Raduno Resoconto raduno Invernale Ti-Woodvivor, sconvolto

TRENTINO ALTO ADIGE
In questa regione vige il divieto di campeggio in tende o in mezzi mobili di soggiorno al di fuori delle strutture ricettive all’aperto e degli spazi aperti destinati a ospitare i turisti. Vi sono, tuttavia, delle deroghe ed in particolare, è ammesso il campeggio libero nei seguenti casi:
1) laddove si tratti di insediamenti singoli occasionali, per un periodo non eccedente le ventiquattro ore, in zone dove non esistono espliciti divieti da parte delle competenti autorità;
2) nel caso di insediamenti destinati ad ospitalità occasionale e gratuita concessa dal proprietario o dal possessore dell’area posta in stretta vicinanza alla sua casa di abitazione, con i limiti e nel rispetto delle condizioni previsti dal regolamento di esecuzione.

Anche in Trentino è vietato sostare con tende, camper o roulotte, vicino ad agriturismi, alberghi e strutture ricettive che ospitano i turisti. In questa regione dell’arco alpino orientale il campeggio libero è ammesso solo in due casi: il bivacco che non supera le 24 ore (solo in zone dove non esistono espliciti divieti da parte delle competenti autorità), o nel caso di insediamenti destinati ad ospitalità occasionale e gratuita concessa dal proprietario o dal possessore dell’area posta in stretta vicinanza alla sua casa.
 
S

Speleoalp

Guest
Si.... ma io solitamente scrivo alle autorità del luogo per chiedere conferma ;)
Spesso la risposte sono inequivocabili, anche se da questi "regolamenti" potrebbe sembrare che le questioni "bivaccare-campeggiare", "fuoco" e permanenza sia consentiti seguendo semplicemente ciò che c'é scritto ;)
ahah, sai che sono diffidente, ahah


Quindi 24 H di corsa, ahah
 
Regole per il bivacco alpino (valido in qualsiasi condizione):
Il pernottamento è tollerato sopra i 2500 m di quota sotto si rischia la multa di 50 euro.

Regola generale per il bivacco normale:
In generale la regola è di montare il riparo solo dal tardo pomeriggio fino alla mattina, per il fuoco tenersi a 50 metri dal bosco. poi valuta te. :)
 
Ultima modifica:
Se e di estate potrebbe anche andare, come dicevo non sono un minimalista e mi piace avere il massimo del confort con il minimo di attrezature (20kg di zaino, per momento):woot:
Consiglio: Non potresti avere piu comfort a camminare con zaino leggero max 5kg, ci si ferma nei bivacchi dove al piano terra c'e il camino e sopra un piano in legno per dormire col proprio materiale?

P.S era una provocazione ognuno e' libero di partecipare col materiale e nello stile che vuole.
 
il problema speleoalp è che una cattiva comunicazione all'inizio genera poi una serie di malintesi, vedi ad esempio che qualcuno continua a dire che il tuo raduno è fallito, perché pensa al raduno come a un qualcosa di diverso da quello che tu fai.
e invece secondo me non solo il raduno è andato bene ma anzi ha ottenuto il suo scopo che era quello di mettersi alla prova realmente pur restando sempre in sicurezza grazie alla tua presenza.
io ad esempio nel primo post avrei esplicitato che lo scopo del raduno era mettersi alla prova realmente, testare le proprie conoscenze e la propria capacità di adattamento, una piccola sfida.
invece chi ha letto la parola raduno ha subito equivocato pensando ai classici raduni dove di fatto la maggior parte delle cose sono fatte per divertirsi, tanto per vedere ma senza che queste abbiano un impatto diretto sulla prosecuzione del raduno stesso, quindi lo scopo del raduno è diverso, ci si vuole solo divertire in gruppo, non mettersi alla prova singolarmente, e quindi è naturale agire in gruppo (e perciò ognuno fa un lavoro diverso in cui si diverte e si sente sicuro o tanto per provare) ed è naturale che se ci sono difficoltà c'è qualcuno che le risolve.
si chiamano sempre raduni ma gli scopi sono diversi, da una parte lo scopo è il gruppo, dall'altra è il singolo.
chiaro che nel secondo caso ci si mette molto più in gioco ma si impara anche molto di più perché si sbatte il naso direttamente su difficoltà che possono causare problemi alla continuazione dell'uscita... ma anche in questo caso il raduno rimane positivo, perché una volta a casa c'è qualcosa su cui riflettere per il prossimo raduno o anche uscita solitaria.
 
