Escursione Resoconto Attacco alla Vetta di Capo Zafferano

### Guida all'uso di questa sezione del forum. Cancella questo testo prima di inviare la nuova discussione ###
1) Seleziona il prefisso adeguato alla discussione che vuoi iniziare:
  • Informazione: per chiedere informazioni o inviare segnalazioni su luoghi ed itinerari
  • Proposta: per proporre escursioni ed eventi
  • Tutti gli altri prefissi: per raccontare l'attività che hai praticato
2) Utilizza la struttura sottostante (Dati e Descrizione) se vuoi raccontare o proporre una escursione di qualsiasi disciplina specificando il maggior numero di dati che conosci ed eliminando le voci che non conosci.
3) Seleziona un parco se la discussione è inerente al territorio di un parco tra quelli riportati nella lista sottostante.

### Fine della guida all'uso di questa sezione del forum. Cancella questo testo prima di inviare la nuova discussione ###


Dati


Data: 16/02/2024
Regione e provincia:Sicilia, Palermo, Bagheria
Località di partenza:Tre Piscine a Mongerbino
Località di arrivo:Vetta di Capo Zafferano
Tempo di percorrenza: 2 ore
Chilometri: 3 km
Grado di difficoltà: Medio/Difficile, EE
Descrizione delle difficoltà: Terreno con pietrisco sdruccioloso, rocce con uso delle mani
Periodo consigliato: Inverno, primavera
Segnaletica:Bollini rossi
Dislivello in salita: 226 m
Dislivello in discesa: 226 m
Quota massima: 226 m
Accesso stradale: tre piscine a mongerbino
Traccia GPS: [puoi caricare la tua traccia GPS nella Mappa Escursioni ed inserire il link permanente al posto di questo testo]


Descrizione

Siamo partiti alle 10.00, armati di determinazione e voglia di avventura, pronti ad affrontare il sentiero che ci avrebbe condotti alla vetta di Capo Zafferano. In due sole ore di cammino, abbiamo affrontato una sfida stimolante attraverso un terreno accidentato e impegnativo, caratterizzato da pietrisco e rocce lungo un sentiero di difficoltà E e in alcuni tratti EE.

Il percorso ha richiesto un mix di abilità fisiche e mentali: abbiamo dovuto destreggiarci tra le scoscese superfici rocciose. Il terreno instabile ci ha costretto a mantenere un costante stato di attenzione, ma anche ad apprezzare la bellezza selvaggia e incontaminata che ci circondava.

Lo sforzo profuso è stato ampiamente ricompensato dalla vista mozzafiato che si è aperta di fronte a noi: il mare scintillante all'orizzonte, le maestose montagne che si stagliavano contro il cielo azzurro e il senso di libertà che pervadeva ogni fibra del nostro essere.

Ci siamo seduti sulla vetta, stanchini ma felici, ammirando il panorama e godendo della sensazione di conquista. Questo trekking, con le sue piccole sfide, ha comunque dato le sue gratificazioni.

Sconsigliato a chi ha problemi con le altezze!
 
Eccole ;)
 

Allegati

  • 2024-02-16 11.20.38.jpg
    2024-02-16 11.20.38.jpg
    313,3 KB · Visite: 34
  • 2024-02-16 11.25.20.jpg
    2024-02-16 11.25.20.jpg
    171,3 KB · Visite: 30
  • 2024-02-16 11.17.53.jpg
    2024-02-16 11.17.53.jpg
    213,3 KB · Visite: 29
  • 2024-02-16 11.20.32.jpg
    2024-02-16 11.20.32.jpg
    349,7 KB · Visite: 30
Alto Basso