Resoconto Raduno Autunnale Ti-Woodvivor 2018

#1
RESOCONTO DEL RADUNO AUTUNNALE 2018
Ti-Woodvivor


Per vari motivi, che non vado a ripetere per questioni di "privacy" e "ordine", il tutto ha preso una piega particolare, fin dall'inizio. Riducendo la durata dell'uscita.
Ci tengo a precisare che tale imprevisto non riguarda in alcun modo me o qualcosa che dipendeva da me.

Sono arrivato in zona verso la 01 di notte, in pratica lunedì mattina molto, molto presto.
La fortuna ha voluto regalarmi solo una leggera pioggia, che onestamente non ha guastano e rispetto alle previsioni molto più severe, é andata benone.
Mi sono recato subito alla ricerca di una zona adatta a passare la notte, trovando uno spazio sufficientemente ampio per sistemare il telo e l'amaca.
Gli arbusti d'Ontano, vicino ai corsi d'acqua sono micidiali, vicini, vicini e rigogliosi ;)

Dopo aver piazzato il tutto mi sono gustano, nonostante l'ora, un bel panino semplice, semplice e mi sono coricato a risposare.
È la prima volta che utilizzavo l'amaca minimale della Mil-Tec, quella in semplice retina e devo dire che nonostante fosse comoda per dormire... l'ho trovata un pelo scomoda da utilizzare. Nel senso che tende a chiudersi e comunque una volta dentro, ci si sente un pelo come un salame in rete.
Che io l'abbia montata male??

Trascorro la notte facendo di tanto, in tanto, la spola tra il campo e il parcheggio io cui avrei dovuto incontrare Joker.
Al mattino, tra le 7 e le 8, lasso di tempo in cui ci eravamo dati appuntamento, continuo a battere il parcheggio. Ma il mio compagno d'avventura, non arriverà mai.

Passo ancora parte della mattina al campo, sistemando il materiale sotto ad una pioggia più battente, mangiucchiando e raccogliendo alcuni frutti di Rosa Canina... ottimi ;)

Decido quindi di tornare a casa utilizzando il "bus", a 5 minuti dall'arrivo del mezzo pubblico, Joker mi incrocia alla fermata, mentre scendeva in auto dalla valle. Dopo aver superato la sua avventura notturna/mattutina.
Il quale mi dà gentilmente un passaggio fino alla zona in cui abito.

Seppur brevissima e veramente semplicissima come uscita, con pernotto, é stata un'uscita in natura piacevole. Come lo é sempre in quegli ambienti.


ALCUNE SEMPLICI FOTO... E UN BREVISSIMO VIDEO ;) Nulla di ché ;)

La zona scelta per "dormicchiare" appeso come un salame ;)
P1020507.JPG

I nodi e l'ancoraggio per tendere bene il telo, ogni movimento era una tempesta ;)
P1020508.JPG

La vista dalla "suite", sul fiume Maggia ;)
P1020512 - Copia.JPG

In lontananza la cascata del Soladino, raramente é così forte e nonostante non si veda é doppia (forse aggiungo poi una foto di un altro periodo)
P1020512.JPG

La foto per le persone di poca fede (AHAH, SCHERZO)
P1020513.JPG


P1020514.JPG
P1020520.JPG
P1020522.JPG
Rad. Aut. 2018.JPG




La foto di un altro periodo con quella fantastica cascata:

Soladino.JPG
 

Ultima modifica:
#2
In ogni caso c'é da dire che sono straordinari i cambiamenti repentini che possono esserci tra una settimana e l'altra. Una decina di giorni fà eravamo a qualche centimetro dal minimo, limite storico del Lago Maggiore... adesso ha esondato e mancano pochi centimetri per essere ad un livello critico, ahah
sfondo (2).JPG

 

Discussioni simili

Contenuti correlati

Alto