S

Speleoalp

Guest
Figurati, ti dò pienamente ragione e non potrei fare altro ;)

Chi continua a dire certe cose, per come la vedo io, non lo fà per una mia cattiva comunicazione,... ma per il solito motivo, si pensa che il proprio modo di vedere e fare sia l'unico esistente o giustificabile. Quindi vedendo situazioni differenti, ragionando in maniera soggettiva, si ritiene sia un fallimento. Ma non é un problema, purché si rispetti e si capisca quando poi viene detto che non é stato un fallimento per chì ha fatto quell'uscita e le loro filosofie.

Perché con "teste" differenti si "ragiona" differentemente e si vedono le cose sotto altri punti di vista. Tralasciamo però che sia bello discutere, leggere critiche e via dicendo... se fosse un problema basato su quello e a cui non si dà il beneficio del dubbio fino a spiegazioni.... anche Joker, in questo caso, dovrebbe dire più di tutti che non ha ricevuto le giuste informazioni. Che si é trovato spiazzato e via dicendo. Invece era consapevole di tutto ;) Lo ha detto chiaramente anche lui e lo si nota anche nei discorsi ;)

Però appunto non ritengo sia solo una mia colpa, parlo di colpe per intenderci...non penso lo siano. Il fatto che qualcuno dia per scontato che ogni raduno sia fatto con le medesime filosofie, di fatto é un problema di chì ragiona in quel senso. Perché anche quì, spesso vengo ripreso perché specifico fin troppo bene come intendo svolgere il raduno... poi però salta fuori che l'approccio, la filosofia, non sono ben chiari.

Onestamente ritengo che quando propongo un raduno, quello che scrivo contenga molte più informazioni di quelle che servirebbero, comprese ovviamente quelli basilari :)

Capisco quello che dici, ma per quanto riguarda tutti i raduni che ho fatto fino ad ora e altri generi d'uscita che faccio, il problema non é mai stato a causa di queste cose, che sicuramente possono avere parzialmente reali, ma nasce per altri motivi. Le persone sanno benissimo il genere d'uscita e cosa troveranno.... ovviamente prima della prima volta sono informazioni, conoscenze teoriche ;)
Solo sul campo ormai si scopre com'é realmente il tutto, ma é normale ;)

Per esempio il mio intento non é mettere alla prova, testare o cose simili.... semplicemente fare un'uscita in natura con un determinato approccio, lasciando la libertà per quanto concerne il materiale che ognuno ritiene importante per il proprio agio. Infatti il tutto é una questione puramente di "atteggiamento" - "mentale" - forse "caratteriale" ;)
 
Infatti il tutto é una questione puramente di "atteggiamento" - "mentale" - forse "caratteriale", e' qua che ci sono cascato, sottovalutare la situazione e non agire subito, sporcarsi le mani:wall:
 
S

Speleoalp

Guest
Premetto una cosa, già detta e quindi sono ripetitivo, ma sembra sia sfuggita e ci si ricasca.

Non ho lasciato Joker a se stesso, non ho ne detto ne fatto nulla di simile. Non eravamo assieme ma ognuno per conto proprio.
Non doveva arrangiarsi senza alternative.
Nonostante i consigli, gli aiuti, le proposte.... semplicemente il suo desiderio, la sua scelta é stata quella.
Il "gioco di squadra" c'era e poteva esserci, la collaborazione idem,.....

Sarebbe successo anche con qualsiasi altro organizzatore o raduno, la differenza sono le persone presenti, il numero e il genere di ragionamento. In altri contesti sarebbe probabilmente rimasto perché tra 10 persone sarebbe stato da solo a partire ;) Ma non sarebbe rimasto perché era un piacere farlo, ma per le circostanze. Ad alcuni questo può sembrare corretto, logico, ecc.

Io personalmente il rispetto per gli altri, in questi contesti, lo dò rispettando il loro desiderio. A costo di rinunciare a qualcosa, annullare o altro. Ma forse questo dipende anche dal fatto che io faccio queste uscite costantemente, tutto l'anno e quindi non la vedo come un'occasione persa che non avrò per chissà quanto ;) Per me é un piacere comunque ;)

Poi diciamo che dopo diverse uscite, lo conosco un attimino in quei contesti ;)
 
Ultima modifica di un moderatore:
ragazzi dopo aver letto 5 pagine di commenti,sinceramente non ho capito dove stà il problema ,ammesso che si voglia definire tale la differenza di approccio di varie discipline,in cui ognuno è libero di agire come più riesce meglio e per come vede la cosa ...la riunione di più persone dovrebbe essere un momento di confronto e occasione per conoscersi,senza competizione .Chi ha un animo umile non avrà problemi a imparare da chi ha più esperienza e viceversa non farà pesare incompetenza agli altri.e quando si torna sarà sempre un piacevole ricordo se non ci sono stati incidenti.fine della storia
 
il problema è che c'è gente che vede i raduni in maniera diversa e si aspetta altro.
da queste differenze nascono le critiche o comunque le incomprensioni.
 
