft questo uso della borraccia ha un suo perché. L'arte è bella perché ciascuno di noi può esprimersi come meglio crede.
Mi piace anche l'idea delle tre fasi in questo tipo di esperienza e siamo tutti d'accordo che con personaghi del genere non basterebbe un mese...
 
Bel reportage Gabri, grazie!
A proposito di Canterbury, mesi fa si parlava dell'imminente uscita di un suo libro tradotto in italiano poi il vuoto, puoi dirci qualcosa in proposito?
Tutto ancora tace, purtroppo. Il libro è già stato tradotto mesi fa ma al momento ancora non hanno trovato una casa editrice valida. Ad avere scarse aspettative lo si potrebbe avere già fatto stampare diverso tempo fa, ma credo si voglia attendere per cercare di portare Bushcraft 101 su scaffali importanti come Feltrinelli o Mondadori (mio personale pensiero), come al solito noi italiani arriviamo sempre per ultimi, Bushcraft 101 è un best seller del new york times ed è stato tradotto in moltissime lingue, spero lo potremmo vedere presto in italiano.

bella esperienza :)

consigli per una borraccia che non fonda? :D
La nalgene Inox è, secondo me, un ottima borraccia, robusta e resistente, e costa molto molto meno dei set pathfinder, poco più di 20 euro.


Sinceramente mi sfugge questa ossessione per far bollire 1 litro d'acqua, e nella borraccia...

Io la borraccia la uso solo come contenitore; per bollire, cucinare, fare il tè ecc. uso stoviglie...
Giusta osservazione, ma credo che l'unica ossessione sia quella di Dave di ottimizzare il materiale portato per renderlo più dinamico e funzionale possibile, con scelte (anche di qualità) che ne consentono svariati usi, si può assolutamente essere di idea diversa, ma se ad un corso del genere ci facevano portare tutto il materiale più idoneo possibile che senso avrebbe avuto?borraccia, pentolame, stoviglie varie, pastiglie potabilizzanti o filtro, e poi allora anche cotone/vaselina e accendino anzichè esche trovate in loco e firesteel, non so, credo che a parte un certo approccio assolutamente opinabile sia anche da tener conto del contesto, un corso di sopravvivenza appunto.:)

Parli così perché non sei mai andato a fare un vero corso di sopravvivenza! :biggrin: :biggrin: ;)
Una domanda a Gabriele, ma poi vi hanno dato dei punteggi come in Nudi e crudi?
Ovvio! ;) tutti nudi con foto del prima e del dopo corso con punteggio aggiornato! :D

Ho letto con attenzione, poi ho pensato, a tante cose...e anche il commento sull'abuso della borraccia: è un'esperienza, plasmata su un personaggio, magari l'ha chiesto lui di inserire questa "prova", magari no, andava presa così e @GreenGabri è stato bravo ad evitare commenti, solo cronaca, ed è stato bravo a partecipare senza obiettare.
Nella sostanza sono d'accordo con @Wombat, siccome alla fine non era una vera e propria situazione di survival (basti pensare che i pax avevano la lista del materiale necessario...), se avessi dovuto organizzarlo io avrei inserito il gavettino di metallo, e per il charcloth andava anche bene la scatola metallica del kit.
Ma sono "nostre" interpretazioni, lasciano il tempo che trovano. Evidentemente in un certo tipo di didattica del bushcraft questo uso della borraccia ha un suo perché. L'arte è bella perché ciascuno di noi può esprimersi come meglio crede.
Mi piace anche l'idea delle tre fasi in questo tipo di esperienza e siamo tutti d'accordo che con personaghi del genere non basterebbe un mese...
Vero, non era, ovviamente, una situazione di sopravvivenza, ma è logico che ad un corso di sopravvivenza si tenda a simulare certe situazioni, con scelte di equipaggiamento e tecniche.

Ho scordato forsedi menzionarlo, ma il gavettino lo avevo (lo avevamo in molti ed era, credo, consigliato) ho utilizzato quello come coperchio per cuocere il cotone ed il punkwood. :si:
 

Contenuti correlati

Alto Basso