S

Speleoalp

Guest
Il problema é semplice ;)
Anzi non é un problema, non sono incomprensioni.... ma tutt'altro.

Come spiegavo in precedenza, tutto parte da come le persone si espongono, teorizzano e si atteggiano durante tutte le fasi organizzative, o semplicemente negli altri interventi (in questo caso, ovviamente, sul forum e le varie discussioni). Secondo me il "predicare tanto e bene e razzolare male" non é questione di approcci, modi di vedere o altro... ma resta sempre e comunque una cosa sbagliata e in certi contesti diventa da maleducati, menefreghisti. Poi a qualcuno può sembrare corretto, normale.... Questo é proprio uno di quei casi in cui la mia ignoranza nello scrivere si fà sentire molto, mi fà passare a me come cattivo, ecc.... Quindi per farmi capire, l'unica sarebbe dire "provare per capire". Calcolando che in 34 anni sono riuscito a capire, soprattutto grazie agli altri, che ho un grado di pazienza, altruismo, collaborazione, disponibilità molto elevato... spesso molto più di tanti altri. Quindi onestamente, da parte mia mi sento a posto e sò che il problema non deriva da me o da quello che propongo. Poi non capisco, ma rispetto le opinioni altrui, anche se dicono che in ogni caso é giusto dover fare da balia al 99,9% ad una persona, indifferentemente dal contesto in cui questa a desiderato avventurarsi, indifferentemente da ciò che ha predicato, ecc... Che la base di qualsiasi tipo d'uscita, partecipazione, é collaborare con chi collabora con cognizione di causa, mentre servire al 99,9% altri partecipanti.

Il discorso potrebbe essere paragonato, se funziona come esempio, alla partecipazione ad un corso avanzato di fotografia.
La persona compila le varie parti inserendo informazioni che riportano delle molte esperienze personali, molte fotografie fatte in tante condizioni e situazioni... l'insegnante legge i formulari e si fà un'idea, fà un programma basato su quello e ritiene tutti idonei per quel tipo di corso. In quanto dalle parole scritte, sanno sicuramente tutte le basi e molto di più...
Poi durante il corso si scopre che certe persone, non solo non hanno esperienze.... ma non sanno nemmeno dove si trova il pulsante di accensione della propria fotocamera. Senza esagerare!! Ma restano comunque fermi sull' atteggiarsi da fotografi esperti.
Quindi i connotati del corso cambiano completamente, per tutti. Voglio vedere se gli altri direbbero: "...e ma ha un approccio differente, vedeva quel corso diversamente, é l'insegnante che é altezzoso, maleducato, ecc..." oppure "...ha snobbato le proprie conoscenze, predica tanto e basta, se ne frega del tipo d'attività, chiarissima, se ne fotte degli altri..." é via....

Ma in ogni caso, ho letto anche su questo forum, dettagli informativi per la partecipazione ad attività, che chiaramente si basano su un certo tipo di situazione vissuta, genere di partecipanti, etc... che riguardano dinamiche molto simili. Poi, probabilmente, a qualcuno dà fastidio questo "sputtanare" direttamente e chiaramente dei modi di fare discutibili.... Ma d'altra parte, se tutto si muove in via privata, me la sbrigo lì. Se certi atteggiamenti "falsi" vengono fatti pubblicamente, continuo lo stesso gioco. Inoltre.... da adulto, non mi preoccuperei se cose del genere, su un forum del genere, fossero private o pubbliche... non devo nascondere nulla ;)

Perché come si dice:
1. ok, va bene...
2 ok, ci stà...
3 Ehm....
4 Ma ci sei o ci fai?
5 Mi prendi per il c...?

Ricordandosi che non é questione di una o due volte,....

Perché.... "LEGGERE - RAGIONARE - VALUTAZIONE DI SE STESSI - DECIDERE", ma questo in base al genere di uscita, attività... con onestà, rispetto, maturità.


:D:si::):p
 
Ultima modifica di un moderatore:

Discussioni simili

S
Risposte
53
Visite
4K
Speleoalp
S
U
Risposte
4
Visite
1K
Utente 24852
U
W
Risposte
19
Visite
3K
Utente 24852
U
W
Risposte
14
Visite
2K
Woodvivor
W
Coordinatometro di Avventurosamente
Alto Basso